Leos Carax

regista, attore e critico cinematografico francese

Leos Carax, pseudonimo di Alex Christophe Dupont de Nemours (Suresnes, 22 novembre 1960), è un regista, attore, critico cinematografico e scrittore francese.

Il nome d'arte è l'anagramma del suo vero nome di battesimo (Alex) e della parola "Oscar".

Nel 1987 il suo film Rosso sangue ha vinto il Premio Louis-Delluc e, al Festival internazionale del cinema di Berlino, il Premio Alfred Bauer; nel 2012 il suo film Holy Motors ha vinto il Prix de la Jeunesse al Festival di Cannes.

BiografiaModifica

Leos Carax (all'anagrafe Alex Christophe Dupont) nasce a Suresnes, comune nei dintorni di Parigi, il 22 novembre 1960. È figlio di Joan Osserman-Dopunt, critica cinematografica e giornalista americana, e di Georges Dupont, giornalista franco-americano.

Da giovane, il suo percorso scolastico è caotico: "ero abbastanza una canaglia", dirà poi; si guadagna qualche soldo rubando dischi al centro commerciale de La Défence per poi rivenderli ai compagni di liceo, e così facendo si avvicina alla musica, iniziando presto ad adorare David Bowie e Iggy Pop.

Negli anni '70, mentre frequenta dei corsi all'università di Paris III, entra in contatto con il mondo dei Cahiers du cinéma, ma non per molto. Inizia a girare, con pochi mezzi, un suo film, ma il progetto si arena quando, in seguito ad un incidente sul set, il ristorante cinese dove stanno girando una scena prende fuoco. Dopo un esordio come critico cinematografico, nel 1980 riesce a realizzare il suo primo cortometraggio, Strangulation Blues, di diciassette minuti, con cui vince il Gran Premio al Festival Internazionale del cinema giovanile di Hyères nel 1981. Il film successivo, Boy Meets Girl (1984), è un lungometraggio che vede protagonisti Denis Lavant e Mireille Perrier. Girato in bianco e nero, viene presentato alla Semaine de la Critique di Cannes e porta a Carax il Prix de la Jeunesse e una nomination come miglior opera prima al premio César.

Successivamente gira Rosso Sangue (Mauvais Sang) (1986), con Michel Piccoli, Denis Lavant e Juliette Binoche.

Il progetto successivo in cui Carax si cimenta, Les amants du Pont-Neuf, lo impegnerà per diversi anni, con varie interruzioni e riprese dovute all'enormità dello sforzo produttivo. Sempre con la presenza sullo schermo di Denis Lavant e Juliette Binoche, alla sua uscita nel 1991 il film riceve una critica tiepida, riuscendo comunque ad essere nominato per il premio BAFTA come miglior film straniero ed arrivando nono nelle nomine del Cahiers du Cinéma per i migliori film.

Bisognerà attendere il 1999 per l'uscita del sul lungometraggio successivo, Pola X, interpretato da Guillaume Depardieu, Katerina Golubeva e Catherine Deneuve, con musiche di Scott Walker. Unico film del regista che non vede la presenza attoriale di Denis Lavant, quest'opera controversa riceve un'accoglienza tiepida all'uscita in selezione ufficiale al Festival de Cannes 1999, solo in parte mitigata dalla versione televisiva rieditata che uscirà nel 2002 con il titolo Pierre ou les Ambiguités (titolo del libro di Herman Melville a cui il film si ispira).

Nel 2007, Carax realizza Merde, segmento di Tokyo!, film corale realizzato con Bong Joon-ho e Michel Gondry.

Nel 2012 viene presentato in competizione al Festival di Cannes Holy Motors, che esce a distanza di tredici anni dall'ultimo lungometraggio del regista. Il film riceve un'ottima accoglienza di critica e pubblico, nonostante non si aggiudichi nessuno dei premi del prestigioso festival francese.

Sempre nel 2012, Leos Carax riceve un Leopardo d'oro alla carriera al festival di Locarno, in Svizzera.

Nel 2017 inizia la preparazione del suo sesto lungometraggio, Annette, che sarà il suo primo film in lingua inglese, di cui si attende l'uscita nel 2020. Il cast comprenderà Adam Driver e Marion Cotillard, accompagnati dalla colonna sonorra degli Sparks.

FilmografiaModifica

Regista e sceneggiatoreModifica

CortometraggiModifica

  • Strangulation Blues (1980)
  • Sans Titre (1997)
  • My Last Minute (2006)
  • 42 One Dream Rush (2010)
  • Gradiva (2014)

LungometraggiModifica

AttoreModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10042319 · ISNI (EN0000 0001 1946 5527 · LCCN (ENnr97038491 · GND (DE119143356 · BNF (FRcb13980225p (data) · BNE (ESXX4930674 (data) · NDL (ENJA00620454 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97038491