Apri il menu principale
Piante contro zombi
videogioco
Plant vs. zombi.PNG
Il menù principale del gioco
Titolo originalePlants vs. Zombies
PiattaformaMicrosoft Windows, macOS, Nintendo DS, iOS, PlayStation Vita, Android, Bada
Data di pubblicazione2009
GenereStrategia in tempo reale, Tower defense
Temastrategia
OrigineStati Uniti
SviluppoPopCap Games
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputSixaxis, Dualshock 3, Controller wireless, mouse, tastiera, touch screen.
Supportodownload, cartuccia
Distribuzione digitaleSteam, PlayStation Network, Xbox Live
Requisiti di sistemaWindows XP/Vista/7, CPU 1,2 GHz, RAM 1 GB, Scheda video 128 MB; 16/32 bit; DirectX 9, Scheda audio DirectX, HD 64 MB
macOS 10.5.8 - 10.6, CPU Intel Core Duo 1,66 GHz, RAM 1 GB, Scheda video 64 MB; 16/32 bit, Scheda audio standard, HD 50 MB
Fascia di etàPEGI: 7+
Seguito daPlants vs. Zombies 2: It's About Time

Piante contro zombi (Plants vs. Zombies) è un videogioco tower defense del 2009, sviluppato da PopCap Games per PC, Xbox 360, PlayStation 3, PlayStation Vita, Nintendo DS e mobile.

Il gioco è stato lanciato il 5 maggio 2009 su PC attraverso Steam, il 20 febbraio 2010 su iOS e iPad, l'8 settembre 2010 su Xbox Live e Windows Phone, il 18 gennaio 2011 su Nintendo DS e il 17 febbraio 2011 su PlayStation Network[1].

Modalità di giocoModifica

Piante contro zombi vede il giocatore interrare diversi tipi di piante e funghi, come mine, patate, sparasemi, Typha, funghi ipnotizzanti, catapulte a cavoli e cocomeri, lanterne e molti altri, ognuno con specifiche capacità offensive o difensive, nel giardino, retro e sul tetto di una casa, in modo da fermare un'orda di zombie dal divorare il cervello dei residenti. Il campo di gioco è suddiviso in file orizzontali, e in generale (a meno che vengano usate la pianta d'aglio o l’ipnofungo) uno zombie si muove esclusivamente verso la casa del giocatore lungo una linea; tutte le piante possono attaccare o difendere solo nella linea in cui vengono piantate, eccetto due, il "triplo sparasemi e il frutto stella”, che sono capaci di proteggere più file.

Nei livelli iniziali del gioco, se uno zombie raggiunge la casa del giocatore, un attrezzo a uso singolo (tagliaerba o lavapiscine) può essere utilizzato per eliminare tutti gli zombi lungo quella linea; l'attrezzo verrà poi ripristinato al livello successivo. Nei livelli avanzati, il giocatore dovrà acquistare dei gingilli per adattare i tagliaerba ai nuovi ambienti di gioco. Gli zombi, eccetto casi particolari, divoreranno qualsiasi pianta lungo il loro cammino prima di proseguire verso la casa, alcuni livelli contengono mini giochi di strategia in tempo reale.

Il giocatore inizia con un numero limitato di sacchi di semi e di slot per questi sacchi che egli può utilizzare durante il livello. Nuovi sacchi vengono vinti completando i livelli, mentre un certo numero di slot possono essere acquistati utilizzando le monete del gioco. All'inizio di ogni livello, al giocatore vengono mostrati i diversi tipi di zombie che affronterà, e gli viene data l'opportunità di selezionare quali sacchi di semi portare con sé. Per poter piantare un seme, il giocatore deve raccogliere una specifica quantità di luce solare. La luce viene generata da certe piante (girasole e buonporcino) ad intervalli regolari, o viene automaticamente prodotta per il giocatore durante i livelli diurni.

I sacchi di semi hanno inoltre un tempo di ricarica prima che possano essere di nuovo piantati. Molte piante sono notturne, come i funghi, e hanno un costo in termini di luce molto basso: sono quindi ideali per i livelli notturni, ma resteranno addormentati se usati durante quelli diurni, a meno di usare un chicco di caffè. Nei livelli ambientati sul retro che includono una piscina, i semi devono essere piantati sulle ninfee per poter essere piazzati sugli spazi occupati dall'acqua (con l'eccezione dei rovi che non possono essere piantati sulle ninfee), mentre nei livelli sul tetto tutti i semi devono essere piantati in vasi. Le abilità delle varie piante vanno dallo sparare proiettili agli zombie, scatenarli uno contro l'altro, farli esplodere, distruggere intere aree, rallentarli difendendo le altre piante e produrre energia solare. Alcune piante sono altamente efficaci contro specifici tipi di zombie, come i funghi calamita che possono rimuovere secchi o altri ostacoli utilizzati dagli zombie per difendersi o come i fumoporcino che sono super efficaci contro gli zombie con porta.

Anche gli zombie hanno diversi attributi, in particolare velocità, resistenza ai danni e abilità. Mentre il giocatore progredisce nel gioco, gli zombie avranno armature, altri saranno in grado di saltare o volare oltre le piante. In ogni livello, gli zombie si avvicineranno alla casa casualmente, eccetto in punti speciali in cui il giocatore verrà inondato da una "orda gigantesca" di zombie; una barra di avanzamento mostrerà il momento in cui questa orda attaccherà, dando al giocatore modo di prepararsi. In alcuni livelli, al giocatore verrà fornito un set casuale di semi, senza requisiti di luce solare, ad intervalli regolari, ed il giocatore dovrà trovare il miglior modo per sopravvivere con i semi casuali forniti. In altre modalità, il giocatore ingaggerà una partita a bowling, utilizzando delle noci per sconfiggere gli zombie.

Uccidere gli zombie e completare i livelli farà guadagnare al giocatore monete che potrà spendere al negozio di Dave il Pazzo per comprare nuovi semi ed altri bonus. Il gioco comprende modalità extra sbloccabili quando il giocatore procede attraverso i livelli in modalità Avventura. Questi includono la modalità sopravvivenza, puzzle e una serie di mini-giochi che comprendono delle versioni zombificate di altri giochi PopCap Games come Bejeweled ed Insaniquarium. Il gioco comprende inoltre un giardino zen, dove il giocatore si prende cura di piante ottenute da zombie caduti durante il gioco. Le piante lì contenute producono monete per il giocatore finché vengono fornite degli oggetti che esse richiedono, come acqua o fertilizzante. Il negozio di Dave il Pazzo contiene oggetti che possono essere utili nel giardino zen.

Il menu di aiuto è scarno, sostituito dall'Albero della Saggezza, che fornisce informazione sul gioco ogni volta che viene nutrito con uno speciale fertilizzante acquistabile nel negozio di Dave il Pazzo. I ringraziamenti, disponibili dal menu delle opzioni, sono presentati come un video musicale. La versione per PC / iPhone / iPod touch / iPad / Nintendo DS comprende inoltre degli obiettivi.[2]

Colonna sonoraModifica

La colonna sonora del gioco è stata composta da Laura Shigihara; l'artista ha composto ed eseguito anche il singolo "Zombies on Your Lawn" utilizzato per i credits ed il trailer.[3]

TrofeiModifica

Finita la modalità avventura comparirà nella schermata principale un trofeo a forma di Girasole argentato, invece quando si finiranno anche la modalità minigiochi, sopravvivenza e rompicapi diventerà color oro.

Codici da digitare durante il giocoModifica

Finita la modalità avventura si sbloccherà un'altra modalità chiamata Giardino Zen, qui si potrà coltivare delle piante per poi venderle a Dave il Pazzo. Lo scopo principale del Giardino Zen però è far crescere l'Albero della Saggezza che si può comprare fra i gingilli di Dave. Acquistato si potranno digitare dei codici per far accadere delle "cose", ma alcune si attiveranno solo quando l'albero sarà sufficientemente alto.

Di seguito i codici da digitare:

  • Future: fa indossare agli zombi degli occhiali futuristici.
  • Mustache: gli zombi avranno un paio di baffi.
  • Pinata: quando lo zombie muore, verrà coperto da una cascata di caramelle.
  • Trickedout: i vostri taglierba saranno turbo potenziati.
  • Dance: fa danzare gli zombie.
  • Daisies: quando lo zombi muore, lascerà a terra delle margherite.(si sblocca quando l'albero della saggezza raggiunge i 100 metri)

ZombatarModifica

Zombatar è una funzionalità presente nella versione Game Of The Year del gioco per PC. Permette al giocatore di creare il proprio zombi personalizzato, che potrà essere usato come avatar. È possibile personalizzare il proprio zombi cambiandogli il colore della pelle e gli occhi, e dandogli parrucche, abiti, barba e baffi, accessori, cappelli e occhiali.

Lo zombi personalizzato, nel gioco, apparirà come uno zombi portabandiera, e sostituirà quello predefinito.

SerieModifica

I seguiti sono:

Inoltre nel videogioco Pinball FX 2 è presente un tavolo a tema di Piante contro Zombi. Nel videogioco Dying Light è presente una zona della mappa dove è in corso una partita di Piante contro zombi.

AccoglienzaModifica

Il gioco ha ottenuto ottimi risultati da parte critica con una media totale di 87/100 per la versione PC, e di 92/100 per la versione Android/iOS.

Nel 2010 vince inoltre due premi da parte di Golden Joystick Awards: viene eletto "Download Game of the Year" e "Strategy Game of the Year".

La rivista Play Generation diede alla versione per PlayStation 3 un punteggio di 90/100, trovandolo un gioiellino di design, estremamente vario e appassionante anche per i novizi del genere[4].

CuriositàModifica

  • Inizialmente, al posto di Disco Zombi, era presente Zombiller, ispirato a Michael Jackson. Siccome poi l’artista è morto, lo hanno cancellato per rispetto. Nella versione Game Of The Year, è stato sostituito con l’attuale Disco Zombi, un generico zombi da discoteca anni 70 con capelli afro.
  • La Sparasemi in lingua italiana ha due particolarità: la prima è l'errore del genere, infatti Sparasemi è maschile e per un errore è stata chiamata al femminile. La seconda è che Peashooter vuol dire letteralmente Spara Piselli, ma il nome venne cambiato per ovvie ragioni.

NoteModifica

  1. ^ Classici "moderni", in Play Generation (Edizioni Master), nº 67, giugno 2011, p. 27, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  2. ^ (EN) Plants vs. Zombies, su PopCap Games. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  3. ^ (EN) Shweta Kumari, Plants vs Zombies 2 for PC Download on Windows 7/8/XP Computer, su Apps for PC Zap, 6 aprile 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2015).
  4. ^ Plants vs Zombies, in Play Generation (Edizioni Master), nº 67, giugno 2011, p. 66, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica