István Szabó (regista)

regista ungherese

István Szabó (IPA: [ˈiʃtvaːn ˈsɒboː]) (Budapest, 18 febbraio 1938) è un regista e sceneggiatore ungherese.

Di origine ebraica (la famiglia si convertí al cattolicesimo quando lui era ancora bambino)[1][2], Szabó debuttò con i cortometraggi A Hetedik napon (1959) e Plakátragasztó (1960), ma il suo primo film di una certa rilevanza fu Almodozasok kora (L'età delle illusioni, del 1964), cui fecero seguito altri lungometraggi che ebbero una limitata diffusione al di fuori del suo paese di origine (fra cui il pregevole Bizalom, del 1979). Szabó si impose a livello internazionale solo agli inizi degli anni ottanta, con Mephisto (1981). Buona accoglienza da parte della critica e del grande pubblico hanno avuto anche: Il colonnello Redl (1985), La notte dei maghi (1988) e Sunshine (1999).

Indice

Filmografia parzialeModifica

CortometraggiModifica

  • A Hetedik napon (1959)
  • Plakátragasztó (1960)
  • Variaciok egy témara (1961)
  • Koncert (1963)
  • Te (1963)
  • Kresz-mese gyerekeknek (1965)
  • Kegyelet (1967)

LungometraggiModifica

PremiModifica

  • 1982 Efebo d'Oro - Premio Internazionale Cinema Narrativa - per il film "Mephisto" , tratto dal romanzo di Klaus Mann

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF: (EN74042594 · ISNI: (EN0000 0001 1029 5453 · LCCN: (ENn78056193 · GND: (DE119160188 · BNF: (FRcb139449352 (data)
  1. ^ "Istvan Szabo Biography," <http://www.filmreference.com/film/58/Istvan-Szabo.html>, Film Reference. Retrieved 6 May 2012.
  2. ^ David Paul, “An Excerpt from ‘István Szabó,’” David W. Paul, 6 May 2012 <http://home.comcast.net/~dwp1944/Szabo.htm>.