Kliment Efremovič Vorošilov

generale sovietico
(Reindirizzamento da Kliment Vorošilov)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Kliment Voroshilov" rimanda qui. Se stai cercando l'omonima serie di carri armati, vedi Kliment Voroshilov (carro armato).
Kliment Efremovič Vorošilov
Portrait of Kliment Voroshilov (5).png

Presidente del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS
Durata mandato 15 marzo 1953 –
7 maggio 1960
Predecessore Nikolaj Michajlovič Švernik
Successore Leonid Il'ič Brežnev

Commissario del Popolo per la Difesa dell'Unione Sovietica
Durata mandato 6 novembre 1925 –
7 maggio 1940
Capo di Stato Stalin
Predecessore Michail Vasil'evič Frunze
Successore Semën Konstantinovič Timošenko

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Professione Militare, politico
Kliment Efremovič Vorošilov
Klim voroshilov.JPG
4 febbraio 1881 – 2 dicembre 1969
Nato a Verchnee, Impero russo
Morto a Mosca, Unione Sovietica
Luogo di sepoltura Necropoli delle mura del Cremlino
Dati militari
Paese servito URSS Unione Sovietica
Arma Red Army flag.svg Armata Rossa
Unità Prima armata di cavalleria russa
Anni di servizio 1903 - 1953
Grado Maresciallo dell'Unione Sovietica
Guerre Guerra civile russa
Guerra sovietico-polacca
Guerra d'inverno
seconda guerra mondiale
Decorazioni Eroe dell'Unione Sovietica (2)
Ordine di Lenin (8)
Eroe del Lavoro Socialista
Ordine della Bandiera Rossa (6)
Ordine di Suvorov di I Classe
Medaglia per la vittoria sulla Germania nella grande guerra patriottica 1941-1945
voci di militari presenti su Wikipedia
Vorošilov con Stalin nel 1935

Kliment Efremovič Vorošilov (in russo: Климент Ефремович Ворошилов?, in ucraino: Климент Охрімович Ворошилов?, traslitterato: Klyment Ochrimovyč Vorošylov; Verchnee, 4 febbraio 1881Mosca, 2 dicembre 1969) è stato un generale e politico sovietico, tra i primi a essere insigniti del titolo di Maresciallo dell'Unione Sovietica.

Indice

BiografiaModifica

Dal 1925 al 1940 fu ministro della difesa dell'URSS. Dal 1953 al 1960 Presidente del Presidium del Soviet Supremo dell'Unione Sovietica. Insignito di due decorazioni dell'ordine degli Eroi dell'Unione Sovietica e dell'ordine degli Eroi del Lavoro Socialista. È stato il membro del Politburo del PCUS più duraturo, ricoprendo la carica per 34 anni consecutivi (dal 1926 al 1960).

Dopo la morte di Frunze, Vorošilov fu nominato ministro di guerra dell'URSS. Era stato un sostenitore di Stalin durante lo scontro con Lev Trockij. È autore del libro Stalin e l'Armata Rossa, pubblicato negli anni venti, in cui viene elogiato il ruolo di Stalin durante la Guerra civile russa.

Nel 1940, a seguito della guerra finno-sovietica, Vorošylov venne destituito dal ruolo di ministro della guerra e sostituito da Tymošenko. Ricoprì successivamente il ruolo di vice primo ministro dell'URSS e di Presidente del Comitato di Difesa dell'URSS.

In suo onore il nome Vorošilov venne assegnato ad un incrociatore della Classe Kirov e con il suo nome venne ribattezzata Vorošilovgrad la città ucraina di Luhans'k.

Anche i carri armati pesanti KV prendono il nome dalle iniziali dell'allora ministro della difesa .

OnorificenzeModifica

Onorificenze sovieticheModifica

  Eroe dell'Unione Sovietica
«In occasione del suo settantacinquesimo compleanno»
— 3 febbraio 1956
  Eroe dell'Unione Sovietica
«Nel cinquantenario delle forze armate dell'URSS»
— 22 febbraio 1968
  Eroe del Lavoro Socialista
— 7 maggio 1960
  Ordine di Lenin (8)
— 23 febbraio 1935, 22 febbraio 1938, 3 febbraio 1941, 21 febbraio 1945, 3 febbraio 1951, 3 febbraio 1956, 3 febbraio 1961 e 22 febbraio 1968
  Ordine della Bandiera Rossa (6)
— 26 giugno 1919, aprile 1921, 2 dicembre 1925, 22 febbraio 1930, 3 novembre 1944 e 24 giugno 1948
  Ordine di Suvorov di I Classe
— 22 febbraio 1944
  Medaglia per la difesa di Leningrado
  Medaglia per la difesa di Mosca
  Medaglia per la difesa del Caucaso
  Medaglia per la vittoria sulla Germania nella grande guerra patriottica 1941-1945
— 1945
  Medaglia per il giubileo dei 20 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
— 1965
  Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini
— 22 febbraio 1938
  Medaglia per il giubileo dei 30 anni dell'esercito e della marina sovietica
— 22 febbraio 1948
  Medaglia per il giubileo dei 40 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica
— 17 febbraio 1958
  Medaglia per il giubileo dei 50 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica
  Medaglia commemorativa per l'800º anniversario di Mosca
— 21 settembre 1947

Onorificenze straniereModifica

  Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
  Eroe della Repubblica Popolare di Mongolia (Mongolia)
— 29 maggio 1957
  Ordine di Sukhbaatar (2 - Mongolia)
  Ordine della Bandiera Rossa (Mongolia)

Altri progettiModifica