Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cipresso di Montezuma
El Sabinal, Salto de los Salado, Aguascalientes 01.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Cupressaceae
Sottofamiglia Taxodioideae
Genere Taxodium
Specie T. huegelii
Nomenclatura binomiale
Taxodium huegelii
C.Lawson
Sinonimi

Cuprespinnata mexicana
J. Nelson
Cupressepinnata mexicana
(Carrière) J.Nelson
Taxodium distichum var. mexicanum
(Carrière) Gordon
Taxodium distichum var. mucronatum
(Ten.) A.Henry
Taxodium mexicanum
Carrière
Taxodium montezumae
Decne.
Taxodium mucronatum
Ten.
Taxodium pinnatum
Carrière
Taxodium virens
Beissn.

Areale
Taxodium mucronatum range map.png

Il cipresso di Montezuma (Taxodium huegelii C.Lawson), noto anche come sabino o ahuehuete, è una conifera della famiglia Cupressaceae.[2]

DescrizioneModifica

È un grande albero sempreverde o semi-sempreverde che cresce fino a 40 m di altezza e con un tronco di 1-3 m di diametro (a volte molto di più, vedi sotto). Le foglie sono disposte a spirale ma ritorte alla base per essere disposte in due ranghi orizzontali, 1-2 cm di lunghezza e 1-2 mm di larghezza. I coni sono ovoidi, lunghi 1,5-2,5 cm e larghi 1-2 cm. A differenza del cipresso calvo e del cipresso da stagno, il cipresso di Montezuma produce raramente delle ginocchia di cipresso dalle radici[non chiaro].[3] Gli alberi degli altopiani messicani raggiungono una notevole robustezza.

Un esemplare, l'Árbol del Tule a Santa María del Tule, Oaxaca, in Messico, è l'albero più robusto del mondo con un diametro di 11,42 m.[4] Sono noti diversi altri esemplari di diametro 3-6 m.

Distribuzione e habitatModifica

Il cipresso di Montezuma è originario di gran parte del Messico, a sud degli altipiani del Messico meridionale.[3] Esistono due popolazioni disgiunte negli Stati Uniti . Uno si trova nella valle del Rio Grande, nel sud del Texas, mentre l'altro si trova nel sud del New Mexico, vicino a Las Cruces.[5][6] All'interno del Guatemala, l'albero è limitato al Dipartimento di Huehuetenango.[7]

Taxodium huegelii è in primo luogo un albero rivierasco , che cresce lungo le rive dei fiumi, ma può anche essere trovato accanto a sorgenti e paludi. Si verifica da 300 a 2.500 m, in Messico principalmente in altopiani a 1.600-2.300 m di altitudine. T. huegelii è una specie a rapida crescita e molto resistente alla siccità[8] e predilige i climi piovosi durante l'anno o almeno con le piogge estive.

UsiModifica

I cipressi di Montezuma sono stati utilizzati come alberi ornamentali fin dai tempi precolombiani. Gli Aztechi li piantarono lungo i sentieri processionali nei giardini di Chapultepec come alberi evocativi del potere reale.[9] Questi alberi furono utilizzati per delineare i canali della regione prima della conquista spagnola[4], e le isole artificiali chiamate chinampas si formavano nei laghi poco profondi della Valle del Messico aggiungendo terreno a aree rettangolari racchiuse da questi alberi.[3]

Gli ahuehuetes sono spesso coltivati ​​nei parchi e nei giardini messicani. Il legno viene utilizzato per realizzare travi e mobili di casa.[10]

Gli Aztechi usavano la sua resina per trattare la gotta, le ulcere, le malattie della pelle, le ferite e i mal di denti. Un decotto fatto dalla corteccia era usato come diuretico e un emmenagogo. La pece derivata dal legno era usata come cura per la bronchite. Le foglie fungevano da rilassante e potevano aiutare a ridurre il prurito.[11]

John Naka , un maestro di bonsai di fama mondiale, ha donato il suo primo bonsai, un cipresso di Montezuma, al National Bonsai e al Museo Penjing degli Stati Uniti.[senza fonte]

Un boschetto lineare si trova nel cortile principale del Getty Center Art Museum fiorente dal 1995.[12]

CulturaModifica

Il cipresso di Montezuma divenne l'albero nazionale del Messico nel 1910.[4]

L'albero è sacro per i popoli nativi del Messico ed è descritto nel mito della creazione zapoteca.[13]

Per gli Aztechi, l'ombra combinata di un àhuēhuētl e di un pōchôtl (Ceiba pentandra) rappresentava metaforicamente l'autorità di un sovrano.[senza fonte]

Secondo la leggenda, Hernán Cortés pianse sotto un ahuehuete a Popotla[14] dopo aver subito la sconfitta durante la Battaglia di La Noche Triste.[10]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Farjon, A. 2013, Taxodium mucronatum, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato il 28 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Taxodium huegelii, in The Plant List. URL consultato il 27 agosto 2019.
  3. ^ a b c (EN) Taxodium mucronatum, su The Gymnosperm Database. URL consultato il 12 ottobre 2009.
  4. ^ a b c (EN) Debreczy Z., Rácz I., El Arbol del Tule: The Ancient Giant of Oaxaca (PDF), in Arnoldia (Arnold Arboretum of Harvard University), vol. 57, nº 4, 1997–1998, pp. 3–11.
  5. ^ (EN) Melendrez M.M., Search for the Answer, su PLANTanswers.com. URL consultato il 9 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) Hilaire R.St., Propagation of Taxodium mucronatum (Montezuma Cypress), in HortScience, vol. 34, nº 3, 1999, pp. 459.
  7. ^ (EN) Veblen T.T., Guatemalan Conifers, in Unasylva (Food and Agriculture Organization), vol. 29, nº 118, 1977. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  8. ^ (EN) David Creech D., Zhou L., Yunlong Y., Eguiluz-Piedra T., Can Taxodium Be Improved? (PDF), in Arnoldia (Arnold Arboretum of Harvard University), vol. 69, nº 2, 2011, pp. 11–20.
  9. ^ (EN) Evans S.T., Botanical Progress, Horticultural Innovation and Cultural Changes, vol. 28, Dumbarton Oaks, 2007, pp. 90, ISBN 978-0-88402-327-2.
  10. ^ a b (EN) Felger R.S., Johnson M.B , Wilson M.F., The Trees of Sonora, Mexico, Oxford University Press, 2001, pp. 41, ISBN 978-0-19-512891-8.
  11. ^ (EN) Sullivan J., Taxodium mucronatum, in Fire Effects Information System, United States Forest Service, 1994. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  12. ^ (EN) Smaus R., A Gardener's Getty, su Los Angeles Times, 14 dicembre 1997.
  13. ^ (EN) Taxodium mucronatum Montezuma Bald Cypress, in Cal Poly Plant Conservatory, California Polytechnic State University. URL consultato il 14 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  14. ^ (EN) Geiger J.L., A Peep at Mexico: Narrative of a Journey Across the Republic from the Pacific to the Gulf in December 1873 and January 1874, Trübner and Co., 1874, p. 268.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica