Giorgio Maria Lascaris

patriarca cattolico italiano
Giorgio Maria Lascaris, C.R.
patriarca della Chiesa cattolica
Lascaris-giorgio-maria.jpg
Ritratto di Giorgio Maria Lascaris
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
 
Incarichi ricoperti
 
NatoVerona, 16 febbraio 1706
Ordinato presbitero30 gennaio 1729
Nominato vescovo17 aprile 1741 da papa Benedetto XIV
Consacrato vescovo29 giugno 1741 dal vescovo Franciszek Antoni Kobielski
Elevato arcivescovo22 luglio 1754 da papa Benedetto XIV
Elevato patriarca20 dicembre 1762 da papa Clemente XIII
DecedutoRoma, 11 dicembre 1795
 

Giorgio Geronimo Maria Adalberto Lascaris (Verona, 16 febbraio 1706Roma, 11 dicembre 1795) è stato un arcivescovo cattolico e patriarca cattolico italiano.

BiografiaModifica

Proveniva da una famiglia veneziana, era figlio di Teodoro XIII, discendente della famiglia imperiale di Nicea, e della contessa Gertrude Ricci. Durante i suoi studi a Roma, si unì all'ordine dei teatini. Era consultore della Congregazione per le indulgenze e le sacre reliquie nella Curia romana. Nel 1738 fu nominato prefetto dei teatini di Leopoli, presto divenne residente presso la famiglia Radziwiłł a Njasviž. Su iniziativa di Michał Kazimierz Radziwiłł, ricevette nel 1741 la nomina a vescovo titolare di Zenopoli di Licia. Dopo la conferma papale fu consacrato vescovo presso la collegiata di Ołyce, dal vescovo Franciszek Antoni Kobielski.

Visitò la succursale dell'Accademia Zamość di Ołyce e poi - sotto il mandato di papa Benedetto XIV nel 1745 - fu autorizzato a visitare e riformare la stessa Accademia Zamość. Si recò sul posto con la riluttanza del clero, ma alla fine emise un decreto di riforma dell'università il 3 ottobre 1746. In questo decreto raccomandò la divisione dell'Accademia in quattro facoltà: teologia, legge, medicina e filosofia, nonché l'istituzione di classi preparatorie minori. Forniva stipendi a tredici professori di facoltà e quattro professori di classi minori. Fondò una biblioteca e una tipografia accademica. Alla fine, nessuna delle norme di Lascaris trovò attuazione, a causa della mancanza di fondi.

Dal 1744 al 1748 fu un prevosto di Tomaszów, dal 1748 un abate di Žovkva. Nel 1748 fu nominato canonico del capitolo della cattedrale di Leopoli, ruolo che mantenne fino alla sua morte. Fu il portavoce dell'unificazione del rito dell'Uniate e delle Chiese latine. Durante la sua permanenza a Roma nel 1750, esortò Benedetto XIV a pubblicare la bolla Imposito nobis (1751), in cui il papa concesse ai sacerdoti latini di celebrare in rito romano nelle chiese uniati, in mancanza di altari consacrati.[1]

Nel 1754 Lascaris fu nominato arcivescovo titolare di Teodosia, conservando i benefici a Ołyce, Žovkva e Leopoli. Nel 1757 tornò definitivamente a Roma, dove fu nominato cinque anni dopo patriarca titolare di Gerusalemme. Era esperto della Curia romana per gli affari polacchi, si unì alla Congregazione degli affari polacchi fondata nel 1767.

Ha esortato il Papa a tacere riguardo alla Confederazione di Bar. Ha mantenuto i contatti con i polacchi fino alla fine della sua vita, era amico della famiglia Zamoyski. Nel 1787 inviò alla cattedrale di Leopoli (tramite Marcello Bacciarelli) tre dipinti raffiguranti la Trinità, l'Assunzione e l'Arcangelo Michele.

Genealogia episcopaleModifica

La genealogia episcopale è:

  • Cardinale Juan Pardo de Tavera
  • Cardinale Antoine Perrenot de Granvelle
  • Vescovo François Sonnius Van de Velde
  • Arcivescovo Louis de Berlaymont
  • Vescovo Maximilien Morillon
  • Vescovo Pierre Simons
  • Arcivescovo Matthias Van den Hovius
  • Arcivescovo Jacques Boonen
  • Arcivescovo Gaspard Dubois Van Den Bosch
  • Vescovo Marius Ambroise Capello, O.P.
  • Arcivescovo Alphonse de Berghes
  • Arcivescovo Humbertus Guilielmus de Precipiano
  • Cardinale Gianantonio Davia
  • Arcivescovo Teodor Andrzej Potocki
  • Vescovo Franciszek Antoni Kobielski
  • Patriarca Giorgio Maria Lascaris, C.R.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN930150567600606370001 · WorldCat Identities (ENviaf-930150567600606370001