Adam Driver

attore statunitense

Adam Douglas Driver (San Diego, 19 novembre 1983[1][2][3]) è un attore statunitense.

Adam Driver alla prima giapponese di Star Wars: Gli ultimi Jedi nel dicembre 2017

È salito alla ribalta grazie al ruolo di Adam Sackler nella serie comica-drammatica della HBO, Girls (2012-2017), per la quale ha ricevuto tre nomination consecutive per il Primetime Emmy Award come miglior attore non protagonista in una commedia. Ha vinto la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile per il dramma Hungry Hearts (2014) e il premio come miglior attore dalla Los Angeles Film Critics Association per Paterson (2016). Per BlacKkKlansman, diretto da Spike Lee, ha ricevuto la candidatura per l'Oscar come miglior attore non protagonista. Nel 2019 torna a recitare a Broadway nell'opera teatrale Burn This, per cui viene candidato al Tony Award al miglior attore protagonista. Nel 2020 per Storia di un matrimonio ottiene la sua seconda nomination al Premio Oscar nella sezione Oscar al miglior attore protagonista e ai Golden Globe come migliore attore protagonista in un film drammatico.

Driver raggiunge maggiore notorietà a livello mondiale per aver interpretato Kylo Ren nella trilogia sequel di Guerre stellari (composta dagli episodi VII, VIII e IX).

BiografiaModifica

Nato a San Diego in California, all'età di sette anni si trasferì con la madre Nancy a Mishawaka, in Indiana[4], mentre suo padre viveva in Arkansas[3][5][6]. Driver è stato cresciuto in un ambiente religioso poiché il patrigno è pastore battista, e infatti iniziò presto ad avere interesse per il teatro, cantando nel coro della chiesa[7][8]. Nel 2001 si diplomò alla scuola superiore di Mishawaka, dove aveva recitato in diversi spettacoli e cantato nel coro scolastico[2]. Pochi mesi dopo l'attentato dell'11 settembre, si arruolò volontario nel corpo dei Marines degli Stati Uniti, dove ha prestato servizio per due anni e mezzo. Due mesi prima di essere inviato in Iraq, tuttavia, subì un infortunio allo sterno in un incidente in bicicletta. Dopo un ulteriore infortunio fu congedato per ragioni mediche.

Dopo aver lasciato i Marines frequentò per un anno l'università di Indianapolis, prima di essere ammesso al corso di arte drammatica della Juilliard School di New York. Qui si laureò nel 2009, dopodiché iniziò a recitare apparendo in spettacoli sia a Broadway che off-Broadway[9]. Nello stesso anno fondò Arts in the Armed Forces, organizzazione non-profit che organizza spettacoli per il personale militare[9][10]. Ha debuttato a Broadway in Mrs. Warren's Profession (2010) e successivamente è apparso in Man and Boy (2011). Nel 2012 ottenne notorietà grazie alla serie televisiva Girls; nello stesso anno ha recitato nel film Lincoln, diretto da Steven Spielberg, e in Frances Ha, diretto da Noah Baumbach. L'anno successivo è la volta di A proposito di Davis (2013), diretto dai fratelli Coen, mentre nell'aprile 2014 viene scelto dal regista J. J. Abrams per il ruolo del villain Kylo Ren in Star Wars: Il risveglio della Forza, settimo capitolo della saga di Star Wars, uscito nelle sale nel 2015.

Nel 2014 vince la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile per il film Hungry Hearts di Saverio Costanzo, in concorso alla 71ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[11][12] Nel 2016 ha recitato nel film drammatico Silence, diretto da Martin Scorsese, insieme ai colleghi Andrew Garfield e Liam Neeson. Sempre nel 2016 ha recitato nel film commedia Paterson, recitando nella parte dell'omonimo poeta-autista di bus. Nel 2017 torna ad interpretare Kylo Ren, nel secondo film della trilogia sequel di Star Wars: Star Wars: Gli ultimi Jedi. Nel 2018 recita nel film L'uomo che uccise Don Chisciotte (The Man Who Killed Don Quixote), diretto da Terry Gilliam, e in BlacKkKlansman, diretto da Spike Lee, in cui interpreta un detective della polizia, ruolo per il quale ottiene la sua prima candidatura per il Golden Globe e per l'Oscar come miglior attore non protagonista.

Nel 2019 torna a recitare a Broadway nella pièce Burn This, per cui viene candidato al Tony Award al miglior attore protagonista in un'opera teatrale. Nello stesso anno torna a interpretare Kylo Ren in Star Wars: L'ascesa di Skywalker e recita anche nel ruolo di Charlie nel film Storia di un matrimonio, diretto da Noah Baumbach, interpretazione per la quale ottiene la sua seconda prima candidatura al Golden Globe per il miglior attore protagonista in un film drammatico e all'Oscar come miglior attore protagonista.

Vita privataModifica

Il 22 giugno 2013 si è sposato con Joanne Tucker, con cui ha avuto un figlio, la cui nascita è stata tenuta nascosta dalla stampa per due anni per ragioni di riservatezza. Nel 2008 ha fondato una associazione no profit, Arts in the Armed Forces, che mette in scena opere teatrali per i militari, i veterani e le loro famiglie in giro per il mondo.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatoreModifica

TeatroModifica

RiconoscimentiModifica

Premio Oscar
Golden Globe
BAFTA Awards
Screen Actors Guild Award
Festival di Venezia
Critics' Choice Awards
Premio Emmy
  • 2013 - Candidatura per il miglior attore non protagonista in una serie TV commedia per Girls
  • 2014 - Candidatura per il miglior attore non protagonista in una serie TV commedia per Girls
  • 2015 - Candidatura per il miglior attore non protagonista in una serie TV commedia per Girls
Tony Award
Gotham Awards
AACTA Award
Palm Springs Award
HCA Awards

MTV Movie Awards

Teen Choice Award

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi lavori, Adam Driver è stato doppiato da:

  • Gianfranco Miranda in Tracks - Attraverso il deserto, Hungry Hearts, This Is Where I Leave You, Giovani si diventa, Midnight Special, Paterson, Silence, BlacKkKlansman, Storia di un matrimonio
  • David Chevalier in Star Wars: Il risveglio della Forza, The Meyerowitz Stories, Star Wars: Gli ultimi Jedi, The Report, I morti non muoiono, Star Wars: L'ascesa di Skywalker
  • Andrea Mete in Frances Ha, Girls, L'uomo che uccise Don Chisciotte
  • Gabriele Sabatini in Lincoln
  • Alan Bianchi in A proposito di Davis
  • Edoardo Stoppacciaro in La truffa dei Logan
  • Ruggero Andreozzi in What if

Da doppiatore è stato sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ Kathy Henderson, L'ex marine Adam Driver è reclutato nello spettacolo off-Broadway "The Retributionists", su broadway.com, 3 settembre 2009. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  2. ^ a b Keely Weiss, Adam Driver, beato tra le donne, su interviewmagazine.com. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  3. ^ a b Indice delle nascite in California, 1905-1995 - Adam Driver, su californiabirthindex.org. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  4. ^ Mark Kennedy, Al posto del conducente: la carriera scottante di Adam Driver, in Reading Eagle, 14 ottobre 2011. URL consultato il 12 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  5. ^ Vanessa Grigoriadis, Adam Driver di "Girls" parla dei Marines e del ruolo del fidanzato di Lena Dunham, in Vulture, 15 giugno 2012. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  6. ^ Virginia Ransbottom, Esplorare le possibilità: diplomato di Mishawaka prende una strada impegnativa sulla via per Broadway, in Southbend Tribune, 28 dicembre 2007. URL consultato il 12 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  7. ^ Linda Buchwald, La professione del signor Driver, in TDF stages. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  8. ^ Marlow Stern, La cosiddetta vita di Adam Driver, in Newsweek, 15 maggio 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).
  9. ^ a b (EN) Melena Ryzik, E in questo angolo, i ragazzi di "Girls", in The New York Times, 13 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  10. ^ (EN) Actor's Calendar: 'Girls,' 'Star Wars,' Taking Theater To The Military, su NPR.org. URL consultato il 26 agosto 2019.
  11. ^ Venezia, Alba Rohrwacher vince la Coppa Volpi per “Hungry Hearts”, internazionale.it, 6 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.
  12. ^ I vincitori del festival di Venezia, ilpost.it, 6 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN232805400 · ISNI (EN0000 0003 6610 7620 · LCCN (ENno2012045483 · GND (DE1060407434 · BNF (FRcb167412809 (data) · BNE (ESXX5404063 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2012045483