Apri il menu principale

John Bryant (attore 1916)

attore statunitense

John Bryant (Dixon, 10 agosto 1916Hollywood, 13 luglio 1989) è stato un attore statunitense.

Ha recitato in oltre 20 film dal 1950 al 1969 ed è apparso in oltre 60 produzioni televisive dal 1954 al 1988.[1]

BiografiaModifica

John Bryant nacque a Dixon, in Illinois, il 10 agosto 1916. Debuttò al cinema agli inizi degli anni cinquanta e in televisione a metà dello stesso decennio.

Si dedicò a una lunga carriera televisiva dando vita a numerosi personaggi per varie serie, tra cui Don Griffin in diversi episodi della serie The Fisher Family e il dottor Carl Spaulding in 24 episodi della serie Il virginiano, dal 1963 al 1967. Diede inoltre vita a numerosi personaggi minori in molti episodi di serie televisive collezionando diverse apparizioni come guest star e come interprete di più personaggi per singola serie, dagli anni cinquanta agli anni ottanta, come in cinque episodi di Letter to Loretta, due episodi di Scienza e fantasia, due episodi di Lux Video Theatre, due episodi di The Donna Reed Show, due episodi di Laramie, due episodi di Coronado 9 e sei episodi di Perry Mason.[2]

La sua carriera per il grande schermo può contare su diverse partecipazioni; tra i personaggi a cui diede vita si possono citare il capitano G.R. Ross in Da qui all'eternità del 1953, Jim Houston in All'inferno e ritorno del 1955, Sam Adams in Courage of Black Beauty del 1957, William R. Darrow Jr. in L'uomo dai mille volti del 1957, Carl Beckman in Mare caldo del 1958, Mark Fleming in Il mostro che uccide del 1959, James W. Bradford in I'll Give My Life del 1960, Ken Gault in Noi due sconosciuti del 1960, Harry Davis in È l'ora del twist del 1961, Spence in Anime sporche del 1962 e Doug in I cacciatori del lago d'argento del 1965.[1] La sua ultima apparizione per la televisione avvenne nell'episodio Time in a Bottle della serie televisiva Autostop per il cielo, andato in onda il 20 gennaio 1988, mentre per il cinema l'ultimo ruolo che interpretò fu quello non accreditato nel film del 1969 Indianapolis, pista infernale.[2]

Tra gli anni cinquanta e sessanta partecipò ad una serie di popolari spot per la televisione per le sigarette Marlboro. Morì a Hollywood il 13 luglio 1989.[3]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Internet Movie Database, op. cit.
  2. ^ a b (EN) IMDb, Ruoli in serie televisive, su imdb.com. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  3. ^ Find a Grave, op. cit.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66199481 · LCCN (ENno2005028093 · WorldCat Identities (ENno2005-028093