Finale della Coppa delle Coppe 1989-1990

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa delle Coppe 1989-1990.

Finale della Coppa delle Coppe 1989-1990
UC Sampdoria - Coppa Coppe 1989-90 - Pietro Vierchowod.jpg
Il doriano Vierchowod con il trofeo
Informazioni generali
SportFootball pictogram.svg Calcio
CompetizioneCoppa delle Coppe 1989-1990
Data9 maggio 1990
ImpiantoUllevi
Spettatori20 103
Dettagli dell'incontro
Sampdoria Anderlecht
2 0
(dopo i tempi supplementari)
ArbitroSvizzera Bruno Galler
Successione
← Finale della Coppa delle Coppe 1988-1989 Finale della Coppa delle Coppe 1990-1991 →

La finale della 30ª edizione della Coppa delle Coppe UEFA è stata disputata il 9 maggio 1990 allo stadio Ullevi di Göteborg tra Sampdoria e Anderlecht. All'incontro hanno assistito circa 20 000 spettatori. La partita, arbitrata dallo svizzero Bruno Galler, ha visto la vittoria per 2-0 del club italiano ai tempi supplementari.

Il cammino verso la finaleModifica

La Sampdoria di Vujadin Boškov esordì contro i norvegesi del Brann, battendoli con un risultato aggregato di 3-0. Agli ottavi di finale i temibili tedeschi occidentali del Borussia Dortmund furono sconfitti grazie al secco 2-0 di Marassi, dopo l'1-1 del Westfalenstadion. Ai quarti i Blucerchiati affrontarono gli svizzeri del Grasshoppers battendoli sia all'andata sia al ritorno rispettivamente coi risultati di 2-0 e 2-1. In semifinale i monegaschi del Monaco furono sconfitti ancora una volta grazie al 2-0 di Genova, dopo il 2-2 del Principato.

L'Anderlecht di Aad de Mos iniziò il cammino europeo contro i nordirlandesi del Ballymena Utd, vincendo agevolmente con un risultato complessivo di 10-0. Agli ottavi i favoriti spagnoli del Barcellona, detentori del trofeo, vennero battuti 2-0 nella gara di andata in Belgio; un successo decisivo, alla luce della sofferta sconfitta per 2-1 del Camp Nou che permise comunque di passare il turno. Ai quarti di finale i Paars-wit affrontarono gli austriaci dell'Admira/Wacker, passando il turno grazie alla vittoria casalinga per 2-0 e al pareggio per 1-1 a Mödling. In semifinale i rumeni della Dinamo Bucarest furono sconfitti sia all'andata che al ritorno col risultato di 1-0.

La partitaModifica

A Göteborg va in scena la finale tra la Sampdoria, finalista uscente e giunta a Göteborg da imbattuta, e l'Anderlecht due volte vincitore negli anni 1970 e capace di eliminare i campioni in carica del Barcellona. La partita è statica e nonostante qualche disattenzione della difesa belga, i doriani non ne approfittano per passare in vantaggio. Si giunge così al 90' sullo 0-0.

Nei tempi supplementari il tecnico dei genovesi inserisce Fausto Salsano, che al 105' scocca un tiro dalla distanza che colpisce il palo e permette a Gianluca Vialli, capocannoniere del torneo, di ribattere a rete. In apertura del secondo tempo supplementare Roberto Mancini trova ancora il compagno Vialli, che batte nuovamente Filip De Wilde e fa partire la festa per i tifosi blucerchiati. Per l'Italia si tratta del quinto trofeo a distanza di sei anni dal precedente trionfo.

TabellinoModifica

Göteborg
9 maggio 1990, ore 20:15 CET
Sampdoria2 – 0
(d.t.s.)
referto
AnderlechtUllevi (20 103 spett.)
Arbitro:   Bruno Galler

Sampdoria
Anderlecht
Sampdoria:
P 1   Gianluca Pagliuca
D 2   Moreno Mannini   38’
D 3   Amedeo Carboni   36’
C 4   Fausto Pari
D 5   Pietro Vierchowod
D 6   Luca Pellegrini  
C 7   Giovanni Invernizzi   53’
C 8   Srečko Katanec   93’
A 9   Gianluca Vialli
A 10   Roberto Mancini
C 11   Giuseppe Dossena
Sostituzioni:
C 14   Attilio Lombardo   53’
C 15   Fausto Salsano   93’
Allenatore:
  Vujadin Boškov
Anderlecht:
P 1   Filip De Wilde
D 2   Georges Grün  
D 3   Guy Marchoul
D 4   Stephen Keshi   29’
D 5   Wim Kooiman
C 6   Charly Musonda
C 7   Patrick Vervoort
C 8   Arnór Guðjohnsen
A 9   Marc Degryse   103’
C 10   Milan Janković   112’
A 11   Marc Van Der Linden
Sostituzioni:
A 14   Luc Nilis   103’
A 15   Luís Oliveira   112’
Allenatore:
  Aad de Mos

NoteModifica


Voci correlateModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio