Apri il menu principale

Nostalghia

film del 1983 diretto da Andrej Tarkovskij

«Una goccia, più una goccia, fanno una goccia più grande, non due.»

(Erland Josephson in una scena del film)
Nostalghia
Nostalghia.png
Oleg Jankovskij in una scena del film
Titolo originaleNostalghia/Ностальгия
Paese di produzioneItalia, Unione Sovietica
Anno1983
Durata121 min
Generedrammatico
RegiaAndrej Arsen'evič Tarkovskij
SoggettoTonino Guerra
Andrej Arsen'evič Tarkovskij
SceneggiaturaTonino Guerra
Andrej Arsen'evič Tarkovskij
ProduttoreRenzo Rossellini, Manolo Bolognini per la Opera Film
FotografiaGiuseppe Lanci
MontaggioAmadeo Salfa
Erminia Marani
MusicheDebussy, Verdi, Wagner, Beethoven
ScenografiaAndrea Crisanti
CostumiLina Nerli Taviani
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Nostalghia è un film di Andrej Tarkovskij del 1983. Vinse il Grand Prix du cinéma de création al festival del cinema di Cannes di quell'anno, ex æquo con L'Argent di Robert Bresson.

TramaModifica

Un poeta sovietico, Andrej Gorčakov, è in Italia per scrivere la biografia di un compositore russo del XVIII secolo, Andrej Sosnovskij. Insieme a lui è la sua interprete, la bella e irrequieta Eugenia. Durante una tappa a Bagno Vignoni, Gorčakov conosce il vecchio Domenico, un uomo ritenuto da tutti matto perché, vari anni prima, è rimasto rinchiuso in casa per 7 anni con la sua famiglia in attesa della fine del mondo. Gorčakov è attratto dall’uomo e va a trovarlo. Durante il lungo dialogo fra i due, Domenico affida a Gorčakov la missione di compiere in sua vece un rito salvifico: attraversare con una candela accesa la piscina di acque termali di Bagno Vignoni.

Domenico parte poi per Roma dove, nella piazza del Campidoglio, tiene un lungo discorso davanti a un pubblico di “matti”, al termine del quale si suicida dandosi fuoco.

Gorčakov, dopo una sosta meditativa nella chiesa sommersa di san Vittorino, decide di compiere la missione affidatagli da Domenico. Quando, dopo due tentativi falliti, riesce finalmente a giungere sul lato opposto della piscina e deporvi la candela accesa, viene colpito da un attacco cardiaco.

La "nostalgia" da cui deriva il titolo è quella del poeta espatriato, ma anche quella dei vari personaggi che cercano di superare la propria alienazione spirituale e ricucire la propria separazione fisica dalle altre persone.

LuoghiModifica

Nel film troviamo delle immagini memorabili del paesaggio toscano e sabino: la cripta della chiesa di San Pietro a Tuscania, la suggestiva Abbazia di San Galgano, l'incantevole Bagno Vignoni, la caratteristica Val d'Orcia e la chiesa allagata di Santa Maria in Vittorino a Cittaducale. Una ricerca svolta nei mesi di ottobre e novembre 2015 (gli stessi in cui, nel 1982, fu girato il film) ha consentito di identificare tutti i luoghi delle riprese (Sul sito web nostalghia.com, su people.ucalgary.ca. ne è presente la documentazione fotografica). I principali fra essi sono:

RiconoscimentiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN198703873 · GND (DE7683485-2 · BNF (FRcb16457706d (data) · WorldCat Identities (EN198703873
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema