Gisla del Friuli

nobile italiana
Gisla del Friuli
Nascita 876 circa
Morte dopo il 23 gennaio 913
Padre Berengario I
Madre Bertila di Spoleto
Consorte Adalberto I d'Ivrea
Figli Berengario II d'Ivrea

Gisla (876 circa – dopo il 23 gennaio 913) figlia di Berengario I (re d'Italia dall'888 al 924) fu la prima moglie di Adalberto I d'Ivrea e madre di Berengario II d'Ivrea (re d'Italia dal 950 al 961).

BiografiaModifica

Non si sa molto sulla vita di Gisla. Perfino Liutprando, lo storico contemporaneo di Berengario II, è abbastanza reticente. Sua madre era probabilmente Bertilla, la prima moglie di Berengario I; e poiché le nozze fra Bertilla e Berengario si svolsero verso l'875, si presume che Gisla sia nata l'anno successivo[1]. Non si sa con certezza neanche quando avvenne il matrimonio di Gisla con Adalberto, ma si stima che il matrimonio sia avvenuto con buona approssimazione tra il 902 e il 903: non più tardi del 903 perché nel 918 il figlio Berengario doveva avere almeno quindici anni essendo già conte e messo imperiale[2], non prima del 902 perché Adalberto era ancora alleato di Ludovico di Provenza, l'avversario di Berengario del Friuli; probabilmente le nozze con Gisla, unica figlia di Berengario del Friuli, segnarono il cambiamento delle alleanze[3].

Non è noto, infine, con certezza neanche la data di morte di Gisla: era ancora in vita il 26 gennaio 913, poiché il marito è chiamato in un diploma da re Berengario I "gloriosissimus marchio et dilectissimus gener noster" (gloriosissimo marchese e nostro amatissimo genero), ma poco tempo dopo, evidentemente vedovo, Adalberto sposerà Ermengarda, figlia di Adalberto II di Toscana e di Berta di Lotaringia, con un matrimonio che segnerà un nuovo cambiamento delle alleanze[3].

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Unruoch II del Friuli  
 
 
Eberardo del Friuli  
Engeltrude di Tolosa Begone di Tolosa  
 
Alpais  
Berengario del Friuli  
Ludovico il Pio Carlo Magno  
 
Ildegarda  
Gisella  
Giuditta di Baviera Guelfo I di Baviera  
 
Edvige di Baviera  
Gisla del Friuli  
Adelchi I di Spoleto Suppone I  
 
 
Suppone II  
 
 
 
Bertila di Spoleto  
Vifredo I  
 
 
Berta  
 
 
 
 

NoteModifica

  1. ^ Joseph Becker (a cura di): Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum separatim editi 41: Die Werke Liudprands von Cremona (Liudprandi Opera). Hannover; Leipzig : Hahnsche Buchhandlung, 1915 (Monumenta Germaniae Historica 41, pp. II, 33, 56; V, 4; ripr. ISBN 3-7752-5290-8
  2. ^ Luigi Schiaparelli (a cura di), I diplomi di Berengario I, Roma: Forzani e C., 1903, pp. 418 e segg, n. 34
  3. ^ a b Gina Fasoli, «ADALBERTO d'Ivrea». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Volume I, Roma: Istituto della Enciclopedia italiana, 1960

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica