Apri il menu principale

Gazebo (film)

film del 1959 diretto da George Marshall
Gazebo
Poster of the movie The Gazebo.jpg
Titolo originaleThe Gazebo
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1959
Durata100 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaGeorge Marshall
SoggettoAlec Coppel, Myra Coppel
SceneggiaturaAlec Coppel, George Wells
FotografiaPaul Vogel
MontaggioAdrienne Fazan
MusicheJeff Alexander, Walton Farrar, Walter Kent
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gazebo (The Gazebo) è un film del 1959 diretto da George Marshall.

TramaModifica

Elliot Nash, regista e sceneggiatore per la tv, viene ricattato dal malvivente Dan Shelby e deve pagare per nascondere una scomoda verità riguardante la moglie Nell: in gioventù la donna, ora nota star di Broadway, aveva posato nuda per un fotografo e Shelby ha in mano le foto; Elliot nasconde il ricatto a Nell e si getta nel lavoro per guadagnare le cifre che l'avido Shelby richiede regolarmente. Vivendo costantemente sul filo del rasoio, Elliot decide alla fine di sbarazzarsi definitivamente del suo ricattatore; a tale scopo, chiede sottilmente consigli al suo amico Harlow Edison, il procuratore distrettuale; attira Shelby nella sua casa di campagna e lo uccide, poi nasconde il corpo nelle fondamenta del gazebo della casa, ancora in costruzione, e ricopre di terra il cadavere. Elliot deve anche guardarsi dalle presenze invadenti di Sam Thorpe (l'uomo incaricato di montare il gazebo) e miss Chandler (l'agente immobiliare che si occupa della vendita della proprietà (necessaria per appianare i debiti contratti per pagare Shelby, che Elliot ha giustificato come pessima gestione del suo denaro).

Tuttavia il suo piano andrà in malora in molti sensi; il procuratore Edison lo informa che Shelby è stato trovato ucciso in un albergo, con una lista di persone ricattate da lui, compresi i nomi dei coniugi Nash; Elliot si domanda quindi chi ha seppellito. Si scopre che Nell è stata avvicinata per prima, ma ha rifiutato di pagare per sfruttare la conseguente pubblicità allo scopo di promuovere il suo spettacolo; rimasto con niente, Shelby ha puntato su Elliot. Il tenente Jenkins della polizia scopre che l'arma del delitto apparteneva a Joe il Nero, un noto complice di Shelby; l'investigatore conclude che i due abbiano litigato per la spartizione del ricavato dei ricatti. Così i sospetti su Elliot e Nell cadono.

Ma Shelby aveva una piccola organizzazione dietro di lui; i suoi complici, il Duca e Louis il Pidocchio, rapiscono Nell e la portano a casa; hanno sorvegliato Joe e sanno che è entrato ma non è uscito, quindi pretendono dai Nash la valigia con 100.000 dollari che Joe portava con se, dal momento che l'uomo pianificava di sparire e fregare tutti i complici. Riflettendo, il Duca e Louis capiscono che il corpo è nel gazebo; intanto il corpo sta affiorando per la pioggia che ha rovinato le fondamenta della struttura; i due delinquenti lo disseppelliscono in salotto, prendono la valigia e se ne vanno, lasciando Nell legata. Elliot arriva e la slega, poi le confessa tutto.

Arriva il tenente Jenkins, con i due fuggiaschi arrestati; il poliziotto li ha interrogati e ha capito che Elliot ha sparato a Joe il Nero; Elliot sta per confessare quando si accorge che il proiettile da lui esploso è dentro un libro in salotto; capisce di aver mancato il ricattatore e quindi non è un omicida; la pallottola viene portata via dal piccione di casa, Herman, cancellando la prova che Elliot abbia sparato; a questo si aggiunge l'autopsia, che ha constatato un problema cardiaco di Joe, che ne ha causato la morte.

altre versioniModifica

La storia è tratta da una commedia teatrale di Neil Simon, messa in scena nel 1958; nel 1971 il regista Jean Girault girò una versione francese, Jo e il gazebo (Jo), con Louis de Funès e Bernard Blier.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema