Apri il menu principale

Serie A 1934-1935

edizione del torneo calcistico
Serie A 1934-1935
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 35ª (6ª di Serie A)
Organizzatore Direttorio Divisioni Superiori
Date dal 30 settembre 1934
al 2 giugno 1935
Luogo Italia Italia
Partecipanti 16
Formula Girone all'italiana A/R
Risultati
Vincitore Juventus
(7º titolo)
Retrocessioni Livorno
Pro Vercelli
Statistiche
Miglior marcatore Italia Enrique Guaita (28)
Incontri disputati 240
Gol segnati 629 (2,62 per incontro)
Foot-Ball Club Juventus 1934-35.jpg
La Juventus al quinto scudetto consecutivo, prima formazione a raggiungere tale primato.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1933-1934 1935-1936 Right arrow.svg

La Serie A 1934-1935 fu la 35ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio (il 6º a girone unico), disputatosi tra il 30 settembre 1934 e il 2 giugno 1935. Il campionato fu vinto dalla Juventus, al suo settimo titolo, il quinto consecutivo.

Capocannoniere del torneo fu Enrique Guaita (Roma) con 28 reti.

StagioneModifica

AntefattiModifica

La Juventus vincitrice dei precedenti 4 titoli, si trovava alle prese con un ricambio generazionale, specialmente in difesa dove lasciò Combi e rallentò Caligaris; venne dunque promosso il portiere di riserva Valinasso e acquistato dal Padova il giovane terzino Foni[1].

 
Silvio Piola, nuovo acquisto dell'ambiziosa Lazio.

Più frenetiche le operazioni delle rivali. Tra le protagoniste del mercato ci fu la Lazio[2], alla cui presidenza era salito l'ambizioso Eugenio Gualdi. I biancocelesti rafforzarono la mediana con Viani e Ferraris IV, questo ultimo prelevato dai concittadini della Roma (con la clausola di versare ai giallorossi 25 000 lire per ogni derby giocato)[3], mentre in attacco strapparono alle mire dell'Ambrosiana-Inter il richiesto Piola della Pro Vercelli: inizialmente l'attaccante rifiutò l'offerta laziale, sicché fu il regime fascista a intervenire, chiamando il giocatore a svolgere il servizio di leva alla Farnesina e costringendolo, di fatto, al trasferimento nella capitale[4].

I nerazzurri ripiegarono dunque sugli oriundi Porta e De Vincenzi, affidando la guida tecnica al magiaro Gyula Feldmann. Infine il Bologna riabbracciò Sansone, nuovamente in Emilia dopo un breve ritorno in Uruguay.

Il campionatoModifica

 
L'oriundo Enrique Guaita della Roma si laureò capocannoniere con 28 gol in 29 gare.

Il campionato che vedeva in campo i freschi campioni del mondo della nazionale italiana partì il 30 settembre 1934, per la prima volta a 16 squadre. Già una settimana dopo, la Juventus era sola in testa; ma gli uomini di Carlo Carcano nelle settimane successive furono affiancati e superati da un'inattesa rivale, la Fiorentina di Guido Ara. La squadra viola, costruita con pazienza nel corso degli anni dal marchese Luigi Ridolfi[1], approfittò dei tentennamenti bianconeri e viaggiò spedita verso il platonico titolo di campione d'inverno, il 3 febbraio 1935, giorno in cui uscì indenne dallo scontro diretto di Torino e mantenne 2 punti di vantaggio sulla più titolata inseguitrice[2].

La Juventus pativa non solamente per il logorio dei suoi giocatori[1], ma anche per gli allontanamenti forzati di alcuni protagonisti nei successi degli anni precedenti: pagò lo scandalo che travolse il suo allenatore Carcano, licenziato ufficialmente per «motivi personali indipendenti dalla conduzione tecnica della squadra» e da ricondurre insomma alla sua vita privata, oggetto di pettegolezzo[5]; più avanti perse anche Orsi, il quale a ridosso della chiamata alle armi per la guerra d'Etiopia chiese di poter tornare in Argentina[1]. Dalle tragedie dei singoli fu colpita anche la Lazio: il mediano Fantoni II morì l'8 febbraio, per un'infezione da setticemia contratta in seguito a un infortunio[6].

 
Giovanni Ferrari segna a Firenze il gol che, nei minuti finali dell'ultima giornata, permise alla Juventus di chiudere il suo Quinquennio d'oro.

Il 3 marzo la Fiorentina cadde inaspettatamente sul campo di una disperata Pro Vercelli, e vide avvicinarsi pericolosamente la poco prolifica ma concreta Juventus, nel frattempo passata nelle mani della bandiera bianconera Carlo Bigatto, e l'Ambrosiana-Inter[1]; le tre squadre iniziarono una lotta serrata, in cui si susseguivano sorpassi e occasioni di fuga mancate fino alla penultima giornata, quando i viola persero ad Alessandria e lasciarono campo libero alle altre due contendenti[2].

Il 2 giugno, in un ultimo turno vibrante, la Juventus espugnò proprio Firenze a pochi minuti dalla fine, grazie a una rete di Ferrari, mentre l'Ambrosiana-Inter soccombette a Roma dinanzi alla Lazio — con un risultato (4-2) e un esito identici a quelli che si sarebbero verificati 67 anni dopo[2]. Fu il quinto scudetto di fila per i bianconeri: una striscia di successi all'epoca mai raggiunta prima nel calcio italiano, e che sarà battuta dagli stessi torinesi solamente 82 anni più tardi. Dietro a torinesi e meneghini, la Fiorentina chiuse quindi terza, davanti alla Roma del capocannoniere Guaita.

Perso in estate il suo centravanti Piola, la gloriosa Pro Vercelli non riuscì a compensarne l'assenza, e si ritrovò fin dalle prime battute del torneo tagliata fuori dalla corsa per non retrocedere[7]. Si salvò invece la debuttante Sampierdarenese, che rimediò a un girone di andata negativo con un ritorno condotto a passo spedito. Rischiò il declassamento il Torino, che s'impose nello scontro diretto dell'ultima giornata contro il Livorno, sorpassandolo[2]; i labronici tornarono così in Serie B dopo due stagioni.

Squadre partecipantiModifica

AllenatoriModifica

Allenatori e primatistiModifica

Squadra Allenatore Calciatore più presente[8] Cannoniere[8]
Alessandria[9]   Otto Krappan (1ª-16ª)
  Rudolf Soutschek (17ª-30ª)
  Renato Cattaneo,
  Vittorio Mosele (29)
  Renato Cattaneo (16)
Ambrosiana-Inter[10]   Gyula Feldmann   Carlo Ceresoli,
  Atilio Demaría,
  Giuseppe Meazza (30)
  Giuseppe Meazza (18)
Bologna   Lajos Nems Kovács (1ª-14ª)
  Árpád Weisz (15ª-30ª)
  Mario Gianni (30)   Angelo Schiavio (12)
Brescia   György Hlavay   Giovanni Braga,
  Nereo Marini (30)
  Giovanni Chiecchi (III),
  Francesco Rier (6)
Fiorentina   Guido Ara   Ugo Amoretti,
  Giuseppe Bigogno,
  Lorenzo Gazzari,
  Bruno Neri (30)
  Vinicio Viani (10)
Juventus   Carlo Carcano (1ª-8ª)
  Carlo Bigatto (I) (9ª-30ª)
  Cesare Valinasso (30)   Felice Borel (II) (13)
Lazio   Walter Alt   Attilio Ferraris (IV) (30)   Silvio Piola (21)
Livorno[11]   Franz Hänsel (1ª-16ª)
  Karl Stürmer (17ª-30ª)
  Alfredo Monza (II)
  Ulisse Uslenghi (30)
  Giovanni Busoni (11)
Milan[12]   Adolfo Baloncieri   Giuseppe Bonizzoni,
  Giovanni Moretti,
  Carlo Rigotti (30)
  Pietro Arcari (III) (10)
Napoli[13]   William Garbutt   Luigi Castello,
  Enrico Rivolta (30)
  Antonio Vojak (I) (10)
Palermo   Károly Csapkay   Maximiliano Faotto (29)   Bruno Castellani,
  Coriolano Palumbo,
  Angelo Piccaluga (5)
Pro Vercelli   Andrea Balzaretti (1ª-7ª)
  Pietro Leone (8ª-30ª)
  Ferdinando Santagostino (28)   Piero Romagnolo (7)
Roma[14]   Luigi Barbesino   Andrea Gadaldi,
  Franco Scaramelli,
  Ernesto Tomasi (30)
  Enrique Guaita (28)
Sampierdarenese   Hermann Felsner   Mario Malatesta,
  Guido Rigotti (29)
  Cherubino Comini (10)
Torino   Tony Cargnelli   Giuseppe Maina (30)   Fioravante Baldi (III) (9)
Triestina   István Tóth   Gino Colaussi,
  Nereo Rocco (30)
  Nereo Rocco (11)

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Juventus 44 30 18 8 4 45 22 +23
2. Ambrosiana-Inter 42 30 15 12 3 58 24 +34
3. Fiorentina 39 30 15 9 6 39 23 +16
4. Roma 35 30 14 7 9 63 38 +25
5. Lazio 32 30 13 6 11 55 46 +9
6. Bologna 30 30 11 8 11 46 34 +12
7. Napoli 29 30 10 9 11 39 38 +1
7. Alessandria 29 30 12 5 13 44 48 -4
7. Palermo 29 30 9 11 10 27 34 -7
10. Milan 27 30 8 11 11 36 38 -2
10. Triestina 27 30 11 5 14 33 44 -11
10. Brescia 27 30 10 7 13 29 45 -16
13. Sampierdarenese 26 30 9 8 13 29 42 -13
14. Torino 25 30 8 9 13 37 45 -8
  15. Livorno 24 30 8 8 14 28 54 -26
  16. Pro Vercelli 15 30 5 5 20 21 54 -33

Legenda:

      Campione d'Italia e qualificata in Coppa dell'Europa Centrale 1935.
      Qualificate in Coppa dell'Europa Centrale 1935.
      Retrocesse in Serie B 1935-1936.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito.

Squadra campioneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Foot-Ball Club Juventus 1934-1935.
Formazione tipo[15] Giocatori (presenze)[16]
  Cesare Valinasso (30)
  Virginio Rosetta (22)
  Alfredo Foni (27)
  Mario Varglien (I) (28)
  Luis Monti (20)
  Luigi Bertolini (26)
  Renato Cesarini (25)
  Giovanni Ferrari (26)
  Raimundo Orsi (21)[17]
  Giovanni Varglien (II) (16)
  Felice Borel (II) (29)
Altri giocatori: Umberto Caligaris (11), Luciano Ramella (2), Teobaldo Depetrini (14), Pietro Serantoni (15), Armando Diena (II) (9), Guglielmo Gabetto (6), Alberto Tiberti (2), Lino Cason (1).

RisultatiModifica

TabelloneModifica

Ale Amb Bol Bre Fio Juv Laz Liv Mil Nap Pal PVe Rom Sam Tor Tri
Alessandria –––– 1-3 2-0 1-0 2-0 0-0 1-2 4-1 2-1 4-2 4-2 2-1 1-6 2-2 3-0 3-0
Ambrosiana 0-0 –––– 1-0 5-1 1-1 0-0 1-0 5-1 2-0 2-1 3-0 1-0 0-1 6-1 4-0 7-0
Bologna 3-3 0-0 –––– 3-0 2-1 2-0 1-2 4-0 6-3 3-0 0-0 5-0 1-1 0-1 3-1 1-3
Brescia 1-0 1-1 1-1 –––– 1-1 0-2 1-0 4-0 2-0 0-1 2-2 3-0 2-1 1-0 2-1 2-1
Fiorentina 4-1 1-1 1-0 1-0 –––– 0-1 2-1 0-1 1-0 3-2 2-0 1-0 4-1 0-0 4-0 1-0
Juventus 4-1 1-0 1-0 0-0 0-0 –––– 6-1 2-1 1-0 2-1 2-1 3-0 2-1 4-0 1-1 0-0
Lazio 0-1 4-2 2-1 4-0 3-5 5-3 –––– 6-1 1-4 3-1 1-0 6-0 0-0 2-1 1-1 0-0
Livorno 1-0 1-1 4-1 3-1 1-2 1-2 0-2 –––– 0-2 0-2* 0-3 1-0 1-1 0-0 1-1 1-0
Milan 2-2 2-2 0-0 0-1 1-1 3-0 1-1 1-1 –––– 2-2 2-1 1-0 4-4 2-1 0-0 0-1
Napoli 0-1 0-1 1-1 2-0 1-1 0-0 3-0 1-1 0-1 –––– 6-0 1-0 3-2 1-1 2-1 2-1
Palermo 2-0 1-1 0-1 0-0 0-0 0-0 2-1 2-2 1-0 2-0 –––– 2-0 1-0 1-0 0-0 2-0
Pro Vercelli 1-0 1-1 2-1 1-1 2-0 0-1 1-0 0-1 1-2 1-1 0-0 –––– 1-4 2-3 0-3 4-2
Roma 3-0 3-4 1-1 4-0 0-0 1-2 1-1 5-1 1-0 4-0 5-1 3-2 –––– 2-0 2-1 1-2
Sampierdarenese 2-1 0-0 2-1 3-0 0-1 0-1 2-3 0-0 0-0 1-3 1-0 0-0 1-0 –––– 3-2 1-0
Torino 2-1 1-2 0-1 4-2 1-0 1-3 2-2 1-0 1-1 0-0 0-0 2-0 2-3 5-2 –––– 3-1
Triestina 3-1 1-1 1-3 3-0 0-1 2-1 2-1 1-2 2-1 0-0 1-1 3-1 0-2 2-1 1-0 ––––

CalendarioModifica

andata (1ª) Prima giornata ritorno (16ª)
30 set. 3-0 Ambrosiana-Palermo 1-1 10 feb.
0-2 Brescia-Juventus 0-0
4-1 Fiorentina-Roma 0-0
6-1 Lazio-Livorno 2-0
0-1 Napoli-Alessandria 2-4
1-2 Pro Vercelli-Milan 0-1
2-1 Sampierdarenese-Bologna 1-0
3-1 Torino-Triestina 0-1


andata (3ª) Terza giornata ritorno (18ª)
14 ott. 7-0 Ambrosiana-Triestina 1-1 3 mar.
2-0 Brescia-Milan 1-0
1-0 Fiorentina-Pro Vercelli 0-2
2-1 Lazio-Bologna 2-1
3-2 Napoli-Roma 0-4
2-2 Palermo-Livorno 3-0
0-1 Sampierdarenese-Juventus 0-4
2-1 Torino-Alessandria 0-3


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (20ª)
4 nov. 0-0 Ambrosiana-Alessandria 3-1 17 mar.
1-1 Brescia-Fiorentina 0-1
5-3 Lazio-Juventus 1-6
4-1 Livorno-Bologna 0-4
1-0 Napoli-Pro Vercelli 1-1
0-0 Sampierdarenese-Milan 1-2
2-3 Torino-Roma 1-2
1-1 Triestina-Palermo 0-2


andata (7ª) Settima giornata ritorno (22ª)
25 nov. 0-1 Ambrosiana-Roma 4-3 7 apr.
1-4 Lazio-Milan 1-1
1-2 Livorno-Juventus 1-2
2-0 Napoli-Brescia 1-0
0-1 Palermo-Bologna 0-0
0-1 Sampierdarenese-Fiorentina 0-0
2-0 Torino-Pro Vercelli 3-0
3-1 Triestina-Alessandria 0-3


andata (9ª) Nona giornata ritorno (24ª)
16 dic. 4-2 Alessandria-Palermo 0-2 21 apr.
1-0 Ambrosiana-Pro Vercelli 1-1
2-0 Bologna-Juventus 0-1
3-5 Lazio-Fiorentina 1-2 22 apr.
0-2 Livorno-Milan 1-1
1-3 Sampierdarenese-Napoli 1-1 21 apr.
4-2 Torino-Brescia 1-2
0-2 Triestina-Roma 2-1


andata (11ª) Undicesima giornata ritorno (26ª)
6 gen. 1-6 Alessandria-Roma 0-3 5 mag.
5-1 Ambrosiana-Brescia 1-1
6-3 Bologna-Milan 0-0
3-1 Lazio-Napoli 0-3
1-2 Livorno-Fiorentina 1-0
0-0 Palermo-Juventus 1-2
5-2 Torino-Sampierdarenese 2-3
3-1 Triestina-Pro Vercelli 2-4


andata (13ª) Tredicesima giornata ritorno (28ª)
20 gen. 2-1 Alessandria-Pro Vercelli 0-1 19 mag.
6-1 Ambrosiana-Sampierdarenese 0-0
2-1 Bologna-Fiorentina 0-1
1-0 Juventus-Milan 0-3
1-1 Lazio-Torino 2-2
0-2 [18] Livorno-Napoli 1-1
1-0 Palermo-Roma 1-5
3-0 Triestina-Brescia 1-2


andata (15ª) Quindicesima giornata ritorno (30ª)
3 feb. 1-0 Alessandria-Brescia 0-1 2 giu.
1-0 Ambrosiana-Lazio 2-4
3-0 Bologna-Napoli 1-1
0-0 Juventus-Fiorentina 1-0
1-1 Livorno-Torino 0-1
1-0 Palermo-Milan 1-2
3-2 Roma-Pro Vercelli 4-1
2-1 Triestina-Sampierdarenese 0-1
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (17ª)
7 ott. 2-2 Alessandria-Sampierdarenese 1-2 24 feb.
3-1 Bologna-Torino 1-0
2-1 Juventus-Napoli 0-0
1-1 Livorno-Ambrosiana 1-5
1-1 Milan-Fiorentina 0-1
2-0 Palermo-Pro Vercelli 0-0
4-0 Roma-Brescia 1-2
2-1 Triestina-Lazio 0-0


andata (4ª) Quarta giornata ritorno (19ª)
21 ott. 1-2 Alessandria-Lazio 1-0 10 mar.
0-0 Bologna-Ambrosiana 0-1
2-0 Fiorentina-Palermo 0-0
1-1 Juventus-Torino 3-1
1-0 Livorno-Triestina 2-1
2-2 Milan-Napoli 1-0
1-1 Pro Vercelli-Brescia 0-3
2-0 Roma-Sampierdarenese 0-1


andata (6ª) Sesta giornata ritorno (21ª)
18 nov. 4-1 Alessandria-Livorno 0-1 31 mar.
1-3 Bologna-Triestina 3-1
3-2 Fiorentina-Napoli 1-1
1-0 Juventus-Ambrosiana 0-0
0-0 Milan-Torino 1-1
0-0 Palermo-Brescia 2-2
2-3 Pro Vercelli-Sampierdarenese 0-0
1-1 Roma-Lazio 0-0


andata (8ª) Ottava giornata ritorno (23ª)
2 dic. 2-0 Alessandria-Bologna 3-3 14 apr.
6 dic. 1-0 Brescia-Sampierdarenese 0-3
2 dic. 4-0 Fiorentina-Torino 0-1
0-0 Juventus-Triestina 1-2
2-2 Milan-Ambrosiana 0-2
6-0 Napoli-Palermo 0-2
1-0 Pro Vercelli-Lazio 0-6
5-1 Roma-Livorno 1-1


andata (10ª) Decima giornata ritorno (25ª)
23 dic. 1-0 Brescia-Lazio 0-4 28 apr.
1-1 Fiorentina-Ambrosiana 1-1
4-1 Juventus-Alessandria 0-0
0-1 Milan-Triestina 1-2
2-1 Napoli-Torino 0-0
1-0 Palermo-Sampierdarenese 0-1
0-1 Pro Vercelli-Livorno 0-1
1-1 Roma-Bologna 1-1


andata (12ª) Dodicesima giornata ritorno (27ª)
13 gen. 4-0 Brescia-Livorno 1-3 12 mag.
1-0 Fiorentina-Triestina 1-0
2-2 Milan-Alessandria 1-2
0-1 Napoli-Ambrosiana 1-2
2-1 Pro Vercelli-Bologna 0-5
1-2 Roma-Juventus 1-2
2-3 Sampierdarenese-Lazio 1-2
0-0 Torino-Palermo 0-0


andata (14ª) Quattordicesima giornata ritorno (29ª)
27 gen. 1-1 Brescia-Bologna 0-3 26 mag.
4-1 Fiorentina-Alessandria 0-2
1-0 Lazio-Palermo 1-2
4-4 Milan-Roma 0-1
2-1 Napoli-Triestina 0-0
0-1 Pro Vercelli-Juventus 0-3
0-0 Sampierdarenese-Livorno 0-0
1-2 Torino-Ambrosiana 0-4

StatisticheModifica

SquadraModifica

Capoliste solitarieModifica

————————————————————————————————————————————————————————————
JuveFiorentinaJuveJuveJuv
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª

Classifica in divenireModifica

[19] 10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª
Alessandria 2 3 3 3 4 6 6 8 10 10 10 11 13 13 15 17 17 19 21 21 21 23 24 24 25 25 27 27 29 29
Ambrosiana 2 3 5 6 7 7 7 8 10 11 13 15 17 19 21 22 24 25 27 29 30 32 34 35 36 37 39 40 42 42
Bologna 0 2 2 3 3 3 5 5 7 8 10 10 12 13 15 15 17 17 17 19 21 22 23 23 24 25 27 27 29 30
Brescia 0 0 2 3 4 5 5 7 7 9 9 11 11 12 12 13 15 17 19 19 20 20 20 22 22 23 23 25 25 27
Fiorentina 2 3 5 7 8 10 12 14 16 17 19 21 21 23 24 25 27 27 28 30 31 32 32 34 35 35 37 39 39 39
Juventus 2 4 6 7 7 9 11 12 12 14 15 17 19 21 22 23 24 26 28 30 31 33 33 35 36 38 40 40 42 44
Lazio 2 2 4 6 8 9 9 9 9 9 11 13 14 16 16 18 19 21 21 21 22 23 25 25 27 27 29 30 30 32
Livorno 0 1 2 4 6 6 6 6 6 8 8 8 8 9 10 10 10 10 12 12 14 14 15 16 18 20 22 23 24 24
Milan 2 3 3 4 5 6 8 9 11 11 11 12 12 13 13 15 15 15 17 19 20 21 21 22 22 23 23 25 25 27
Napoli 0 0 2 3 5 5 7 9 11 13 13 13 15 17 17 17 18 18 18 19 20 22 22 23 24 26 26 27 28 29
Palermo 0 2 3 3 4 5 5 5 5 7 8 9 11 11 13 14 15 17 18 20 21 22 24 26 26 26 27 27 29 29
Pro Vercelli 0 0 0 1 1 1 1 3 3 3 3 5 5 5 5 5 6 8 8 9 10 10 10 11 11 13 13 15 15 15
Roma 0 2 2 4 6 7 9 11 13 14 16 16 16 17 19 20 20 22 22 24 25 25 26 26 27 29 29 31 33 35
Sampierdarenese 2 3 3 3 4 6 6 6 6 6 6 6 6 7 7 9 11 11 13 13 14 15 17 18 20 22 22 23 24 26
Torino 2 2 4 5 5 6 8 8 10 10 12 13 14 14 15 15 15 15 15 15 16 18 20 20 21 21 22 23 23 25
Triestina 0 2 2 2 3 5 7 8 8 10 12 12 14 14 16 18 19 20 20 20 20 20 22 24 26 26 26 26 27 27

Classifiche di rendimentoModifica

Rendimento andata-ritornoModifica
Andata Ritorno
Fiorentina 24 Juventus 22
Juventus 22 Ambrosiana 21
Ambrosiana 21 Sampierdarenese 19
Roma 19 Lazio 16
Napoli 17 Palermo 16
Lazio 16 Roma 16
Triestina 16 Bologna 15
Alessandria 15 Brescia 15
Bologna 15 Fiorentina 15
Torino 15 Alessandria 14
Milan 13 Livorno 14
Palermo 13 Milan 14
Brescia 12 Napoli 12
Livorno 10 Triestina 11
Sampierdarenese 7 Pro Vercelli 10
Pro Vercelli 5 Torino 10
Rendimento casa-trasfertaModifica
Casa Trasferta
Juventus 26 Juventus 18
Ambrosiana 25 Ambrosiana 17
Fiorentina 24 Fiorentina 15
Alessandria 22 Roma 14
Brescia 22 Lazio 11
Palermo 22 Bologna 10
Lazio 21 Napoli 10
Roma 21 Livorno 10
Bologna 20 Milan 10
Napoli 19 Sampierdarenese 8
Triestina 19 Triestina 8
Sampierdarenese 18 Alessandria 7
Torino 18 Palermo 7
Milan 17 Torino 7
Livorno 14 Brescia 5
Pro Vercelli 14 Pro Vercelli 1

Primati stagionaliModifica

  • Maggior numero di vittorie: Juventus (18)
  • Minor numero di sconfitte: Ambrosiana (3)
  • Miglior attacco: Roma (63 reti fatte)
  • Miglior difesa: Juventus (22 reti subite)
  • Miglior differenza reti: Ambrosiana (+34)
  • Maggior numero di pareggi: Ambrosiana (12)
  • Minor numero di vittorie: Pro Vercelli (5)
  • Maggior numero di sconfitte: Pro Vercelli (20)
  • Peggiore attacco: Pro Vercelli (21 reti fatte)
  • Peggior difesa: Livorno e Pro Vercelli (54 reti subite)
  • Peggior differenza reti: Pro Vercelli (-33)
  • Partita con più reti: Bologna-Milan 6-3 (11ª giornata)
  • Miglior sequenza di partite utili: Ambrosiana (22, dall'8ª alla 29ª giornata)

IndividualiModifica

Classifica marcatoriModifica

Nel corso del campionato furono segnati complessivamente 629 gol (di cui 10 su autorete) da 147 diversi giocatori, per una media di 2,62 gol a partita. Un match, Livorno-Napoli, fu dato vinto agli ospiti (0-2) in seguito a giudizio sportivo. Di seguito, la classifica dei marcatori[19].

Gol Rigori Giocatore Squadra
28 3   Enrique Guaita Roma
21   Silvio Piola Lazio
18   Giuseppe Meazza Ambrosiana-Inter
16 4   Renato Cattaneo Alessandria
13 1   Felice Borel (II) Juventus
12   Angelo Schiavio Bologna
11   Giovanni Busoni Livorno
11 2   Nereo Rocco Triestina
11   Alejandro Scopelli Roma
10 3   Pietro Arcari (III) Milan
10 2   Cherubino Comini Sampierdarenese
10   Attilio Demaria Ambrosiana-Inter
10   Germano Mian Triestina
10   Giovanni Moretti Milan
10   Vinicio Viani Fiorentina
10 4   Antonio Vojak (I) Napoli

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Chiesa, gennaio 2002, p. 73.
  2. ^ a b c d e Chiesa, gennaio 2002, p. 72.
  3. ^ Chiesa, gennaio 2002, pp. 76-77.
  4. ^ Chiesa, febbraio 2002, p. 71.
  5. ^ Chiesa, gennaio 2002, p. 75.
  6. ^ La scomparsa di Ottavio Fantoni, da Il Littoriale, 9 febbraio 1935, p. 1
  7. ^ Chiesa, gennaio 2002, pp. 74-75.
  8. ^ a b Melegari, 2002, p. 450.
  9. ^ L'Alessandria ha cambiato allenatore, Il Littoriale, n. 40, 15 febbraio 1935.
  10. ^ Scheda su archiviointer.it
  11. ^ Le dimissioni del consiglio direttivo dell'U.S. Livorno, Il Littoriale, n. 38, 13 febbraio 1935.
  12. ^ Storia della stagione su magliarossonera.it
  13. ^ Scheda di Garbutt su pianetaazzurro.it
  14. ^ Storia della stagione su asrtalenti.altervista.it
  15. ^ Chiesa, p. 69.
  16. ^ Melegari, 2004, p. 91.
  17. ^ Svincolatosi nell'aprile 1935, cfr. Orsi torna in Argentina, in La Stampa, 4 aprile 1935, p. 7.
  18. ^ A tavolino per delibera del D.D.S..
  19. ^ a b Campionato 1934-35 su rsssf.com

BibliografiaModifica

  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto. Seconda puntata: Continua il dominio della Juve, da Calcio 2000, gennaio 2002, pp. 58-77.
  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto. Terza puntata: Il Bologna fa tremare il mondo, da Calcio 2000, febbraio 2002, pp. 58-77.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio - La storia 1898-2004. Modena, Panini, 2005.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 2003, Modena, Panini, 2002.
  • Ugo Boccassi, Enrico Dericci, Marcello Marcellini. Alessandria U.S.: 60 anni. Milano, G.E.P., 1973.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 2005, Modena, Panini, 2004.
  • La Stampa, annate 1934 e 1935.
  • Il Littoriale, annate 1934 e 1935.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica