Apri il menu principale
Francesco Viganò
Oath of Viganò 1.jpg
Il giudice Viganò (a sinistra) il giorno del giuramento.

Giudice della Corte costituzionale della Repubblica italiana
In carica
Inizio mandato 8 marzo 2018
Tipo nomina Nomina da parte del Presidente della Repubblica

Dati generali
Università Università degli Studi di Milano
Professione Professore ordinario

Francesco Viganò (Milano, 1º marzo 1966) è un giurista italiano, giudice della Corte costituzionale dall'8 marzo 2018[1].

Indice

BiografiaModifica

Nato a Milano nel 1966[2] e cresciuto a Nesso, in provincia di Como,[3], Francesco Viganò si è laureato nel 1989 all'Università degli Studi di Milano, e, dopo aver soggiornato presso l'Università di Monaco di Baviera (1991-1993), nel 1998 ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università di Pavia.

Ricercatore dal 1995 presso l'Università degli Studi di Brescia, nel 2001 è divenuto professore associato presso la stessa università insegnando diritto penale comparato.

Dal 2004 al 2016 ha insegnato diritto penale progredito ed European Criminal Law presso l'Università degli Studi di Milano.

Da novembre 2016 insegna diritto penale e diritto penale transnazionale presso l'Università Commerciale Luigi Bocconi.

È fondatore e direttore delle riviste Diritto penale contemporaneo online e Diritto penale contemporaneo - Rivista trimestrale.

Il 24 febbraio 2018 è stato nominato giudice della Corte costituzionale dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in sostituzione di Paolo Grossi.[3]

OpereModifica

  • Stato di necessità e conflitti di doveri, Milano, Giuffrè, 2000, ISBN 88-14-08381-9.
  • La tutela penale della libertà individuale, Milano, Giuffrè, 2002.

NoteModifica

  1. ^ GIURAMENTO DEL GIUDICE FRANCESCO VIGANO’
  2. ^ Viganò, Francesco <1966- >, Servizio Bibliotecario Nazionale. URL consultato il 28 febbraio 2018.
  3. ^ a b Anna Campaniello, Corte Costituzionale, nominato il comasco Francesco Viganò, Espansione TV, 27 febbraio 2018. URL consultato il 28 febbraio 2018.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN48653131 · ISNI (EN0000 0000 4930 4217 · SBN IT\ICCU\CFIV\188412 · LCCN (ENn2006040308