Giovanni Sansone

matematico italiano

Giovanni Sansone (Porto Empedocle, 24 maggio 1888Firenze, 13 ottobre 1979) è stato un matematico italiano, noto per i suoi contributi all'analisi matematica, per i suoi testi ampiamente utilizzati e per le sue azioni per l'organizzazione della attività matematica in Italia.

Ritratto fotografico di Giovanni Sansone custodito presso la Sede di Matematica della Biblioteca di Scienze dell'Università degli Studi di Firenze

VitaModifica

Sansone fu allievo della Scuola Normale Superiore di Pisa dal 1906 al 1910, anno in cui conseguì la laurea in matematica con una tesi della quale era relatore Luigi Bianchi.

Sansone fu docente di matematica presso varie scuole e università.

In particolare, fu titolare della cattedra di Analisi matematica presso la Facoltà di scienze dell'Università di Firenze dal 1927 al 1958, anno del suo pensionamento. Presso questa università, nel 1950, istituì l'Istituto di Matematica intitolato a Ulisse Dini e dal 1957 al 1963 coprì la carica di preside della Facoltà di Scienze.

Fu, inoltre, docente di matematica presso la Scuola Normale Superiore dal 1947 al 1949; nel 1957 fu presidente dell'Associazione Normalisti.

Si sono laureati con lui, tra gli altri, Roberto Conti, Enrico Magenes e Carlo Pucci, matematici che sulle sue orme hanno dedicate numerose energie al miglioramento della organizzazione della comunità matematica italiana.

La sua biblioteca e le sue carte sono conservate presso la Biblioteca di Matematica dell'Università di Firenze.

Attività organizzativeModifica

Giovanni Sansone fu presidente del Comitato Nazionale per la Matematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche per due mandati, dal 1960 al 1968. In questa veste egli avviò un'azione di sostegno per le attività matematiche rivolta soprattutto alla assegnazione di borse di studio del CNR, a un programma di professori visitatori, e all'organizzazione di seminari di visibilità nazionale e internazionale. Questa linea di azione sarà sostanzialmente seguita anche dai successivi Comitati per la matematica.

Giovanni Sansone partecipò con grande dedizione alla vita associativa dell'UMI; dal 1949 al 1970 fece parte della sua Commissione Scientifica e coprì la carica di presidente per i due mandati triennali dal 1952 al 1958. In particolare sotto la sua presidenza nel 1954 venne fondato il CIME.

Dedicò anche molte energie alla gestione della rivista Annali di Matematica Pura e Applicata, dal 1938 come condirettore, e dal 1962 fino alla scomparsa come direttore. La sua scrupolosa e continua attività è stata uno dei maggiori fattori per far diventare gli Annali una delle più prestigiose riviste scientifiche italiane.

RiconoscimentiModifica

Fu socio nazionale dell'Accademia Nazionale dei Lincei.

Nel 1978 il Comune di Firenze conferì a Giovanni Sansone la cittadinanza onoraria e l'Università di Firenze gli assegnò la laurea honoris causa in ingegneria. A lui è stata intitolato l'Istituto di Matematica Applicata dell'Università di Firenze, presso la sede di ingegneria di tale città.

Il 21 gennaio 2010 è stato inaugurato, nella sua città natale, un piazzale intitolato in suo onore, vicino al porto marittimo del paese.

Fondazione Emma e Giovanni SansoneModifica

Questa fondazione fu istituita sulla base di un lascito testamentario di Giovanni Sansone al fine di offrire ogni anno borse di studio in matematica per giovani laureati, sia italiani che stranieri, sulla base di concorso pubblico. La fondazione fu riconosciuta con decreto presidenziale il 31 marzo 1983 ed ha sede presso la Scuola Normale Superiore.

OnorificenzeModifica

Onorificenze italianeModifica

  Croce di Guerra al Merito
  Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte
— 1957
  Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 27 dicembre 1963[1]
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 11 gennaio 1968[2]
  Cittadino onorario del Comune di Firenze
«Considerato l'eccezionale contributo apportato con la sua attività al progresso scientifico e alla ricerca, che pone Giovanni Sansone e l'Università fiorentina a livello internazionale, costituendo il patrimonio acquisito per la sua opera una indubbia ricchezza culturale per la Città, dove egli lavora da oltre sessanta anni»
— Firenze,
— 24 maggio 1978

Onorificenze straniereModifica

  Ufficiale dell'Ordine delle Palme Accademiche
— 1964

Riconoscimenti accademiciModifica

  laurea honoris causa
— Università di Digione, 1962.
  laurea honoris causa
— Università di Brno, 1969.
  laurea honoris causa in Ingegneria elettronica
— Università degli Studi di Firenze, 1978.

NoteModifica

OpereModifica

Elenco di opere selezionate:

MonografieModifica

  • Moderna teoria delle funzioni di variabile reale, vol. 1, Bologna, Zanichelli, 1935. (con G. Vitali).
  • Moderna teoria delle funzioni di variabile reale, vol. 2, Bologna, Zanichelli, 1935.
  • Equazioni differenziali nel campo reale, vol. 1, Bologna, Zanichelli, 1941.
  • Equazioni differenziali nel campo reale, vol. 2, Bologna, Zanichelli, 1941.
  • Lezioni di analisi matematica, vol. 1, Padova, Cedam, 1943. (con R. Conti).
  • Lezioni di analisi matematica, vol. 2, Padova, Cedam, 1943. (con R. Conti).
  • Lezioni sulla teoria delle funzioni di variabili reali, Firenze, Editrice Universitaria, 1945.
  • Lezioni sulle funzione di variabile complessa, vol. 1, Padova, Cedam, 1947.
  • Lezioni sulle funzione di variabile complessa, vol. 2, Padova, Cedam, 1947.
  • Aritmetica ed algebra per i Licei Scientifici, Firenze, Società Editrice Dante Alighieri, 1947. (con O. Nicoletti).
  • Equazioni differenziali non lineari, Roma, Cremonese, 1956. (con R. Conti).
  • (EN) Orthogonal functions, New York ; London, Interscience, 1959.
  • (DE) Qualitative Theorie nichtlinearer Differentialgleichungen, Roma, Cremonese, 1963. (con R. Reissig e R. Conti).
  • (DE) Nichtlineare Differentialgleichungen hoherer Ordnung, Roma, Cremonese, 1969. (con R. Reissig).
  • Lezioni di teoria dei numeri redatte per uso degli studenti, Firenze, Centro 2P, 1976.

ArticoliModifica

Voci enciclopedicheModifica

BibliografiaModifica

  • Giovanni Sansone, L’Istituto matematico "Ulisse Dini" di Firenze. Discorso inaugurale, 2 marzo 1963, Firenze, Il cenacolo, 1963.
  • Giorgio Sestini, Giovanni Sansone : commemorazione tenuta nella seduta dell'8 novembre 1980, in Atti della Accademia Nazionale dei Lincei. Classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali. Rendiconti, s. 8, vol. 69, n. 5, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1980, pp. 283-301. (con un elenco completo delle pubblicazioni scientifiche di Sansone)
  • Roberto Conti, Giovanni Sansone, in Bollettino della Unione Matematica Italiana, s. 5, vol. 18, sez. A, n. 1, Bologna, Zanichelli, 1981, pp. 151-172. (con un elenco completo delle pubblicazioni scientifiche di Sansone)
  • Angiolo Procissi, Una biblioteca dedicata a Toja, in La Fondiaria notizie, n. 5, 1983.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN108710869 · ISNI (EN0000 0000 8406 1310 · LCCN (ENn80137661 · GND (DE11772047X · BNF (FRcb123234366 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80137661