Apri il menu principale

Gran Premio di Monaco 1977

corsa automobilistica
Monaco Gran Premio di Monaco 1977
286º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 17 del Campionato 1977
Circuit de Monaco 1976.png
Data 22 maggio 1977
Nome ufficiale XXXV Grand Prix Automobile de Monaco
Luogo Montecarlo
Percorso 3,312 km
Distanza 76 giri, 251,712 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito John Watson Sudafrica Jody Scheckter
Brabham-Alfa Romeo in 1'29"86 Wolf-Ford Cosworth in 1'31"07
(nel giro 35)
Podio
1. Sudafrica Jody Scheckter
Wolf-Ford Cosworth
2. Austria Niki Lauda
Ferrari
3. Argentina Carlos Reutemann
Ferrari

Il Gran Premio di Monaco 1977 è stata la sesta prova della stagione 1977 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 22 maggio 1977 sul Circuito di Montecarlo. La gara è stata vinta da Jody Scheckter, su Wolf-Ford Cosworth; per il vincitore si tratta del sesto successo in carriera. Ha preceduto sul traguardo l'austriaco Niki Lauda e l'argentino Carlos Reutemann, entrambi su Ferrari.

Fu la centesima vittoria nel mondiale di F1 per una vettura motorizzata dalla Ford Cosworth.

Indice

VigiliaModifica

Aspetti tecniciModifica

Il 30 marzo venne presentato il progetto per la costruzione di un circuito stradale presso il Monte Fontana nel comune di Camporosso, in provincia di Imperia. Il tracciato, lungo 4.068 mt, avrebbe dovuto sostituire il Circuito di Montecarlo quale sede del Gran Premio di Monaco.[1]

La Wolf tornò a impiegare il modello WR1, mentre la McLaren abbandonò per questo gran premio l'M26 e impiegò solo l'M23. La Brabham presentò un alettone posteriore molto più ampio, per garantire maggiore carico aerodinamico.[2]

Aspetti sportiviModifica

A seguito del riacutizzarsi del dolore al torace, patito nel corso del warm up del Gran Premio di Jarama, che costrinse Niki Lauda a saltare quella gara, venne messa in dubbio la sua partecipazione al gran premio di Monaco. La conferma della partecipazione avvenne solo il 17 maggio, dopo un consulto con il dott. Leonardo Gui, presso la Clinica Rizzoli di Bologna.[3] In caso di indisponibilità la Scuderia Ferrari avrebbe presentato il solo Carlos Reutemann.[4]

Fece il suo esordio nel mondiale di F1 Riccardo Patrese, che sostituì Renzo Zorzi alla Shadow. Il padovano aveva vinto il Campionato Europeo di Formula 3 nel 1976.[5] L'Ensign affidò una seconda vettura a Jacky Ickx, già al via di 102 gran premi validi per il mondiale, che mancava dal Gran Premio del Giappone 1976. Non si rividero Emilio de Villota, la Chesterfield Racing, la BRM e la Williams. In compenso la British Formula 1 Racing Team sostituì Brian Henton con il francese Jean-Pierre Jabouille, sempre mettendo a disposizione del pilota una March. La scuderia comunque non si presentò all'evento, così come la LEC.

QualificheModifica

ResocontoModifica

Nella prima giornata di prove il miglior tempo venne fatto segnare da Hans-Joachim Stuck, su Brabham in 1'30"73; il tedesco precedette il compagno di scuderia John Watson. La prima parte della giornata fu nuvolosa, mentre la pioggia arrivò sul circuito nel pomeriggio, non permettendo ai piloti di migliorare i tempi della sessione della mattina. Niki Lauda chiuse quarto, ma venne rallentato dalla rottura di un giunto della trasmissione che lo costrinse a usare il muletto. Mario Andretti, su Lotus, che aveva vinto gli ultimi due gran premi, si lamentò per il surriscaldamento delle testate in magnesio del motore.[2]

Al sabato venne cambiato il motore sulla Ferrari di Lauda, mentre i tre nuovi motori Ford Cosworth DFV, che presentavano un ridisegno della meccanica, venne montati sulle vetture di Mario Andretti, James Hunt e Ronnie Peterson.[6] Il tempo fu soleggiato e ciò consentì ai piloti di migliorare i tempi del giovedì.

La pole venne fatta, per la prima volta nella carriera, da John Watson. Era dal 1951, con Juan Manuel Fangio a Monza, che una vettura spinta da un motore Alfa Romeo non otteneva la partenza al palo in una gara del mondiale, mentre lo stesso Watson aveva ottenuto la pole anche nella Race of Champions, disputata a marzo, e non valida per il mondiale. In prima fila vi fu Jody Scheckter (il sudafricano danneggiò però la sua Wolf toccando le barriere alle curve della Piscina), mentre la seconda fu appannaggio di Carlos Reutemann e Ronnie Peterson. Andretti chiuse decimo e fu protagonista di un incidente al Casinò, senza conseguenza fisiche.[7]Clay Regazzoni, dell'Ensign, non prese parte alla seconda giornata di prove, ma preferì volare negli Stati Uniti, per tentare di qualificarsi alla 500 Miglia di Indianapolis.[8]

RisultatiModifica

Nella sessione di qualifica[9] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 7   John Watson   Brabham-Alfa Romeo 1'29"86 1
2 20   Jody Scheckter   Wolf-Ford Cosworth 1'30"27 2
3 12   Carlos Reutemann   Ferrari 1'30"44 3
4 3   Ronnie Peterson   Tyrrell-Ford Cosworth 1'30"72 4
5 8   Hans-Joachim Stuck   Brabham-Alfa Romeo 1'30"73 5
6 11   Niki Lauda   Ferrari 1'30"76 6
7 1   James Hunt   McLaren-Ford Cosworth 1'30"85 7
8 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 1'31"16 8
9 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 1'31"36 9
10 5   Mario Andretti   Lotus-Ford Cosworth 1'31"50 10
11 17   Alan Jones   Shadow-Ford Cosworth 1'32"04 11
12 34   Jean-Pierre Jarier   Penske-Ford Cosworth 1'32"32 12
13 6   Gunnar Nilsson   Lotus-Ford Cosworth 1'32"37 13
14 19   Vittorio Brambilla   Surtees-Ford Cosworth 1'32"40 14
15 16   Riccardo Patrese   Shadow-Ford Cosworth 1'32"52 15
16 26   Jacques Laffite   Ligier-Matra 1'32"65 16
17 22   Jacky Ickx   Ensign-Ford Cosworth 1'33"25 17[10]
18 28   Emerson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth 1'33"39 18
19 18   Hans Binder   Surtees-Ford Cosworth 1'33.49 19
20 24   Rupert Keegan   Hesketh-Ford Cosworth 1'33.78 20
NQ 37   Arturo Merzario   March-Ford Cosworth 1'34"46 NQ
NQ 33   Boy Hayje   March-Ford Cosworth 1'34"48 NQ
NQ 25   Harald Ertl   Hesketh-Ford Cosworth 1'34"76 NQ
NQ 22   Clay Regazzoni   Ensign-Ford Cosworth 1'35"00 NQ[10]
NQ 9   Alex-Dias Ribeiro   March-Ford Cosworth 1'36"62 NQ
NQ 10   Ian Scheckter   March-Ford Cosworth 1'46"30 NQ

GaraModifica

ResocontoModifica

John Watson partì male e venne passato subito da Jody Scheckter; dietro ai primi due si posero Carlos Reutemann, Hans-Joachim Stuck, Ronnie Peterson, Niki Lauda e James Hunt. Il sudafricano della Wolf venne pressato per diversi giri da Watson ma, senza commettere errori, mantenne il comando della gara.

Al nono giro Peterson venne passato sia da Lauda che da Hunt, ciò in quanto la sua Tyrrell scontava dei problemi ai freni. Le posizioni di testa rimasero immutate fino al giro 20 quando Hans-Joachim Stuck si ritirò per un principio d'incendio sulla sua vettura. Cinque giri dopo fu il turno del ritiro di Hunt, per un guasto alla valvola. Il giro dopo Lauda passò il compagno di scuderia Reutemann. La classifica vedeva sempre in testa Jody Scheckter, seguito da John Watson, Niki Lauda, Carlos Reutemann, Jochen Mass e Mario Andretti.

Il continuo pressing di Watson su Scheckter affaticò l'impianto frenante della sua Brabham, tanto che al giro 45 andò lungo alla chicane e venne passato da Niki Lauda. Tre giri dopo fu costretto al ritiro per un guasto al cambio. Entrò in zona punti Alan Jones. La classifica non mutò più negli ultimi giri, tranne per il sorpasso di Jacques Laffite su Vittorio Brambilla per la settima posizione al sessantanovesimo giro.

Jody Scheckter vinse per la sesta volta nel mondiale, pur rallentando vistosamente negli ultimi giri per un problema di alimentazione; la Ford-Cosworth conquistò la centesima vittoria (la prima nel Gran Premio d'Olanda 1967 con Jim Clark su Lotus).[11]

RisultatiModifica

I risultati del gran premio[12] sono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos.Griglia Punti
1 20   Jody Scheckter   Wolf-Ford Cosworth 76 1:57'52"77 2 9
2 11   Niki Lauda   Ferrari 76 + 0"09 6 6
3 12   Carlos Reutemann   Ferrari 76 + 32"8 3 4
4 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 76 + 34"60 9 3
5 5   Mario Andretti   Lotus-Ford Cosworth 76 + 35"55 10 2
6 17   Alan Jones   Shadow-Ford Cosworth 76 + 36"61 11 1
7 26   Jacques Laffite   Ligier-Matra 76 + 1'04"44 16  
8 19   Vittorio Brambilla   Surtees-Ford Cosworth 76 + 1'08"64 14  
9 16   Riccardo Patrese   Shadow-Ford Cosworth 75 + 1 giro 15  
10 22   Jacky Ickx   Ensign-Ford Cosworth 75 + 1 giro 17[10]  
11 34   Jean-Pierre Jarier   Penske-Ford Cosworth 74 + 2 giri 12  
12 24   Rupert Keegan   Hesketh-Ford Cosworth 73 + 3 giri 20  
Rit 6   Gunnar Nilsson   Lotus-Ford Cosworth 51 Cambio 13  
Rit 7   John Watson   Brabham-Alfa Romeo 48 Cambio 1  
Rit 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 46 Cambio 8  
Rit 18   Hans Binder   Surtees-Ford Cosworth 41 Alimentazione 19  
Rit 28   Emerson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth 37 Motore 18  
Rit 1   James Hunt   McLaren-Ford Cosworth 25 Motore 7  
Rit 8   Hans-Joachim Stuck   Brabham-Alfa Romeo 19 Problemi elettrici 5  
Rit 3   Ronnie Peterson   Tyrrell-Ford Cosworth 10 Freni 4  
NQ 37   Arturo Merzario   March-Ford Cosworth        
NQ 33   Boy Hayje   March-Ford Cosworth        
NQ 25   Harald Ertl   Hesketh-Ford Cosworth        
NQ 22[10]   Clay Regazzoni   Ensign-Ford Cosworth        
NQ 9   Alex-Dias Ribeiro   March-Ford Cosworth        
NQ 10   Ian Scheckter   March-Ford Cosworth        

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ Cristiano Chiavegato, Un autodromo a Camporosso per la formula 1 di Montecarlo, in La Stampa, 31 marzo 1977, p. 19.
  2. ^ a b Michele Fenu, Sorpresa Brabham-Alfa a Monaco, in La Stampa, 20 maggio 1977, p. 19.
  3. ^ Carlo Coscia, Per Niki Lauda tutto ok Correrà a Montecarlo, in La Stampa, 18 maggio 1977, p. 19.
  4. ^ Lauda, oggi si decide, in La Stampa, 17 maggio 1977, p. 19.
  5. ^ Patrese con la Shadow, in La Stampa, 18 maggio 1977, p. 19.
  6. ^ Tre nuovi Cosworth, in La Stampa, 21 maggio 1977, p. 19.
  7. ^ Michele Fenu, Montecarlo, il carosello dei bolidi, in La Stampa, 22 maggio 1977, p. 19.
  8. ^ Michele Fenu, Ickx torna a correre, Regazzoni in Usa, in La Stampa, 22 maggio 1977, p. 19.
  9. ^ Sessione di qualifica, su chicanef1.com.
  10. ^ a b c d Dopo la prima giornata di prove Jacky Ickx sostituì sull'Ensign numero 22 Clay Regazzoni.
  11. ^ Cristiano Chiavegato, Il rabbioso inseguimento di Niki, in Stampa Sera, 23 maggio 1977, p. 16.
  12. ^ Risultati del gran premio, su formula1.com.

Altri progettiModifica

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1977
                                 
   

Edizione precedente:
1976
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1978
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1