Apri il menu principale
Salvatore Lauricella
Salvatore Lauricella.jpg

Ministro della Ricerca Scientifica
Durata mandato 13 dicembre 1968 –
5 agosto 1969
Presidente Mariano Rumor
Predecessore Leopoldo Rubinacci
Successore Arnaldo Forlani

Ministro dei lavori pubblici
Durata mandato 27 marzo 1970 –
17 febbraio 1972
Presidente Mariano Rumor
Emilio Colombo
Predecessore Lorenzo Natali
Successore Mario Ferrari Aggradi

Durata mandato 7 luglio 1973 –
23 novembre 1974
Presidente Mariano Rumor
Predecessore Antonino Pietro Gullotti
Successore Pietro Bucalossi

Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana
Durata mandato 21 giugno 1981 –
22 giugno 1986
Predecessore Michelangelo Russo
Successore Salvatore Lauricella

Durata mandato 22 giugno 1986 –
16 giugno 1991
Predecessore Salvatore Lauricella
Successore Paolo Piccione

Presidente Nazionale del Partito Socialista Italiano
Durata mandato 24 aprile 1978 –
22 febbraio 1993
Predecessore Alberto Cipellini
Successore Vita Rocco

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IV, V, VI, VII, VIII, XI
Gruppo
parlamentare
PSI
Circoscrizione Sicilia
Collegio Palermo-Agrigento
Incarichi parlamentari
  • XI Legislatura
    • I Commissione (Affari costituzionali)
    • Commissione parlamentare per le questioni regionali
  • VIII Legislatura
    • II Commissione (Interni)
  • VII Legislatura
    • XI Commissione (Agricoltura e foreste)
  • VI Legislatura
    • II Commissione (Interni)
    • V Commissione (Bilancio e partecipazioni statali)
    • VI Commissione (Finanze e tesoro)
    • IX Commissione (Lavori pubblici)
  • V Legislatura
    • X Commissione (Trasporti)
  • IV Legislatura
    • IV Commissione (Giustizia)
    • Commissione (Difesa)
    • IX Commissione (Lavori pubblici)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Salvatore Lauricella (Ravanusa, 18 maggio 1922Catania, 7 novembre 1996) è stato un politico italiano, Ministro della Repubblica e presidente del PSI durante la Segreteria Craxi.

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza e avvocato, seguì le orme del padre Giuseppe (avvocato socialista) e nel 1946, sostenuto dal Partito Socialista Italiano, divenne sindaco del paese alla giovane età di 24 anni. Venne confermato in questa carica per quattordici mandati, fino al 1990, diventando in tal modo uno dei primi cittadini d'Italia più duraturi.

Leader storico del socialismo siciliano e nazionale, da segretario regionale del PSI in Sicilia, fu l'ideatore e il promotore del primo governo di centro-sinistra in Italia, che si formò alla Regione Siciliana con l'accordo della Democrazia Cristiana di D'Angelo. Era il padre di Giuseppe Lauricella, attuale deputato del PD.

Deputato nazionale dal 1963, al 1981 e poi dal 1992 al 1994, presentò e fece approvare dal Parlamento nazionale la legge sulla casa, la legge per la salvaguardia di Venezia e la legge istitutiva della società ponte sullo stretto di Messina. Si deve alla sua opera di governo la costruzione della rete autostradale che ancora oggi si trova in Sicilia e del sistema di dighe che ha consentito di risolvere il problema dell'emergenze idrica.

All'interno del PSI aderì alla corrente demartiniana e nel 1968 fu Ministro per la ricerca scientifica. Nel 1970 divenne ministro dei Ministro dei lavori pubblici, nei governi Rumor e Colombo fino al 1974.

Nel 1976 fu tra i candidati a segretario del PSI ma si ritrovò come vice di Bettino Craxi; due anni dopo divenne il Presidente del PSI. Nel 1981 lasciò il parlamento nazionale e fu eletto deputato regionale in Sicilia. Per due legislature (1981 - 1991) fu presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana.

Nel 1992 tornò alla Camera e nel marzo del 1994, dopo l'inchiesta Mani pulite e lo sgretolamento del partito del garofano, si ritirò a vita privata.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN311396131