Likud

Partito nazionalista liberale e di destra israeliano.
Likud
(HE) הַלִּיכּוּד
Likud Logo.svg
LeaderBenjamin Netanyahu
StatoIsraele Israele
SedeEdificio "Metzudat Ze'ev", 38 King George Street, Tel Aviv
Fondazione1973
IdeologiaConservatorismo,
Conservatorismo nazionale,
Liberalismo nazionale,
Liberalismo economico,
Sionismo
Minoranze:
Populismo di destra

Storicamente:
Sionismo revisionista,[1][2]
Conservatorismo liberale
CollocazioneCentro-destra[3][4][5][6]/Destra[7]
Partito europeoAlleanza dei Conservatori e Riformisti Europei (partner regionale)
Seggi Knesset
30 / 120
 (2021)
Iscritti125 000 (2012)
Sito webwww.likud.org.il/

Il Likud (in ebraico ליכוד, che significa "consolidamento") è un partito nazionalista liberale e di destra israeliano.

Storia e ideeModifica

Il Likud pone le sue radici nel movimento sionista riformista di Vladimir Žabotinskij (dal 1923 Partito revisionista sionista o Hatzohar), liberale, e nella sua ala militare (Irgun Zvai Leumi o Etzel), nazionalista. Subito dopo la nascita di Israele questa ala si trasformò nel partito Herut (Libertà), che prosciugò il seguito di haTzohar e nel 1961 si unì ai Libralim (Liberali) nel blocco elettorale Gahal, la maggiore forza di opposizione. Grazie a una nuova serie di convergenze il Likud fu fondato nel 1973 da Menachem Begin, che lo condusse alla storica vittoria del 1977, la prima volta in cui i laburisti andarono all'opposizione. Solo nel 1988 il Likud divenne un partito unitario.

Liberista in campo economico, e perciò tradizionalmente rivale del Partito Laburista Israeliano, sostiene un nazionalismo più rigido, per tradizione storica risalente all'ultimo decennio prima dell'indipendenza. Tuttavia, va notato che tutti i suoi leader hanno presieduto, da primi ministri, a iniziative di pace, con l'Egitto nel 1977-1979 e con i palestinesi nel 1991 e nel 1998[8].

Menachem Begin, primo ministro israeliano nel 1977, ne fu il leader dal 1973 al 1983. Dal 1983 al 1993 leader del partito fu Yitzhak Shamir, primo ministro nel 1986, seguito da Benjamin Netanyahu, primo ministro dal 1996, dal 1993 al 1999 e da Ariel Sharon, primo ministro dal 2001, dal 1999 al 2005.

Dopo la decisione di ritirarsi da Gaza, presa da Sharon nel 2005, e il conseguente tramonto dell'ideale del "Grande Israele", nel Likud si è aperta una crisi, che ha portato ad una scissione: Sharon ha fondato il partito centrista Kadima, mentre Netanyahu è restato nel Likud, ridiventandone il leader, portandolo su posizioni più a destra. Alle elezioni legislative 2006 il Likud ha subito un crollo, perdendo l'egemonia sull'area della destra: è stato infatti sorpassato dal partito degli immigrati russi (su posizioni ancora più nazionaliste). Non è entrato nel governo. Il leader attuale è Benjamin Netanyahu.

Il Likud attualmente sostiene la soluzione dei due stati, per risolvere il conflitto israelo-palestinese, ma è molto cauto e ritiene che il riconoscimento dello Stato di Palestina sia subordinato alla piena accettazione dell'esistenza di Israele da parte di tutte le forze politiche palestinesi, compresi gli islamisti radicali di Hamas. In alternativa considera la soluzione a stato unico dell'opzione giordana.

Nel 2009 le elezioni israeliane vedono un ritorno in auge del partito, che porta al governo i partiti più radicali dell'estrema destra israeliana. Sebbene Kadima vinca di un seggio, il suo candidato Tzipi Livni fallisce nel trovare accordi di coalizione. Il leader del Likud Netanyahu ottiene invece la fiducia del presidente Peres governando con una alleanza tra il suo partito, i laburisti e Yisrael Beytenu, il partito dell'estremista Avigdor Lieberman, accusato di essere sostenitore della pulizia etnica dei cittadini israeliani di etnia araba.

In occasione delle elezioni dell'aprile 2019, Likud si fonde con Kulanu. Nelle elezioni del settembre 2019 ottiene un seggio in meno dello sfidante Blu e Bianco, che risulterà poi partner di governo. Il nuovo governo israeliano, composto da molti membri della coalizione Blu e Bianco e del Likud, presta giuramento il 17 maggio 2020. Il 2 dicembre 2020, la Knesset approva la lettura preliminare di un disegno di legge per lo scioglimento del governo con un voto di 61 voti a favore e 54 contro.

LeaderModifica

Risultati elettoraliModifica

Elezioni Leader Voti % +/- Seggi +/-
1973 Menachem Begin 473,309 30,2 (#2)
39 / 120
 7[9]
1977 Menachem Begin 583,968 33,4 (#1)  3,2
43 / 120
 4
1981 Menachem Begin 718,941 37,1 (#1)  3,7
48 / 120
 3
1984 Yitzhak Shamir 661,302 31,9 (#2)  5,2
41 / 120
 7
1988 Yitzhak Shamir 709,305 31,1 (#1)  0,8
40 / 120
 1
1992 Yitzhak Shamir 651,229 24,9 (#2)  6,2
32 / 120
 8
1996 Benjamin Netanyahu 767,401 25,1[10] (#2)  0,2
22 / 120
 10
1999 Benjamin Netanyahu 468,103 14,1 (#2)  11
19 / 120
 3
2003 Ariel Sharon 925,279 29,4 (#1)  15,3
38 / 120
 19
2006 Benjamin Netanyahu 281,996 9 (#4)  20,4
12 / 120
 26
2009 Benjamin Netanyahu 729,054 21,6 (#2)  12,6
27 / 120
 15
2013 Benjamin Netanyahu 884,631 23,3[11] (#5)  1,7
20 / 120
 7
2015 Benjamin Netanyahu 984,966 23,4 (#1)  0,1
30 / 120
 10
Aprile 2019 Benjamin Netanyahu 1,138,772 26,5 (#1)  3,1
35 / 120
 5
Settembre 2019 Benjamin Netanyahu 1,113,617 25,1 (#2)  1,4
32 / 120
 3
2020 Benjamin Netanyahu 1,349,171 29,5 (#1)  4,4
36 / 120
 4
2021 Benjamin Netanyahu 1,066,892 24,2 (#1)  5,3
30 / 120
 6

NoteModifica

  1. ^ Joel Greenberg, The World: Pursuing Peace; Netanyahu and His Party Turn Away from 'Greater Israel', in New York Times, 22 novembre 1998.
  2. ^ Ethan Bronner, Netanyahu, Once Hawkish, Now Touts Pragmatism, in New York Times, 20 febbraio 2009.
  3. ^ (EN) Meet the parties - Likud, in Haaretz, 2015. URL consultato il 1º marzo 2015..
  4. ^ (EN) Josef Federman, Israeli government crumbles; new election planned, su bigstory.ap.org, 2 dicembre 2014..
  5. ^ (EN) Likud, in Ynetnews, 27 novembre 2012. .
  6. ^ (EN) Judith Reesa Baskin, The Cambridge Dictionary of Judaism and Jewish Culture, Cambridge University Press, 2010, p. 304..
  7. ^ (EN) likud - parties, su en.idi.org.il. URL consultato il 2 aprile 2018..
  8. ^ Naor, Arye, "Hawks' Beaks, Doves' Feathers: Likud Prime Ministers Between Ideology and Reality" in Israel Studies, 10, no. 3 (Fall2005 2005): 154-191.
  9. ^ Rispetto a Gahal
  10. ^ Insieme a Gesher e Tzomet
  11. ^ Come Likud Beitenu

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN316750672 · LCCN (ENn79086528 · GND (DE4351655-5 · BNF (FRcb14419826p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79086528