Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel

principessa tedesca
Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel
Pesne - Louise Amalie of Brunswick-Wolfenbüttel - Neues Palais, cropped.png
Principessa di Prussia
Nascita castello di Bevern, Holzminden, 29 gennaio 1722
Morte Castello di Oranienburg, Berlino, Prussia, 13 gennaio 1780
Padre Ferdinando Alberto II di Brunswick-Lüneburg
Madre Antonietta Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel
Consorte di principe Augusto Guglielmo di Prussia
Figli Federico Guglielmo II di Prussia
principe Enrico
Guglielmina, principessa d'Orange

Luisa Amalia Vittoria di Brunswick-Wolfenbüttel (Wolfenbüttel, 29 gennaio 1722Berlino, 13 gennaio 1780) è stata una principessa tedesca.

Ella era figlia di Ferdinando Alberto II, principe di Brunswick-Wolfenbüttel-Bevern (1680 – 1735) e di sua moglie, Antonietta Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel (1696 – 1762).

BiografiaModifica

La corte del padre era assai modesta per le usanze di quei tempi, tuttavia Luisa Amalia trascorse una felice infanzia nel castello di Salzdahlum. La sorella Elisabetta Cristina sposò nel 1733 il principe ereditario Federico, destinato a divenire poi Federico II di Prussia, detto "il Grande", mentre lei ne sposò nel 1742 il fratello Augusto Guglielmo (1722 – 1758).

Con questo doppio matrimonio il re soldato Federico Guglielmo I (1688 – 1740) aveva cercato di provare la sua fedeltà alla casa degli Asburgo di Vienna. Dato che Federico II di Prussia non ebbe figli, il marito era successore designato del re, cosa che la rese principessa della corona di Prussia. Come tale la coppia dal 1744 assunse il titolo, rispettivamente, di principessa e principe di Prussia.

Il 25 settembre 1744 venne al mondo il primo figlio di Luisa Amalia, Federico Guglielmo, che fu dichiarato principe ereditario e che già a tre anni di età fu separato dai genitori per essere preparato, presso la corte di Federico II a Berlino, allo status di re, dopo che fossero deceduti lo zio ed il padre. Lo sposo di Luisa Amalia era un uomo di carattere buono ma debole, il che lo aveva reso un buon marito, ma un cattivo soldato. Egli combatté con il fratello con il grado di generale nella prima e nella seconda guerra di Slesia ma nella battaglia di Kolín del 18 giugno 1757 subì una cocente sconfitta. Il fratello re lo umiliò per questo così duramente che egli si depresse per la vergogna e ne morì il 12 giugno 1758.

Luisa Amalia visse da allora sola, con la sua servitù, nel castello di Oranienburg fino alla sua morte, avvenuta a Berlino. Il figlio Federico Guglielmo, dopo la morte di Federico il Grande, avvenuta nel 1786, salì al trono di Prussia con il nome di Federico Guglielmo II, cosa che non videro né il padre né la madre.

DiscendentiModifica

Augusto Guglielmo e Luisa Amalia ebbero quattro figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Augusto di Brunswick-Lüneburg Enrico III di Brunswick-Lüneburg  
 
Ursula di Sassonia-Lauenburg  
Ferdinando Alberto I di Brunswick-Lüneburg  
Sofia Elisabetta di Meclemburgo-Güstrow Giovanni Alberto II di Meclemburgo-Güstrow  
 
Margherita Elisabetta di Meclemburgo-Güstrow  
Ferdinando Alberto II di Brunswick-Lüneburg  
Federico d'Assia-Eschwege Maurizio d'Assia-Kassel  
 
Giuliana di Nassau-Dillenburg  
Cristina d'Assia-Eschwege  
Eleonora Caterina del Palatinato-Zweibrücken-Kleeburg Giovanni Casimiro del Palatinato-Zweibrücken-Kleeburg  
 
Caterina Vasa  
Luisa Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel  
Antonio Ulrico di Brunswick-Lüneburg Augusto di Brunswick-Lüneburg  
 
Dorotea di Anhalt-Zerbst  
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg  
Elisabetta Giuliana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg  
 
Eleonora di Anhalt-Zerbst  
Antonietta Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel  
Alberto Ernesto I di Oettingen-Oettingen Gioacchino Ernesto di Oettingen-Oettingen  
 
Anna Dorotea di Hohenlohe-Neuenstein-Gleichen  
Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen  
Cristina Federica di Württemberg Eberardo III di Württemberg  
 
Anna Caterina di Salm-Kyrburg  
 

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29963470 · ISNI (EN0000 0000 0727 2405 · LCCN (ENno2011151057 · GND (DE104201401 · CERL cnp01007507 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011151057