L'amore è eterno finché dura

film italiano del 2004 diretto da Carlo Verdone
L'amore è eterno finché dura
Amore eterno finché dura.PNG
Carlo Verdone in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno2004
Durata110 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, sentimentale
RegiaCarlo Verdone
SoggettoFrancesca Marciano, Pasquale Plastino, Carlo Verdone
SceneggiaturaCarlo Verdone, Francesca Marciano, Pasquale Plastino
ProduttoreVittorio Cecchi Gori
FotografiaDanilo Desideri
MontaggioAntonio Siciliano
MusicheFabio Liberatori
ScenografiaMaurizio Marchitelli
CostumiFrancesca Sartori
Interpreti e personaggi

L'amore è eterno finché dura è un film del 2004 diretto da Carlo Verdone.

TramaModifica

Gilberto Mercuri, stimato oculista cinquantenne sposato da vent'anni con la psicologa Tiziana e padre di Marta, partecipa a uno speed date per trovare l'anima gemella. L'indomani i carabinieri convocano Gilberto in caserma in quanto, durante lo speed date, aveva conosciuto la giovane e affascinante Stella: la compagna di camera, infatti, ne ha appena denunciato la scomparsa. La crisi tra Gilberto e Tiziana a questo punto è inevitabile (nel modulo di partecipazione allo speed date Gilberto aveva dichiarato d'essere vedovo): Tiziana ordina al marito di fare le valigie e andarsene. Alla ricerca d'una nuova sistemazione, Gilberto viene quindi ospitato da Andrea, socio nel loro negozio di ottica, nell'appartamento che egli condivide con la fidanzata Carlotta. Nel periodo di separazione dalla moglie, Gilberto scopre che Tiziana ha da tempo una relazione extraconiugale con Guido, il suo maestro di tennis, e decide pertanto di abbandonare qualsiasi intenzione di salvaguardare il proprio matrimonio. Grazie anche all'aiuto di Andrea e Carlotta, Gilberto comincia a frequentare altre donne e a cercare un nuovo appartamento, ma presto si rende conto che quello che cerca è molto più vicino di quanto possa sembrare. Trova infatti finalmente l'amore in Carlotta, la fidanzata del suo migliore amico.

CuriositàModifica

  • Quando Carlo Verdone entra nel negozio di materiali elettronici sugli schermi viene trasmesso il film La guerra degli Antò.
  • Verdone, da sempre appassionato di musica degli anni '60 e '70[1], a circa metà del film fa in modo che si intraveda una collezione di vinili. Si scorgono piuttosto nitidamente le copertine di due dischi storici: il doppio album "Wheels of Fire" dei Cream e il triplo concerto di "Woodstock", usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1970. Durante il lungometraggio viene anche mostrato un frammento di un concerto di Joe Cocker.
  • La colonna sonora di questo film è curata da Fabio Liberatori, già collaboratore in molti film dell'attore romano (tra i quali Borotalco, Acqua e sapone, I due carabinieri e Compagni di scuola). Il tastierista ha dichiarato che, tra quelli da lui sonorizzati, il lungometraggio L’amore è eterno finché dura è quello nel quale gli è stato concesso più spazio e che gli ha regalato maggiori soddisfazioni[2].

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Carlo Verdone, Fatti coatti (o quasi), A. Mondadori, Milano 1999, ISBN 88-04-47872-1, pp. 117-122.
  2. ^ Intervista a Fabio Liberatori a cura di Gianluca Livi, dicembre 2020, su artistsandbands.org.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema