Joanna Russ

autrice di fantascienza statunitense

Joanna Russ (New York, 22 febbraio 1937Tucson, 29 aprile 2011) è stata un'autrice di fantascienza statunitense, nota per il suo impegno nel movimento femminista.

BiografiaModifica

La Russ si fece notare inizialmente nel mondo della fantascienza, all'inizio degli anni settanta, un periodo in cui le donne iniziavano a essere presenti in grande numero in questo genere letterario. Si può dire, ed è stato detto, che la fantascienza era un genere dominato da autori maschi, spesso ritenuti scrivere per un pubblico prevalentemente maschile; per contro la Russ fu una delle autrici più franche nello sfidare questo dominio maschile del genere.

Un esempio notevole è nel suo romanzo, We Who Are About To, una furba variazione di un tema consolidato della fantascienza: un gruppo di viaggiatori spaziali sperduto su un pianeta disabitato, decide di dover formare una colonia e "perpetuare la specie". Uno dei naufraghi è una donna che non ha particolare desiderio di essere parte di questa impresa. Quando gli altri cercano di costringerla a far parte della colonia, lei si ribella.

Fra le opere di fantascienza della Russ la più nota, anche a livello internazionale, è però Female Man (The Female Man, 1975), opera d'avanguardia e apologo su come società differenti possano produrre differenti versioni della stessa persona, e su quale interazione sia possibile, soprattutto di fronte al sessismo.

Oltre alla sua opera come scrittrice di fantascienza e fantasy (molte delle sue prime opere pubblicate sono brevi racconti horror), è stata anche autrice teatrale e saggista, ben nota per lavori come la raccolta di saggi Magic Mommas, Trembling Sisters, Puritans & Perverts e il suo studio sul femminismo moderno, What Are We Fighting For?.

La Russ era dichiaratamente lesbica e la tematica lesbico-femminista, trattata da un punto di vista politico, costituisce un elemento importante nelle sue opere.

OpereModifica

Romanzi

Romanzi brevi

  • The Adventures of Alyx (1976)
  • The Zanzibar Cat (1983)
  • (Extra)ordinary People (1985)
  • The Hidden Side of the Moon (1987)

Saggistica

  • How to Suppress Women's Writing (1983)
  • Magic Mammas, Trembling Sisters, Puritans and Perverts: Feminist Essays (1985)
  • To Write Like a Woman (1996)
  • What Are We Fighting For?: Sex, Race, Class, and the Future of Feminism (1997)
  • The Country You Have Never Seen (2005)

BibliografiaModifica

  • Cortiel, Jeanne. Demand My Writing: Joanna Russ/Feminism/Science Fiction. Science Fiction Texts and Studies. Liverpool, England: Liverpool UP, 1999. ISBN 0-85323-614-3
  • ---. "Determinate Politics of Indeterminacy: Reading Joanna Russ's Recent Work in Light of Her Early Short Fiction." Future Females, the Next Generation: New Voices and Velocities in Feminist Science Fiction Criticism. Eds. Marleen S. Barr, et al. Lanham, MD: Rowman & Littlefield, 2000. 219-36. ISBN 0-8476-9126-8
  • ---. Joanna Russ. Significant Contemporary Feminists: A Biocritical Sourcebook. Ed. Jenifer Scanlon. New York, Westport, CT, and London: Greenwood, 1999.
  • Delany, Samuel "Orders of Chaos: The Science Fiction of Joanna Russ." Women Worldwalkers: New Dimensions of Science Fiction and Fantasy. Ed. Jane B. Weedman. Lubbock: Texas Tech P, 1985. 95-123.
  • Delany, Samuel. "Introduction." Joanna Russ. We Who Are About To. Middletown, Conn.: Wesleyan University Press, 2005. v-xv. ISBN 0819567590
  • Hacker, Marilyn. "Science Fiction and Feminism: The Work of Joanna Russ." Chrysalis 4 (1977): 67-79.
  • Holt, Marilyn J. "Joanna Russ, 1937." Science Fiction Writers: Critical Studies of the Major Authors from the Early Nineteenth Century to the Present Day. Ed. Everett Franklin Bleiler. New York: Scribner's, 1982. 483-90.
  • Law, Richard G. "Joanna Russ and The "Literature of Exhaustion"." Extrapolation 25 (1984): 146-56.
  • Malmgren, Carl. "Meta-Sf: The Examples of Dick, Leguin, and Russ." Extrapolation: A Journal of Science Fiction and Fantasy 43.1 (2002): 22.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN109024489 · ISNI (EN0000 0001 2147 2216 · Europeana agent/base/60072 · LCCN (ENn80034316 · GND (DE118923374 · BNF (FRcb12636731r (data) · BNE (ESXX909922 (data) · NDL (ENJA00833865 · WorldCat Identities (ENlccn-n80034316