Apri il menu principale
Partito Comunista d'Austria
Kommunistische Partei Österreichs
Kommunistische Partei Österreichs Logo.svg
LeaderMirko Messner e Melina Klaus (portavoce federali)
StatoAustria Austria
SedeDrechslergasse, 42 - 1140 Wien
Fondazione1918
IdeologiaComunismo
CollocazioneEstrema sinistra
Affiliazione internazionaleSinistra Europea
Seggi Nationalrat
0 / 183
 (2017)
Seggi Bundesrat
0 / 18
 (2014)
Organizzazione giovanileGioventù Comunista Austriaca
Sito web

Il Partito Comunista d'Austria (in tedesco Kommunistische Partei Österreichs, KPÖ) è un partito politico austriaco. Nato nel 1918, è oggi il più antico dei partiti austriaci. Fu proibito e duramente represso sotto il regime austrofascista di Engelbert Dollfuss e Kurt von Schuschnigg (1933-1938) e sanguinosamente perseguitato durante il periodo nazista successivo all'Anschluss (dal 1938 al 1945). Esso ha avuto un ruolo fondamentale nella Resistenza austriaca.

Indice

FondazioneModifica

Il Partito è stato ufficialmente fondato il 3 novembre 1918 da Ruth Fischer assieme ad altri operai che stavano scioperando sull'onda lunga della rivoluzione russa. Il 12 novembre del 1918 il Partito cercò anche di attuare, senza successo, una rivoluzione. Importante notare come il Governo sovietico non approvò né aiutò i ribelli austriaci.

Situazione attualeModifica

Attualmente il KPÖ non è rappresentato nel Parlamento austriaco, ma soltanto in governi locali e specialmente quello della città di Graz dove, nelle elezioni del 2003, ha ottenuto il 20,5% dei voti. Il leader del KPÖ della Stiria, Ernest Kaltenegger, è però entrato in contrasto con la linea della direzione nazionale del partito[1]. Alle successive elezioni del 2008 Kaltenegger non si è candidato, e il partito è drasticamente caduto all'1,12%. Il 30 marzo 2009, Ernst Kaltenegger e il presidente del KPÖ della Stiria, Ernst Parteder, hanno annunciato il loro prossimo ritiro dalla vita politica, per favorire il rinnovamento generazionale in seno al Partito.[2]

Risultati elettoraliModifica

Elezioni legislativeModifica

Anno Voti Seggi
1990 25 682
0 / 183
1994 11 919
0 / 183
1995 13 939
0 / 183
1999 22 016
0 / 183
2002 27 568
0 / 183
2006 131 688
0 / 183
2008 86 194
0 / 183
2013 48 175
0 / 183
2017 39 689
0 / 183

Elezioni presidenzialiModifica

Elezioni europeeModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN127536019 · ISNI (EN0000 0001 1087 8325 · LCCN (ENn50062248 · GND (DE6012-4 · BNF (FRcb121239069 (data)