Apri il menu principale

Giungla

foresta dal denso sottobosco (tipicamente tropicale)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Giungla (disambigua).

Il termine giungla ha un'accezione propria ed una estesa.

In senso proprio, il termine è sinonimo di foresta tropicale decidua[1] e spesso anche di foresta monsonica; indica un bioma caratterizzato da una foresta impenetrabile e ricca di alberi caducifogli, tipico dei climi tropicali in cui a un lungo periodo piovoso si alterna una stagione secca.

Nella lista Global 200 del WWF questo bioma non è considerato in quanto tale, ma è inserito tra le foreste aride di latifoglie tropicali e subtropicali; la presenza preponderante di piante caducifoglie distingue la giungla dalle altre foreste di questo bioma, in cui sono inserite anche quelle semi-decidue o sempreverdi.

Inteso in senso proprio, il bioma della giungla è diffuso soprattutto in Asia, nel subcontinente indiano e nelle aree interne dell'Indocina, come attesta la derivazione etimologica dal sanscrito जङ्गल (pronuncia: jaṅgala), che significa "area naturale selvaggia". Per analogia, il termine "giungla" può indicare anche le foreste con caratteristiche simili presenti in altri continenti.

Alcuni autori parlano di giungla anche per la vegetazione secondaria che si sviluppa quando la foresta pluviale viene abbattuta; il motivo di questa definizione è la forte somiglianza tra questa vegetazione secondaria e la vegetazione primaria della giungla vera e propria, non per la caducità delle foglie, ma per l'impenetrabilità. Si dice "vegetazione secondaria" quella che si sviluppa spontaneamente dopo la distruzione da parte dell'uomo o di calamità naturali di un ambiente naturale che ha seguito la sua evoluzione senza disturbo per secoli, la cui vegetazione è detta "vegetazione primaria"[2].

Anche la giungla primaria, una volta distrutta, si trasforma in giungla secondaria, che si differenzia per la minore altezza degli alberi[2].

In senso esteso, invece, il termine "giungla" è sinonimo di foresta pluviale; tale estensione di significato è oggi molto raro in ambito scientifico; non era così nel passato: sino agli anni cinquanta del Novecento, il termine "foresta pluviale" non era usato e per riferirsi a questo ambiente si usavano le espressioni "giungla" o "foresta vergine".

Con l'affermarsi, a livello accademico e scientifico, dell'espressione "foresta pluviale", il termine "giungla" è tornato alla sua accezione ristretta, quella originaria[3]. A livello non prettamente scientifico, il termine "giungla" è invece ancor oggi usato come sinonimo di "foresta pluviale"[4].

Indice

Variazioni del significato corrente del termineModifica

 
Copertina del libro di E. Salgari I misteri della jungla nera
 
Tarzan
 
Mowgli

I romanzi di Walter Scott, dei primi decenni dell’Ottocento, furono i primi a diffondere l'uso del termine "giungla" nel linguaggio corrente, come sinonimo di "foresta vergine"[5]

Il successo dei libri di Rudyard Kipling, Il libro della giungla e Il secondo libro della giungla, ed anche di quello di Edgar Rice Burroughs, Tarzan delle Scimmie (in cui si parla della giungla africana), hanno reso oltremodo popolare il termine, sia in senso proprio, sia in senso esteso. Le avventure a fumetti dell'Uomo mascherato, che si svolgono in una giungla localizzata in un paese di fantasia, hanno contribuito alla diffusione del termine a livello popolare, come anche i romanzi di Emilio Salgari, specie I misteri della jungla nera, ambientato nella foresta di mangrovie delle Sundarbans.

I libri di Salgari hanno dato al termine "giungla", nel linguaggio italiano corrente, una sfumatura particolare, ossia quella di foresta intricatissima ricca di aree paludose e popolata da animali pericolosi per l'uomo, come tigri e serpenti[6].

Dai libri di Kipling, di Burroughs e di Salgari vennero tratti decine e decine di film, fumetti, cartoni animati e serie televisive di grande successo popolare e tutti ambientati nella giungla, con celebri protagonistiː Mowgli, l'Uomo mascherato, Tarzan, Sandokan, Tremal-Naik. Più il termine si diffondeva, più assumeva significati generici, fino ad arrivare ad indicare qualsiasi foresta equatoriale o tropicale. Nell'immaginario collettivo, la giungla divenne così definitivamente l'ambiente della natura rigogliosa ed incontaminata, affascinante, ma piena di insidie per l'uomo, che mette alla prova sé stesso lottando contro ostacoli e difficoltà di ogni tipo, vivendo mille avventure[7].

Il 1898 vide la pubblicazione del volume Geografia su base fisiologica, in cui il botanico ed ecologo tedesco Andreas Schimper classificò per primo tutti i biomi terrestri del pianeta; per indicare le foreste che erano state sino ad allora chiamate genericamente "giungla" o "foresta vergine", egli coniò l'espressione "foresta pluviale", che nel giro di qualche decennio si impose a livello scientifico, e parzialmente anche popolare[8]. Il termine "giungla", che era diventato troppo generico, cominciò allora a tornare al suo significato originario di foresta tipica delle regioni monsoniche, anche se a livello popolare questa accezione convive ancora con quella più generica di foresta pluviale[9].

Nell'ambito dello Scautismo, inoltre, la giungla è l'ambiente fantastico in cui vive il "Branco" dei Lupetti, seguendo il libro "Le storie di Mowgli", realizzato dallo stesso Kipling su richiesta di Robert Baden-Powell.

Significato traslatoModifica

In senso tralsato, il termine "giungla" è usato nella letteratura occidentale per indicare uno spazio naturale al di fuori del controllo della civiltà, ma è anche usato come metafora di luoghi o situazioni dove la sola legge è percepita come "sopravvivenza del più adatto": la cosiddetta "legge della giungla" che domina i rapporti umani nelle megalopoli odierne. In tal senso il termine è usato, a titolo di esempio, nel film di John Huston Giungla d'asfalto, in quello di Joseph Losey Giungla di cemento e nell'opera teatrale di Bertolt Brecht Nella giungla delle città[10].

La giungla in senso proprioModifica

 
La giungla nel parco nazionale di Chitwan (Nepal)
 
L'albero del kapok

La parola "giungla", in senso proprio, indica il bioma delle zone tropicali caratterizzate dal soffiare dei monsoni, che portano all'alternarsi di una stagione secca, durante il periodo in cui spira il monsone invernale, che proviene dal centro dei continenti, e di una stagione piovosa, data dal monsone estivo, che proviene dall'oceano.

Si deve notare che alcune tra le più diffuse classificazioni climatiche, come quella del Köppen, limitano il concetto di clima monsonico alle sole regioni costiere in cui soffiano questi venti. Quando si dice che la giungla è tipica delle regioni a clima monsonico, si deve invece intendere questo clima nella sua accezione più vasta, comprendendo quindi anche l'entroterra[11].

L'alternanza di una stagione secca e di una piovosa si riflette sul tipo di vegetazione: il periodo invernale di siccità spinta fa sì che, per superare la scarsità d'acqua, la maggior parte delle piante della giungla siano a foglie caduche durante l'inverno. Ciò marca la differenza tra la giungla e la foresta pluviale vera e propria, nella quale invece le piogge sono presenti in tutti i mesi e quindi tutte le piante sono sempreverdi[10].

Inoltre, mentre nella foresta pluviale la zona vicino al terreno è tipicamente scarsa di vegetazione, che non può svilupparsi a causa della mancanza di luce dovuta al fittissimo strato superiore delle chiome, nella giungla, invece, essendo gli alberi più radi, lo strato inferiore della vegetazione è molto sviluppato, creando un intrico di rami e liane tipicamente impenetrabile alla percorrenza da parte dell'uomo. Nella giungla, infatti, lo strato arboreo più alto è meno compatto e non scherma completamente la luce, che quindi arriva sino al suolo in quantità sufficiente per lo sviluppo di un intricatissimo insieme di piante.

La giungla, sempre per la presenza di una massiccia percentuale di specie caducifoglie, si distingue dalle altre foreste appartenenti al bioma delle foreste aride di latifoglie tropicali e subtropicali, alcune delle quali sono sempreverdi o semidecidue. La stagione siccitosa, infatti, in certi climi non riesce ad esaurire completamente le riserve d'acqua del suolo e gli alberi in questo caso possono rimanere sempreverdi.

La giungla, per la sua copertura arborea completa, si distingue dalla savana, che pure è il risultato di un clima con alternanza di una stagione secca e di una piovosa; la copertura totale del terreno da parte degli alberi è conseguenza di una stagione piovosa particolarmente lunga, che ne favorisce lo sviluppo.

Piante e animali della giunglaModifica

Alberi tipici della giungla sono il kapok, il teak, il sandalo, vari ficus, tra cui il fico delle pagode, diverse specie del genere Diospyros da cui si ricava l'ebano e diverse specie del genere Dalbergia, da cui si ricava il palissandro. Tipica della giungla è inoltre la presenza di varie specie di bambù[10].

Tra gli animali che vivono nella giungla asiatica, si ricordano le tigri, gli elefanti indiani, i rari leoni indiani, le volpi del bengala, gli avvoltoi del Bengala, i cobra reali, i pitoni. Nella giungla delle Piccole Isole della Sonda vivono i draghi di Komodo.

Diffusione della giungla nei vari continentiModifica

Le zone di maggiore estensione di giungla, intesa come foresta tropicale decidua, si trovano in India centrale (Foreste decidue dell'altopiano del Deccan centrale", "Foreste decidue del Chhota-Nagpur", "Foreste decidue di Kathiarbar-Gir", "Foreste decidue della valle della Narmada", "Foreste decidue dell'India nord-orientale" e "Foreste decidue dell'altopiano meridionale del Deccan") e in Indocina ("Foreste decidue dell'Indocina centrale" e "Foreste dell'Irrawaddy"). Zone di estensione più limitata si trovano nel Madagascar occidentale ("Foreste decidue del Madagascar occidentale") e nello Yucatan ("Foreste decidue dello Yucatan"). Le altre zone hanno un'estensione molto minore.

EcoregioniModifica

Si riporta l'elenco delle ecoregioni definite dalla lista Global 200 caratterizzate dalla presenza della giungla, intesa nel senso proprio, ossia di foresta tropicale decidua.

In AsiaModifica
 
Fico delle pagode
 
Tigre
  • India. Nella giungla indiana sono ambientati i racconti di Rudyard Kipling contenuti in Il libro della giungla e in Il secondo libro della giungla.
    • Foreste decidue dell'altopiano del Deccan centrale. L'ecoregione è una delle zone a giungla più vaste del mondo, con i suoi 240.000 km2; è caratterizzata da un'elevata densità di popolazione umana, insolitamente associata alla presenza di numerose specie di grandi vertebrati, tra cui la tigre (Panthera tigris)[12].
    • Foreste decidue del Chhota-Nagpur. Nell'ecoregione, anch'essa una delle più vaste giungle del mondo, estendendosi per 122.000 km2, sono presenti grandi popolazioni del più grande predatore asiatico, la tigre (Panthera tigris) e del più grande erbivoro, l'elefante indiano (Elephas maximus indicus)[13].
    • Foreste decidue di Kathiarbar-Gir. È un'ecoregione vastissima, estendendosi per 267.000 km2. In queste foreste è presente l'unica popolazione superstite del leone asiatico (Panthera leo persica)[14].
    • Foreste decidue della valle della Narmada. L'ecoregione è molto vasta, con i suoi 168.000 km2. Anche qui è presente la tigre (Panthera tigris)[15].
    • Foreste decidue dell'India nord-orientale. Si estende per ben 58.000 km2. Queste foreste ospitano molti grandi vertebrati, tra cui la tigre (Panthera tigris)[16].
    • Foreste decidue dell'altopiano meridionale del Deccan. Anche questa ecoregione è una delle più vaste zone di giungla del mondo, estendendosi per 82.000 km2. Vi si trova la più grande popolazione di elefanti in India, nell'area che va dalle colline di Nilgiri ai Ghati orientali, stimata in oltre 6.000 animali[17].
  • Arcipelago malese
    • Foreste decidue delle Piccole Isole della Sonda (Indonesia). La fauna di questa ecoregione è molto particolare per la coesistenza di specie asiatiche e australiane. Vi si trovano specie endemiche, tra cui il drago di Komodo, la più grande lucertola del mondo, la volpe volante di Lombok e diciassette specie di uccelli che non si trovano da nessun'altra parte sulla Terra[18].
    • Foreste decidue dell'isola Sumba (Indonesia). Anche questa regione è caratterizzata dalla coesistenza di specie asiatiche e australiane[19].
    • Foreste decidue di Timor e Wetar (Indonesia e Timor Est). Anche qui la pecularietà è la mescolanza di specie asiatiche e australiane. Quasi due terzi dell'estensione originale delle foreste sono però stati abbattuti dall'uomo e ormai rimangono solo frammenti di habitat naturale, a loro volta in pericolo di scomparsa[20].
  • Indocina
In AfricaModifica
In AmericaModifica
  • Antille
  • Messico
  • America centrale
    • Foreste di Panama (Panama). Solo alcune zone di questa ecoregione sono caratterizzate da foreste tropicali decidue[33].
  • America del sud
    • Foreste di Lara e Falcón (Venezuela). Le foreste decidue tropicali sono limitate all'area orientale dell'ecoregione[34].
    • Foreste di Apure e Villavicencio (Colombia e Venezuela). In questa ecoregione le foreste decidue si alternano con foreste semi-decidue e a praterie[35].
    • Foreste della valle del fiume Cauca (Colombia). In questa ecoregione le foreste decidue si alternano con le foreste sempreverdi e con la macchia, mentre lungo il fiume Cauca si estende una foresta a galleria[36].
    • Foreste della costa pacifica dell'Equador (Equador). Foreste decidue si estendono solo nella parte settentrionale dell'ecoregione, al di sotto dei 600 metri, e nelle aree meridionali, dove si registrano meno di 1000 mm di precipitazioni all'anno; in queste zone tali foreste arrivano fino ad un'altezza di 2000 metri[37].
    • Foreste dell'alto corso del fiume Marañón (Perù). Solo alcune zone di questa piccola ecoregione di alta importanza biologica sono caratterizzate da foreste tropicali decidue; il resto è occupato da macchia e da vegetazione ripariale[38].
    • Foreste atlantiche brasiliane (Brasile). In questa vasta ecoregione le foreste decidue si alternano con quelle semi-decidue[39]

Altre aree a giunglaModifica

Secondo fonti diverse dalla lista Global 200, esistono altre aree caratterizzate dalla giungla, nei vari continenti.

In AsiaModifica
In AfricaModifica

In OceaniaModifica

NoteModifica

  1. ^ Alessandra Magistrelli, voce Giungla nell' Enciclopedia dei Ragazzi - Treccani, 2005. Consultabile a questa pagina
  2. ^ a b c d e Arthur N. Strahler, Geografia fisica, Piccin editore, (pagina 320). ISBN 88-299-0015-X.
  3. ^ Charlotte Rogers, Jungle Fever: Exploring Madness and Medicine in Twentieth-Century Tropical Narratives. Vanderbilt University Press, Nashville, 2012 . ISBN 9780826518316.
  4. ^ Candace Slater, In Search of the Rain Forest, Duke University Press, 2004. ISBN 9780822385271.
  5. ^ Vocabolario Treccani, voce giungla.
  6. ^
    • Vocabolario Garzanti, voce Giungla;
    • Dizionario "Sapere", voce Giungla;
    • Vocabolario Treccani, voce Giungla.
  7. ^ Dizionario La Repubblica, voce Giungla
  8. ^ Andreas Franz Wilhelm Schimper Plant-geography Upon a Physiological Basis, 1903 edizioni Oxford University Press, Clarendon Press. [1].
  9. ^
    • Vocabolario Treccani, voce [2];
    • Vocabolario De Mauro, voce Giungla;
    • Dizionario Sabatini Coletti, voce Giungla.
  10. ^ a b c Voce Giungla nel Vocabolario Treccani, consultabile a questa pagina; Alessandra Magistrelli, voce Giungla nell' Enciclopedia dei Ragazzi - Treccani, 2005. Consultabile a questa pagina
  11. ^ a b *Lupia Palmieri, Parotto, Saraceni, Strumia, Scienze naturali, Zanichelli editore, 2011 (capitolo I climi caldi umidi e i climi aridi.
  12. ^ Ecoregione IM0201
  13. ^ Ecoregione IM0203
  14. ^ Ecoregione IM0206
  15. ^ Ecoregione IM0207
  16. ^ Ecoregione IM0208
  17. ^ Ecoregione IM0209
  18. ^ Ecoregione AA0201
  19. ^ Ecoregione AA0203
  20. ^ Ecoregione AA0204
  21. ^ Ecoregione IM0202
  22. ^ Ecoregione IM0205
  23. ^ Ecoregione AT0202
  24. ^ Ecoregione NT0226
  25. ^ Ecoregione NT0213
  26. ^ Ecoregione NT0227
  27. ^ Ecoregione NT0201
  28. ^ Ecoregione NT0235
  29. ^ Ecoregione NT0233
  30. ^ Ecoregione NT0217
  31. ^ Ecoregione NT0230
  32. ^ Ecoregione NT0228
  33. ^ Ecoregione NT0224
  34. ^ Ecoregione NT0219
  35. ^ Ecoregione NT0201
  36. ^ Ecoregione NT0207
  37. ^ Ecoregione NT0214
  38. ^ Ecoregione NT0223
  39. ^ Ecoregione NT0202
  40. ^ Anthony Ham, Africa occidentale, edizioni EDT. ISBN 978-88-592-0584-5.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàGND (DE4309343-7
  Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente