Leopard 2
Leopard 2A6, PzBtl 104.jpg
Leopard 2A6 del PanzerBattalion 104 della Bundeswehr
Descrizione
TipoCarro armato da combattimento
Equipaggio4
Utilizzatore principaleGermania Germania
Altri utilizzatoriAustria Austria
Canada Canada
Cile Cile
Danimarca Danimarca
Finlandia Finlandia
Grecia Grecia
Paesi Bassi Paesi Bassi
Portogallo Portogallo
Singapore Singapore
Spagna Spagna
Svezia Svezia
Turchia Turchia
Esemplari3480
Sviluppato dalanni '70
Dimensioni e peso
Lunghezza7,7 m
Larghezza3,7 m
Altezza3 m
Peso62,3 t
Propulsione e tecnica
MotoreMTU MB 873 Ka-501 diesel da 12 cilindri
Potenza1500 hp
Rapporto peso/potenza24.2
Trazionecingoli
Sospensionibarre di torsione
Prestazioni
Velocità72km/h
Autonomia550 km
Armamento e corazzatura
Armamento primario120 mm Rheinmetall L44 (sino alla A5) L55 (A6)
Armamento secondario2 mitragliatrici da 7,62mm con 4750 colpi e 8 lanciafumogeni
Corazzaturacomposita di terza generazione, incluso acciaio, tungsteno, plastica mista a ceramiche
voci di veicoli militari presenti su Wikipedia

Il Leopard 2 è il carro armato da combattimento principale della Bundeswehr della Germania. Immesso in servizio a partire dal 1979, è considerato uno dei migliori mezzi corazzati del mondo. Il Leopard 2 è stato continuamente aggiornato per mantenerlo al passo con gli sviluppi tecnologici e operativi ed è stato esportato in molti paesi del mondo.

Il battesimo del fuoco su un vero campo di battaglia l'ha effettuato la Turchia in Siria nel 2017 purtroppo con esiti disastrosi. Almeno 14 Leopard sono andati distrutti da missili controcarro e IED improvvisati. C'è da dire comunque che in Siria sono stati schierati i Leopard 2 A4, versione che era stata studiata dall'industria tedesca per fronteggiare un eventuale scontro frontale con le forze corazzate russe. Questa versione del carro infatti prevede una protezione maggiore sulla parte anteriore mentre i fianchi risultano più vulnerabili. Se in Siria fossero stati schierati carri aggiornati almeno alla versione 2A6 con protezioni a 360 gradi i risultati sarebbero stati diversi.

Indice

Cenni storiciModifica

È nato da un programma congiunto tra lo stato tedesco e gli Stati Uniti d'America, ma in seguito a forti polemiche scoppiate tra i due paesi entrambi decisero di sviluppare autonomamente i propri carri. Il Leopard 2 è il miglioramento del Leopard 1, rispetto al quale ha maggiore potenza di fuoco, velocità e corazzatura. È prodotto dall'azienda tedesca Krauss-Maffei Wegmann, e dal 2003 è prodotto su licenza dalla compagnia spagnola Santa Bárbara Sistemas. Sviluppato durante gli anni '70 per rimpiazzare il Leopard 1, ne sono stati prodotti all'incirca 3480.

Ha una corazza composita, migliorata di serie in serie, un pezzo da 120 mm Rheinmetall ad anima liscia da 44 calibri (55 nella versione A6) dotato di un sistema elettro-idraulico con una riserva di 42 munizioni e motore da 1500 hp turbodiesel: tutte caratteristiche divenute standard di riferimento.

Dal 1979 il mezzo è stato più volte ammodernato, anche perché lo sviluppo del successore Leopard 3 è stato cancellato. Il carro è molto evoluto tecnologicamente, in quanto possiede un sistema di controllo di tiro EMES 15 con visore termico, per colpire obiettivi mimetizzati e sul lato destro del cannone è situato il sensore di allineamento, inoltre il miglioramento a questo e ad altri apparecchi ha aumentato le possibilità offensive dei Leopard 2, ad esempio il telemetro laser è stato modificato per accogliere non solo la seconda (come un tempo) ma anche la prima eco del laser conferendogli la capacità di abbattere anche elicotteri in volo a bassa quota.
Questo mezzo è considerato uno tra i migliori carri armati odierni[1] data la sua grande velocità su ogni terreno, il potente ed avanzato cannone (dotato della considerevole velocità iniziale di 1750 m\s) e gli ottimi sistemi di puntamento dello stesso. Sono attualmente in corso nuove modifiche del Leopard 2 assimilabili nel progetto tedesco di rinnovamento. L'alta qualità del carro è testimoniata dall'elevato volume di vendite in tutto il globo, riguardanti la maggior parte delle versioni (A1, A2, A3, ma soprattutto A4, A5 e A6, e anche il nuovo modello A7) e agevolate dall'enorme surplus di carri tedeschi dopo la scomparsa della minaccia costituita dai carri sovietici alla fine della Guerra Fredda, che provocò una notevole diminuzione dei prezzi. Anche l'Italia pensò di acquistare 300 Leopard 2 dalla Germania, ma il progetto non venne concluso per dare la precedenza allo sviluppo del carro da combattimento nazionale C1 Ariete.

OperatoriModifica

 
Gli operatori del Leopard 2 sono mostrati in blu
 
Leopard 2 finlandese
 
Leopard 2 austriaco

Il maggior operatore dei Leopard 2 é l'esercito tedesco (ca. 400 esemplari), seguito dalla Svizzera (380) e dalla Grecia (356).

  •   Austria: La Österreichs Bundesheer ha acquistato 114 Leopard 2A4 dal surplus olandesi,
  •   Canada: Le forze armate canadesi nel 2007 hanno acquistato 100 carri armati Leopard 2 dai Paesi Bassi (ottanta in versione 2A4 e venti 2A6NL) più venti 2A6M presi in leasing dall'esercito tedesco per sostenere il dispiegamento canadese in Afghanistan per la missione internazionale ISAF. Sono stati acquisiti ulteriori 15 carri della versione 2A4 sempre dalla Germania, per ricavarne pezzi di ricambio. Attualmente è in corso un programma di aggiornamento di parte dei 2A4 ex olandesi.
  •   Cile: L'Esercito cileno ha acquistato 132 Leopard 2A4 aggiornati allo standard 2A4CHL.
  •   Danimarca: L'Esercito reale danese ricevette 57 Leopard 2A5DK ex tedeschi. Di questi, 38 esemplari sono in servizio al luglio 2017 e saranno sottoposti ad un aggiornamento che li porterà ad uno standard operativo equivalente al Leopard 2A7V.[2]
  •   Finlandia: L'esercito finlandese ha acquistato 124 Leopard 2A4 dal surplus tedesco, dei quali solo 91 sono ancora operativi. Dei rimanenti carri, 20 sono stati convertiti come mezzi cingolati del genio, mentre 12 sono stati smontati per ricavarne pezzi di ricambio.
  •   Germania: L'Esercito tedesco è stato il principale operatore di questo carro armato. Durante la Guerra Fredda ha avuto in inventario fino a 2400 macchine in varie versioni. Attualmente sono in servizio circa 225 carri, delle versioni A5, A6 ed A7. Altri 100 macchine della nuova versione A7 sono state ordinate, ad aprile 2015, dopo l'intervento russo in Ucraina, ed a questa versione verranno aggiornati anche gli altri carri.
  •   Grecia: L'Esercito greco utilizza 356 Leopard 2 di cui 196 Leopard 2A4 usati dalla Germania e 170 di nuova produzione in versione Leopard 2A6 HEL.
  •   Paesi Bassi: L'Esercito reale dei Paesi Bassi attualmente utilizza 82 Leopard 2A6 più 28 macchine in deposito. Fino al fine della guerra fredda sono stati impiegati fino a 445 macchine di diverso standard.
  •   Norvegia: L'Esercito norvegese ha in organico 52 Leopard 2A4 ex olandesi, solo 30 dei quali sono operativi.[3]
  •   Polonia: L'Esercito polacco allinea 128 Leopard 2A4 ex tedeschi.
  •   Portogallo: Sono in servizio nell'Esercito portoghese 37 Leopard 2A6 provenienti dai reparti olandesi.
  •   Singapore: Sono in servizio nelle forze armate di Singapore 102 Leopard 2A4 provenienti dalla Germania.
  •   Spagna: L'Ejército de Tierra dispone di 327 Leopard 2 di cui 219 2A6+ (o 2E) di nuova produzione e 108 Leopard 2A4 acquistati di seconda mano dalla Germania.
  •   Svezia: L'Esercito svedese dispone di 122 Leopard 2A5 o Leopard 2(S) in servizio attivo, mentre ha dismesso i 160 Leopard 2A4 precedentemente acquistati dalla Germania.
  •   Svizzera: L'Esercito svizzero è equipaggiato con 380 Leopard 2A4s denominati dalla RUAG Pz 87 "Leo". Di questi 35 sono stati realizzati in Germania, mentre i rimanenti sono stati costruiti su licenza in Svizzera con molte modifiche che rendono il carro paragonabile agli A5/A6 e per l'impiego specifico nel territorio montagnoso elvetico.
  •   Turchia: Presso l'Esercito turco sono impiegati 298 Leopard 2A4 di seconda mano acquistati dalla Germania. Attualmente è in fase di negoziazione l'acquisizione da parte del Ministero della Difesa turco di un ulteriore lotto di 41 Leopard 2 dalla Germania.[4] Almeno 14 carri sono andati perduti in Siria nel 2017.

NoteModifica

  1. ^ "Mezzi da combattimento", Commando libri, ISBN 88-85229-03-4
  2. ^ "DANISH LEOPARD 2A5s TO RECEIVE UPGRADES", su janes.com, 18 luglio 2017, URL consultato il 18 luglio 2017.
  3. ^ "NORWAY CANCELS TANK UPGRADE", su janes.com, 22 giugno 2018, URL consultato il 22 giugno 2018.
  4. ^ Leopard 2 Main Battle Tank - Army Technology

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica