Apri il menu principale

Giacomo Blason

allenatore di calcio e calciatore italiano
Giacomo Blason
Giacomo Blason.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista, portiere)
Ritirato 1950 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1931-1932 Monfalconese C.N.T. 15 (-?)
1932-1934 Triestina 60 (-?)
1934-1940 Lazio 150 (-?)
1940-1942 Napoli 30 (-?)
1942-1944 Roma 21 (-23)
1945-1947 Pro Gorizia 7+ (-?)
1947-1948 Suzzara 14 (-?)
1949-1950 San Donà 5 (-?)
Nazionale
1932Italia Italia B? (?)
Carriera da allenatore
1946-1947 Pro Gorizia
1947-1948 Suzzara
1949-1951 San Donà
1951-1952 SPAL
195?-195? Adriese
1956-1957 Mestrina
1960-1963 Mestrina
1963 SPAL
1964-1965 Chieti
1965-1966 Savoia
19??-19?? Opitergina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giacomo Blason (Fiumicello, 19 marzo 1914Monfalcone, 3 febbraio 1998) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista prima e portiere poi.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Inizialmente centromediano convertitosi in seguito come portiere, esordì in Serie A nel 1932 nelle file della Triestina, in occasione di una partita contro il Genoa e due mesi dopo (il 22 ottobre 1932) fu convocato nella Nazionale B per una partita contro la nazionale ungherese.

 
Blason (primo da sinistra) ai tempi della sua militanza nella Lazio

All'inizio della stagione 1934-35 fu acquistato dalla Lazio per 172 mila lire. L'acquisto non fu facile in quanto la Triestina aveva chiesto una cifra elevata e il presidente laziale Gualdi era riuscito solamente ad ottenere uno sconto. Blason giocò nella Lazio fino al 1940 totalizzando 162 presenze di cui 150 in campionato, 7 in Coppa Italia e 5 in Coppa Mitropa, mentre i risultati di rilievo che raggiunse in maglia biancoceleste furono un secondo posto in campionato e in Mitropa Cup, nel campionato 1936-1937. Nel 1940 si trasferì al Napoli giocandovi in due campionati di serie A e nel 1942 alla Roma, dove rimase come secondo portiere fino al 1944. Nel dopoguerra tornò in Friuli Venezia Giulia militando prima nella Pro Gorizia e successivamente nel Suzzara, ricoprendo in entrambe le squadre anche il ruolo di giocatore-allenatore, ponendo fine alla sua carriera - nell'arco della quale fu costretto diverse volte a dare forfait in seguito a vari infortuni - nel 1948.

AllenatoreModifica

Nel 1949 lo ritroviamo al San Donà in Serie C, dove assume il ruolo di giocatore-allenatore, disputando solo le prime gare per poi iniziare così la sua carriera di allenatore. Al San Donà rimase anche nella stagione 1950-51 per poi passare alla SPAL nel 1951-52. Da qui iniziò la sua carriera di allenatore che lo portò poi tra le altre squadre la Mestrina - con la quale nel 1963 raggiunse un insperato 4º posto in Serie C -, il Savoia, l'Adriese ma soprattutto la SPAL in Serie A nel campionato 1963-1964.

Collegamenti esterniModifica