Apri il menu principale

Le avventure di Oliver Twist (film)

film del 1948 diretto da David Lean
Le avventure di Oliver Twist
Screenshot-Le Avventure di Oliver Twist.avi-1.png
Una scena del film
Titolo originaleOliver Twist
Paese di produzioneRegno Unito
Anno1948
Durata116 min
Rapporto1.33:1
Generedrammatico
RegiaDavid Lean
Soggettoromanzo di Charles Dickens
SceneggiaturaDavid Lean, Stanley Haynes
ProduttoreRonald Neame
FotografiaGuy Green
MontaggioJack Harris
MusicheArnold Bax
ScenografiaJohn Bryan
CostumiMargaret Furse
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Le avventure di Oliver Twist (Oliver Twist) è un film del 1948 diretto da David Lean, tratto dall'omonimo romanzo di Charles Dickens.

Secondo adattamento di un romanzo di Dickens da parte di David Lean, dopo Grandi speranze del 1946, il film è stato presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 1948.

L'influenza del neorealismo si fa sentire nella cruda e sofferta interpretazione che John Howard Davies dà del personaggio di Oliver, sostenuto da un cast d'eccezione che include Alec Guinness nel ruolo di Fagin.

TramaModifica

Oliver Twist nasce in un orfanotrofio e sua madre muore subito dopo il parto. Gli anni passano e Oliver viene regolarmente maltrattato dal sig. Bumble, il messo comunale dell‘orfanotrofio. All'età di nove anni, l'affamato Oliver chiede una seconda scodella di minestra ("Per favore signore, ne voglio ancora") e per il suo ardire viene prontamente venduto come apprendista al proprietario di una impresa di pompe funebri, il sig. Sowerberry. Maltrattato anche qui, fugge a Londra, e viene raccolto dalla strada da Artful Dodger, un ladruncolo vestito con un cappotto da uomo e con un cappello a cilindro in testa. Dodger lo conduce da Fagin, un vecchio che addestra i bambini alla delinquenza.

Arrestato per errore per aver presumibilmente borseggiato il sig. Brownlow, un anziano e ricco gentiluomo, viene salvato da quest'ultimo che lo porta a casa con sé per curarlo e offrirgli rifugio dalla strada. Qui sperimenta un tipo di vita felice a cui non era mai stato abituato. Però, Fagin e il suo compare, il pericoloso e cattivo Bill Sikes, decidono di rapire Oliver per impedirgli di denunciarli, e Sikes costringe la sua ragazza Nancy a prendere parte al complotto. Nancy, sentendosi in colpa, progetta di aiutare Oliver, ma Sikes la uccide pensando lo stesse per denunciare.

L'omicidio attira l'attenzione sulla banda di Fagin. Mr. Brownlow e la polizia recuperano Oliver, mentre Sikes si impicca accidentalmente e Fagin viene arrestato. Il mistero della nascita di Oliver viene rivelato, e il sig. Brownlow scopre che Oliver è suo nipote. Viene anche rivelato che Monks, fratellastro di Oliver, era stato in combutta con Fagin per defraudare Oliver della sua eredità legittima. Era stata Nancy che aveva informato il sig. Brownlow del loro piano, e quando Fagin scoprì quel che aveva fatto, aveva lasciato intendere a Sikes che lo aveva tradito, condannando così a morte la ragazza.

ControversieModifica

L'interpretazione di Alec Guinness del personaggio di Fagin fu considerata da alcuni di stampo antisemita. Guinness portava un pesante trucco, compreso un grosso naso aquilino, per somigliare al personaggio disegnato da George Cruikshank nelle sue illustrazioni per la prima edizione del libro. Dietro le proteste della Lega anti-diffamazione del popolo giudaico e del consiglio supremo dei rabbini di New York, il film non venne distribuito negli Stati Uniti fino al 1951 e con sette minuti di tagli riguardanti la performance di Guinness. Il film, che ricevette critiche entusiastiche ma nessuna nomination agli Oscar, venne messo al bando in Israele per il suo presunto antisemitismo. Agli inizi degli anni settanta iniziò a circolare negli Stati Uniti la versione completa del film di Lean senza i tagli. Questa è la versione che è ora disponibile in DVD.

CastModifica

  • Robert Donat venne preso in considerazione per il ruolo di Sikes.
  • Kay Walsh era sposata con David Lean all‘epoca delle riprese, ma lo stress del film causò a Lean un mezzo esaurimento nervoso che fece naufragare il loro matrimonio.
  • David Lean non si convinse che Alec Guinness fosse l'attore giusto per interpretare Fagin, fino a quando non vide il suo provino.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) The BFI 100, su bfi.org.uk. URL consultato il 18 giugno 2008.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN236198261 · LCCN (ENno2009182510 · GND (DE7846004-9 · WorldCat Identities (ENno2009-182510