Apri il menu principale

Gun Shy - Un revolver in analisi

film del 2000 diretto da Eric Blakeney
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gun Shy.
Gun Shy - Un revolver in analisi
GunShy.png
Liam Neeson e Sandra Bullock in una scena
Titolo originaleGun Shy
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2000
Durata101 min
Generecommedia, poliziesco, sentimentale
RegiaEric Blakeney
SoggettoEric Blakeney
SceneggiaturaEric Blakeney
ProduttoreSandra Bullock
FotografiaTom Richmond
MontaggioPamela Martin
Effetti specialiChris Nelson - Ron Trost
ScenografiaMaher Ahmad
CostumiMary Claire Hannan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gun Shy - Un revolver in analisi (Gun Shy) è un film del 2000 diretto da Eric Blakeney e interpretato da Liam Neeson, Sandra Bullock e Oliver Platt.

TramaModifica

Charlie Mayeaux è un agente dell'FBI in forza alla DEA infiltrato nella malavita che dopo essere stato quasi ucciso perde il suo coraggio e la sua sicurezza. Deciso a ritirarsi, i suoi superiori gli impongono di partecipare a un'ultima operazione per catturare Fulvio Nesstra, uno spietato gangster della malavita newyorkese d'origini italiane. Lo stress procura a Charlie, oltre a sedute di analisi e terapie di gruppo, problemi intestinali per i quali è costretto a rivolgersi all'infermiera Judy Tipp. Ne nasce una relazione basata sui cibi salutari e giardinaggio.

Il suo compito nell'operazione è di fare da intermediario tra il clan dei Minetti, cui appartiene Fulvio, e il narcotrafficante colombiano Fidel Vaillar. I due malavitosi si dimostrano diversi da come sono descritti: Fulvio odia il lavoro di gangster e Fidel è un omosessuale che vuole passare il resto della vita con la sua guardia del corpo. Il superiore di Charlie si dimostra un agente corrotto in accordo con don Carmine Minetti, boss della mafia newyorkese e genero di Fulvio. Alla fine Judy e colleghi della terapia di gruppo, travestiti da agenti dell'FBI, irrompono alla riunione tra malavitosi, salvando sia Charlie che Fulvio da morte certa.

CriticaModifica

Elvis Mitchell del New York Times ha affermato che "la regia è abile, e il materiale è molto buono. Dà qualcosa agli attori a cui rispondere, è all'altezza della sfida". Altri revisioni non sono state così gentili e ha ricevuto un punteggio di 42 su 100 da Metacritic, su una base di 20 recensioni.

Colonna sonoraModifica

L'album è stato pubblicato il 4 febbraio del 2000 ed è prodotto dalla Hollywood Records.

TracceModifica

  1. Blue Skies for Everyone - Bob Schneider
  2. Under the Sun - Big Kenny
  3. Drunk is Better Than Dead - The Push Stars
  4. Round & Round - Bob Schneider
  5. This Time - Los Lobos
  6. Is It Too Late? - World Party
  7. More Than Rain - Tom Waits
  8. It's a Man's Man's Man's World - James Brown
  9. Staysha Brown - The Scabs
  10. I'm Your Boogie Man - KC and the Sunshine Band
  11. Start the Commotion - The Wiseguys
  12. Caro Mio Ben - Helga Bullock

DistribuzioneModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN179570483 · LCCN (ENn2003079581 · WorldCat Identities (ENn2003-079581
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema