Apri il menu principale

La notte dei diavoli

film del 1972 diretto da Giorgio Ferroni

TramaModifica

Jugoslavia, 1972. Nicola, diretto verso l'Italia, sta attraversando una zona boschiva quando, per evitare una donna, esce di strada e danneggia la macchina. Deve perciò accettare ospitalità da una strana famiglia di boscaioli, i Ciuvelak, composta, tra gli altri, dalla bella Sdenka, dalla piccola Irina e dal nevrotico Jovan che però si offre, con successo, di riparare la macchina di Nicola.

Una sera, il giovane Jovan, uccide il capofamiglia Gorka conficcandogli un paletto acuminato nel cuore. A seguito dell'aggressione, il corpo dell'uomo si disfa in pochi istanti, sotto gli occhi terrorizzati di Nicola. L'uomo decide di correre a denunciare l'accaduto. In quell'occasione, un poliziotto del paese, informa Nicola che la famiglia Ciuvelak nasconde un terribile segreto. Nonostante la denuncia d'omicidio ad opera di Nicola, le forze dell'ordine del paese si rifiutano di raggiungere la casa dei Ciuvelak. Tornato a casa Ciuvelak per recuperare la propria auto, Nicola, viene assediato dai vari membri della famiglia: si tratta di un gruppo di Wurdalak, creature a metà tra zombi e vampiri, che vampirizzano coloro che amano. Nicola è in pericolo in quanto Sdenka si è innamorata di lui. L'uomo riesce a sfuggire alla famiglia ma a seguito dello spavento impazzisce: tornato in Italia viene internato in un ospedale psichiatrico.

Nicola riferisce ai medici quanto accaduto ma non viene creduto. Una sera, Sdenka giunge all'ospedale psichiatrico. L'uomo, credendola un Wurdalak, la uccide ma solo dopo la morte della ragazza comprende, disperato, di avere ucciso la ragazza che amava.

Distribuzione cinematograficaModifica

Distribuito dalla PAC il 29 aprile 1972. Il doppiaggio fu affidato alla SAS.

Distribuzione home videoModifica

Il film è stato distribuito nei formati DVD e Blu-ray nel settembre 2012 dalla Rarovideo.

CitazioniModifica

La trama del film ricalca a grandi linee quella dell'episodio I Wurdalak del film I tre volti della paura di Mario Bava, che a sua volta è basato su un racconto di Aleksei Konstantinovich Tolstoi.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema