Franco Lovignana

vescovo cattolico italiano
Franco Lovignana
vescovo della Chiesa cattolica
Mgr Franco Lovignana in 2011.jpg
Coat of arms of Franco Lovignana.svg
Non turbetur cor vestrum
 
TitoloAosta
Incarichi attuali
 
Nato22 novembre 1957 (62 anni) ad Aosta
Ordinato presbitero21 giugno 1981 dal vescovo Ovidio Lari
Nominato vescovo9 novembre 2011 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo18 dicembre 2011 dall'arcivescovo Cesare Nosiglia
 

Franco Lovignana (Aosta, 22 novembre 1957) è un vescovo cattolico italiano, dal 9 novembre 2011 vescovo di Aosta.

BiografiaModifica

Nasce ad Aosta, città capoluogo di regione e sede vescovile, il 22 novembre 1957.

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Dopo aver frequentato le scuole elementari nel villaggio di Chabodey, nel comune di La Salle, e le scuole medie a Morgex, entra in seminario ad Aosta nel 1971. Frequenta dapprima il liceo classico cittadino e poi i cinque anni del ciclo istituzionale di teologia.

Il 21 giugno 1981 è ordinato presbitero dal vescovo Ovidio Lari per la diocesi di Aosta.

È inviato a Roma a perfezionare gli studi. Nel 1983 consegue la licenza in sacra teologia, con indirizzo dogmatico, presso la Pontificia università "San Tommaso d'Aquino".

Dall'ottobre 1984 al 2005 è docente di teologia presso il seminario. Dal 1984 al 1995 è parroco di Rhêmes-Notre-Dame e dal 1994 al 1995 parroco in solidum di Introd e Rhêmes-Saint-Georges.

Dal 1987 al 1993 è anche assistente diocesano degli adulti di Azione Cattolica, consigliere spirituale del Consiglio centrale della Società San Vincenzo de' Paoli e segretario del sinodo diocesano. Dal 1995 è in seminario ad Aosta dapprima come vice rettore e poi, dal 1997, come rettore. Dall'ottobre 1995 è vicario episcopale per la pastorale e canonico dell'insigne collegiata dei Santi Pietro e Orso di Aosta e, dal 29 aprile 2003, priore della medesima.

Dal 2004 è vicario generale della diocesi di Aosta.

Ministero episcopaleModifica

Il 9 novembre 2011 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo di Aosta[1]; succede a Giuseppe Anfossi, dimessosi per raggiunti limiti di età. Riceve l'ordinazione episcopale il 18 dicembre successivo, nella cattedrale di Aosta, dall'arcivescovo Cesare Nosiglia, coconsacranti i vescovi Giuseppe Anfossi e Alberto Maria Careggio. Durante la stessa celebrazione prende possesso della diocesi.

Il 12 marzo 2012 è eletto segretario della Conferenza episcopale piemontese e presidente della Commissione presbiterale della regione ecclesiastica Piemonte e Valle d'Aosta.

Il 13 aprile 2014, domenica delle Palme e della Passione del Signore, costituisce la Cappella musicale di Sant'Anselmo della cattedrale di Aosta.

Il 2 ottobre 2015 il Consiglio episcopale permanente CEI lo nomina membro del Consiglio per gli affari giuridici della Conferenza Episcopale Italiana.

Il 14 novembre 2018 il Consiglio episcopale permanente CEI lo nomina presidente del Comitato per la valutazione dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto; succede a Stefano Russo, vescovo di Fabriano-Matelica e segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del Vescovo di Aosta (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va, 9 novembre 2011. URL consultato il 3 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica