Apri il menu principale

Kazuyoshi Funaki

saltatore con gli sci giapponese

BiografiaModifica

Funaki iniziò a praticare salto con gli sci a undici anni[senza fonte]. Esordì nella Coppa del Mondo di salto con gli sci il 20 dicembre 1992 a Sapporo (27°). Due anni più tardi ottenne la prima vittoria in Coppa del Mondo, il 10 dicembre 1994 sul trampolino normale di Planica.

Le stagioni dal 1997 al 1999 furono le più ricche di risultati per Funaki: ai Mondiali del 1997 vinse l'argento nella gara a squadre, come membro del quartetto giapponese, e concluse la stagione al terzo posto nella classifica generale di Coppa del Mondo.

L'anno seguente a gennaio vinse prima il prestigioso Turneo dei quattro trampolini, poi diventò campione del mondo di volo con gli sci. A febbraio, ai XVIII Giochi olimpici invernali che si disputavano in patria, a Nagano, vinse la medaglia d'oro sul trampolino lungo K120 ottenendo da tutti i giudici il massimo punteggio per lo stile[senza fonte]; vinse inoltre l'argento nel trampolino normale K90 e guidò il quartetto giapponese alla vittoria nella gara a squadre. Fu uno dei beniamini del pubblico di quell'edizione dei Giochi, e secondo le dichiarazioni di Funaki stesso il sostegno dei tifosi svolse un ruolo chiave nel suo successo olimpico: «Il boato degli spettatori cambiò il vento per me», dichiarò ai giornalisti[senza fonte]. A fine stagione fu secondo nella classifica generale di Coppa del Mondo dietro allo sloveno Primož Peterka, il miglior piazzamento finale della sua carriera.

Ai Mondiali del 1999 si laureò campione del mondo sul trampolino normale K90 e fu di nuovo argento nella gara a squadre. Nelle stagioni successive Funaki faticò a ottenere risultati di rilievo, soprattutto a livello individuale; ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002 fu 9° nel trampolino normale, 7° nel trampolino lungo, 5° nella gara a squadre. Con il quartetto giapponese vinse comunque l'argento nella gara a squadre ai Campionati mondiali di sci nordico 2003.

PalmarèsModifica

OlimpiadiModifica

  • 3 medaglie:

MondialiModifica

Mondiali di voloModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 2º nel 1998
  • 45 podi (38 individuali, 7 a squadre):
    • 17 vittorie (15 individuali, 2 a squadre)
    • 14 secondi posti (12 individuali, 2 a squadre)
    • 14 terzi posti (11 individuali, 3 a squadre)

Coppa del Mondo - vittorieModifica

Data Località Nazione Trampolino
10 dicembre 1994 Planica   Slovenia Letalnica K92
4 gennaio 1995 Innsbruck   Austria Bergisel K110[1]
14 dicembre 1996 Harrachov   Rep. Ceca Čerťák K120
4 gennaio 1997 Innsbruck   Austria Bergisel K110[1]
12 marzo 1997 Kuopio   Finlandia Puijo K95[2]
16 marzo 1997 Oslo   Norvegia Holmenkollen K112[2]
29 dicembre 1997 Oberstdorf   Germania Schattenberg K115[1]
1º gennaio 1998 Garmisch-Partenkirchen   Germania Große Olympiaschanze K115[1]
4 gennaio 1998 Innsbruck   Austria Bergisel K110[1]
25 gennaio 1998 Oberstdorf   Germania Heini Klopfer K185
21 marzo 1998 Planica   Slovenia Letalnica K120
10 gennaio 1999 Engelberg   Svizzera Gross-Titlis-Schanze K120
24 gennaio 1999 Sapporo   Giappone Ōkurayama K120
30 gennaio 1999 Willingen   Germania Mühlenkopf K120
(con Kazuya Yoshioka, Hideharu Miyahira e Noriaki Kasai)
6 marzo 1999 Lahti   Finlandia Salpausselkä K90[2]
19 gennaio 2001 Park City   Stati Uniti Utah Olympic Park K120
(con Kazuya Yoshioka, Masahiko Harada e Noriaki Kasai)
5 febbraio 2005 Sapporo   Giappone Ōkurayama HS134

Torneo dei quattro trampoliniModifica

Nordic TournamentModifica

RiconoscimentiModifica

Nel 1999 venne premiato con la Medaglia Holmenkollen, uno dei più importanti riconoscimenti dello sci nordico, e il duo austriaco Christoph und Lollo gli dedicò una canzone, Funaki, contenuta nell'album Schispringerlieder.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Gara valida anche ai fini del Torneo dei quattro trampolini.
  2. ^ a b c Gara valida anche ai fini del Nordic Tournament.
  3. ^ a b Gare valide anche ai fini della Coppa del Mondo.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN166499137 · NDL (ENJA00866030 · WorldCat Identities (EN166499137