Patriarcato (cristianesimo)

gruppo di diocesi che fanno riferimento ad un vescovo che ha il titolo di patriarca

Il patriarcato è un gruppo di diocesi che fanno riferimento alla sede ed al vescovo che ha il titolo di patriarca. La sede patriarcale sarebbe la diocesi madre, dalla quale sono originate tutte le altre diocesi suffraganee, sia vescovili (eparchie) che arcivescovili (metropolie). Le metropolie corrispondevano alle ''province romane'', ma oggi solo a regioni ecclesiastiche.

Anticamente i patriarcati (in Oriente) corrispondevano ad una "diocesi romana''. E le "diocesi imperiali" da Diocleziano in poi erano 12, 6 in Oriente e 6 in Occidente. Ma in Occidente erano tutti riuniti sotto il Papa di Roma, quale unico patriarca d'Occidente. Non riconosciuti patriarcati al di fuori dell'Impero romano (come Babilonia o Seleucia-Ctesifonte).

Sono definite patriarcali sia la diocesi sia la chiesa che sono sede del patriarcato e del patriarca. La sede patriarcale sarebbe la capitale dell'antica diocesi romana: dalla sede prende titolo il vescovo titolare e non viceversa. Oggi non sempre coincide con l'attuale città capitale di stato, a prescindere dalla effettiva residenza del patriarca.

Indice

Patriarcati antichiModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Pentarchia.

Inizialmente (sec. I) i principali centri cristiani della diaspora ebraica nell'Impero romano erano tre: Antiochia, Alessandria e Roma, a parte Gerusalemme nella madrepatria.

I patriarcati ufficiali della Chiesa antica poi, con l'aggiunta della nuova capitale e della città santa, divennero i cinque riconosciuti da Concilio ed Imperatore. Ma ne esistevano altri non riconosciuti, perché fuori dell'Impero od eterodossi.

Patriarcati moderniModifica

Chiesa ortodossaModifica

Le Chiese ortodosse e orientali oggi sono tutte nazionali. Possono essere solo chiese autocefale oppure anche patriarcali.

Patriarcati ortodossi in comunione con Costantinopoli

I patriarcati ortodossi od orientali, secondo relativa precedenza od onorifica o cronologica, sono:

a) Patriarcati antichi (romani) sovranazionali:

b) Patriarcati successivi nazionali:

Anticamente i Balcani dipendevano dalla giurisdizione romana, trasferita poi (sec. VIII) a quella costantinopolitana dagli imperatori iconoclasti (v. Leone III Isaurico).[senza fonte] In questa zona si sono poi distaccati i due patriarcati slavi, bulgaro e serbo, quando però erano imperi, col riconoscimento di Costantinopoli (ma non di Roma).[senza fonte] La Chiesa ortodossa di Kiev e poi di Mosca, è invece sorta fuori del territorio imperiale: da cui i dubbi sulla legittimità del relativo patriarcato.[senza fonte] Come per quello georgiano, e quelli bulgaro, serbo e rumeno (in territorio romano).

Le antiche apostoliche Chiesa Georgiana e Chiesa Armena erano 2 catholicosati fuori dall'impero, all'inizio dipendenti e poi distaccatisi dal Patriarcato di Antiochia. Come il Patriarcato di Babilonia-Ctesifonte, pure divenuta capitale dell'Impero persiano, nel quale si era sviluppato, giungendo in India,Turkestan, Mongolia e Cina. Fino alla conquista degli Arabi musulmani. L' antica Chiesa orientale d'Armenia (Echmiadzin), poi nel 1441 sdoppiatasi nella Cilicia (Sis e ora Antilyas), mantiene pure le 2 vecchie sedi patriarcali a Costantinopoli e Gerusalemme. La Chiesa orientale dell'India o malankarese, già dipendente dai Patriarcati di Babilonia/Baghdad e di Antiochia, si è sdoppiata nel sec. XVI e suddivisa poi in 8 denominazioni, con riferimento alle varie Chiese europee, col catholicosato siro prima d'Oriente ed ora dell'India. Le Chiese sira, copta ed armena, poiché eterodosse, non partecipano al Sinodo dei Patriarchi ortodossi ma hanno un loro Consiglio delle Chiese orientali.

Patriarcati ortodossi non in comunione con CostantinopoliModifica

Chiesa cattolicaModifica

Nella Chiesa latina o di Occidente (cattolica) sussistono tradizionalmente due sedi patriarcali (con arcivescovi che vengono regolarmente creati cardinali): il patriarcato di Venezia e quello di Lisbona, ma in Occidente il titolo patriarcale è solo onorifico, mentre in Oriente è rappresentativo di un diverso rito.

a) Nell'ambito della Chiesa cattolica, in Occidente ci sono i seguenti 5 patriarcati di rito romano:

b) Nell'ambito della Chiesa cattolica, in Oriente ci sono i seguenti 6 patriarcati (di riti orientali diversi):

c) Sono stati invece soppressi:

Il Patriarcato di Cartagine (VII secolo) nella diocesi africana, occupata dagli Arabi, il Patriarcato di Grado (607 o 717, soppresso nel 1451, quando il titolo di patriarca è passato alla sede di Venezia) e il Patriarcato di Aquileia (568, già sdoppiatosi con quello di Grado e pure soppresso nel 1751). Storicamente sono esistiti anche altri patriarcati, per motivi contingenti, ma temporaneamente.

Più recentemente, i Patriarcati di Alessandria dei Latini, Costantinopoli dei Latini e Antiochia dei Latini: nel 1964 da papa Paolo VI per ragioni legate all'ecumenismo, sebbene i Patriarcati greci di Alessandria e Antiochia continuino ancora ad affiancare quelli indigeni. A Gerusalemme invece tutte le Chiese sono oggi rappresentate: nella Città santa oggi ci dovrebbe essere un patriarcato collegiale.

Dal 2006 papa Benedetto XVI ha abbandonato il titolo di Patriarca d'Occidente, per la vaghezza che ha acquisito il concetto di Occidente (dopo la fine dell'Impero romano, vecchio e nuovo) o per la sua contrapposizione con i Patriarchi d'Oriente, mantenendo comunque di fatto il Patriarcato della Chiesa latina, ma anche per l'antistoricità della vecchia pentarchia dell'Impero romano in una Chiesa disunita.[senza fonte]

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi