Leopoldo II di Babenberg

Leopoldo II
Leopold II und Sigibold.jpg
Leopoldo II e l'abate Sigibold di Melk, affresco nell'abbazia di Melk, circa 1745
Margravio d'Austria
Stemma
In carica 1075 –
12 ottobre 1095
Predecessore Ernesto
Successore Leopoldo III
Nascita 1050
Morte 12 ottobre 1095
Dinastia Babenberg
Padre Ernesto
Madre Adelaide di Eilenburg
Coniuge Ida di Formbach-Ratelnberg
Figli Leopoldo III
Adelaide
Elisabetta
Gerberga
Ida
Eufemia

Leopoldo II di Babenberg, soprannominato il Bello, (105012 ottobre 1095) fu margravio d'Austria dal 1075 sino alla sua morte.

BiografiaModifica

Leopoldo II era figlio di Ernesto di Babenberg e di Adelaide di Eilenburg della dinastia Wettin, figlia del margravio Dedi (o Dedo) II di Meissen, dunque un membro della dinastia Baberberg. Nella lotta per le investiture, egli dapprima si schierò con l'Imperatore Enrico IV, sostenendolo anche dopo l'episodio di Canossa, ma nel 1081, alla dieta di Tulln, cambiò fazione su suggerimento della moglie Ida di Formbach-Ratelnberg e del vescovo Altmann di Passavia, un fedele sostenitore della causa gregoriana che era stato espulso dalla sua diocesi dagli uomini di Enrico nel 1078: egli trovò rifugio presso Leopoldo e i territori di questo vennero invasi dalle forze enriciane l'anno dopo.

Nell'estate del 1081, mentre il re Enrico IV era in campagna in Italia, Leopoldo sostenne l'elezione dell'anti-re Ermanno di Salm e convocò una dieta austriaca a Tulln, dove si dissociò ufficialmente da Enrico. Successivamente, fu dichiarato deposto dal re, che diede il feudo imperiale al suo fedele sostenitore, il duca Vratislao II di Boemia. Il duca Přemyslide invase l'Austria e sconfisse Leopoldo nella battaglia di Mailberg del 1082, da cui il margravio fuggì per un pelo. Tuttavia Leopoldo riuscì a mantenere i suoi territori, mentre Vratislao fu elevato come re di Boemia nel 1085. Leopoldo perse alcuni territori nella Moravia meridionale a nord del fiume Thaya, governato dal principe Liutpoldo di Znojmo, che era comunque suo genero.

Mentre il vescovo Altmann di Passau rimase in Austria, il margraviato ottenne una posizione di primo piano nella promozione della riforme gregoriane, lottando contro le chiese proprietarie e i matrimoni dei sacerdoti. Altmann introdusse la regola cluniacense nell'abbazia di Kremsmünster e nel 1083 fondò il monastero agostiniano di Göttweig vicino a Krems. Nel 1089 Leopoldo contribuì a finanziare la costruzione dell'abbazia di Melk nella regione di Wachau, donando ampi terreni sopra la riva del Danubio per il nuovo monastero. Le rovine del castello di Gars am Kamp, l'ultima residenza di Leopoldo, si trovano a 68 chilometri (42 miglia) di distanza. A diversi chilometri di distanza dall'Abbazia di Melk, si trovano ancora oggi le rovine del Castello di Thunau a Kamp, una delle residenze estive di Leopoldo.

Matrimonio e figliModifica

Nel 1065 Leopoldo sposò la Contessa Ida di Cham (1060-1101), a Cham, nel Palatinato Superiore, in Baviera. Ida era figlia di Rapoto IV, conte di Cham, e di Matilde, ed essa era parente dell'arcivescovo Tiemo di Salisburgo. Morì durante la crociata del 1101. Essi ebbero un figlio e sei figlie:

BibliografiaModifica

  • Beller, Steven (2007). A Concise History of Austria. New York: Cambridge University Press. ISBN 978-0521478861.
  • Brooke, Z. N. (1938). A History of Europe: From 911 to 1198. London: Methuen & Company Ltd. ISBN 978-1443740708.
  • Lechner, Karl (1976). Die Babenberger: Markgrafen und Herzoge von Österreich 976–1246. Vienna: Böhlau. ISBN 978-3205085089.
  • Leeper, Alexander W. (1941). History of Medieval Austria. London: Oxford University Press. ISBN 978-0404153472.
  • Lingelbach, William E. (1913). The History of Nations: Austria-Hungary. New York: P. F. Collier & Son Company. ASIN B000L3E368.
  • Walter Pohl, (1995). Die Welt der Babenberger. Graz: Verlag Styria. ISBN 978-3222123344.
  • Rickett, Richard (1985). A Brief Survey of Austrian History. Vienna: Prachner. ISBN 978-3853670019.
  • Wegener, Wilhelm (1965). Genealogischen Tafeln zur mitteleuropäischen Geschichte. Vienna: Verlag Degener.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81532781 · GND (DE137326718 · CERL cnp01165834
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie