Il falco d'oro

film del 1955 diretto da Carlo Ludovico Bragaglia
Il falco d'oro
Titolo originaleIl falco d'oro
Paese di produzioneItalia
Anno1955
Durata90 min. (2.480 metri)
Dati tecniciFerraniacolor, schermo Cinepanoramic
Genereavventura
RegiaCarlo Ludovico Bragaglia
SoggettoTirso De Molina
SceneggiaturaAlessandro Continenza, Italo De Tuddo
ProduttoreOttavio Poggi
Casa di produzioneP.O. Film
Distribuzione in italianoIndipendenti Regionali
FotografiaAlvaro Mancori
MontaggioEnzo Alfonsi
MusicheEzio Carabella
ScenografiaErnest Kromberg
CostumiGiancarlo Bartolini Salimbeni
TruccoGuglielmo Bonotti
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Il falco d'oro è un film del 1955, diretto da Carlo Ludovico Bragaglia, tratto dal romanzo Don Gil dalle calze verdi di Tirso De Molina.

TramaModifica

Siena, 1600: un odio secolare divide le famiglie Montefalco e Della Torre. Per porre fine a questo stato di cose, si pensa a un matrimonio tra Massimo Montefalco e Ines Della Torre, ma una fanciulla, Fiammetta, fugge da un castello per mandare a monte le nozze. Lei, innamorata di Massimo, si traveste da Falco d'oro e cerca di combinare guai tali da far passare il giovane per colpevole e infatti poco dopo viene arrestato. Ines però non vuole rinunciare al matrimonio; Massimo viene liberato dopo qualche giorno. Fiammetta non si dà per vinta e gli propina un sonnifero facendolo trovare al mattino seguente tra le braccia di una compiacente servetta. Dopo alterne vicende egli, però, si convincerà dell'amore di Fiammetta e rinuncerà a Ines per sposare lei. Per Ines sarà pronto un altro sposo, mentre il vecchio Della Torre andrà a nozze con Gertrude di Montefalco, rimasta vedova.

ProduzioneModifica

Il film, iscritto al Pubblico registro cinematografico con il n. 1.612, venne presentato alla Commissione di revisione cinematografica il 14 dicembre 1955 e ottiene il visto censura 20.541 del 17 dicembre 1955, con una lunghezza della pellicola di 2.480 metri.

DistribuzioneModifica

Venne distribuito nel circuito cinematografico italiano il 23 dicembre del 1955.

Venne proiettato anche in Germania con il titolo Der goldene Falke.

AccoglienzaModifica

Incassò 245.530.000 lire dell'epoca.

BibliografiaModifica

Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano. I film dal 1945 al 1959, Gremese editore, Roma (2002), pag. 169.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema