Sei Nazioni 2017

18ª edizione del Sei Nazioni maschile e 123ª assoluta del Championship
Sei Nazioni 2017
2017 RBS Six Nations Championship
Logo della competizione
Competizione Sei Nazioni
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 123ª
Organizzatore Six Nations Rugby Ltd
Date dal 4 febbraio 2017
al 18 marzo 2017
Luogo Francia, Galles, Inghilterra, Italia, Irlanda e Scozia
Partecipanti 6
Formula girone unico
Risultati
Vincitore Inghilterra Inghilterra
(38º titolo)
Calcutta Cup Inghilterra Inghilterra
Millennium Trophy Irlanda Irlanda
Centenary Quaich Scozia Scozia
Trofeo Garibaldi Francia Francia
Whitewash Italia Italia
Statistiche
Miglior marcatore Francia Camille Lopez (67)
Record mete 8 giocatori (3)
Incontri disputati 15
Pubblico 996 662
(66 444 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Sei Nazioni 2016 Sei Nazioni 2018 Right arrow.svg

Il Sei Nazioni 2017 (in inglese 2017 Six Nations Championship; in francese Tournoi des Six Nations 2017; in gallese Pencampwriaeth y Chwe Gwlad 2017) fu la 18ª edizione del torneo annuale di rugby a 15 tra le squadre nazionali di Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia e Scozia, nonché la 123ª in assoluto considerando anche le edizioni dell'Home Nations Championship e del Cinque Nazioni.

Noto per motivi di sponsorizzazione come 2017 RBS Six Nations Championship a seguito di accordo di partnership commerciale con la Royal Bank of Scotland[1], si tenne dal 4 febbraio al 18 marzo 2017. Fu anche l'ultima di 15 edizioni consecutive con tale sponsor, perché RBS annunciò che non avrebbe rinnovato il contratto di naming in scadenza al termine della stagione sportiva[1].

Si trattò della prima edizione in cui fu adottato il sistema di punteggio dell'Emisfero Sud, analogo a quella utilizzata nel Rugby Championship, per cui furono assegnati 4 punti per la vittoria, 2 per il pareggio, 0 per la sconfitta più un punto supplementare alla squadra che marchi 4 mete o più in un incontro e un ulteriore punto alla squadra che, pur sconfitta, perda con sette punti o meno di scarto; alla squadra che vinca tutte le partite (Grande Slam) il regolamento assegna tre punti extra e la vittoria matematica del torneo[2].

La vittoria finale andò all'Inghilterra campione uscente, che con tale affermazione, la sua trentottesima, si portò in testa al palmarès della competizione davanti al Galles fermo a trentasette.

Il valore delle marcature, come stabilito dall’IRFB nel 1992, era: 5 punti per ciascuna meta (7 se trasformata), 3 punti per la realizzazione di ciascun calcio piazzato, idem per il drop[3]. Al termine della stagione sportiva World Rugby (nome nel frattempo assunto dal 2014 dall'IRFB) deliberò l'automatica concessione di 7 punti alla meta tecnica senza più necessità di ricorrere al calcio di trasformazione[4].

AvvenimentiModifica

L'Inghilterra, campione uscente, si riconfermò, vincendo i primi quattro incontri e subendo la prima sconfitta nel torneo dal 2015 proprio all'ultima giornata, a primo posto ormai matematicamente acquisito nel turno precedente; se pure non incise sulle sorti del torneo, la sconfitta è rilevante perché, oltre a essere la prima subìta dagli inglesi con Eddie Jones in panchina, impedì loro di conseguire la loro diciannovesima vittoria consecutiva e proseguire una serie iniziata con il 60-3 inflitto all'Uruguay nella Coppa del Mondo 1995, ultima partita della gestione di Stuart Lancaster[5]; nonostante l'interruzione, tuttavia, rimase una serie-record a pari merito con analoga conseguita dalla Nuova Zelanda; a livello statistico è altresì rilevante il penultimo incontro del torneo, FranciaGalles allo Stade de France, durato 100 minuti perché il pallone rimase sempre in possesso francese dallo scadere del tempo fino alla marcatura, venti minuti più tardi, di Damien Chouly che diede la vittoria alla sua squadra[6]; oltre a trattarsi del tempo di recupero più lungo nella storia del Sei Nazioni[6] nonché uno dei più lunghi in assoluto[6], vi si vide addirittura un giocatore (il gallese Samson Lee) scontarvi per intero il sin bin di dieci minuti (dal primo all'undicesimo minuto oltre l'ottantesimo) e rientrare in campo e terminare la partita[6].

L'Italia, sconfitta nelle prime due partite interne da Galles e Irlanda, ebbe il suo momento di gloria a Twickenham quando, pur sconfitta dall'Inghilterra, costrinse la squadra isolana a ripetute indiscipline e polemiche con l'arbitro tanto da condurre il primo tempo 10-5[7]; gli inglesi, sorpresi dalla tattica italiana di non andare in ruck per non creare una linea di fuorigioco, chiedevano invano al direttore di gara la punizione ignari che invece il gioco fosse regolare[8][9]; l'Italia tenne fino a 10 minuti dalla fine quando il fisico dei britannici ebbe la meglio, ma la stampa d'Oltremanica elogiò la maturità tattica degli Azzurri[10]. Tuttavia la sconfitta per 0-29 contro la Scozia nell'ultima giornata rappresentò il peggior risultato contro gli avversari storici per il penultimo posto e significò il settimo whitewash nel torneo[11].

Nazionali partecipanti e sediModifica

Squadra Città Impianto interno
  Francia Saint-Denis Stade de France
  Galles Cardiff Millennium Stadium
  Inghilterra Londra Twickenham
  Irlanda Dublino Aviva Stadium
  Italia Roma Stadio Olimpico
  Scozia Edimburgo Murrayfield

RisultatiModifica

1ª giornataModifica

Edimburgo
4 febbraio 2017, ore 14:25 UTC+0
Scozia  27 – 22
referto
  IrlandaMurrayfield Stadium (67144 spett.)
Arbitro:   Romain Poite

Londra
4 febbraio 2017, ore 16:50 UTC+0
Inghilterra  19 – 16
referto
  FranciaTwickenham (81902 spett.)
Arbitro:   Angus Gardner

Roma
5 febbraio 2017, ore 15 UTC+1
Italia  7 – 33
referto
  GallesStadio Olimpico (40986 spett.)
Arbitro:   JP Doyle

2ª giornataModifica

Roma
11 febbraio 2017, ore 15:25 UTC+1
Italia  10 – 63
referto
  IrlandaStadio Olimpico (50197 spett.)
Arbitro:   Glen Jackson

Cardiff
11 febbraio 2017, ore 16:50 UTC+0
Galles  16 – 21
referto
  InghilterraMillennium Stadium (74500 spett.)
Arbitro:   Jérôme Garcès

Saint-Denis
12 febbraio 2017, ore 16 UTC+1
Francia  22 – 16
referto
  ScoziaStade de France (75 283 spett.)
Arbitro:   Jaco Peyper

3ª giornataModifica

Edimburgo
25 febbraio 2017, ore 14:25 UTC+0
Scozia  29 – 13
referto
  GallesMurrayfield Stadium (67144 spett.)
Arbitro:   John Lacey

Dublino
25 febbraio 2017, ore 16:50 UTC+0
Irlanda  19 – 9
referto
  FranciaAviva Stadium (51700 spett.)
Arbitro:   Nigel Owens

Londra
26 febbraio 2017, ore 15 UTC+0
Inghilterra  36 – 15
referto
  ItaliaTwickenham (81904 spett.)
Arbitro:   Romain Poite

4ª giornataModifica

Cardiff
10 marzo 2017, ore 20 UTC+0
Galles  22 – 9
referto
  IrlandaMillennium Stadium (74500 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Roma
11 marzo 2017, ore 14:30 UTC+1
Italia  18 – 40
referto
  FranciaStadio Olimpico (51770 spett.)
Arbitro:   Ben O'Keeffe

Londra
11 marzo 2017, ore 16 UTC+0
Inghilterra  61 – 21
referto
  ScoziaTwickenham (82100 spett.)
Arbitro:   Mathieu Raynal

5ª giornataModifica

Edimburgo
18 marzo 2017, ore 12:30 UTC+0
Scozia  29 – 0
referto
  ItaliaMurrayfield Stadium (67144 spett.)
Arbitro:   Pascal Gaüzère

Saint-Denis
18 marzo 2017, ore 15:45 UTC+1
Francia  20 – 18
referto
  GallesStade de France (78688 spett.)
Arbitro:   Wayne Barnes

Dublino
18 marzo 2017, ore 17 UTC+0
Irlanda  13 – 9
referto
  InghilterraAviva Stadium (51700 spett.)
Arbitro:   Jérôme Garcès

ClassificaModifica

Pos Squadra G V N P PF PS DP BMP Pt
1   Inghilterra 5 4 0 1 146 81 +65 3 19
2   Irlanda 5 3 0 2 126 77 +49 2 14
3   Francia 5 3 0 2 107 90 +17 2 14
4   Scozia 5 3 0 2 122 118 +4 2 14
5   Galles 5 2 0 3 102 86 +16 2 10
6   Italia 5 0 0 5 50 201 −151 0 0

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Paul Rees, Six Nations sets tight deadline after struggling to find new sponsor for 2018, in The Observer, 23 settembre 2017. URL consultato il 5 maggio 2018.
  2. ^ (EN) Paul Rees, Six Nations to trial bonus points in 2017 competition for first time, in The Guardian, 30 novembre 2016. URL consultato il 24 ottobre 2022.
  3. ^ (EN) Rugby Rules Changed for Faster Game, in The Canberra Times, 17 aprile 1992, p. 18. URL consultato il 15 dicembre 2021. Ospitato su Biblioteca nazionale australiana.
  4. ^ (EN) World Rugby announce sweeping rule changes to speed up the game, in Irish Independent, Dublino, 18 novembre 2016. URL consultato il 23 maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  5. ^ (EN) Tom Fordyce, Six Nations 2017: Ireland 13-9 England, in BBC, 18 marzo 2017. URL consultato il 2 marzo 2021.
  6. ^ a b c d (EN) Michael Aylwin, France stun Wales by snatching win amid 100th-minute madness, in The Observer, 18 marzo 2017. URL consultato il 23 aprile 2017.
  7. ^ Rugby, Sei Nazioni, sogno finito dopo un'ora. Inghilterra-Italia 36-15, in la Gazzetta dello Sport, 26 febbraio 2017. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  8. ^ Rugby, il regolamento: ruck non contestate. Niente fuorigioco, in la Gazzetta dello Sport, 26 febbraio 2017. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  9. ^ (EN) England 36 Italy 15: Azzurri ruck tactics baffle hosts as Eddie Jones's men avoid almighty scare at Twickenham, in The Daily Telegraph, 26 febbraio 2017. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  10. ^ (EN) Rick Broadbent, Forget Georgia, Italy deserve their place in the Six Nations, in The Times, 27 febbraio 2017. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  11. ^ Simone Battaggia, Rugby, Sei Nazioni: Scozia-Italia 29-0, azzurri a zero e disarmati, in la Gazzetta dello Sport, 18 marzo 2017. URL consultato il 23 aprile 2017.

Collegamenti esterniModifica


  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby