Mad Love (Sean Paul e David Guetta)

Singolo di Sean Paul e David Guetta del 2018
Mad Love
Mad Love (Sean Paul e David Guetta).png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaSean Paul, David Guetta
FeaturingBecky G
Tipo albumSingolo
Pubblicazione16 febbraio 2018
Durata3:19
Album di provenienzaMad Love: The Prequel
GenerePop
Electronic dance music
EtichettaIsland
ProduttoreDavid Guetta, Jack Patterson, Jason Jigzagula Henriques, Giorgio Tuinfort, Banx & Ranx, 1st Klase
FormatiDownload digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroDanimarca Danimarca[1]
(vendite: 45 000+)
Dischi di platinoItalia Italia[2]
(vendite: 50 000+)
Polonia Polonia (2)[3]
(vendite: 40 000+)
Sean Paul - cronologia
Singolo precedente
She Call Me
(2017)
Singolo successivo
(2018)
David Guetta - cronologia
Singolo precedente
(2018)
Singolo successivo
(2018)
Becky G - cronologia
Singolo precedente
Mi mala (Remix)
(2018)
Singolo successivo
Ya es hora
(2018)

Mad Love è un singolo del rapper giamaicano Sean Paul e del DJ francese David Guetta, pubblicato il 16 febbraio 2018 come quarto estratto dal settimo album in studio di Sean Paul Mad Love: The Prequel.[4]

Il singolo ha visto la partecipazione della cantante statunitense Becky G.

TracceModifica

  1. Mad Love (feat. Becky G) – 3:19 (testo: Sean Paul Henriques, Pierre David Guetta, Emily Warren, Shakira Mebarak Ripoll, Jack Patterson, Rosina Russell, Giorgio Tuinfort, Ina Wroldsen, Raoul Lionel Chen)

ClassificheModifica

Classifica (2018) Posizione

massima

Austria[5] 33
Belgio (Fiandre)[6] 27
Belgio (Vallonia)[7] 1
Francia[8] 43
Germania[9] 10
Grecia[10] 64
Irlanda[11] 39
Italia[12] 75
Lettonia[13] 37
Paesi Bassi (Dutch Top 40)[14] 17
Polonia[15] 29
Regno Unito[16] 39
Scozia[17] 72
Stati Uniti (Dance/Electronic Songs)[18] 7
Svezia[19] 8
Svizzera[20] 36
Ungheria (Stream Top 40)[21] 13
Venezuela[22] 85

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mad Love, IFPI Danmark. URL consultato il 4 agosto 2020.
  2. ^ Mad Love (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 15 aprile 2019.
  3. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 3 settembre 2020.
  4. ^ Try the TIDAL Web Player, su Tidal. URL consultato il 28 marzo 2018.
  5. ^ Steffen Hung, Das österreichische Hitparaden- und Musik-Portal, su www.austriancharts.at. URL consultato il 28 marzo 2018.
  6. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su ultratop.be. URL consultato il 28 marzo 2018.
  7. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su ultratop.be. URL consultato il 28 marzo 2018.
  8. ^ (FR) Le Top de la semaine : Top Singles Téléchargés - SNEP [collegamento interrotto], in SNEP, 25 gennaio 2014. URL consultato il 28 marzo 2018.
  9. ^ (DE) Offizielle Deutsche Charts - Offizielle Deutsche Charts, su www.offiziellecharts.de. URL consultato il 28 marzo 2018.
  10. ^ FreezePage, su www.freezepage.com. URL consultato il 28 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2018).
  11. ^ IRMA - Irish Charts, su irma.ie. URL consultato il 28 marzo 2018.
  12. ^ FIMI - Database Top of the music - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 20 aprile 2018.
  13. ^ FreezePage, su www.freezepage.com. URL consultato il 28 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2018).
  14. ^ (NL) Stichting Nederlandse Top 40, Top 40 week 12 van 2018, su Top40.nl. URL consultato il 28 marzo 2018.
  15. ^ Onyx Sp. z o.o., tel. +48 572 400 000, www.onyx.pl, ZPAV :: Bestsellery i wyróżnienia - AirPlays - Top - Archiwum, su bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 28 marzo 2018.
  16. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 28 marzo 2018.
  17. ^ (EN) Official Scottish Singles Sales Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 28 marzo 2018.
  18. ^ Sean Paul Chart History, in Billboard. URL consultato il 28 marzo 2018.
  19. ^ (SV) Sverigetopplistan - Sveriges Officiella Topplista, su www.sverigetopplistan.se. URL consultato il 28 marzo 2018.
  20. ^ Steffen Hung, The Official Swiss Charts and Music Community, su www.swisscharts.com. URL consultato il 28 marzo 2018.
  21. ^ lightmedia.hu, Stream Top 40 slágerlista - Hivatalos magyar slágerlisták, su zene.slagerlistak.hu. URL consultato il 28 marzo 2018.
  22. ^ Top 100 Venezuela - national-REPORT, su national-report.com, 23 marzo 2018. URL consultato il 28 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2018).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica