Renato d'Alençon

duca e conte francese

Renato (René) di Valois-Alençon (1454Alençon, 1º novembre 1492) è stato un duca e conte francese. Duca d'Alençon e conte di Perche, era figlio di Giovanni II d'Alençon e di Marie d'Armagnac.

Renato d'Alençon
Portrait de René d'Alençon.png
Renato d'Alençon raffigurato in un'incisione del XVII-XVIII secolo
Duca d'Alençon
Stemma
Stemma
In carica 8 settembre 1476 –
1º novembre 1492
Predecessore Giovanni II d'Alençon
Successore Carlo IV d'Alençon
Altri titoli Conte di Perche
Nascita 1454
Morte Alençon, 1º novembre 1492
Dinastia Valois
Padre Giovanni II d'Alençon
Madre Maria d'Armagnac
Consorte Margherita di Lorena
Figli Carlo
Francesca
Anna
Religione Cattolicesimo
Conti e duchi d'Alençon
Valois-Alençon
Arms of Jean dAlencon.svg

Carlo II (1326-1346)
Carlo III (1346-1367)
Pietro II (1367-1404)
Figli
Giovanni I (1404-1415)
Figli
Giovanni II (1415-1476)
Renato (1476-1492)
Carlo IV (1492–1525)

BiografiaModifica

 
Il nuovo stemma della famiglia intorno al 1440

Nel 1467, quando suo padre si rivoltò con i Bretoni, ebbe l'incarico di difendere Alençon, ma l'insolenza della guarnigione bretone fece infuriare i borghesi della città. Disgustato, Renato rese la città a re Luigi XI, che gliela restituì dopo che la rivolta fu sedata.

Coperto di debiti e vizioso, il disordine dei suoi affari e della sua morale fu la sua disgrazia[senza fonte] e il re lo mise in prigione. Non ne uscì che alla morte di Luigi XI, nel 1483. Partecipò allora alla Guerra pazza, ma fu poi perdonato da re Carlo VIII.

Matrimoni e figliModifica

Un primo fidanzamento fu impostato con Margherita d'Harcourt, figlia di Guglielmo d'Harcourt, conte di Tancarville[1]. Una fonte indica che il matrimonio fu celebrato, un'altra che fu solo un fidanzamento[senza fonte]. Margherita morì nel 1488 senza aver dato a Renato alcun figlio.

Renato sposò allora a Toul il 14 maggio 1488 la beata Margherita di Lorena-Vaudémont (1463 - 1521), figlia di Federico II di Vaudémont e di Iolanda d'Angiò. Renato e Margherita ebbero:

Renato ebbe anche diversi figli illegittimi:

  • Charles, signore di Cany, († 1545), sposato con Germaine La Ballur;
  • Charles, barone di Cany, († 1524), sposatosi nel 1505 con Renée de Beauvoisin;
  • Marguerite, sposatasi nel 1485 con Jacques de Boisguyon, poi con Henri de Bournel;
  • Jacqueline († 1506), sposa di Gilles des Ormes.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Pietro II d'Alençon Carlo II d'Alençon  
 
Maria de La Cerda  
Giovanni I d'Alençon  
Maria Chamaillard Guglielmo II Chamaillard  
 
Maria di Beaumont-Brienne  
Giovanni II d'Alençon  
Giovanni V di Bretagna Giovanni di Montfort  
 
Giovanna di Fiandra  
Maria di Bretagna  
Giovanna di Navarra Carlo II di Navarra  
 
Giovanna di Francia  
Renato d'Alençon  
Bernardo VII d'Armagnac Giovanni II d'Armagnac  
 
Giovanna di Périgord  
Giovanni IV d'Armagnac  
Bona di Berry Giovanni di Berry  
 
Giovanna d'Armagnac  
Maria d'Armagnac  
Carlo III di Navarra Carlo II di Navarra  
 
Giovanna di Francia  
Isabella di Navarra  
Eleonora di Trastámara Enrico II di Castiglia  
 
Giovanna Manuele  
 

NoteModifica

  1. ^ Guglielmo d'Harcourt († 1487), conte di Tancarville, consigliere e ciambellano di Carlo VII di Francia, connestabile e ciambellano di Normandia, gran maestro delle acque e delle foreste (1431).
Controllo di autoritàVIAF (EN191675924 · ISNI (EN0000 0001 3981 8131 · CERL cnp02080849 · GND (DE1037225007 · BNF (FRcb162962931 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-191675924