Regno d'Armenia

regno armeno dell'antichità classica, esistito dal IV secolo a.C. al V secolo d.C.
(Reindirizzamento da Regno di Armenia)

Il Regno d'Armenia o Armenia Maggiore fu un antico regno nel Caucaso fondato nel 321 a.C.; fu indipendente dal 190 a.C. al 165 d.C. e un protettorato dell'Impero romano dal 165 al 428, quando fu inglobato dall'Impero sasanide.

Regno d'Armenia
Regno d'Armenia - Localizzazione
Regno d'Armenia - Localizzazione
Il regno nel 250 a.C.
Dati amministrativi
Nome completoRegno d'Armenia
Nome ufficialeՄեծ Հայք
Lingue ufficialiArmeno
Lingue parlateGreco, aramaico, iraniano (partico e palhavi)
CapitaleArmavir (331–210 a.C.)
Yervandashat (210–176 a.C.)
Artaxata (176–77 a.C.; 69–120 d.C.)
Tigranocerta (77–69)
Vagharshapat (120–330)
Dvin (336–428)
Politica
Forma di governoMonarchia
Nascita321 a.C. con Oronte III
Fine428 con Artassio IV
CausaSpartizione dell'Armenia tra bizantini e sassanidi
Territorio e popolazione
Bacino geograficoAnatolia orientale, Medio Oriente
Territorio originaleCaucaso, Armenia
Massima estensionePiù di 700 000 km² nel 60 a.C.
Economia
ValutaTaghand
Religione e società
Religioni minoritariePoliteismo armeno e Zoroastrismo[1][2] (III secolo a.C. - 301 d.C.)
Cristianesimo (Chiesa apostolica armena) (dal 301 d.C.)
In arancione il territorio originario del regno, espansosi limitatamente al regno di Tigrane II (r. 95-55 a.C.): in marrone gli Stati clienti (Sofene, Commagene, Gordiene, Osroene, Adiabene, Atropatene), in rosso le conquiste (Siria e Cilicia), in giallo le occupazioni di breve durata (Cappadocia e Giudea)
Evoluzione storica
Preceduto daImpero achemenide
Succeduto daArmenia bizantina
Armenia persiana
Ora parte di Armenia
Turchia
Georgia
Iran
Azerbaigian
Siria
Iraq
Libano
Israele
Egitto
Kuwait
Arabia Saudita
Giordania

Storia modifica

 
Sito archeologico preistorico di Zorats Karer, posto nei pressi della cittadina di Sisian, nella provincia di Syunik, in Armenia.
 
Regno di Armenia sotto Tigrane II

Attorno al 550 a.C. l'Impero achemenide occupò l'Armenia e istituì la satrapia d'Armenia, affidata alla dinastia degli Orontidi (550-201 a.C.).

A seguito della conquista dell'Impero achemenide ad opera delle campagne di Alessandro Magno, nel 321 a.C. Oronte III trasformò la ex satrapia nel Regno d'Armenia, che dal 301 fu nella sfera d'influenza dell'Impero seleucide, seppur sempre come Stato semi-autonomo. Solo nel 201 Antioco III decise di deporre l'ultimo Oronte (IV); nel 190 divenne re d'Armenia Artaxias I, fondatore della nuova dinastia artasside (190 a.C. - 12 d.C.).

 
La caduta del Regno d'Armenia

Durante il periodo del suo massimo splendore, dal 95 a.C. al 66 a.C., il regno d'Armenia aveva il controllo di alcune zone del Caucaso, dell'odierna Turchia orientale, del Libano e della Siria. Essa finì sotto la sfera d'influenza dei romani nel 66 a.C., con le campagne di Lucullo e Pompeo. A causa di ciò, successivamente il regno d'Armenia fu teatro della contesa tra Roma e l'Impero partico.

I parti costrinsero il regno d'Armenia alla sottomissione dal 47 a.C. al 37 a.C., quando Roma riprese il controllo del regno. Dal 55 al 63 l'imperatore Nerone promosse una campagna contro i parti che avevano invaso il Regno d'Armenia, alleato dei romani. La campagna ebbe sorti alterne fino a quando nel 63 le legioni romane invasero il territorio di Vologase I di Partia e lo costrinsero a restituire il regno d'Armenia al proprio legittimo sovrano Tiridate I di Armenia.

Le campagne partiche di Lucio Vero (162-165) costrinsero il sovrano partico Vologase IV a restituire il regno d'Armenia ai romani che insediarono un sovrano da loro controllato.

La dinastia sasanide invase il Regno d'Armenia nel 252 e i romani lo riconquistarono nel 287. Nel 301 fu il primo stato ad adottare il cristianesimo come religione di Stato. Nel 384 il regno d'Armenia venne alla fine separato in due regioni, quella occidentale sotto l'Impero bizantino, e quella orientale venne affidata all'Impero sasanide. La regione occidentale divenne una provincia dell'Impero romano con il nome di Armenia Minor, mentre la parte orientale rimase un regno all'interno della Persia fino al 428 quando i Sasanidi deposero il sovrano legittimo instaurando una loro dinastia.

Queste parti dell'Armenia storica rimasero saldamente sotto il controllo persiano fino alla conquista islamica della Persia, mentre le parti bizantine rimasero fino alla conquista, anche da parte degli eserciti arabi invasori, nel VII secolo.

Nell'885, dopo anni di dominio romano, persiano e arabo, l'Armenia riacquistò la sua indipendenza sotto la dinastia Bagratidi.

Istituzione del regno dopo la sconfitta dell'Impero achememide modifica

A seguito dell'invasione di Alessandro Magno, l'Armenia orientale fu ceduta all'Impero ellenistico dallo Stato achemenide. Il paese era diviso in 2 parti di diverse estensioni territoriali: la Grande Armenia (il Regno d'Armenia) e la Piccola Armenia. Successivamente, anche Sofene si separò, formando un regno indipendente. È stato raggiunto dal 4º stato armeno, Commagene. Yervand G divenne il primo re del nuovo regno indipendente di Sofene.

Così, il re Yervand, alla fine del VI secolo a.C., ripristinò lo stato armeno indipendente, che fu in passato conquistato dagli Achemenidi. Il regno armeno comprendeva principalmente il territorio dell'ex satrapia, l'Armenia persiana. I suoi confini si estendevano dal paese andrapratico di Commagene al fiume Kur, dal fiume Tigri alle Monti del Ponto. Vista la posizione geografica sfavorevole di Van e la vicinanza ai confini, il re armeno spostò la capitale a nord, nella valle dell'Ararat. La città di Armavir fu costruita sul sito della città urartana di Argishtikhinili. Lì vennero costruiti diversi palazzi e templi pagani.

Il regno di Van partecipatò attivamente alla vita politica dell'Asia centrale. Con il suo aiuto, l'ex satrapo Ariarate fu proclamato re di Cappadocia. In Asia centrale, dopo la morte di Alessandro Magno, il re Yervand simpatizzava con i leader dei gruppi che cercavano di preservare l'integrità del dominio macedone e garantire l'indipendenza degli stati che divennero indipendenti dagli Achemenidi. Alla fine del III secolo a.C. fu fondata la terza capitale dell'Armenia, Yervandashat. Fu costruita alla confluenza dei fiumi Akhuryan e Araks. La corte armena si trasferì qui, così come parte della popolazione di Armavir. In questo periodo anche altre città erano in costruzione: Zarehavan, Zarishat, Samosat, Arsamosata e altre.

I regni armeni combatterono contro il Impero seleucide creato dopo la morte di Alessandro Magno. Nel 201 a.C., per ordine di Antioco III il Grande, due generali armeni, Artaxias e Zariadre, dovettero far occupare dell'esercito la regione della Grande Armenia e il regno indipendente di Sofene. Durante l'assedio della capitale Yervandashat, l'ultimo re Yervand, Yervand D, fu ucciso. Artaxias venne nominato stratega della Grande Armenia e Zariandre venne nominato stratega di Sofene. Questo periodo durò 10 anni.

Dopo la battaglia di Magnesia, (dove il Impero seleucide fu sconfitto dalla Repubblica romana), nel 190 a.C., e il trattato di pace di Apamea, Artaxias I e Zareh si dichiararono re indipendenti rispettivamente alla Grande Armenia e a Sofene.

Ricchezza artasside modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Dinastia artasside.

Artaxias I modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Artaxias I d'Armenia e Artavaside I d'Armenia.

Prima del regno di Artaxias I il Pio, i paesi vicini, approfittando dell'indebolimento della Grande Armenia, ne occuparono i territori periferici. Artaxias e Zariadre, sotto l'ordine di Antioco III, decisero infine di riunificare le terre armene. Artaxias era particolarmente irredentista. Non solo riunì i territori conquistati in precedenza dall'Armenia Maggiore, ma prese anche provvedimenti per inglobare Sofene, Commagene e Cilicia al suo regno.

All'inizio del suo regno, Artaxias lanciò una spedizione in Oriente, raggiungendo le coste del Mar Caspio. Qui l'Armenia si unì a Paytakaran. Le truppe approdarono successivamente fino alle sponde occidentali del lago di Urmia, nell'odierno Iran, nell'Armenia Maggiore. Dopo lanciò un'incursione a Virk nel nord, che aveva conquistato l'antico stato armeno di Gugark. Il generale armeno Smbat Bagratuni sconfisse l'esercito georgiano, che dovette restituire i territori occupati. La parte georgiana si impegna a "coniare monete con l'immagine del re Artaxias I d'Armenia, detto il Pio" e fornire truppe. A ovest, Artaxias vece attaccare la regione di Karno e la provincia di Derjan alla Grande Armenia, annettendoli. Dopo lunghe e sanguinose battaglie nel sud, Artaxias liberò la regione di Tmorik occupata dai Seleucidi.

Dopo la morte di Zariadre, il re di Sofene (generale che, sotto ordine di Antioco III, liberò i territori armeni a ovest), Artaxias cercò di unire anche Sofene all'Impero. In questo caso, tuttavia, fu ostacolato dalla resistenza dell'alleato del Regno di Sofene, la Cappadocia, a causa della quale l'annessione di Sofene fu ritardata a tempo indeterminato.

Grazie alle iniziative di Artaxias, la maggior parte dei territori armeni furono uniti in un unico stato comune, il Grande Regno d'Armenia. Ecco perché uno storico greco lo chiamò "il sovrano della maggior parte della Grande Armenia", e un altro storico, il geografo greco Strabone, scrisse che "la Grande Armenia... è cresciuta con gli sforzi di Artaxias... e qui tutti sono monolingue", cioè sono di lingua armena. Con l'unificazione della maggior parte delle terre armene, il Regno della Grande Armenia si trasformò in uno stato che rappresentava una rispettabile potenza dell'Asia centrale. E nel 185 a.C., Artaxias I fondò la capitale di Artashat. Nel 179 a.C. scoppiò una guerra in Asia Minore tra il Regno del Ponto, alleato con la Piccola Armenia, e la Cappadocia, la Bitinia e i loro alleati. Il Regno d'Armenia rimase neutrale, ma influenzò attivamente gli schieramenti per porre fine alla guerra. Artaxias fu anche invitato alla firma del trattato di pace, in qualità di sovrano autorevole e rispettato e di giudice. Con sottili e accurate mosse diplomatiche, Artaxias riuscì ad espandere i territori della Piccola Armenia a spese del Ponto, con un piano a lungo termine per unire poi quest'ultimo al suo regno. Quando il satrapo seleucide di Marastan si ribellò e si dichiarò re indipendente, Artaxias I si schierò immediatamente in suo aiuto per indebolire i Seleucidi. Artaxias I lasciò ai suoi successori un paese economicamente ricco, prospero e militarmente potente.

Ad Artaxias I il Pio successe il figlio maggiore, Artavaside I, che regnò pacificamente. Solo negli ultimi anni del regno scoppiò una breve guerra armeno-partica, in cui il regno armeno fu sconfitto. Nel 115 a.C., l'erede Artavaside I dovette consegnare suo nipote, Tigran, come ostaggio ai Parti.

Tigran il Grande modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Tigrane I d'Armenia, Tigrane il Grande e Impero armeno.

Dopo la morte di Artavazd I, regnò suo fratello minore Tiran (Tigran I, 115 a.C. - 95 a.C.). Il principe ereditario Tigran rimase in cattività per circa 20 anni e tornò in patria dopo la morte di suo padre, Tigran A. In cambio della sua libertà, dovette cedere il territorio chiamato Settanta Valli nel sud-est di Great Hayk al re dei Parti Mihrdat II.

Al suo ritorno in patria, Tigran II fu incoronato in uno dei famosi santuari di Aghdznik, dove in seguito fu costruita la capitale Tigranakert.

Tigran II (95 a.C. - 55 a.C.) salì al trono all'età di 45 anni. Il suo compito principale era unire tutti i territori armeni in uno stato comune. Artashes Ho risolto principalmente quell'importante problema, ad eccezione dei regni di Tsopk e Pokr Hayk. Ora, Tigran II ha svolto attività energiche per continuare la politica unificatrice di suo nonno. Nel 94 a.C., gli eserciti di Tigran entrarono a Tsopk e lo unirono al regno di Great Hayk. Il re di Tsopk è stato ucciso. Il regno della Grande Armenia raggiunse le rive dell'Eufrate. Il regno di Cappadocia presto attirò l'attenzione di Tigran II. Per unire tutte le terre armene, era necessario unire la Grande Armenia e la Piccola Armenia. Tuttavia, a quel punto era stato annesso al Regno del Ponto. Quest'ultimo era uno dei potenti stati dell'Asia Minore e disponeva di un esercito ben addestrato e capace. Il re del Ponto era l'energico generale Mihrdat VI Eupator. Durante la sua carriera, ha condotto una lotta costante contro Roma per creare un grande stato ellenistico in Asia Minore. L'ostacolo principale su quella strada era Roma, quindi Mihrdat decise di allearsi con gli armeni nella sua lotta antiromana. In quel periodo, sebbene Tigran Bnon ebbe questioni controverse con Roma, tuttavia, perseguendo progetti diplomatici, sostenne il riavvicinamento dei due paesi. Ecco perché Tigran B e Mihrdat Pontatsi sono giunti rapidamente a un accordo tra loro. Il territorio dell'impero di Tigran si estendeva dal Caucaso all'Egitto, dal Mar Caspio al Mediterraneo Armenia durante il regno di Tigran il Grande

AVANTI CRISTO Nel 94, gli inviati del Ponto arrivarono ad Artashat. Fu firmato un trattato armeno-pontico, secondo il quale:

  1. Il Grande Hayk ha ricevuto la libertà di azione nel nord, nel sud e nell'est e Pontos nell'ovest.
  2. Le parti dovevano attaccare la Cappadocia con una forza unita, il cui territorio doveva essere dato al Ponto, e la proprietà mobile e la popolazione a Great Hayk.
  3. Per rafforzare l'alleanza, Mihrdat diede sua figlia Cleopatra in sposa a Tigran II.

Fedele all'alleanza armeno-pontica, a.C. Nel 93 le truppe armene invasero la Cappadocia e la occuparono. È vero che l'intervento armato di Roma riuscì a restaurare il regno di Cappadocia, ma quest'ultimo fu fortemente indebolito e il regno armeno acquisì un enorme bottino e un gran numero di prigionieri. Il riavvicinamento del Grande Regno armeno e del Ponto, le azioni bellicose degli armeni in Cappadocia costrinsero Roma ad avvicinarsi alla Parthasia. Tra loro fu firmato un accordo, diretto contro Great Hayk e Pontus. L'attuazione dei piani di conquista di Tigran II fu ostacolata soprattutto dalla Partia, il cui re Mihrdat II voleva stabilire l'egemonia sul regno armeno. Tuttavia, a seguito della lotta politica interna iniziata negli ultimi anni della vita di Mihrdat II, il potere reale nel Parthwestan si indebolì in modo significativo. E quando Mihrdat II morì, Tigran attaccò immediatamente il Parthestan e prima di tutto restituì le "Settanta Valli" armene. Quindi le truppe armene entrarono nel regno di Atrpatakan sotto il Parthestan e lo catturarono senza troppe difficoltà. Spostandosi a sud-est, l'esercito armeno sconfisse frontalmente l'esercito dei Parti e assediò Ecbatan, la residenza estiva dei re dei Parti. Il re dei Parti Goderdz II fu costretto a chiedere la pace. Secondo il trattato di pace, i Parti rinunciarono a Marastan e alla Mesopotamia settentrionale a favore di Great Haykmantenendo solo la capitale Ecbatan. È molto importante che anche il re dei Parti abbia rinunciato al titolo di "re da re", che Tigran ei suoi successori avrebbero portato d'ora in poi. Con ciò, i Parti riconobbero effettivamente la supremazia del regno armeno.

Quindi, l'esercito armeno catturò Korduk, Adiabene, Mygdonia, Osroyene uno dopo l'altro. Conquistando la Mesopotamia settentrionale, il dominio di Tigran II confinava con lo stato seleucide. Solo il fiume Eufrate li separava. Il regno seleucide, un tempo potente, stava attraversando una profonda crisi. Guerre interne successive e costantemente ripetute avevano indebolito il paese all'estremo, dove erano apparsi 3-4 troni. Incapace di superare questa crisi, il consiglio degli anziani del paese ha visto la via d'uscita nell'accettare il potere di un sovrano straniero. Alla fine la scelta si ridusse alla candidatura del re armeno Tigran II, il cui vantaggio, secondo lo storico, era "avere una potente forza militare".

Nell'84 a.C. le armate armene entrarono in Siria senza scoccare una sola freccia. Tigran salì al trono dei Seleucidi ad Antiochia e regnò qui pacificamente per 17 anni.

L'annessione della Siria creò l'occasione per conquistare la Commagene e la Cilicia, e poi anche la Fenicia. Non potendo resistere agli eserciti del re armeno, la Giudea e molti altri paesi accettarono la supremazia del Grande Armeno. Solo le città costiere del Mediterraneo mostrarono un'ostinata resistenza a Tigran, l'ultima delle quali, Tolomeo, catturò solo nell'anno 71 a.C. Qui fu catturata la regina seleucide Selene, che fu poi giustiziata per ordine di Tigran.

I confini del potere armeno raggiunsero l'Egitto, che appariva nell'interesse del potere armeno, e Tolomeo XII salì al trono con l'aiuto del re armeno. Non è difficile vedere che Tigran aveva alcuni piani per quel paese, ma non si sono avverati a causa del repentino cambiamento della situazione politica.

Come risultato delle conquiste di Tigran il Grande, fu creata una nuova potenza mondiale in Asia centrale. Si estendeva dall'Egitto alle montagne del Caucaso e dal Mar Mediterraneo al Mar Caspio. Paesi e tribù fino all'Asia centrale e all'India accettarono il suo governo. Aghvank, Virk, Atrapatakan, Adiabene, Osroene, Komagene, Assiria, Fenicia, Field Cilicia e altri paesi furono inclusi in quel potere. Il governo di Tigran il Grande fu accettato da numerosi altri regni: Partia, Giudea, gli Sciti transcaspiani e le tribù arabe del Golfo Persico. Come conferma lo storico greco, durante il regno di Tigran II si parlavano più di 15 lingue.

Il potere di Tigran il Grande era uno stato ellenistico, che ricordava i poteri di Alessandro Magno e dei Seleucidi. L'impero armeno era una multinazionale e un insieme di paesi a diversi livelli di sviluppo. Naturalmente, il nucleo del potere era Mets Hayk, dove viveva la massa principale del popolo armeno e dove si trovavano i principali centri politici ed economici del potere.

La regione economicamente più sviluppata del dominio era la Siria, con la sua famosa capitale Antiochia. I centri importanti del commercio di transito internazionale erano le città di Tiro, Biblo, Beirut e Sidone. Ricche e famose furono anche Tarso, Adana e altre città della Piana di Cilicia. Bagarat, uno stretto compagno d'armi di Tigran II, la cui residenza era Antiochia, fu nominato governatore della Siria. La Mesopotamia settentrionale era un importante centro di agricoltura e artigianato, il cui sovrano era il fratello minore di Tigran B, Guras (leggi Gor). La residenza di quest'ultimo era Mtsbin. I paesi elencati avevano status diversi all'interno dell'Impero armeno. Tigran il Grande trasformò alcuni dei paesi conquistati in regni subordinati. Anche il regno di Siria non fu abolito. Allo stesso tempo, Tigran si autoproclamò re di Siria. Altri paesi furono trasformati in province, governate da viceré o governatori nominati dal re di re in re.

I paesi conquistati erano obbligati a pagare le tasse e fornire truppe. Anche i re vassalli e le tribù sottomesse nella sfera di influenza politica della Grande Armenia fornirono truppe.

Così, Tigran II divenne il sovrano della maggior parte dell'Asia avanzata. Il territorio direttamente compreso nel potere armeno e sotto la sua influenza e dominio politico era di circa 3 milioni di metri quadrati. km, che superava di dieci volte il territorio di Mets Hayk (300.000 km²). E il nucleo della superpotenza di Tigran era di 1.000.000 di metri quadrati. km territorio, che comprendeva il Grande regno armeno e i suoi vicini paesi caucasici, mesopotamici e mediterranei.

Guerra armeno-romana modifica

Primo turno modifica

Articoli principali: Battaglia di Tigranakert, Battaglia di Aratzani e Lucullo

AVANTI CRISTO All'inizio del I secolo la Repubblica Romana conquistò vasti domini in Asia Minore. Negli anni '80 e '70 dello stesso secolo, dopo le vittoriose guerre condotte da Roma contro il Ponto e la conquista del Campo di Cilicia da parte di Tigran II, le due potenze divennero confinanti. Con le sue conquiste, Tigran II bloccò tutte le strade che portavano in Oriente davanti a Roma. Seriamente preoccupata per questo, Roma inizia a prepararsi alla guerra contro la potenza armena. La situazione politico-militare era favorevole. AVANTI CRISTO 71 _ Generale romano Luculloha sconfitto l'alleato di Tigran II Mihrdat Evpator. Quest'ultimo è fuggito a Mets Hayk e ha ricevuto asilo politico. Lucullo inviò un ambasciatore speciale a Tigranes e chiese che Mihrdat gli fosse consegnato. Il re armeno, ovviamente, rifiutò la richiesta dei romani, dicendo: "Non consegnerò Mihrdat, e se i romani iniziano una guerra, allora... li contrattaccherà". AVANTI CRISTO 69 _ in primavera, gli eserciti romani, attraversando il confine del fiume Eufrate, invasero Mets Hayk. Inizia la guerra armeno-romana. La guerra si svolse in due fasi: a.C. 69 - a.C. 67 e 66 a.C. Differiscono tra loro in termini di strategia e risultati raggiunti.

Lucullo aveva sviluppato un piano di guerra lampo, i cui principi fondamentali erano la rapidità e un colpo enfatico. Tuttavia, è stato implementato solo parzialmente. L'invasione dell'esercito romano nel B.C. 69 _ Mets Hayk è stato davvero inaspettato. Lucullo catturò Tsopk senza alcuna difficoltà e si trasferì rapidamente ad Aghdznik per catturare Tigranakert. È necessario notare che questo piano è stato realizzato con il calcolo sbagliato di sottovalutare le capacità dell'esercito armeno e sopravvalutare quello romano. Il piano per impadronirsi di Tigranakert con un attacco a sorpresa fallì. La guarnigione, sotto il comando del talentuoso generale armeno Mankaios (Manuk), difese abilmente la città. Fallito l'attacco, Lucullo fu costretto ad assediarlo. Passarono i mesi e Tigranakert continuò a resistere eroicamente. Il piano blitzkrieg fallì.

Tigran II apprese la notizia dell'invasione da parte dell'esercito romano di Great Hayk nella lontana Palestina, dove erano concentrate le principali forze d'attacco dell'esercito armeno. Tigran tornò in fretta a Mets Hayk con il reggimento reale, e le principali forze dell'esercito, sotto il comando del generale Bagarat, seguirono il re. Prima di raggiungere Mets Hayk, Tigran II inviò contro Lucullo il piccolo ma capace esercito di Mehruzhan. Quest'ultimo fu sconfitto durante lo scontro con le forze superiori dei romani, e anche Mehruzhan fu ucciso.

A metà settembre, l'esercito armeno guidato da Tigran si avvicinò all'assediata Tigranakert. La sua famiglia e il suo tesoro si trovavano qui. Un'unità militare armena entrò in città con un attacco improvviso e coraggioso e da lì portò via la famiglia del re e la maggior parte dei tesori. Questo evento ha certamente risollevato gli animi degli assediati e instillato la fede nella vittoria. Arrivarono nuove unità militari dell'esercito armeno. Secondo Appianos, anche i paesi subordinati fornirono truppe a Tigran: Atrpatakan (Marastan), Aghvank, Virk, Korduk, Adiabene e persino il Golfo Persico. Secondo la testimonianza dello stesso storico, il numero dell'esercito armeno era di 300 mila soldati. Naturalmente, questo è un numero irrealistico. Altri storici parlano di soli 70-80 mila soldati, cioè all'incirca quanto il numero dei soldati dell'esercito romano, insieme alle guarnigioni alleate.

La mattina presto del 6 ottobre iniziò la battaglia di Tigranakert. Lucullo ha sfruttato in modo eccellente gli errori strategici commessi dal comando armeno e le caratteristiche del terreno. Aggirando l'esercito di Tigran, concentrò forze significative dietro l'esercito armeno, che decise l'esito della battaglia. Sottoposto a un attacco su due fronti e subendo perdite significative, l'esercito armeno dovette ritirarsi in profondità nel paese.

La vittoria dei romani decise anche il destino di Tigranakert. I mercenari greci della guarnigione, corrotti da Lucullo, si ribellarono alla fine di ottobre e aprirono le porte della città al nemico. La città di recente costruzione e ricca fu distrutta e saccheggiata. Solo Lucullo acquistò tesori per ottomila talenti. La battaglia di Tigranakert e la caduta della capitale non spezzarono la forza del re armeno. Tigran B ha trovato la forza per continuare la lotta. Non avrebbe ceduto alla forza bruta romana. Lucullo, ritenute terminate le ostilità, portò l'esercito a svernare nelle calde regioni del Korduk. Approfittandone, Tigran il Grandeapprofittò subito della pausa e iniziò a prepararsi vigorosamente per le future operazioni militari. Durante i mesi invernali ricostruì l'esercito, la cui principale forza d'attacco era la cavalleria. Le capacità economiche e le risorse umane del Grande Hayek hanno reso possibile la creazione di un esercito completamente nuovo in appena sei mesi, che non era inferiore ai romani nelle sue arti marziali.

Non avendo più perso la speranza che Tigran gli chiedesse la pace, B.C. 68 _ alla fine della primavera Lucullo lasciò Korduk e prese la strada per Artashat. Era convinto che costringendo Tigran a combattere una nuova battaglia, avrebbe distrutto da solo l'esercito armeno e catturato facilmente Artashat. Tuttavia, l'esercito armeno evitò la battaglia principale e si ritirò lentamente in profondità nel paese. Allo stesso tempo, con inaspettati, anche audaci attacchi notturni, gli armeni schiacciarono le forze dei romani, causando loro perdite significative. Questa tattica scelta da Tigran si è pienamente giustificata. L'esercito di Lucullo, sfinito e incapace di combattere, raggiunse la gola di Aratzani solo il 22 settembre. Davanti c'era la catena montuosa di Haykakan Par e, poco oltre, Artashat con le sue ricchezze insufficienti. Tuttavia, l'esercito romano era così esausto e le perdite furono così numerose che i soldati si rifiutarono di continuare la marcia verso la "Cartagine armena". Ben presto l'esercito romano fu attaccato dalle forze armate armene, guidate dall'indomabile ed energico re degli armeni. L'esercito romano subì una completa sconfitta. Lo storico greco Dion Cassios testimonia che "gli armeni, scoccando frecce contro i romani, ne uccisero molti e ne ferirono molti altri, e le ferite erano gravi e difficili da guarire, perché gli armeni usavano frecce a doppio taglio". Battaglia di Aratsaniha mostrato le capacità di Tigran come eccellente scienziato militare. L'esercito romano, considerato invincibile, subì una pesante sconfitta, seguita dalla vergognosa fuga. Lucullo dovette lasciare i confini della Grande Armenia. Ben presto i romani furono cacciati anche dalla Mesopotamia settentrionale e da Korduk. Su istruzioni di Tigran il Grande, Mihrdat Evpator attraversò Pontos con un'unità militare armena e iniziò la liberazione del paese. Il primo attacco romano in Oriente fu un completo fallimento.

A seguito della sconfitta di Lucullo, fu ripristinata l'autorità minata del potere armeno. AVANTI CRISTO 67 _ A metà dell'AD, gli eserciti armeni invasero la Cappadocia, preparandosi a ripristinare il potere armeno in Assiria (Siria) e sulle rive del Mar Mediterraneo. L'autorità di Roma in Oriente è stata gravemente violata. Il senato romano ha adottato misure di emergenza. Lucullo fu rimosso dalla carica di comandante in capo. Al suo posto fu nominato comandante Gneo Pompeo, abile capo militare e politico.

L'intelligente e lungimirante Pompeo, arrivato in Oriente, strinse prima un'alleanza con i Parti contro Tigran il Grande e Mihrdat Eupator. I Parti accettarono volentieri, perché volevano vendicarsi di Tigran per la loro umiliazione. L'alleanza romano-partica era diretta contro il Grande Armeno.

Alla fine dello stesso anno, Pompeo sconfisse Mihrdat Eupator e catturò Pontus, privando così Great Hayk del suo unico alleato. L'esercito romano si stava preparando a invadere Mets Hayk. La difficile situazione creata richiedeva a Tigran II di agire con estrema attenzione e precisione.

Rivolta di Tigran Jr. modifica

Articolo principale: Tigran Jr

In questo fatidico momento per il Grande Armeno, nel Paese iniziarono le divisioni interne. Il figlio minore di Tigran il Grande, Tigran, che gli storici chiamano Tigran il Giovane, si ribellò a Tigran il Grande. Quest'ultimo credeva che la guerra dovesse continuare fino alla fine vittoriosa. Tigran il Grande represse la ribellione di Tigran il Giovane, rappresentando gli interessi dell'opposizione del Consiglio armeno degli anziani, che si era dichiarato re degli armeni. Sua madre, Cleopatra, e suo nonno, Mihrdat Evpator, non furono coinvolti nella rivolta. Quest'ultimo sperava di servire gli interessi politici di Pontos con l'adesione di suo nipote. Nella situazione creata, Tigran il Grande dovette ritirare l'esercito dalla Cappadocia e tornare a Hayk Mets. Sconfitto dal padre, Tigran il Giovane fuggì in Persia. Il re dei Parti Hrahat Gapprofittò subito del momento e decise di aiutare il principe ribelle dandogli in sposa sua figlia. Tigran il Giovane invase Mets Hayk con l'esercito dei Parti e assediò Artashat. Tuttavia, l'esercito armeno contrattaccò i Parti, che si ritirarono nel loro paese, e Tigran il Giovane fuggì nel Ponto. Avendo ricevuto a metà strada la notizia che suo nonno, Mihrdates Eupator, era stato sconfitto da Pompeo ed era fuggito nel regno del Bosforo, decise questa volta di cercare l'aiuto di Pompeo. Pompeo usò immediatamente il fortunato principe per influenzare la politica di Tigran il Grande.

Seconda fase modifica

AVANTI CRISTO 66 _ In estate, l'esercito romano di Pompeo, accompagnato da Tigran il Giovane, invase Mets Hayk. La posizione di Tigran il Grande fu piuttosto indebolita a causa delle azioni ostili dei Parti, della ribellione di suo figlio e dell'invasione del Grande esercito armeno da parte dell'esercito romano. Le speranze di raggiungere il successo erano scarse, quindi sarebbe stato più prudente fare pace con lui a prezzo di concessioni a favore del Grande Hayek e combattere contro gli altri due con l'aiuto della stessa Roma. Great Hayk potrebbe perdere la sua indipendenza, quindi era necessario fare concessioni su questioni non vitali, la principale delle quali era l'indipendenza.

Pompeo a.C. 66 _ a settembre si avvicinò ad Artashat e si accampò non lontano dalla città. Immediatamente iniziarono i negoziati di riconciliazione armeno-romana. Ciò a cui Roma aspirava, lo ottenne senza operazioni militari e vittime. I tentativi di Tigran Jr. di ostacolare i negoziati non hanno dato frutti. Al contrario, si è trovato "fuori dai giochi".

Trattato di Artashat modifica

Articolo principale: Trattato di Artashat

AVANTI CRISTO 66 _ a settembre ad Artashat è stato firmato il trattato armeno-romano, che dovrebbe essere considerato riuscito nella sua interezza. Secondo il contratto:

  • I Grandi Armeni rinunciarono ad Assiria, Fenicia, Palestina e Cilicia, cioè le coste del Mar Mediterraneo, a favore della Repubblica Romana. Tuttavia, il potere armeno mantenne il territorio della Grande Armenia, che era il fulcro del potere.
  • Tsopk si separò da Mets Hayk e divenne uno stato separato. Tigran il Giovane fu stabilito come re qui, a condizione che dopo la morte di Tigran II, Mets Hayk e Tsopk sarebbero stati nuovamente uniti in un unico stato, sotto il trono di Tigran il Giovane.
  • La Grande Armenia dovette pagare a Roma una multa militare di 6 mila talenti, più o meno tanto ai soldati e agli ufficiali che parteciparono alla campagna. È interessante notare che l'importo della sanzione militare doveva essere pagato dalle casse reali di Tsopk.
  • Il Grande Armeno fu dichiarato "amico e alleato del popolo romano".

L'ultimo punto può lasciare l'impressione che il Grande Armeno fosse posto in uno stato dipendente da Roma. Tuttavia, gli eventi successivi mostrano che non era così. Great Hayk ha mantenuto la sua completa indipendenza. Al contrario, Roma ha incoraggiato tutte le iniziative antipartiche di Tigran II nel campo della politica estera. I Parti si aspettavano di più dalla loro alleata Roma, ma Pompeo non intendeva contribuire al rafforzamento della Partia dopo la sua pace con Tigrane. L'equilibrio di potere in Oriente richiedeva la protezione di Tigran II.

Tigran Jr. era particolarmente insoddisfatto del contratto di Artashat. Avendo desiderato ardentemente il trono di Mets Hayik, ora doveva accontentarsi del trono di Tsopk, privo di mezzi finanziari. Rendendosi conto dell'assurdità della sua situazione, Tigran il Giovane si ribellò a Pompeo e insultò la sua dignità. In risposta al suo audace discorso, Tigran il Giovane fu arrestato e portato a Roma con la sua famiglia per ordine di Pompeo.

Tigran II, sfruttando i conflitti romano-parti, poté, con l'intervento di Pompeo, nel a.C. 64 anni Per restituire Korduk e la Mesopotamia settentrionale a Great Hayek. Pompeo riconobbe persino il titolo di "re da re" di Tigran il Grande, cosa che dispiacque molto alla corte dei Parti.

Il trattato di Artashat fu il successo diplomatico di Tigran il Grande. Riuscì a preservare l'integrità territoriale della Grande Armenia, la patria armena, dall'Eufrate al Mar Caspio e dalla Mesopotamia settentrionale al fiume Kur. L'indipendenza statale della Grande Armenia è stata preservata, la più importante garanzia della sopravvivenza del popolo armeno. Questo era il grande significato storico del Trattato di Artashat.

Gli ultimi dieci anni di vita di Tigran B furono anni di pace e prosperità economica per il Grande Armeno.

Trono di Artavazd B modifica

Articolo principale: Artavaz B

A Tigran II successe il principe ereditario Artavazd II (55 a.C. - 34 a.C.), persona poliedrica e intellettuale che conosceva le lingue straniere. Lo storico greco Plutarco testimonia che Artavazd "ha inventato tragedie, scritto discorsi e romanzi storici". Era anche un abile diplomatico, un realistico politologo e, come hanno dimostrato gli eventi successivi, una figura militare.

Artavazd B salì al trono in una situazione politica difficile per il Grande Armeno. Il trattato di Artashat cambiò radicalmente gli equilibri di potere in Asia centrale. Il regno armeno, che per molti anni aveva combattuto con successo contro la politica di conquista di Roma, lasciò ora il posto al Partestan. Great Hayk si trovò tra due potenti potenze, ognuna delle quali non risparmiò sforzi per assicurare la sua alleanza.

La posizione del Grande Armeno divenne estremamente importante, poiché ognuno di loro cercò di ottenere una posizione dominante nella regione e governare in Oriente. In tali condizioni, quale posizione occuperebbe il Grande regno armeno? Una domanda che è stata posta ad Artavazd e ai suoi successori per diversi secoli.

Artavazd B ha sostenuto la politica di neutralità. Ha cercato di mantenere relazioni di buon vicinato con entrambe le potenze e di non permettere al Grande Hayk di essere coinvolto nelle guerre. Altrimenti, Artavazd era incline a scegliere l'alleanza più sicura per la Grande Armenia. A volte era Roma, a volte era Partia. Tuttavia, Roma, in quanto potenza più potente, era meno desiderabile come alleata, perché minacciava apertamente l'indipendenza del Grande Armeno. Pertanto, Artavazd B tendeva più spesso a Parthevastan.

Artavazd ha cercato di preservare l'integrità territoriale e l'indipendenza della Grande Armenia, il terzo stato più potente della regione, con precisi passi diplomatici.

La campagna orientale di Crasso e il Grande Hayk modifica

AVANTI CRISTO 60 anni Tre figure di spicco di Roma, Gneo Pompeo, Giulio Cesare e Marco Crasso, crearono un'alleanza nota nella storiografia come Primo Triumvirato. Il triumvirato divideva la repubblica romana in sfere di influenza. Marco Crasso ottenne l'Oriente e allo stesso tempo il diritto alla guerra contro i Parti. AVANTI CRISTO Nel 54 arrivò in Oriente e cominciò a prepararsi per la campagna contro i Parti. Il glorioso e arrogante Crasso, come scrive lo storico moderno, sognava di ripetere l'impresa di Alessandro Magno e di raggiungere l'India.

Crasso chiese che i re di tutti i paesi alleati di Roma si presentassero a lui e fornissero truppe. Gli fu presentato anche Artavazd B. Rimanendo fedele al B.C. 66:anno al trattato armeno-romano, egli, come "amico e alleato del popolo romano", promise di dare a Crasso una quantità significativa di forze armate (16.000 vedove e 24.000 fanti). Tuttavia, Artavazd propose contemporaneamente di organizzare un'incursione contro i Parti attraverso il territorio della Grande Armenia. Il re armeno lo giustificava con il fatto che il suddetto percorso di quell'incursione, sebbene più lungo, era completamente sicuro, perché il terreno montuoso del Grande Hayk avrebbe privato la cavalleria dei Parti di tutti i suoi vantaggi. Inutile dire che Artavazd intendeva proteggere Mets Hayk con le forze dell'esercito romano dalla possibile invasione dei Parti. Tuttavia, purtroppo, Crasso scelse la rotta breve ma pericolosa dell'invasione, che attraversò gli infiniti deserti e le steppe della Mesopotamia con un clima rigido e secco.

Sulla via del ritorno a casa, Artavazd ricevette la notizia che il re dei Parti Orodes aveva invaso Great Hayk e stava saccheggiando i territori meridionali del paese. Naturalmente, Artavazd non poteva più fornire un esercito ausiliario a Crasso ed era obbligato a proteggere la madrepatria. Venuto a conoscenza di ciò, Crasso accusò Artavazd di tradimento con parole scortesi e minacciò di punire il re armeno dopo aver terminato l'invasione dei Parti.

Artavazdis, mostrando una mente politica flessibile e lungimiranza, cambiò posizione e propose a Orodes un'alleanza e operazioni militari congiunte contro i romani. Il re dei Parti accettò volentieri questa offerta, e a.C. 54 anni alla fine fu firmato ad Artashat un accordo armeno-partico, rafforzato dal matrimonio della sorella del re armeno e del principe ereditario dei Parti Bakur.

Nel frattempo, Crasso, infliggendo enormi perdite, a.C. 53 anni in primavera raggiunse la città di Kharan in Mesopotamia. L'esercito dei Parti si stava lentamente ritirando, spingendo le legioni romane in profondità nel paese. Tuttavia, presto i Parti smisero di ritirarsi e nel B.C. 53 anni il 6 maggio, il generale dei Parti Suren con un grande esercito sconfisse improvvisamente e decisamente l'esercito romano a testa alta. Il numero degli uccisi ha superato i 20 mila e il numero dei prigionieri ha superato i 10 mila. Anche Crasso e suo figlio furono uccisi. Lo storico greco Plutarco testimonia che Suren invia la testa dell'assassinato Crasso a Mets Hayk. A quel tempo, i re armeni e dei parti ei loro parenti vennero ad Artashatnel teatro stavano guardando la tragedia "Le donne di Bacco" del famoso drammaturgo greco Euripide. L'attore greco Jason sale sul palco con la testa di Crasso invece della testa fittizia di un cervo e dice: "Veniamo dalle montagne e abbiamo portato selvaggina ricca", che è stata accolta con grande gioia dagli spettatori. Secondo lo stesso storico, "così finì la campagna orientale di Crasso, che finì come una tragedia".

Le invasioni dei Parti e degli Armeni di Antonio modifica

La sconfitta di Crasso lasciò a Roma una forte impressione, ma complicate vicende politiche interne gli impedirono di organizzare una nuova campagna e di vendicarsi dei Parti. Inoltre, l'assassinio di Giulio Cesare (44 a.C.) fece precipitare il paese in un vortice di guerre civili. Sfruttando il momento opportuno, l'esercito combinato partico-armeno a.C. Nel 40 d.C., sotto la guida del principe ereditario dei Parti Bakur e del generale armeno Vasak, attraversando l'Eufrate, invase l'Assiria. Le città della Fenicia, della Siria, della Palestina e della costa del Mar Mediterraneo, insoddisfatte del pesante dominio romano, accolsero con gioia Armeni e Parti aprendo loro le porte uno dopo l'altro.

L'apparizione dei Parti e degli Armeni sulle rive del Mar Mediterraneo fece riflettere Roma e la costrinse a ricorrere a misure drastiche. Il generale Bassos fu inviato ad est e sconfisse gli alleati in una battaglia decisiva. Durante i combattimenti fu ucciso anche il principe ereditario Bakur. Inaspettatamente, l'alleanza armeno-parti fu interrotta a causa della lotta per il trono iniziata in Partia. I romani approfittarono subito di questa opportunità. Secondo la decisione del Secondo Triumvirato (Marco Antonio, Marco Lepido e Ottaviano Augusto), salito al potere a Roma, Marco Antonio fu inviato in Oriente. AVANTI CRISTO 38 - a.C. 37:anno Antonio iniziò i preparativi per una grande spedizione in Partia. Questa volta il percorso del raid sarebbe passato attraverso Mets Hayk. Pertanto, i romani avevano bisogno di ottenere la confederazione del Grande Armeno. Artavazd si trovò di fronte a un dilemma. Nelle difficili condizioni, Artavazd dovette allearsi nuovamente con i romani. Il re armeno promise ad Antonios di fornire un esercito ausiliario di 11.000 e consentire la campagna contro i Parti attraverso il territorio della Grande Armenia.

AVANTI CRISTO 36 anni in estate Antonio iniziò la sua campagna con un esercito di 100.000 e attrezzature d'assedio caricate su trecento carri. L'esercito romano attraversò il territorio di Mets Hayk, entrò ad Atrpatakan, subordinato a Mets Hayk durante il regno di Tigran il Grande, e ora alleato dei Parti. Antonius aveva fretta di catturare Atrapatakan il giorno primala capitale Praaspan, quindi, separando due legioni per i veicoli d'assedio, si mosse con le forze principali nelle profondità del paese. I Parti approfittarono subito di quel momento e, attaccando, distrussero i mezzi d'assedio. È diventato chiaro che era impossibile catturare le città dei Parti senza questi veicoli. Da parte sua, comprendendo bene il possibile fallimento del raid, Artavazd decise di tornare a Mets Hayk e di rifiutarsi di partecipare ad ulteriori operazioni militari. Successivamente, Antonio usò quella circostanza per giustificarsi, dichiarando che Artavaz era un disertore e il principale colpevole della sua sconfitta. Questa accusa è falsa, perché fu dopo la sconfitta di Antonio che Artavazd ritirò le sue truppe.

AVANTI CRISTO 36 anni in autunno l'esercito di Antonio dovette ritirarsi. Durante la ritirata di 27 giorni, il nemico esaurì i romani con continui attacchi. Hanno perso 32.000 soldati e gli alleati hanno perso 12.000 soldati. La parte armena non ha avuto perdite grazie alla lungimiranza del re. Solo dopo aver raggiunto Mets Hayk, Antonius poté respirare facilmente, curare le ferite dei soldati e mettere in ordine l'esercito demoralizzato. Tuttavia, ha anche subito perdite significative nella Grande Armenia a causa delle gelate armene. È partito per Alessandria da Mets Hayk.

Nel rapporto inviato al senato romano, Antonio, per coprire la sua incompetenza e colpa, spiega le enormi spese militari e le enormi perdite umane come il tradimento del re armeno. Per ripristinare in una certa misura la sua reputazione screditata, sta progettando di catturare e saccheggiare Mets Hayk. All'inizio cerca di intrappolare Artavazd. Usando l'astuzia, lo invita ad Alessandria per discutere il piano di una nuova campagna contro i Parti. Anticipando il pericolo, Artavazd rifiutò l'invito. Quindi Antonio inviò un tutore ad Artashat per invitare Artavazd ad Alessandria per discutere del matrimonio della principessa armena e di Alessandro, figlio della regina Cleopatra d'Egitto. Respinto, Antonio a.C. 34:anno ha fatto un'incursione a sorpresa nel regno armeno in estate. L'attacco fu così inaspettato che l'esercito romano si avvicinò ad Artashat senza incontrare una seria resistenza. È incomprensibile, tuttavia, il fatto che Artavazd non abbia portato in battaglia il suo esercito di almeno 70.000 contro l'esercito romano di 60.000. Forse era convinto che la disputa potesse essere risolta pacificamente. In tal caso, forse, il paese poteva essere risparmiato dalla distruzione, ma la persona del re era direttamente minacciata. Invece di negoziare, Antonio arrestò il re armeno, la sua famiglia e saccheggiò i tesori del re. Anche gli stessi romani condannarono questo passo di Antonio. Così, scrive Dion Cassius, e Antonius Artavazdi"Ingannando, arrestando e incatenando, ha fortemente screditato la reputazione del popolo romano".

Tuttavia, i romani non raggiunsero il loro obiettivo. Artaserse, il principe ereditario scampato alla prigionia romana, cercò di contrattaccare il nemico e liberare il re arrestato, ma non ottenne alcun risultato a causa di azioni affrettate e mal organizzate. Fu sconfitto e fuggì in Partia. Lasciando le guarnigioni romane nelle città della Grande Armenia, Antonio tornò in Egitto, portando con sé Artavazd II e la sua famiglia. Lui ad Alessandriaorganizzò un banchetto trionfale, durante il quale al centro dell'attenzione di tutti c'erano il re armeno e la sua famiglia incatenati con catene d'oro. I prigionieri furono esortati a inchinarsi a Cleopatra e ad inondarla di parole d'onore. Tuttavia, il re armeno ei suoi parenti sono passati con orgoglio e dignità. Come scrive lo storico greco moderno, "hanno mostrato il coraggio del loro spirito". Tale atteggiamento degli armeni ha lasciato una grande impressione. L'offesa Cleopatra non perdonò Artavazd e ordinò di gettarlo in prigione.

Le azioni ipocrite di Antonio misero a dura prova il suo rapporto con la Roma ufficiale. La guerra civile divenne inevitabile, che presto scoppiò.

AVANTI CRISTO 31 anni il 2 settembre, nella battaglia di Azio, Antonio subì una completa sconfitta dall'esercito del triumvirato Gaio Ottaviano Augusto e fuggì ad Alessandria. Nell'ottobre dello stesso anno, per ordine di Cleopatra, Artavazd II fu giustiziato ad Alessandria. Non molto tempo dopo, la minaccia di cattura da parte di Ottaviano costrinse Antonio e Cleopatra a suicidarsi.

Artashes B modifica

Articolo principale: Artashes B

Dopo la cattura di Artavazd B, l'esercito romano catturò Mets Hayk. Le città e le grandi ricchezze accumulate nelle taverne furono saccheggiate. Le fonti romane descrivono in dettaglio la rapina del famoso mehian della dea Anahit nella città di Eriza e come i soldati romani affamati tagliarono la statua d'oro della dea in pezzi separati.

Tuttavia, Mets Hayk, occupata dai romani, fu burrascosa. Artash, il principe ereditario fuggito dalla prigionia, senza successo, si ritirò nel Partevastan con le sue truppe. Il brusco cambiamento nella situazione politica costrinse il re dei Parti Hrahat D a cambiare atteggiamento nei confronti del Grande Armeno. Non solo diede rifugio al principe ereditario profugo e gli diede in sposa sua figlia, ma fornì anche una grande assistenza militare per organizzare la lotta contro i conquistatori romani. Le azioni di Artaserse divennero più mirate soprattutto dopo la battaglia di Azio. Dopo aver sconfitto le truppe armeno-parti, entrò a Mets Hayk e, sconfiggendo le legioni romane in diverse battaglie decisive, le gettò fuori dal paese.

AVANTI CRISTO 30 anni Artaserse fu solennemente proclamato re armeno. Artaserse II (30 a.C. - 20 a.C.) fu una personalità forte, decisa e implacabile nei confronti del nemico. Ha chiesto a Roma di restituire i suoi fratelli minori Tigran e Artavaz, ma è stato rifiutato. In risposta all'esecuzione di suo padre, Artavazd II, ordinò che i romani a Mets Hayk fossero passati a fil di spada. Ha poi marciato sull'alleato di Roma Atrapatakancontro il regno, lo conquistò e lo annesse al suo regno. Il regno del Grande Armeno divenne significativamente più forte durante il suo regno. Non è quindi un caso che i dram da lui coniati portassero la scritta "da re a re". Il giovane ed energico re era pieno di determinazione per ripristinare l'antico potere del regno armeno. L'accentuata posizione antiromana di Artaserse II e soprattutto l'alleanza con i Parti influirono notevolmente sulla politica orientale di Roma, ostacolando i suoi piani di conquista. Pertanto, l'imperatore Augusto, che aveva seguito da vicino gli eventi in corso nella Grande Armenia, decise di rovesciare l'indesiderato Artaserse II e per elevare invece al trono suo fratello minore, il principe Tigran. Quest'ultimo, essendo a Roma da dieci anni, aveva ricevuto un'educazione romana. AVANTI CRISTO 20 anni i romani organizzarono l'assassinio del re armeno. Artashisian Great Hayk è stato privato del suo ultimo potente sovrano, che ha fatto molto per ripristinare l'antico potere del regno armeno.

Gli ultimi Artashesiani modifica

Articoli principali: Tigran G, Tigran D, Artavazd G ed Erato

Subito dopo l'assassinio di Artash II, per ordine del principe ereditario Ottaviano Augusto, il futuro imperatore Tiberio innalzò solennemente Tigran G al trono di Artashat (20 a.C. - 8 a.C.). Questo evento fu visto a Roma come una vittoria importante e celebrata in pompa magna. Furono coniate monete d'oro e d'argento con la scritta "Il grande armeno conquistato", e i famosi poeti Ovidio e Orazio scrissero persino iscrizioni speciali per essa.

Contrariamente alle aspettative dei romani, Tigran G non divenne l'umile scagnozzo di Roma. Negli ultimi anni della sua vita rifiutò l'orientamento romano e condusse una politica del tutto indipendente. Il suo successore e figlio, Tigran D (8 a.C. - 5 a.C., 2 a.C. - 1 d.C.) continuò la sua politica. Preoccupato per un simile sviluppo degli eventi, Augusto invia un grande esercito al figlio adottivo Gaio Cesare, che depone Tigran D e proclama re suo zio Artavazd G (5 a.C. - 2 a.C.). Avendo vissuto a Roma per 25 anni e alienato dalla realtà armena, questo re governa la Grande Armenia secondo le leggi romane e saccheggia il tesoro dello stato in modo incontrollabile. Non tollerando questa situazione, gli armeni si ribellarono contro di lui e lo uccisero. Tigran D sale nuovamente al trono, questa volta insieme alla sorella Erato (2 a.C. - 1 d.C.). Il re armeno negoziò con Augusto affinché quest'ultimo riconoscesse il suo regno. Un certo accordo è stato raggiunto in quella direzione. Ma 1 anno durante una delle guerre combattute contro i montanari caucasici, Tigran D fu ucciso ed Erato abdicò.

Dragon Kings modifica

Articolo principale: Elenco dei re d'Armenia (1–52 d.C.)

Esaurendo i rappresentanti maschili della dinastia Artash, i romani ebbero l'opportunità di collocare i loro fossili sul trono armeno. ANNO DOMINI 1 anno fino al 52 _ con l'aiuto dei romani salirono al trono i rappresentanti della dinastia Atrpatakan e Virk. Tuttavia, d'altra parte, anche il vicino Parthevastan nominava i suoi cittadini. Il popolo armeno ha intrapreso una lotta persistente contro i re stranieri e il Consiglio degli anziani armeni ha cercato di gettare le basi per una nuova dinastia armena. In quelle condizioni, non era affatto casuale che i re stranieri, ad eccezione di Zenone (18 - 34), divenne vittima della vendetta del Consiglio armeno degli anziani. Solo Zenone governò abbastanza a lungo e pacificamente. Zeno era un rappresentante della casa reale del Ponto, ma è cresciuto a Mets Armenia, conosceva le usanze armene e godeva della simpatia del popolo. Adottò anche il cognome Artashes e iniziò a chiamarsi Zeno-Artashes. Dopo Zenone-Artash, a causa della ribellione antiromana del generale armeno Gisak Dimaksyan, il regno armeno poté ripristinare per breve tempo la sua piena indipendenza (37-43 d.C.). Tuttavia, anche dopo, con l'aiuto dei romani, i principi di Virk stavano invadendo il trono armeno. Nella seguente appropriata allegoria del famoso poeta romano Virgilio: "Ponte intollerante"Araks" si riferisce alla lotta ostinata del popolo armeno contro i conquistatori. Come risultato dell'anarchia politica Nel 37 d.C., la Mesopotamia armena (27.000 km²) fu separata dalla Mesopotamia armena a sud dalla città di Mtsbin, che passò al Partevastan, e dal paese di Goderdza (4.100 km²) a nord, che passò anch'esso a Virk. Il Consiglio armeno degli anziani iniziò a guardare verso il Parthevastan, che a sua volta cercò di stabilire Parthev Arshakunis sul trono armeno.

Arshakunis modifica

Persiano romano 54 - 64 guerra modifica

Articoli principali: Tigran Z, Corbulo, Nerone e Trdatus A La prima fase della guerra: 58-60. Dalla metà del I secolo iniziò una nuova fase nelle relazioni armeno-parti. Vagharsh I Arshakuni (51 - 80), che salì al trono in Partia, progettò di proclamare suo fratello Trdat re nella Grande Armenia, il che coincise con le aspirazioni del Consiglio armeno degli anziani, che si opponeva alla politica espansionistica romana. Nel 52 d.C., Vagharsh e Trdat entrarono a Mets Hayk con l'esercito dei Parti e aiutarono gli armeni a scacciare gli invasori romani e Hradamizd, che fu proclamato re da loro, che presto fuggì a Virk da suo padre. Trdatus fu proclamato re del Grande Inno, ma l'Impero Romano non esitò a riconoscerlo come re e iniziò le operazioni militari contro la Partia e contro Trdato, che durò con alcune interruzioni per 10 anni, 54 - 64. L'imperatore romano Nerone invia in Oriente il generale Corbulone. Allo stesso tempo, a causa degli attacchi delle tribù dell'Asia centrale, Vagharsh dovette ritirare la maggior parte dell'esercito da Great Hayk e dirigerlo verso l'Asia centrale. Per questo motivo, quando i Romani nel 58 invasero Mets Hayk, non fu loro mostrata alcuna seria resistenza e raggiunsero Artashat senza ostacoli, lo catturarono e lo distrussero. Trdat parte con le sue piccole forze per Atrpatak, il cui re era suo fratello, Bakur. Nel 59, le truppe di Corbulon si spostano a Tigranakert. Le forze erano disuguali e i romani catturarono Tigranakert. Nerone nel 60 Tigran Z della famiglia reale della Cappadocia è intronizzato sul trono armeno, il cui regno provoca grande insoddisfazione nel paese. Presto, convinto che la guerra sia stata vinta, lasciando Korbulon a Mets Hayk, un esercito di 5.000 uomini parte per la Siria. Tuttavia, presto Vagharsh e Trdat entrarono di nuovo a Mets Hayk con un grande esercito e con l'aiuto del popolo deposero Tigran, che presto fuggì dal paese. La seconda fase della guerra: 61-63 anni. Nel 61 Corbulon, non potendo spezzare la resistenza dell'esercito congiunto armeno-partico, chiese all'imperatore di sostituirlo. Prima di allora, Corbulon firma una tregua nella città di Mtsbin e riconosce Trdat come re armeno. Tuttavia, l'imperatore si rifiuta di fare la pace e sostituisce Corbulon con il generale Petos. Nell'autunno del 61 d.C. i romani invasero nuovamente Mets Hayk e si spostarono verso Tigranakert. Tuttavia, l'ostinata resistenza degli armeni costringe Petos a fermarsi in un luogo chiamato Hrandea, nella valle del fiume Aratsani. Ben presto l'accampamento di Petosi è circondato dall'esercito armeno-partico. Nella primavera del 62 si svolge una battaglia, nota come Battaglia di Hrandea, dove i romani subiscono una schiacciante sconfitta e Pettus chiede la pace. I vincitori, deridendo i romani, li costrinsero a inginocchiarsi sotto un "giogo" fatto di lance, che era la più grande vergogna. L'imperatore Nerone, per salvare la reputazione di Roma, offre a Tridato una corona, ma solo se arriva a Roma e la riceve di persona. Trdatus accetta e dopo aver firmato un trattato di pace in Hrandeia, parte per Roma con un corteo di 3500 persone, dove viene accettato come principe. Nerone fornisce anche artigiani per il restauro di Artashat, che fu distrutto dai romani. Nel 66, Trdat I ritorna a Mets Hayk.

66 - 117 modifica

Articoli principali: Trdat A, Sanatruk e Partamasir Il tempio pagano di Garnu fu costruito da Trdat I nel 77 d.C. Statua di Trdatus A. Museo del Louvre

Durante il regno di Trdat I, 60-88 anni, la situazione del Grande Armeno nell'arena internazionale si stabilizza. Viene restaurata la capitale di Artashat, vengono costruiti il tempio pagano e la fortezza di Garni. Trdat è seguito da Sanatruk B Arshakun, 88 - 110. Sanatruk fa della città di Mtsurk, sulle rive dell'Aratzani, nel campo di Msho, una roccaforte. Tuttavia, in seguito fu distrutto da un terremoto. L'intronizzazione di Sanatruk è avvenuta in condizioni relativamente pacifiche. Tuttavia, Parthev Arshakunis avrebbe dovuto ricevere Romal'accordo per intronizzare Arshakun sul trono armeno. Quando i Parti dichiararono re il principe dei Parti Parthamasir nel Grande Hayk senza il consenso di Roma, il romano Trajanos Cyrus lo accettò come una violazione del trattato e marciò verso il Grande Hayk con un grande esercito. I romani si accamparono nella provincia di Ekeghyats, dove si presentò loro Partamasir. Dopo i negoziati, si è verificato uno scontro durante il quale Parthamasir è stato ucciso. Traiano dichiarò Great Hayk una provincia romana, ma fu di breve durata. Dopo la morte dell'imperatore Traiano nel 117, suo figlio Adrianorendendosi conto di non poter mantenere i risultati del suo predecessore, l'imperatore ritira le sue truppe da un certo numero di territori occupati, incluso Mets Hayk.

Da Vagharsh A a Parthev, il rovesciamento degli Arshakuni modifica

Articoli principali: Vagharsh A, Sohemos, Vagharsh B, Khosrov A e Trdat B Arshakunian Armenia nel 150 d.C. Nel 117 d.C. viene ripristinata l'indipendenza della Grande Armenia. Vagharsh I viene proclamato re nel 117-140. Innanzitutto fondò la città di Vagharshapat nella valle dell'Ararat, nel villaggio di Vargesavan, che nel tempo divenne la seconda capitale del Grande Armeno. Il regno di Vagharsh è pacifico. Dopo la sua morte, i romani, in violazione del trattato di Hrandea, misero sul trono armeno Sohemos, un membro dell'anziano romano, che Moves Khorenatsi chiama Tigran. Ma nel 161 l'esercito dei Parti con l'appoggio degli armeni espelle lui e le legioni romane e Bakur I Arshakun viene proclamato re. Nel 163, i romani catturarono e distrussero nuovamente Artashat e portarono Bakur prigioniero a Roma, dove morì. Bacco è citato in un'iscrizione greca conservata a Roma. "Aurelios Pakoros (Bakur), re della Grande Armenia". I romani re-intronizzano Sohemos -Tigranes, che regnò dal 164 al 186. 176 latino _da un'iscrizione risulta che a Mets Hayk erano di stanza due distaccamenti romani, appartenenti alle legioni XII Fulminata e XV Apollinare. Da un altro documento del 185 risulta che stavano costruendo le fortificazioni difensive di Vagharshapat. Gli armeni, sotto la guida del principe Trdatus, si ribellarono, ma i romani repressero la ribellione ed esiliarono Trdatus in Gran Bretagna. Tuttavia, a causa delle guerre del trono a Roma, l'Impero Romano si indebolisce e Vagharsh II ascende al trono armeno: 185 - 198 durante il quale il Grande Armeno diventa così potente che il potere degli Arshakuni armeni diventa ereditario. Secondo l'accordo firmato con l'imperatore romano Settimio Severo, le legioni romane furono ritirate da Mets Hayk ei romani dovettero pagare denaro all'armeno Ayrudzi, che nel nord svolgeva la protezione dei passi di montagna caucasici dalle tribù montane, contro il quale fu ucciso Vagharsh II. Fu seguito da suo figlio Khosrov I, 198-215.

All'inizio del 3 ° secolo, in Partia iniziò un conflitto tra i clan dei Parti Arshakun e i clan persiani sasanidi. Gli Arshakunis armeni rimasero fedeli al loro alleato, i Parti Arshakunis, durante le battaglie di Artashir Sasanyan contro quest'ultimo. In difesa dei Parti Arshakunis, Khosrov I lanciò tre incursioni di successo contro i Sassanidi e tornò vittorioso. L'Impero Romano osservava con invidia i successi del re armeno, vedendo in essi il suo Ahoyan in Asia centrale. L'imperatore Caracalla, giunto in Assiria con un grande esercito, fece prigioniero Khosrov con l'inganno e lo mandò a Roma.. Questo atto infido provoca rabbia in Mets Hayek, dove il figlio di Khosrov, Trdat II, viene proclamato re nel 215-253.

Trdat B e Artavazd E modifica

Articoli principali: Trdat B e Artavazd E

Presto Trdatus II riceve una corona dall'imperatore Makrinius. Seguendo la politica di suo padre, lanciò con successo diverse incursioni contro i Sassanidi con Yerakhnavu e Anshevatsi, ma ciò non salvò i Parthev Arshakunis. Il contrattacco dei sasanidi non durò a lungo. Sebbene il loro primo attacco guidato da Artashir Sasanian fallì, suo figlio Shapuh I fu in grado di lanciare con successo incursioni su Mets Hayk. Trdatus II, a causa dell'indebolimento dell'Impero Romano e del rafforzamento dei Sasanidi, non poté resistergli, Nel 253 lasciò l'Impero Romano e decise di governare nella parte occidentale del paese. Nella parte orientale, con l'aiuto di Shapuh A, Artavazd E (253-262 anni) salì temporaneamente al trono. Ha sostenuto Shapuh con le truppe nella guerra contro i romani, dove i romani subirono una pesante sconfitta e l'imperatore Valeriano fu catturato. Secondo lo storico romano Trebellius Polion, Artavazd E invia una lettera a Shapuhi, dove chiede di liberare Valerianos. Ecco il contenuto della lettera.

Sostengo la tua gloria, ma temo che tu non abbia tanto vinto quanto provocato una furiosa lotta. Valeriano chiede ora la liberazione di suo figlio e di suo nipote, e dei generali romani, e tutta la Gallia, e tutta l'Africa, e tutta la Spagna, tutta l'Italia, e anche tutti i popoli che vivono nell'Illirico (provincia dell'Illirico), anche in Oriente e nel Ponto, e che sostengono i Romani o sono loro sudditi. Hai fatto prigioniero solo un vecchio e hai reso tutti i popoli del mondo molto ostili nei tuoi confronti. Forse anche con noi, che avevamo inviato truppe in tuo aiuto. Noi che siamo i tuoi vicini siamo sempre in una situazione difficile quando combatti l'uno con l'altro.

- Trebellio Pollione

Dopo la morte di Artavazdi, inizia la confusione, che Moves Khorenatsi ha chiamato "Il tempo dell'anarchia".

"Il tempo dell'anarchia" modifica

In quel periodo turbolento, i principi sasanidi Vormizd-Artashir Sasanian (262-272) e Nerseh Sasanian (272-279) fiorirono nella parte orientale di Great Hayk. Volevano imporre lo zoroastrismo agli armeni. Durante il loro dominio, un certo numero di santuari religiosi pagani armeni furono distrutti. Ormizd-Artashir ordinò di demolire le statue dei re armeni e di cambiare le iscrizioni sulle pietre di confine di Artashes I e di chiamarle "Artashirakan" dopo di lui. Tuttavia, presto con l'aiuto dell'esercito romano, il figlio maggiore di Trdat B, Khosrov B (253-279 nella parte occidentale) arrivò a Mets Hayk .279 - 287_ _ nella Grande Armenia). Mette fine alla confusione e viene dichiarato re armeno.

Khosrov B modifica

Articolo principale: Khosrov B Grande armeno sotto gli Arshakuni Khosrov B ha resistito ai Sassanidi per circa dieci anni e ha persino lanciato diverse campagne di successo contro di loro. Incapaci di sconfiggerlo, i persiani mandarono il principe Anak Parthev, che avrebbe dovuto uccidere Khosrov. Khosrov lo accetta come amico. Tuttavia, durante la caccia, Anak uccide in modo cospiratorio Khosrov. La guardia insegue Anakin e distrugge tutta la sua famiglia al ponte Taper sul fiume Yaraskh, ad eccezione di suo figlio, le cui tate fuggono in Cappadocia, la città di Mazak - Caesarea.

Trdat G. Mets modifica

Articoli principali: Trdat G il Grande e San Gregorio l'Illuminatore Tempio di Ereruk, IV secolo Nel 287, quando Trdatus, accompagnato dalle truppe romane, venne a Mets Hayk per restituire il trono di suo padre, anche il giovane Grigor si unì a lui, diventando il fedele compagno d'armi del re. Dopo la vittoria contro la Persia, tuttavia, il re Trdat propone a Grigory di fare un'offerta alla suora Anahit. Gregorio, che ha ricevuto un'educazione cristiana a Cesarea, rifiuta di sacrificare all'idolo, per il quale il re ordina di sottoporlo a 12 tipi di torture. Avendo anche appreso che Grigor è il figlio di Anak, che ha ucciso il re Khosrow, Trdat gli ordina di essere gettato nella prigione di Artashat (Khor Virap), dove Grigor vive miracolosamente per 13 anni. Tridato il Grande dopo aver imprigionato Gregorioemanò un bando invitando i suoi sudditi ad aderire alla religione pagana e impose la pena di morte ai cristiani. Pochi anni dopo gli eventi, il re Trdat si ammala di influenza suina durante la caccia. Agathangelos scrive:

Trdatus cominciò a infuriarsi e mangiarsi, e, come il re Nabucodonosor dei babilonesi, lasciando la sua natura umana, sotto forma di cinghiali, andò a vivere in mezzo a loro.

La causa della malattia di Trdatus fu l'assassinio di 33 vergini Hripsime sfuggite alle mani dell'imperatore romano Diocleziano, e soprattutto la più bella di loro, Hripsime. Quest'ultimo fu lapidato per aver rifiutato l'offerta di matrimonio al re. Presto la sorella di Trdat, Khosrovidukht, sognò che Grigor, che era nella prigione, potesse guarire il re e lo portò a Vagharshapat. La corte accoglie Grigorij con grande onore. Quest'ultimo depone prima nel terreno i resti delle vergini martirizzate, poi stabilisce un digiuno di 5 giorni) e guarendo il re con la preghiera. Quindi Grigor predica l'Antico e il Nuovo Testamento alla corte e al popolo per 66 giorni e l'ultimo giorno della predicazione, gli viene mostrato in una visione il luogo di costruzione della Cattedrale di Holy Etchmiadzin. Quindi Grigor viaggia per il mondo armeno con la collaborazione di Trdat, predica il cristianesimo, demolisce i monumenti pagani e ne costruisce uno nuovo cristiano al loro posto. Successivamente, Trdat Mets, per decisione del Consiglio degli anziani, invia Grigor Lusavorc a Cesarea per essere ordinato vescovo. Dopo il ritorno da Cesarea, il neoeletto Catholicos battezza il re Trdat e la corte nel fiume Aratsani, e poi, insieme a Trdat G il Grande, inizia la costruzione della Cattedrale Madre di Etchmiadzin. Con la proclamazione di Trdat G. nel 301, il cristianesimo fu dichiarato religione di stato della Grande Armenia. Sono state conservate informazioni frammentarie riguardo agli ultimi anni del governo di Trdat Mets. È confermato che nel 311 d.C. sconfisse gli eserciti dell'imperatore Maximianos Daya che invasero Great Hayk, che stavano cercando di ripristinare il paganesimo a Great Hayk. Nel 313 fu permesso di predicare il cristianesimo nell'impero romano. Dopo quell'evento, furono stabilite relazioni di buon vicinato tra la Grande Armenia e l'Impero Romano. 321:Tridato il Grande e Gregorio l'Illuminatore andarono a Roma e firmarono un'alleanza con l'impero. Secondo quel trattato, Roma avrebbe aiutato Great Hayek se necessario. Durante il regno di Trdatus il Grande, il potere reale fu rafforzato. Con l'adozione del cristianesimo, il potere reale era considerato dato da Dio e non ricevuto dall'imperatore. Trdat G Mets è riuscito a stabilire la sua supremazia anche nelle vicine Virk e Aghvank. Presto, il nipote di Grigor Lusavorch, Grigoris, fu ordinato vescovo dei lati armeni orientali e dei lati georgiano e aghvan. Grazie alla predicazione di Grigoris, l'influenza del Grande Armeno si diffuse nelle Grandi Montagne del Caucaso. Tridato il Grande morì nell'anno 330. Pochi anni prima di lui, San Gregorio l'Illuminatore era morto in un luogo chiamato Manea Irkk.

Khosrov G. Kotak modifica

Articolo principale: Khosrov G. Kotak

Dopo la morte di Trdat G Mets, suo figlio, Khosrov G Kotak (330 - 338), chiamato "Kotak" a causa della sua bassa statura, salì al trono. Dopo la morte di Trdat G. Mets, nel Paese si è creata una situazione mista. Sanatruk Arshakun, il sovrano dell'Armenia nord-orientale, aspirava al trono. Il governatore meridionale dell'Armenia, il separatista Bdeshkh Bakur di Aghdznik, si ribellò con l'appoggio del re persiano Shapuh II. In quelle circostanze, la fazione antipersiana guidata dall'armeno Catholicos Vrtanes I Parthev elevò Khosrov al trono con le forze dell'imperatore Costantino. Khosrov represse la ribellione di Bakur Bdeshkh, riunì Aghdznik e la Mesopotamia armena; sterminati i ministri che combattevano l'uno contro l'altro per i possedimenti contesi, Vordunis e Manavazyans, confiscarono i loro possedimenti. Khosrov si riconciliò anche con Shapuh II a condizione di pagare una certa tassa annuale alla Persia. Dopo la partenza delle forze dell'Impero Romano da Mets Hayk, su istigazione di Shapuhi, Sanatruk-Sanesan entrò ad Airarat con le forze di molte tribù caucasiche, occupò Vagharshapat e governò l'intero paese per circa un anno. Le truppe di Sanatruk si accamparono sulla montagna chiamata Testa di toro ad Aragatsotn, e lui si sedette a Vagharshapat con la sua cavalleria. Khosrov Kotak fu rinchiuso con il Catholicos nella forte fortezza di Daruynk nella provincia di Kogovit. Vache Mamikonianradunò le truppe dei ministri fedeli a Khosrov, distrusse l'esercito della testa del Toro con un attacco improvviso, quindi catturò Vagharshapat con un attacco a sorpresa e sconfisse e decapitò Sanatruk, il pretendente al trono armeno, nella battaglia che ebbe luogo nell'Oshakan collina. Khosrov ha premiato Oshakan con Vahan Amatunu, che ha svolto un ruolo decisivo in quella battaglia. Ha anche premiato il governatore e altri fedeli ministri con proprietà e altri grandi doni. L'agenzia Millennium è stata consegnata ad Arshavir Kamsarakan, il defunto Manachihri è stato sostituito da suo figlio Zora Rshtun, Gugarats Mihran Bdeshkh di Khorkhorunia.patriarca Garjuil Magkhaz. Il paese è diventato pacifico per il momento e Khosrov è stato impegnato in lavori di costruzione. Fondò la città di Dvin e vi trasferì la corte. Piantò le foreste di riserva del cedro del tempio e di Khosrovakert, che erano luoghi sia di caccia che di addestramento militare per il re e la classe nobile. Nel 337, l'esercito di Shapuh II circondò Mtsbin e un'altra unità militare entrò in profondità nel Mets Hayk attraverso Her-Zarevand. Khosrov ha incaricato il ministro Bznuniat Databe di resistere al nemico e interrompere la sua avanzata. Tuttavia, Dattabe si schierò con la Persia. Vache Mamikonian e Vahan Amatuni con 30.000 soldati sulla sponda nord-orientale del Lago Vana, Arestnella battaglia vicino all'insediamento sconfissero il nemico e liberarono il paese. Dattabe e il suo clan furono distrutti, i possedimenti divennero proprietà del re. Successivamente, Khosrow stabilì una legge in modo che i ministri del paese con mille o più soldati vivessero nella corte sotto il controllo del re. Khosrov interruppe le relazioni con l'Iran sasanide e si avvicinò all'Impero Romano. Presto Shapuh invase nuovamente Mets Hayk con un grande esercito. L'esercito armeno ha fermato la sua avanzata a costo di pesanti perdite. A marzo, il comandante dell'esercito Vache Mamikonian e altri grandi principi furono uccisi. Khosrov Kotak morì a Dvin e fu sepolto nel cimitero tribale armeno di Arshakuni.

Tiran modifica

Articolo principale: Tyran

A Khosrow Kotak successe suo figlio Tiran (338-350). Nella primavera del 338, quando le truppe del re persiano Shapuh II invasero Mets Hayk, il tiranno si rifugiò a Bisanzio presso il Catholicos armeno Vrtanes I Parthev . Il trono fu ristabilito nella primavera del 339 con l'aiuto dell'imperatore romano Costantino I il Grande. Secondo il trattato stipulato con Roma, il Tiranno ne riconobbe la supremazia, diede in ostaggio il figlio ei nipoti di Trdato. I primi anni del regno del tiranno furono relativamente pacifici. Ha condotto una politica di centralizzazione del potere statale. Un tirannoNegli ultimi anni del regno la situazione politica del Grande Armeno si complicò a causa dei nuovi conflitti persiano-romani. Durante la guerra persiano-romana del 345, Tiran si alleò con i romani. Nel 350 , approfittando della guerra scoppiata nell'ovest dell'Impero Romano, Shapuh II invase Mets Hayk, arrestò fraudolentemente e accecò il Tiranno, poi lo prese e lo imprigionò a Tizbon. Ben presto le forze armeno-romane sconfissero l'esercito persiano e costrinsero Shapuh II a liberare Tiran dalla prigionia. Tuttavia, quest'ultimo non era in grado di svolgere attività statali a causa della sua cecità, quindi suo figlio, Arshak B, fu proclamato re.

Arshak B modifica

Articolo principale: Arshak B

Al re tiranno successe suo figlio, Arshak B (350-368 ) , salì al trono con il consenso di Shapuh B. Pertanto, finché non rafforzò il suo potere, cercò di non inasprire i rapporti con i Sassanidi. Tuttavia, presto Arshak B rafforzò la sua posizione e restituì i Mamikoniani alla corte. L'Impero Romano stava lavorando per ripristinare la sua posizione indebolita nella Grande Armenia, ma il rafforzato Arshak II cercò di condurre una politica equilibrata nei confronti dei suoi due potenti vicini. Ciò ha causato il dispiacere dell'Impero Romano. Volendo che la chiesa servisse i suoi interessi, Arshak II lo nominò Catholicos di tutti gli armeniA Nerses Mets, nipote di Husik A. Parthev . Quest'ultimo era prima un militare e ricopriva la carica di ciambellano a corte. Durante la prima parte del regno di Arshak, Nerses era il consigliere del re.

353_ _ Nerses Mets convoca il primo incontro della chiesa armena nel villaggio di Ashtishat. Ha adottato una serie di regole ecclesiastiche e varie leggi per regolare le questioni interne. Le leggi che proibivano il paganesimo furono particolarmente inasprite. Il matrimonio di parenti stretti, il pianto osceno e il lutto ai funerali, le lesioni personali, la poligamia e altre usanze pagane erano proibiti. L'assemblea decise anche di aprire ospedali, ospizi e alberghi per stranieri. Per formare i ministri della chiesa, si decise di aprire scuole con insegnamento in assiro e greco. Per regolare i rapporti con l'Impero Romano fu inviata a Costantinopoli una delegazione guidata da Nerses, ma il Catholicos fu arrestato. L'imperatore Arshak BPer indebolire le posizioni di, Mets Hayk inviò come ostaggi i nipoti di Arshak Gnel e Tirith, con l'obiettivo di elevare uno di loro al trono armeno in caso di politica antiromana di Arshak. Rendendosi conto di ciò, Arshak uccide prima Gnel e poi Tirith. Liberato dai suoi pericolosi rivali, il re sposa la vedova di Gnel, Parandzem, cercando di corteggiare suo padre, il potente ministro Andovk Syunu. Il principe ereditario Papa nasce presto. Ben presto, tuttavia, ci fu una scissione nella dinastia Mamikonian: Vasak, il generale, divenne il fedele alleato del re, e suo fratello Vahan Mamikonian si schierò con i persiani. Successivamente, Vahan Mamikonian fu ucciso da suo figlio Samvel per tradimento e apostasia (questi eventi furono descritti da Raffinel suo romanzo storico "Samvel"). Volendo rafforzare il governo centrale, Arshak costruì Arshakavan nella provincia di Kogovitla città, permettendo a chiunque di stabilirvisi. L'istituzione di una nuova città rafforzò il re, perché gli abitanti che abbandonarono i loro padroni divennero il sostegno del re. Il punto è che l'appello di Arshak fatto in tutto il paese a venire a vivere ad Arshakavan e godere del patrocinio del re è stato accolto da abitanti del villaggio per lo più dipendenti. Sono scappati dallo sfruttamento dei ministri e si sono riuniti ad Arshakavan. Tuttavia, elementi criminali, che cercavano di liberarsi da persecuzioni e responsabilità, iniziarono a rifugiarsi in città. Ciò diede ai ministri e alla chiesa che li proteggeva l'opportunità di accusare il re di ospitare prostitute, divorziate, criminali, ladri e banditi ad Arshakavan. Quando Arshak B era a Virk, i ministri insieme alle truppe persiane attaccarono Arshakavan e lo distrussero completamente. Il traditore Meruzhan Artsruni guidava i ministri. Arshak II, radunando i suoi fedeli principi e truppe, diede battaglia ai ministri infidi. Tuttavia, nessuna delle parti ottenne la vittoria e, con la mediazione del Catholicos Nerses il Grande, fu conclusa la pace tra di loro. Secondo esso, il re era obbligato a rispettare i diritti dei ministri e questi promettevano di servirlo fedelmente. Tuttavia, Arshak ha fatto la pace solo per guadagnare tempo. Dopo aver raccolto le sue forze, ha attaccato i ministri traditori che hanno distrutto Arshakavan, massacrato molti di loro e ha dato battaglia ai ministri traditori. Tuttavia, nessuna delle parti ottenne la vittoria e, con la mediazione del Catholicos Nerses il Grande, fu conclusa la pace tra di loro. Secondo esso, il re era obbligato a rispettare i diritti dei ministri e questi promettevano di servirlo fedelmente. Tuttavia, Arshak ha fatto la pace solo per guadagnare tempo. Dopo aver raccolto le sue forze, ha attaccato i ministri traditori che hanno distrutto Arshakavan, massacrato molti di loro e ha dato battaglia ai ministri traditori. Tuttavia, nessuna delle parti ottenne la vittoria e, con la mediazione del Catholicos Nerses il Grande, fu conclusa la pace tra di loro. Secondo esso, il re era obbligato a rispettare i diritti dei ministri e questi promettevano di servirlo fedelmente. Tuttavia, Arshak ha fatto la pace solo per guadagnare tempo. Dopo aver raccolto le sue forze, ha attaccato i ministri traditori che hanno distrutto Arshakavan, massacrato molti di loro eHa quasi sterminato la famiglia Kamsarak. L'ultimo periodo del regno di Arshak II fu segnato dalle guerre romano-persiane. Sia Roma che la Persia sasanide, tenendo conto della posizione geopolitica e del potere militare del Grande Hayek, cercarono di conquistare Arshak II dalla loro parte. Tuttavia, ha mantenuto la neutralità, ponendo l'accento sul rafforzamento del potere del Grande Armeno. Tuttavia, Mets Hayk non evitò le invasioni persiane, durante una delle quali Tigranakert fu distrutta e la popolazione fu deportata.

Alla fine, Arshak II decise di allearsi con i romani. 363_ _ L'imperatore Giuliano invase la Persia con un grande esercito e raggiunse la capitale Tizbon. Arshak II attaccò Marastan con le truppe armene e le guarnigioni romane che si unirono a loro. Tuttavia, l'imperatore Giuliano morì per le ferite riportate nella battaglia e il nuovo imperatore Gioviano fece pace con Shapuh II a condizioni umilianti. L'Impero Romano dovette lasciarlo in pace e non aiutare Hayek il Grande nella lotta contro la Persia sasanide. La pace fu così umiliante che gli stessi romani (lo storico Ammiano Markeghinus) la definirono "vergognosa".

364_ _ Jovianos morì e Shapuh B, sentendosi libero, attaccò Mets Hayk. L'esercito persiano invade la provincia di Daranagh della Grande Armenia, dove distrugge la tomba degli Arshakuni armeni ad Ani. Non è possibile demolire solo la tomba del re Sanatruk. Dopo aver catturato le ossa dei re armeni, il nemico si trasferì nella valle dell'Ararat, dove subì una schiacciante sconfitta da parte dell'esercito armeno. Le ossa dei re furono rilasciate e poi sepolte nella tomba reale del villaggio di Aghdzq. La guerra armeno-persiana è durata 4 anni. All'inizio, gli armeni respinsero con successo gli attacchi dell'esercito persiano e invasero persino i territori persiani. Tuttavia, le forze erano disuguali e le forze della Grande Armenia, cedendo al nemico, iniziarono a esaurirsi. Un certo numero di ministri lasciò Arshak e gli altri rimasero neutrali o si schierarono con i persiani. Nonostante tutto ciò, l'esercito armeno ha respinto tutti gli attacchi nemici. Rendendosi conto coraggiosamente che le forze militari di Mets Hayk erano esauste, Shapuh B ricorse a una mossa insidiosa, invitando Arshak B a venire a Tizbonper fare la pace. I ministri stanchi della guerra convinsero Arshak ad accettare l'offerta. Il re Arshak e il generale Vasak Mamikonyan dovettero recarsi a Tizbo, avendo precedentemente ricevuto un giuramento da Shapuh riguardo alla loro sicurezza. Tuttavia, a Tizbon, Shapuh ruppe la promessa e arrestò Arshak e lo imprigionò nella fortezza di Anhush, dove presto morì, e Vasak Mamikonian fu decapitato. In questo modo, la Persia sassanide privò il Grande Armeno di un monarca potente e patriottico.

Papa modifica

Articolo principale: Re Papa

Dopo l'arresto e l'assassinio di Arshak B, i persiani nel 367 hanno invaso di nuovo Mets Hayk. La regina Parandzem e il principe Pope si rifugiarono nella fortezza di Artagers con una guarnigione di 11.000 persone. Due infidi principi armeni, entrati nel castello e vedendo la difficile situazione della regina, decidono di aiutarla. La guarnigione del forte, con un attacco a sorpresa, schiaccia frontalmente le truppe persiane che assediano il forte, dopodiché il Papa invia una richiesta di aiuto ai romani.

Shapuh ha inviato un nuovo esercito a Mets Hayk. Quando sembrava che anch'esso sarebbe stato sconfitto, nel castello di Artagers scoppiò un'epidemia. Quando Artagers fu privato dei suoi difensori, i persiani riuscirono a catturare il castello e catturare Parandzem. Quindi i persiani, con il sostegno di alcuni ministri filo-persiani, tra cui Meruzhan Artsrun e Vahan Mamikonyan, conquistarono e distrussero le principali città della Grande Armenia Artashat, Vagharshapat, Yervandashat, Van, Zarishat, ecc. La popolazione di quest'ultimo fu deportata in Persia. Secondo Pavstos Buzand, 83.000 ebrei furono deportati in Persia dalle cinque città sopra menzionate.

Il nonno si è trovato in una situazione difficile. A causa delle depredazioni delle tribù nomadi, i romani non potevano inviare forze ausiliarie a Great Hayk, ei persiani stavano distruggendo il paese. Il papa cercò di trovare un'intesa con Shapuh II, ma l'imperatore Vaghes nel 370 ebbe l'opportunità di inviare un esercito a Mets Hayk, dove fu raggiunto dalle truppe armene sotto la guida del capitano Mushegh Mamikoyan, figlio del papa e Vasak Mamikoyan. Avendo avuto successo in diverse battaglie, l'esercito armeno di 90.000 uomini sotto il comando di Mushegh Mamikonyan nel 371 Ha sconfitto i persiani frontalmente nel campo di Dzirav vicino al monte Npat e li ha cacciati dal paese.

Il Papa, essendo giovane, mostrò tuttavia le qualità di un grande statista. Prima di tutto decise di riunificare le province periferiche separate dal paese o occupate. Sparapet Mushegh Mamikonyan è riuscito a ripristinare i confini prebellici di Great Hayek in un breve periodo di tempo, punire i ministri disobbedienti e cacciare le truppe dei regni Virk e Aghvank fuori dal paese. Come ha notato Pavstos Buzand, Mushegh Mamikonian si sta riprendendo nel nord.

questo confine, di fronte al quale c'era la vera terra degli armeni e vicino alla terra della Georgia, che è lo stesso grande fiume Kur.

- Pavstos Buzand

A causa della guerra, il paese fu economicamente danneggiato e indebolito. Papa King ha deciso di ripristinare l'economia indebolita. Sulla base dell'esperienza del suo predecessore, il Re Papa decise di non pagare per i ministri, ma per la chiesa, che fu estremamente arricchita e arricchita dalle donazioni e dai privilegi concessi dai suoi precedenti re. Per decreto reale, la popolazione del paese era esentata dalla decima e dalle tasse sulla frutta pagate alla chiesa. Anche durante il regno di Trdat G Mets, 5 delle 7 sezioni di terra date al clero furono confiscate e distribuite ai soldati dell'esercito attivo. Il numero del clero è stato notevolmente ridotto. Ex ecclesiastici e parenti di ecclesiastici, esentati dal servizio militare, furono ora arruolati nell'esercito. Di conseguenza, il numero di soldati dell'esercito attivo ha raggiunto i 100mila.

A seguito della guerra, la popolazione del paese è stata notevolmente ridotta e il tasso di natalità è diminuito. Per migliorare la situazione creatasi, per ordine del re, furono chiusi i conventi e i monasteri aperti durante il regno di Nerses il Grande Catholicos. Alle vergini veniva concesso il diritto di sposarsi. Per aumentare le entrate statali, il Papa sciolse molte istituzioni caritative che erano state avviate dalla Chiesa e che erano mantenute più dallo Stato che dalla Chiesa.

Alla fine, proseguendo l'opera iniziata dal padre Arshak II, il Papa riuscì addirittura a nazionalizzare la Chiesa armena. In altre parole, per ordine del re, il Catholicos armeno smise di recarsi a Biazandia per essere ordinato dai capi spirituali provinciali-provinciali locali, in particolare i metropoliti di Cesarea o Tiana. Con ciò, papa Arshakuni recise l'aperta dipendenza della Chiesa armena dalla Chiesa bizantina e dall'Impero bizantino e fece dell'elezione del capo della Chiesa armena almeno ufficialmente un affare interno del Regno armeno [9] [10 .

La politica di statualità nazionale, consolidamento, centralizzazione e potenziamento degli armeni guidata dal re papa Arshakun, il cui unico obiettivo era ripristinare l'ex potere politico-militare e l'integrità territoriale della Grande Armenia, provocò l'inimicizia sia di Bisanzio che dei suoi agenti, alcuni dei ministri amanti dei bizantini e quasi tutto il clero. Il partito bizantino, guidato dai capi della chiesa, accusò persino il papa di aver avvelenato Nerses il Grande Catholicos, mentre morì di malattia polmonare. Nonostante tutto ciò, l'autorità del giovane re era grande nel paese, soprattutto tra la gente. Non è quindi un caso che lo storico romano Ammiano lo descriva come un re energico, coraggioso e intelligente.

I passi del Papa volti a rafforzare il Grande Armeno e la politica indipendente provocarono il dispiacere dell'Impero Romano. Con l'obiettivo di rovesciare il papa, l'imperatore lo invitò in Cilicia, Tarso, con il pretesto di trattative. Tuttavia, il Papa, scoprendo lo scopo dell'imperatore, fuggì con le sue 300 guardie del corpo e tornò a Mets Hayk, accolto felicemente dal popolo. L'imperatore dovette scusarsi per il "malinteso" accaduto, e il Papa fece finta che non fosse successo nulla.

L'ordinazione di un nuovo Catholicos dopo la morte del Catholicos Nerses ei tentativi del Papa di regolare le relazioni armeno-iraniane furono le ragioni dell'ulteriore aggravamento delle relazioni armeno-bizantine, cioè armeno-romane orientali. In un primo momento, il Papa ha cercato di inviare il suo candidato nominato a Cesarea per essere ordinato Catholicos, ma si sono rifiutati di ordinarlo a Cesarea. Convinto che il tribunale romano e la chiesa interferiranno sempre nell'elezione del Catholicos, il Papa ha compiuto un passo radicale. Non ha inviato il vescovo Husik Aghbianosyan a Cesarea. Fu ordinato Catholicos nella Grande Armenia dai vescovi armeni. Grazie a quel passo radicale del Papa, la Chiesa apostolica armena è diventata indipendente dal resto delle Chiese e ha preso la sua strada. Inoltre, il Papa ha chiesto il ritorno della città di Edesia e12 altre città della Cappadocia, che furono costruite dagli armeni, antenati del papa, e appartenevano allo stato armeno. Infatti, papa Arshakuni stava cercando di riunificare gli ex territori armeni della Piccola Armenia, della Cappadocia e dell'Eufrate-Comagen, che erano stati sequestrati dall'Impero Romano e ora appartenevano al cosiddetto Impero Romano d'Oriente o Bizantino [9] [10 ] .

La corte romana accettò con riluttanza il fatto dell'ordinazione del Catholicos armeno nella Grande Armenia. Inoltre, il miglioramento delle relazioni armeno-iraniane ha causato una giustificata paura nell'imperatore. L'imperatore ordinò ai suoi agenti e spie di uccidere il re papa. Il comandante delle truppe romane a Mets Haykum nel 374. Il papa invita il re a una festa, dove il papa viene assassinato dai militari romani. Sfortunatamente, con l'assassinio del Papa, il Grande Regno Armeno fu privato del suo giovane, energico e talentuoso re, ei suoi successori non furono in grado di continuare l'opera patriottica da lui iniziata. La centralizzazione dello stato armeno e il rafforzamento del potere centripeto reale, il rafforzamento militarmente del Paese, da parte di Arshak II e Papae i tentativi dei loro predecessori fallirono. Il motivo non era solo l'attività divisiva del ministero, ma anche la politica di Roma e della Persia di interferire costantemente negli affari interni del paese e di soggiogare il Grande Hayek [9] [10] .

Indebolimento del grande armeno modifica

Articoli principali: Varazdat, Arshak G e Khosrov D

L'assassinio di Pope King ha lasciato una forte impressione in Mets Haykum . Alcuni ministri erano persino pronti ad allearsi con la Persia e vendicarsi di Roma per l'assassinio del re. Ben presto, l'imperatore inviò Varazdat Arshakunu (374-378) a regnare su Great Hayk. Era potente nel corpo e aveva vinto i Giochi Olimpici.

Durante l'amministrazione a breve termine di Varazdat, la carica di capo di stato maggiore continuò a essere ricoperta da Mushegh Mamrkonyan, che, secondo Pavstos Buzand, "guidava gli armeni e sorvegliava attentamente i confini della Grande Armenia". Tuttavia, il suo comportamento ha presto causato il dispiacere di Varazdat. Senza informare il re, Mushegh Mamikonyan si stava consultando con i generali romani a Great Hayk e tramite loro con l'imperatore. Sparapet suggerì all'imperatore di costruire città-fortezza in ogni provincia della Grande Armenia e trasformarle in forti centri militari. Le guarnigioni armene dovevano essere mantenute in esse a spese dell'impero. Secondo le parole di Faustos Buzand, l'imperatore acconsentì volentieri a questo, in modo che il Grande Hayk fosse saldamente collegato a Roma.

Tuttavia, uno dei difetti del piano era che Mets Hayk alla fine avrebbe perso la sua indipendenza e sarebbe diventata una delle province dell'Impero Romano. Ben presto il piano viene svelato e le attività filoromane dello sparapet provocano il dispiacere dei ministri patriottici. Il re, temendo il tradimento del generale, lo fece uccidere. Il posto di governatorato è stato consegnato a Bat Saharun.

Approfittando della frenesia dell'impero, la Persia inviò Manvel Mamikonyan a Mets Hayk. Si affermò come patriarca della dinastia Mamikon senza il consenso del re, e poi mise in fuga Varazdat. Quest'ultimo, della cui attività i romani erano molto insoddisfatti, fuggì nell'impero, ma fu arrestato ed esiliato.

Manvel Mamikonyan, che venne a Mets Hayek come principe filo-persiano, presto, irritato dall'interferenza persiana negli affari del paese, espulse il reggimento inviato in suo aiuto dai persiani. Ha elevato al trono i giovani figli del papa Arshak G e Vagharshak, e ne è diventato il tutore, occupando la posizione di capo. Manvel migliora le relazioni con l'Impero Romano per rafforzare il Grande Impero armeno. Gli anni della tutela di Manvel furono un periodo di prosperità economica e di sviluppo pacifico del paese.

Dopo la morte di Manvel, Arshak G ha causato il dispiacere della maggior parte dei ministri a causa del suo forte comportamento filo-romano. Quest'ultimo si rivolse al re persiano Shapuh G per dare loro un altro re. I Sasanidi nel 384 Khosrov D Arshakunu fu inviato a Great Hayk e Arshak G dovette accontentarsi di una piccola parte occidentale del regno. Il grande regno armeno era diviso in due regni separati.

Partizione della Grande Armenia modifica

Dopo lunghe guerre, l'imperatore dell'Impero Romano Teodosio I il Grande e il persiano Shah Shapuh G, convinti che nessuno dei due sarebbe stato in grado di conquistare completamente il Grande Hayk, l'imperatore e lo scià persiano decisero di dividerselo. 387_ _ le parti firmarono un accordo in base al quale i territori occidentali sotto il dominio di Arshak G del Grande regno armeno passarono a Roma come regno subordinato, e le terre orientali sotto il dominio di Khosrov D passarono alla Persia come regno suddito. Con ciò si formarono due regni semi-indipendenti nel territorio della Grande Armenia.

Arshak G. morì presto. I romani ne approfittarono immediatamente ed eliminarono il regno armeno sotto il loro dominio. I Sassanidi, a loro volta, già nel 387 I regni armeni furono separati dal regno armeno orientale.

Unione provvisoria della Grande Armenia modifica

Alcuni ministri del regno armeno occidentale, insoddisfatti del governo di Arshak, si trasferirono nel regno armeno orientale. Hanno persino rubato i tesori di Arshak G e li hanno consegnati a Khosrov D. Khosrov, a sua volta, prese i sacerdoti sotto la sua ala protettrice. Li restituì ai loro precedenti possedimenti e ne compensò alcuni a spese dei possedimenti reali. Khosrov ha preso contemporaneamente provvedimenti per riunire le due parti del regno diviso. Scrisse una lettera all'imperatore romano, chiedendogli di consegnargli le terre dell'Impero d'Occidente a condizione di pagare le tasse. Il tribunale romano ha accolto la richiesta di Khosrov D sulla base dei suoi interessi. Khosrov D ha approvato un nuovo "Gahnamak", in cui trovarono posto i ministeri sia della parte orientale che di quella occidentale del regno. La corte persiana ha seguito attentamente le attività di Khosrov. La riunificazione del regno armeno non era di suo gradimento, ma dovette sopportarla, perché esteriormente non era possibile incolpare il re armeno. Tuttavia, quando Khosrov elevò Sahak Parthev al Catholicosato senza il consenso del re persiano, gli chiesero una spiegazione. Il re armeno, che era riuscito a rafforzare a sufficienza la sua posizione, cercò di liberarsi dalla dominazione persiana con l'aiuto dei romani. Tuttavia, l'imperatore non solo non lo aiutò, ma informò anche il re persiano dei piani del re armeno. Un esercito persiano invase immediatamente l'Armeniae lo ha arrestato. Un gruppo di ministri armeni guidati da Gazavon Kamsarakan ha cercato di liberarlo con soli 700 soldati. E mentre quell'unità militare resisteva alle truppe persiane combattendo duramente, un gruppo di eroi cercò di liberare il re incatenato. Khosrov non poteva essere liberato e l'unità militare armena fu quasi completamente distrutta, poiché nessun soldato lasciò il campo di battaglia, sorprendendo i persiani. Khosrov fu deposto e imprigionato nella fortezza di Anhush.

Anche il tentativo fallito di liberare Khosrov ha calmato la corte persiana. Rendendosi conto che qualsiasi severità non farà che infiammare i sentimenti anti-persiani in Armenia, Shapuh G ha lasciato tutto come prima. Ha elevato al trono il fratello di Khosrov Vramshapuhi (388-414) su richiesta dei ministri armeni.

Vramshapuh modifica

Articolo principale: Vramshapuh

Il lungo periodo del regno di Vramshapuhi fu un periodo di pace esterna e tranquillità interna. Durante il suo regno la cultura armena conobbe una grande impennata, ma nell'arena politica, contrariamente a Khosrov, non si pose mai grossi problemi. Durante il regno di Vramshapuhi, il geniale Mesrop Mashtots, con l'aiuto del Catholicos Sahak Partev , creò la scrittura armena. Rendendosi conto che Vramshapuh era sotto il dominio persiano, l'Impero bizantino (come fu chiamato l'Impero Romano d'Oriente dopo il 395) riconquistò i territori occidentali del regno del Grande Hayk non molto tempo dopo l'invenzione della scrittura. Sebbene Vramshapuhi fosse armeno dopo la sua mortesu richiesta dei ministri, Khosrov G., liberato dalla prigionia persiana, salì nuovamente al trono armeno, ma regnò solo per pochi mesi. Volendo abituare gli armeni al dominio straniero, il re persiano nominò suo figlio Shapuhi (415-419) re armeno. Tuttavia, non è riuscito a ottenere la simpatia dei ministri armeni e, secondo Movses Khorenatsi, "tutti lo odiavano e non lo onoravano regalmente durante la caccia oi giochi". Non molto tempo dopo, è stato ucciso mentre tornava a Tizbo. 422_ _ Fu conclusa la pace tra Bisanzio e la Persia sasanide, dopodiché, con il consenso del re persiano, Artashes (Artashir) Arshakun, figlio di Vramshapuhi, salì al trono nell'Armenia orientale..

La caduta finale del regno armeno modifica

Articolo principale: Artashes D

Durante i suoi sei anni di regno, Artash non fu nemmeno in grado di regolare i rapporti con i ministri che gli si opponevano. Sahak Parthev era mano nella mano con il re, cercando di salvare il potere reale ad ogni costo. Fece del suo meglio per riconciliare il re con i ministri disobbedienti. Tuttavia, il Catholicos non ebbe successo, perché la corte persiana attirò i ministri che non erano eredi, allettandoli con la promessa di renderli eredi. La corte persiana cercò di attirare dalla sua parte anche Sahak Parthev, promettendo nuovi domini e privilegi. Tuttavia, il Catholicos patriottico non ha fatto un accordo. Tuttavia, 428anno Artashes fu detronizzato dalla corte persiana e Sahak Parthev fu privato del potere cattolico. Il regno armeno orientale cadde. La terra è stata mutilata. Un certo numero di territori ne furono separati e annessi a unità amministrative vicine. Il territorio principale del paese si trasformò in un marz persiano con grande autonomia, che sarebbe stato gestito da un governatore persiano.

Il popolo armeno ha dovuto condurre una lotta persistente e lunga per il ripristino della propria indipendenza statale, rendendosi conto che questo obiettivo può essere raggiunto solo attraverso l'unità nazionale.

Divisione amministrativa modifica

Articolo principale: divisione amministrativa della Grande Armenia

Lo storico armeno Movses Khorenatsi, oltre alla sua opera fondamentale "Storia degli armeni", nel V secolo scrisse anche l'opera "Ashkaratsots ", che è una descrizione geografica dettagliata del suo mondo moderno e del paese armeno, con l'allegato di mappe pertinenti. Il "Vetro" è stato curato dal più grande studioso armeno del VII secolo, Ananias Shirakatsi (610-685). Mets Hayk, Virk e Aghvank sono descritti in dettaglio in questo lavorocon le loro divisioni amministrative. L'autore, avendo a disposizione i dati di "geografi" di diversi periodi, soprattutto del regno armeno di Arshakuni e dei periodi marzpan, ha avuto modo di fornire un quadro completo della divisione amministrativo-territoriale della Grande Armenia durante quel periodo, quando rappresentava politicamente un tutto (i confini del Regno della Grande Armenia negli anni 363-385). Vengono inoltre riportati gli ulteriori cambiamenti dei confini avvenuti con la spartizione dell'Armenia tra l'Iran sasanide e l'Impero bizantino. Sulla base della divisione territoriale della Grande Armenia in 15 mondi (stati) e delle loro suddivisioni (province), diventa possibile realizzare una mappa della divisione territoriale amministrativa della Grande Armenia.secondo "Vetro". Sulla base cartografica attuale, c'è l'opportunità di ricostruire la mappa di Mets Hayik, Virk e Aghvank compilata da Anania Shirakatsi, che non ci è pervenuta.

Stato: Provincia: La zona:
Sedano Npret (Nprkert), Aghdzn, Kagh (Angeghtun), Ketik, Tatik, Aznvadzor , Yerkhetk (Serkhetk), Gzekh, Salnadzor e Sanasunk (10 province) 17 mila 532 mq. chilometri
Ayrarat Bassen, Gabegheank, Abegheank, Havnunik, Arsharunik, Bagrevand, Tsaghkot, Vanand, Shirak, Aragatsotn, Nig , Maseats foot, Kogovit, Vostan Armenians, Urtsadzor e Aratsoy side (16 province) 40 mila 105 mq. chilometri
Artisakh Muse Haband, Vaikunik, Berdzor (Berdadzor), Metsirank, Mets Kuenk, Harchlank, Movsank, Piank, Paztkank, Sisakan-i-Kotak (Sisakan-i-Ostan), Kust-i-Parnes e Koght (12 province) 11 mila 528 mq. chilometri
Alto armeno Daranaghi, Aghyun, Mzur (Muzur), Ekeghyats, Mananaghi, Derjan, Sper , Shaghagomk (Shatgomk) e Karin (9 province) 23.860 mq. km
Gugark Dzoropor , Koghbopor , Tsobopor , Tashir , Treghk, Kangark, Upper Javakhk, Artahan, Kagharjk, Shavshet, Mangleats Bor, Kuishapor e Boghnopor (13 province) 16.765 mq. km
Sconfitta Korduk, Kordik superiore, Kordik medio, Kordik interno, Itvank, Aygask, Motolangk, Usiranak, Kartunik, Zahuk e Small Agbak (11 province) 14.707 mq. km
Mokk Ishair , Mys Ishair , provincia di Ishots, Aruenitszor , Mija, Mokk Arfasnak, provincia di Arkaits, Argastovit e Jermadzor (9 province) 2.962 mq. km
Persiano (Nor Shirakan) Ayli, Mari, Trabi, Arisi, Yrna, Tamber , Zarehavan, Zarevand e Her (9 province) 11.010 mq. km
Colonna Yernjak, Chahuk, Vayots Dzor , Gegharkunik, Sotk, Aghahechk, Tsgukk, Haband, Baghk, Dzork, Arevik, Kovsakan (12 province) 15.237 mq. km
Tayk Kogh, Berdats Bor , Partizats Bor , Chakk, Bugkha, Okaghe, Azordats Bor , Alaeaats Bor (8 province) 10.179 mq. km
Turuberano Khoit, Aspakuneats Dzor , Taron, Ashmunik (Arshamunik), Mardaghi, Dastvork, Tuaratsatap , Dalar, Hark, Varaznunik, Bznunik, Yerevark, Aghiovit, Apahunik, provincia di Koroi e Khorkhorunik (16 province) 25.008 mq. km
Utik Aran-Rot, Tri, Rot-Patsian, Aghue, Tuchkatak, Gardman, Shakashen e Uti Argasnak (8 province) 11.315 mq. km
Vaspurakan Rshtunik, Tosp , Bogunik, Archishahovit, Kuganovit, Aghiovit, Garni (Darni), Arberani, Bujunik, Arnoyot, Asshevatsik, Trpatunik, Yervandunik (Marastan), Artaz , Ake, Agbak Mets, Asakhi Dzor , Tornav , Chuash-Rot, Armpik (Marastan), Artastan, Marastan ) Metsnunik, Palunik, Gukank ,Aghand-Rot, Parspatunik, Artashisian (Artavanian), Bagan (Marand), Gabetian, Gazrikan, Tigrean, Varazhnunik, Goghtn e Nakhchavan (35 province) 40, 870 mq. km
Tsopk (Quarto Hayk) Khordzian, Hashteank, Paghnatun, Balahovit, Mets Tsopk, Ansit, Degik e Gavrek (8 province) 18.890 mq. km
Carpenteria Hrakot-Perozh, Vardanakert, Rot-i-Bagha, Kagan-rot, Aros, Pichan, Hani, Atshi-Bagavan, Spandaran-Perozh, Ormizd-Perozh, Koekian e Alean (12 province) 21.000 mq. km
15 Stati 178 province 280, 968 mq. km
Territori che di tanto in tanto sono stati incorporati nella Grande Armenia Provincia: La zona:
Piccolo armeno Primo Hayk, Secondo Hayk, Terzo Hayk e Gamirk (4 province) 70.000-130.000 mq km
Mesopotamia armena 27.000 mq. km
Piccola Armenia, Mesopotamia armena 4 province 97.000-157.000 mq. km

Note modifica

  1. ^ Mary Boyce. Zoroastrians: Their Religious Beliefs and Practices Psychology Press, 2001 ISBN 0415239028 p 84
  2. ^ (EN) James R. Russel, Zoroastrianism in Armenia (Harvard Iranian series), Harvard University, Department of Near Eastern Languages and Civilizations, 1987, ISBN 978-0-674-96850-9.
    «The Parthian Arsacids who came to the throne of Armenia in the first century A.D. were pious Zoroastrians who invoked Mithra as the lord of covenants, as is proper. An episode which illustrates their observance of the cult is the famous journey of Tiridates to Rome in A.D. 65-66. (...)»

Bibliografia modifica

  • F.A. Arborio Mella, L'impero persiano da Ciro il Grande alla conquista araba, Milano 1980, Ed. Mursia. ISBN 978-88-425-3074-9
  • Proudian H. Aram, The Armenians in past and present, Los Angeles, (1896).
  • M. Chahin, The Kingdom of Armenia, (1987).

Altri progetti modifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85007264 · J9U (ENHE987007294986805171