Apri il menu principale

I gendarmi di Saint-Tropez è una serie di film francesi realizzati da Jean Girault.

In alto la squadra nel film 6 gendarmi in fuga del 1970.
In basso la squadra nel 1978 durante le riprese del film Il gendarme e gli extraterrestri.

Questa saga è composta da sei film:

A sinistra l’antica gendarmeria di Saint-Tropez che è servita da sfondo nei primi cinque episodi della serie, a destra la nuova Gendarmeria usata solo nell'ultimo film.

Gli attori principali sono Louis de Funès nel ruolo del maresciallo Ludovic Cruchot, Michel Galabru nel ruolo del maresciallo Jérôme Gerber, Jean Lefebvre nel ruolo di Lucien Fougasse, Christian Marin nel ruolo di Albert Merlot, Guy Grosso nel ruolo di Gaston Tricard, Michel Modo nel ruolo di Jules Berlicot, Maurice Risch nel ruolo di Beaupied, Jean-Pierre Rambal nel ruolo di Taupin e Patrick Préjean nel ruolo di Perlin.

Indice

PersonaggiModifica

I tecnici dei filmModifica

Doppiatori italianiModifica

Di seguito sono riportati i doppiatori italiani dei film.

I punti interrogativi segnati nella tabella significano che i film sono usciti in Italia, ma i cui doppiatori sono ignoti. Il film Il gendarme e gli extraterrestri fu proiettato nelle sale italiane, ma non si trova più la versione doppiata.

Il gendarme Perlin che compare solo nell'ultimo film, non venne mai doppiato anche perché la pellicola è inedita in Italia.

Titoli Film
Una ragazza a Saint-Tropez
(1964)
Tre gendarmi a New York
(1965)
Calma ragazze, oggi mi sposo
(1968)
6 gendarmi in fuga
(1970)
Il gendarme e gli extraterrestri
(1979)
Le Gendarme et les gendarmettes
(1982)
Ludovic Cruchot Carlo Baccarini Carlo Romano Stefano Sibaldi ?
Jérôme Gerber Giorgio Piazza Sergio Tedesco Ferruccio Amendola ?
Gaston Tricard Silvio Anselmo ? Gianfranco Bellini ? ?
Jules Berlicot Mario Mastria ? ? ? ?
Lucien Fougasse Nino Dal Fabbro Ferruccio Amendola Oreste Lionello ?
Albert Merlot Carlo D'Angelo Gianfranco Bellini Ferruccio Amendola Gianfranco Bellini
Beaupied ?
Taupin ?
Perlin

Il 7º e l'8º capitoloModifica

Settimo capitoloModifica

In un'intervista del 24 gennaio 2008, Richard Balducci, sceneggiatore dei primi due film dei Gendarmi, rivela un sequel inedito della serie dei gendarmi, su cui ha lavorato con Louis de Funès[2]:

«Abbiamo iniziato a lavorare su una sceneggiatura che ruotava intorno la storia di un gendarme perso nel triangolo delle Bermuda. Il lavoro è andato bene, ma purtroppo Louis ci ha lasciato prima che fosse realtà.» Alla domanda il film sarà realizzato senza la morte di Louis de Funès? Richard Balducci rispose «Sì, certo, nessun problema». Più tardi, ha aggiunto che questo progetto sarebbe dovuto essere il settimo capitolo della serie[3] e probabilmente uscito nel 1984 per il 20º anniversario della serie. La sceneggiatura del progetto, intitolato Projet de scénario pour une suite au film Le Gendarme et les Extra-terrestres (lett. sceneggiatura di progetto per un sequel del film Il gendarme e gli extraterrestri spesso presentata come Le Gendarme et la vengeance des extraterrestres lett. Il Gendarme e la vendetta degli extra-terrestri), è stato trovato negli archivi dello scrittore Jean Halain[4] e mette in scena il ritorno degli extra-terrestri. Il copione inizia sulla Passeggiata degli Inglesi a Nizza, nel carnevale "che illustra le recenti avventure della brigata di Saint-Tropez contro gli extra-terrestri" prima del ritorno di questi venuti per la loro vendetta. I gendarmi si trovano nel loro disco volante e si incontrano con il loro capo, che chiamano Le Grand Stratège o le Maître Souverain (lett. Grande Stratega o Maestro Sovrano) "un atleta a capo delle SS". Al loro ritorno sulla Terra, si depositano su un'isola del Triangolo delle Bermude "la zone diabolique des catastrophes et des disparitions" (lett. la zona diabolica del disastro e delle sparizioni)[4]...

Ottavo capitoloModifica

L’ottavo capitolo, intitolato Le gendarme et l'Empereur (Il gendarme e l'imperatore), anche co-scritto da Richard Balducci il cui script è attualmente in mostra al Museo della gendarmeria di Saint-Tropez, che si trova nei locali della ex caserma della gendarmeria, racconta la storia di gendarmi, dopo un viaggio nel tempo, si ritrovano nel 1815 nel campo di battaglia di Waterloo, dove si incontrano l'imperatore[5]. Per i 50 anni dall'uscita di Una ragazza a Saint-Tropez, Richard Balducci ci rende questa sintesi: «E c'era tanto traffico tra i pianeti che aveva deciso di inviare una brigata di mettere in ordine, le luci rosse, rendere il traffico... e abbiamo deciso di inviare la brigata di Saint-Tropez in orbita lassù. In questo tipo di capsula, Michel Galabru diventa matto con la paura e toccare su di esso. La capsula ruoterà in rotazione inversa della terra. In modo che tutti i tre minuti torni il giorno. Quando ritornano sulla Terra, che vedono un ragazzo su un cavallo bianco su una collina. Sono a Waterloo ed è l'imperatore»[3][6]. Questo progetto sembra essere stato ben avviato in quanto la Storyboard era già finito[7]. Questo viaggio nel tempo rivela in particolare le origini della famiglia Cruchots. Originario di Ardèche[8], il primo è Armand Cruchot, vissuto alla fine del vecchio regime. Suo figlio Ernest, del soldato della Grande Armata, accompagnato insieme a Napoleone in tutte le sue campagne, fino alla terribile battaglia di Waterloo[8]. Ha sposato una certa Léontine ed è stato ri-mandato a Ardèche. Il loro figlio Armand, era un Guardiaparco nello stesso dipartimento e il loro piccolo figlio, Alphonse (padre di Ludovic Cruchot) fu un postino nella città di Gap[9].

La scomparsa dei GendarmiModifica

Dopo la morte del realizzatore e di Louis de Funès termina definitivamente la serie: l'attore muore il 27 gennaio 1983 qualche mese dopo all'uscita del film le Gendarme et les gendarmettes.

Diciotto anni più tardi, è Guy Grosso, dove aveva il ruolo del gendarme Tricart, muore, il 14 febbraio 2001. Qualche mese dopo, Jean-Pierre Rambal, aveva recitato nel penultimo film della serie, Il gendarme e gli extraterrestri, dove aveva interpretato il gendarme Taupin, muore il 18 settembre 2001. Tre anni dopo, Jean Lefebvre, che interpretò il gendarme Fougasse, muore per un Infarto miocardico acuto, a Marrakech in Marocco, il 9 luglio 2004. L'altro membro del duo Grosso et Modo, Michel Modo, che aveva il ruolo del gendarme Berlicot, muore di cancro il 25 settembre 2008. Christian Marin muore il 5 settembre 2012[10], all'età di 83 anni, poche settimane dopo aver completato la scrittura delle sue memorie. Michel Galabru resta quindi l'ultimo "gendarme" dei primi quattro film della saga ancora in vita; ha continuato la sua carriera di attore fino alla sua morte, avvenuta il 4 gennaio 2016[11] all'età di 93 anni.

Maurice Risch dove interpretò il gendarme Beaupied nel quinto e sesto film della saga e Patrick Préjean nel ruolo del gendarme Perlin nell'ultimo film, sono gli ultimi due "gendarmi" ancora in vita.

NoteModifica

  1. ^ Inizialmente, il maresciallo capo Gerber avrebbe dovuto essere interpretato da Pierre Mondy, ma quest'ultimo era all'epoca occupato al teatro e non ha potuto partecipare al film, fu sostituito da Michel Galabru
  2. ^ Franck et Jerome Interview de Richard Balducci 26 février 2015
  3. ^ a b Intervista francese di Richard Balducci
  4. ^ a b Jean HALAIN
  5. ^ Notiziario in francese riguardo al film
  6. ^ Les Gendarmes de Saint-Tropez, Édition 50 Anniversaire, coffret 6 DVD +
  7. ^ Le gendarme et l'empereur. Richard Balducci. Musée de la gendarmerie et du cinéma, 2016 - 40 pages
  8. ^ a b Le gendarme et l'empereur. Richard Balducci. Musée de la gendarmerie et du cinéma, 2016, p21
  9. ^ Le gendarme et l'empereur. Richard Balducci. Musée de la gendarmerie et du cinéma, 2016, p34
  10. ^ necrologio di C. Martin: "Christian Marin, mort d'un gendarme de Saint-Tropez" del 5 settembre 2012 su lepoint.fr (FR)
  11. ^ INFO LE FIGARO - Michel Galabru est mort, su lefigaro.fr. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema