Apri il menu principale
March 761
1976 March 761.jpg
Una March 761 del 1976
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  March Engineering
Categoria Formula 1
Sostituisce March 751
Sostituita da March 771
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in alluminio
Motore Ford Cosworth DFV
Trasmissione Hewland DG 400 a cinque marce
Dimensioni e pesi
Passo 2591 mm
Altro
Carburante Shell
Texaco
Duckhams
Avversarie Ferrari 312 T2, McLaren M23, Tyrrell P34, Lotus 77, Brabham BT45
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio di Spagna 1976
Piloti Ronnie Peterson
Vittorio Brambilla
Lella Lombardi
Arturo Merzario
Hans-Joachim Stuck
Karl Oppitzhauser
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
1
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0

La March 761 è una vettura da Formula 1 prodotta a metà degli anni settanta dall'azienda britannica March Engineering.

TecnicaModifica

Le scuderie fornite dall'azienda affiancavano al telaio uguale anche un identico propulsore Ford Cosworth DFV V8 gestito da un cambio Hewland DG 400 a cinque marce. L'impianto frenante era costituito da freni a disco, mentre il telaio era in configurazione monoscocca in alluminio.[1]

Attività sportivaModifica

Sports Cars of AustriaModifica

Nel 1976 il team Sports Cars of Austria indisse un concorso per iscrivere un pilota austriaco al locale GP di Formula 1 che si svolgeva sul tracciato dell'Österreichring. Come vettura sarebbe stata fornita una March 761, e il pilota che venne selezionato per guidarla fu Karl Oppitzhauser, il quale non venne però accettato in gara in quanto i commissari non lo ritennero abbastanza capace per condurre in sicurezza la propria vettura durante il gran premio.

OvoroModifica

Nella stagione 1976 una 761 sponsorizzata Ovoro venne affidata al pilota italiano Arturo Merzario. Il campionato fu gramo di risultati, con numerosi ritiri e solo due GP portati a termine e un nono posto come miglior risultato al Gran premio di Francia. Durante la stagione, Merzario fu anche uno dei piloti che salvò Niki Lauda dopo lo spaventoso incidente occorsogli al Nürburgring dopo aver perso il controllo della sua Ferrari ed essersi schiantato contro le barriere esterne, finendo in seguito avvolto dalle fiamme.

Lavazza March TeamModifica

Al GP d'apertura del 1976 in Brasile, una 761 venne schierata dalla squadra Lavazza con al volante Lella Lombardi. Qualificatasi con il 22º tempo in prova, terminò la gara al 14º posto.

Beta March TeamModifica

Per tutta la stagione 1976 il team Beta schierò una March 761 pilotata da Vittorio Brambilla. Il campionato fu costellato di ritiri, e il miglior risultato fu un sesto posto al GP d'Olanda.

NoteModifica

  1. ^ March 761, su conceptcarz.com. URL consultato il 2 maggio 2014.

Altri progettiModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1