Apri il menu principale
Salbertrand
comune
Salbertrand – Stemma Salbertrand – Bandiera
Salbertrand – Veduta
Veduta del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoRiccardo Joannas (lista civica) dal 25/05/2014
Data di istituzione12/06/2014
Territorio
Coordinate45°04′20″N 6°53′03″E / 45.072222°N 6.884167°E45.072222; 6.884167 (Salbertrand)Coordinate: 45°04′20″N 6°53′03″E / 45.072222°N 6.884167°E45.072222; 6.884167 (Salbertrand)
Altitudine1,032 (min 994 - max 3,217) m s.l.m.
Superficie38,32 km²
Abitanti603[1] (30-6-2018)
Densità15,74 ab./km²
FrazioniCombes, Deveys di Salbertrand, Eclause, Fenil, Frenee, Moncellier, Oulme, Plan, Rival, San Romano, Seu, Sapè di Salbertrand
Comuni confinantiExilles, Oulx, Pragelato
Altre informazioni
Cod. postale10050
Prefisso0122
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001232
Cod. catastaleH684
TargaTO
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona F, 3 998 GG[2]
Nome abitantisalbertrandesi (Conosciuti in Alta Valle di Susa anche con l'appellativo di Gueini, ossia gente festaiola)
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Salbertrand
Salbertrand
Salbertrand – Mappa
Localizzazione del Comune di Salbertrand nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Salbertrand (Salbelträn in occitano, Salbertrand in piemontese, Salbertrand nella norma classica; italianizzato in Salabertano durante il regime fascista) è un comune italiano di circa 600 abitanti della Città metropolitana di Torino, già Provincia di Torino, nella regione Piemonte.
Negli anni '50, analogamente a molti comuni piemontesi i cui nomi erano stati italianizzati, riprese il nome d'origine[3].
Si trova nel territorio della Val di Susa, più specificatamente nella parte storicamente conosciuta come Alta Valle della Dora.

Indice

Geografia e topografiaModifica

 
Salbertrand con il suo versante nord

Il territorio comunale si estende all'inizio della piana di Oulx, in alta Val Susa, dal restringimento dell'antica frana di Serre la Voute (confine con il comune di Exilles) fino alla zona denominata Pont Ventoux (confine con il comune di Oulx); in direzione nord-sud (larghezza) il territorio comunale è invece pressoché compreso tra gli spartiacque dei rilievi che delimitano la vallata.
Le caratteristiche paesaggistiche e territoriali variano dall'ampia piana della Dora Riparia, ai rilievi soleggiati e in parte aridi ed aspri del versante nord, a quelli ricchi di flora e fauna del versante opposto dove fin dagli anni '80 del secolo scorso fu impiantato il Parco Naturale Regionale del Gran Bosco.

Le montagne situate a nord (appartenenti al gruppo Ambin) salgono fino agli oltre 3200 m della cima del Vallonetto. Sempre su questo versante di alta montagna vi era anche gran parte del ghiacciaio del Galambra, che fino agli anni '30 aveva ancora uno spessore di alcune decine di metri e adesso è quasi completamente scomparso.

StoriaModifica

Salbertrand è nominato per la prima volta, come Sala Bertani, sul diploma imperiale di Ottone III datato 31 luglio 1001. Il nome ricompare trasformato in Salabertani, il 9 luglio 1029 sull'atto con il quale il marchese di Torino, Olderico Manfredi, e sua moglie, Berta d'Este, effettuano donazioni a favore dell'abbazia benedettina di San Giusto a Susa.

A partire dalla seconda metà dell'XI secolo, Salbertrand fa parte del Delfinato e poi del Regno di Francia, insieme agli altri paesi dell'Alta Valle di Susa a monte di Gravere. Con la firma del trattato di Utrecht, nell'anno 1713 le terre del Delfinato, al di qua dello spartiacque alpino, vengono cedute ai Savoia.

Una battaglia combattuta a Salbertrand il 3 settembre 1689 contro i francesi, permise ai seguaci di Pietro Valdo, al rientro dal loro esilio in Svizzera, di proseguire verso le native valli del Chisone e del Pellice. Questo avvenimento - il più importante della cosiddetta Glorieuse Rentrée - è ricordato sulla targa che, a cura del Comune e della Società di Studi Valdesi, venne posta sul luogo della battaglia nella ricorrenza del terzo centenario.

La chiesa parrocchiale, dedicata a San Giovanni Battista, si trova già citata nell'anno 1057, sull'atto col quale il marchese Oddone di Savoia e la contessa Adelaide di Susa, sua moglie, ne facevano dono alla novella Prevostura di San Lorenzo di Oulx. Per la sua complessa architettura e per i magnifici affreschi datati ai primi anni del XVI secolo, è definita dal Savi: "La chiesa artisticamente più ricca e più completa di tutta l'Alta Valle di Susa".[senza fonte]

Nel capoluogo si possono inoltre ammirare due imponenti fontane di pietra che riportano le date di posa:

  • anno 1524, sulla fontana monumentale a vasca rettangolare sita in Via Roma (monumento poi riprodotto anche nel Borgo medioevale di Torino e recentemente restaurato in toto);
  • anno 1525, sulla fontana a vasca ottagonale sita in piazza San Rocco.

Via FrancigenaModifica

Il concentrico di Salbertrand è inserito sul tracciato storico della Via Francigena, proveniente dal Colle del Monginevro e da Oulx, e dirigentesi successivamente verso Exilles e Chiomonte.[4]. Il centro storico ospita un antico edificio con affresco in facciata denominato Hotel Dieu, dal Medioevo ostello della comunità per i pellegrini, dei cui restauri si stanno occupando il Parco Alpi Cozie ed il Comune di Salbertrand[5].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[6]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 49 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Infrastrutture, trasporti e attività localiModifica

Salbertrand è attraversata dalla Strada statale 24 del Monginevro che la collega a Torino ed alla Francia, mentre l'uscita dell'Autostrada A32 Torino-Bardonecchia è a circa 5 km con svincolo denominato Oulx-Est.

La stazione ferroviaria di Salbertrand è situata sulla linea Torino-Modane (tutt'ora in funzione come stazione del Servizio Ferroviario Metropolitano) e in passato fu centro nevralgico della linea grazie al notevole piazzale di manovra.

Da decenni Salbertrand è sede di diverse attività estrattive e di lavorazione inerti, in passato si contavano anche due siti minerari sfruttati dalla società FIAT Mineraria. L'artigianato (soprattutto falegnameria, carpenteria ed edilizia) ed i servizi sono i settori maggiormente presenti.

Monumenti, luoghi d'interesse e cultura localeModifica

Le principali attrattive di questo paese ricco di storia, cultura e natura, sono le seguenti:

Grazie allo strenuo impegno delle amministrazioni comunali che si sono susseguite, al notevole apporto dell'associazionismo locale ed alla legge 482/99 sulla tutela delle minoranze linguistiche, Salbertrand è riconosciuto come baluardo della cultura Occitana in Val di Susa. Oggigiorno sopravvivono ancora esempi di attività lavorative tradizionali e festività particolarmente sentite dalla popolazione, tra le quali ricordiamo lo storico carnevale di Salbertrand e la festa patronale di San Giovanni Battista.

Associazioni di volontariato, gruppiModifica

  • Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, Distaccamento operativo Volontari di Salbertrand/Oulx/Sauze d'Oulx
  • Corpo Volontari Antincendi Boschivi Piemonte, Squadra A.I.B. di Salbertrand
  • Associazione Nazionale Alpini, Sezione Valsusa, Gruppo di Salbertrand
  • Associazione Reduci e Combattenti di guerra Salbertrand
  • Club Alpino Italiano, Sottosezione C.A.I. di Salbertrand
  • Scuola di intaglio e scultura Salbertrand
  • Banda Musicale Alta Valle Susa
  • Associazione A.S.D. Lu Gueini
  • Associazione A.S.D. Ombelico di Valsusa

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune dal recente passato sino al presente.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
10 luglio 1985 25 maggio 1990 Riccardo Joannas lista civica Sindaco [7]
25 maggio 1990 24 aprile 1995 Riccardo Joannas lista civica Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Massimo Garavelli Sindaco lista civica
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Massimo Garavelli centro-sinistra Sindaco [7]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Piero Biolati lista civica Sindaco [7]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Piero Biolati lista civica Sindaco [7]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Riccardo Joannas lista civica: insieme per Salbertrand d'oc Sindaco [7]
27 maggio 2019 in carica Roberto Pourpour NO TAVNote=<ref Sindaco

Altre informazioni amministrativeModifica

Il comune faceva parte della Comunità Montana Alta Valle di Susa, recentemente sciolta e successivamente riformata con il nome di Unione Montana Alta Valle Susa.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Decreto del presidente della Repubblica 22 gennaio 1955, n. 74, in materia di "Cambiamento della denominazione del comune di Salabertano, in provincia di Torino, in quella di "Salbertrand"."
  4. ^ http://www.camminafrancigena.it/it/resource/track/vfb-02-da-oulx-susa
  5. ^ a b c Cahier n.25 dell'Ecomuseo Colombano Romean, Hotel Dieu e Bachà 'd Mèi 'd Vierä: l'ostello dei pellegrini e la fontana du milieu di Salbertrand, Salbertrand 2016. Si vedano in particolare i capitoli L'Hotel Dieu: uno storico edificio lungo la Via Francigena (a cura di Nadia Faure) e Hotel Dieu e ospedali per pellegrini in Valle di Susa. Alcune suggestioni dai documenti dell'Archivio Storico Diocesano (a cura di Andrea Zonato)
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ a b c d e f http://amministratori.interno.it/

BibliografiaModifica

  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di arte religiosa alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2009
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2010

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN241252059
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte