Pedro López Quintana

arcivescovo cattolico spagnolo
Pedro López Quintana
arcivescovo della Chiesa cattolica
Pedro López Quintana (cropped).jpg
Coat of arms of Pedro Lopez Quintana.svg
Caritas
 
TitoloAgropoli
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attualiNunzio apostolico in Austria
Incarichi ricopertiAssessore per gli Affari Generali della Segreteria di Stato
Nunzio apostolico in India e Nepal
Nunzio apostolico in Canada

Nunzio apostolico in Lituania
Nunzio apostolico in Estonia e Lettonia

 
Nato27 luglio 1953 (67 anni) a Barbastro
Ordinato presbitero15 giugno 1980 da papa Giovanni Paolo II
Nominato arcivescovo12 dicembre 2002 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo6 gennaio 2003 da papa Giovanni Paolo II
 

Pedro López Quintana (Barbastro, 27 luglio 1953) è un arcivescovo cattolico spagnolo.

BiografiaModifica

Nasce in Spagna e riceve ordinazione presbiterale il 15 giugno 1980 da papa Giovanni Paolo II. In seguito viene incardinato nell'Arcidiocesi di Santiago di Compostela.

Frequenta la Pontificia Accademia Ecclesiastica ed entra nel servizio diplomatico della Santa Sede.

Dal 22 luglio 1997 al 12 dicembre 2002 ricopre l'incarico di assessore per gli Affari Generali della Segreteria di Stato della Santa Sede.

Il 12 dicembre 2002 viene nominato arcivescovo titolare di Agropoli con incarico di nunzio apostolico a servizio della Santa Sede.

Riceve la consacrazione episcopale il 6 gennaio 2003 da papa Giovanni Paolo II, co-consacranti Leonardo Sandri e Antonio Maria Vegliò.

L'8 febbraio 2003 è destinato alle nunziature in India e Nepal[1].

Il 10 dicembre 2009 papa Benedetto XVI lo nomina nunzio apostolico in Canada[2]; il 28 settembre 2013 cessa il suo incarico, in attesa di una futura nomina da parte di papa Francesco[3].

L'8 marzo 2014 viene nominato nunzio apostolico in Lituania[4] e, il 22 marzo, nunzio apostolico in Estonia e Lettonia[5].

Il 4 marzo 2019 viene nominato nunzio apostolico in Austria[6][7].

Nei giorni successivi, l'allora presidente della Lituania Dalia Grybauskaitė, nel consegnargli la Gran Croce al merito, lo ha ringraziato per il significativo contributo al rafforzamento delle relazioni bilaterali tra la Lituania e la Santa Sede oltreché per il suo personale contributo alla preparazione della storica visita papale del settembre 2018,[8] in un particolare contesto di tensione tra i paesi baltici e la Russia.[9]

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

OnorificenzeModifica

  Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Assessore della Segreteria di Stato. Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 19 gennaio 1999[10]
  Gran Croce al Merito della Lituania
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— marzo 2019[11]

NoteModifica

  1. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 08.02.2003, su press.vatican.va. URL consultato il 22 marzo 2014.
  2. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 10.12.2009, su press.vatican.va. URL consultato il 22 marzo 2014.
  3. ^ (EN) Bishops of Canada receive President’s report, su cccb.ca. URL consultato il 22 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2014).
  4. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 08.03.2014, su press.vatican.va. URL consultato il 22 marzo 2014.
  5. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 22.03.2014, su press.vatican.va. URL consultato il 22 marzo 2014.
  6. ^ Bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 04.03.2019, su press.vatican.va. URL consultato il 4 marzo 2019.
  7. ^ Nuncijus – popiežiaus akys ir ausys (Nunzio - gli occhi e le orecchie del papa), su bernardinai.lt. URL consultato il 21 agosto 2020.
  8. ^ Premjeras: Lietuvos ryšiai su Šventuoju Sostu visada buvo ypatingi, su bernardinai.lt. URL consultato il 21 agosto 2020.
  9. ^ Paesi Baltici: la Russia fa paura - Intervista a Pedro López Quintana, su settimananews.it. URL consultato il 22 agosto 2020.
  10. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  11. ^ Sito web del Ministro degli Esteri

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN467154381049130291988