Suprema confessione

film del 1956 diretto da Sergio Corbucci
Suprema confessione
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Germania Ovest
Anno1956
Durata91 min
Generedrammatico, sentimentale
RegiaSergio Corbucci
SoggettoSergio Corbucci
SceneggiaturaSergio Corbucci, Luciano Lucignani, Gianni Puccini e Piero Vivarelli
Casa di produzioneGea Cinematografica, CCC Film Artur Brauner
Distribuzione in italianoVariety Film
FotografiaMarco Scarpelli e Luciano Trasatti
MusicheCarlo Innocenzi
ScenografiaElio Balletti
Interpreti e personaggi

Suprema confessione è un film del 1956 diretto da Sergio Corbucci.

TramaModifica

La moglie di un direttore d'orchestra dal passato burrascoso accetta di incontrare un ricattatore in un albergo. La donna rifiuta di concedersi all'uomo, che muore cercando di fuggire dalla polizia, sopraggiunta nel frattempo. Il marito però non ha più fiducia in lei. Una malattia del figlioletto riavvicinerà i due sposi.

ProduzioneModifica

Il film è ascrivibile al filone dei melodrammi sentimentali, comunemente detto strappalacrime, molto in voga tra il pubblico italiano negli anni del secondo dopoguerra (1945-1955), n seguito ribattezzato dalla critica con il termine neorealismo d'appendice.

DistribuzioneModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema