The Goat (Polo G)

The Goat
ArtistaPolo G
Tipo albumStudio
Pubblicazione15 maggio 2020
Durata47:11
GenereHip hop[1]
Trap[1]
Conscious hip hop[1]
Gangsta rap[1]
EtichettaColumbia
Produttore1040 Beats, Callari, Charlie Handsome,D Mac, D Major, DJ Ayo, Felipe S., Hagan, Hit-Boy, Kdubb, Keanu Beats, Khaled Rohaim, Mike WiLL Made-It, MoneyEvery, Murda Beatz, Mustard, Nick Mira, NntySxS, Resource, Sool Got Hits, The Superiors, Tahj Money, Tay Keith, TnTXD, WayneOnABeat
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroCanada Canada[3]
(vendite: 40 000+)
Danimarca Danimarca[4]
(vendite: 10 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti[6]
(vendite: 1 000 000+)
Polo G - cronologia
Album precedente
(2019)
Album successivo
(2021)
Singoli
  1. Heartless
    Pubblicato: 23 settembre 2019
  2. Go Stupid
    Pubblicato: 14 febbraio 2020
  3. DND
    Pubblicato: 10 aprile 2020
  4. Wishing for a Hero
    Pubblicato: 3 giugno 2020
  5. Flex
    Pubblicato: 5 giugno 2020
  6. Martin & Gina
    Pubblicato: 13 agosto 2020
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4/5 stelle[7]
Consequence B+[8]
Earmilk 8/10[9]
HipHopDX 4.1/5[10]
Pitchfork 7.7/10[10]
RapReviews 7.5/10[11]

The Goat (reso graficamente THE GOAT) è il secondo album in studio del rapper statunitense Polo G, pubblicato il 15 maggio 2020 su etichetta discografica Columbia Records.[12][13]

DescrizioneModifica

The G.O.A.T. è un acronimo che in inglese significa "greatest of all time" ("il migliore di tutti i tempi") e viene attribuito a grandi nel loro ambito come Michael Jordan e Lionel Messi, ma goat in inglese può indicare anche il segno del capricorno, al quale Polo G appartiene insieme a grandi nel loro ambito come LeBron James e Tiger Woods. Il rapper, alla domanda cosa intendesse per goat, ha affermato che non si autodefinirebbe mai il migliore di sempre, perché porta troppo rispetto per chi è venuto prima di lui.[14]

PromozioneModifica

La data di rilascio dell'album, insieme alla copertina, è stata annunciata il 5 maggio 2020 attraverso il profilo Instagram di Polo G.[15]

CopertinaModifica

Nella copertina si può vedere la sua immagine con gli occhiali da sole e un paio di corni da capretta: Sullo sfondo, invece, si possono notare due immagini del rapper con suo figlio di tre anni Tremani.

Successo commercialeModifica

The Goat ha debuttato alla seconda posizione della Billboard 200 statunitense, con 99.000 vendite nella prima settimana[16]. Divenne l'album ad avere raggiunto la posizione pià alta di Polo G e la suo seconda volta nella top dieci degli Stati Uniti. L'album ha anche accumulato un totale di 129,4 milioni di stream su richiesta delle canzoni del set. Nella sua seconda settimana, l'album è sceso alla quinta posizione della classifica, vendendo altre 52.000 unità[16]. Nella sua terza settimana, l'album è sceso alla settima posizione della classifica, vendendo 40.000 unità in più[16]. Il 28 luglio 2020, l'album è stato certificato oro dalla RIAA per vendite combinate e unità equivalenti all'album di oltre 500.000 unità negli Stati Uniti[17]. Il 10 dicembre 2020, l'album è stato certificato platino negli Stati Uniti, dopo avere venduto oltre un milione di copie[17]. Inoltre, l'album è stato certificato oro in Canada[18] e in Danimarca[19] e argento nel Regno Unito[20].

TracceModifica

  1. Don't Believe the Hype – 2:55 (testo: Taurus Bartlett, Joseph Steele, Angelo Callari, Darrin Barthellemy – musica: 1040 Beats, Callari, D Major)
  2. Heartless (feat. Mustard) – 3:24 (testo: Bartlett, Dijon McFarlane, Shah Rukh Zaman Khan – musica: Mustard, GYLTTRYP)
  3. Martin & Gina – 2:13 (testo: Bartlett, Hagan Lange, Kyre Trask, Tahj Vaughn – musica: Hagan, Kdubb, Tahj Money)
  4. Flex (feat. Juice Wrld) – 2:44 (testo: Bartlett, Jarad Higgins, Chauncey Holls, Dustin Corbett – musica: Hit-Boy, Corbett)
  5. Go Stupid (con Stunna 4 Vegas e NLE Choppa feat. Mike Will Made It) – 2:46 (testo: Bartlett, Khalick Caldwell, Bryson Potts, Michael Williams II, Brytavious Chambers – musica: Mike WiLL Made-It, Tay Keith)
  6. 21 – 2:44 (testo: Bartlett, Keanu Dean Torres, Khaled Rohaim – musica: Keanu Beats, Khaled Rohaim)
  7. 33 – 2:50 (testo: Bartlett, Jahmere Tylon – musica: DJ Ayo, Minor2Go)
  8. I Know – 2:57 (testo: Bartlett, D Mac, Thomas Horton, Vaughn – musica: D Mac, TnTXD, Tahj Money)
  9. Beatiful Pain (Losin My Mind) – 2:51 (testo: Bartlett, Ryan Vojtesak, Shane Lindstrom – musica: Charlie Handsome, Murda Beatz)
  10. No Matter What – 3:19 (testo: Bartlett, Nick Mira – musica: Nick Mira)
  11. Be Something (feat. Lil Baby) – 3:14 (testo: Bartlett, Dominique Jones, Braylin Bowman – musica: Resource)
  12. Relentless – 3:20 (testo: Bartlett, Felipe S., Rasool Diaz – musica: Felipe S., Sool Got Hits)
  13. DND – 3:00 (testo: Bartlett, Dewayne Kennemer – musica: WayneOnABeat)
  14. Chinatown – 2:53 (testo: Bartlett, Tylon, Anthony Catchings-Currie – musica: DJ Ayo, NntySix)
  15. Trials & Tribulations – 2:57 (testo: Bartlett, D Mac, Ryan O'Neil, Vaughn – musica: D Mac, MoneyEvery, Tahj Money)
  16. Wishing for a Hero (feat. BJ the Chicago Kid) – 3:04 (testo: Bartlett, Bryan Sledge, Sidney Reynolds, Javon Reynolds, Jeff Gitty, Priority Beats, Tupac Shakur, Deon Evans, Bruce Hornsby – musica: The Superiors, Priority Beats, Jeff Gitty)

FormazioneModifica

MusicistiModifica

ProduzioneModifica

  • 1040 Beats – produzione, testi (traccia 1)
  • Callari – produzione, testi (traccia 1)
  • D Major – produzione, testi (traccia 1)
  • Eric Lagg – mastering (tracce 1, 3, 4, 6, 7, 9-16)
  • Raymond Scott – registrazione (traccia 1)
  • Mustard – produzione, testi, missaggio (traccia 2)
  • GYLTTRYP – co-produzione, testi (traccia 2)
  • Joe Grasso – mastering (traccia 2)
  • David Pizzimenti – missaggio, registrazione (traccia 2)
  • Hagan – produzione, testi (traccia 3)
  • Kdubb – produzione, testi (traccia 3)
  • Tahj Money – produzione, testi (tracce 3, 8)
  • Roach – registrazione (traccia 3)
  • Todd Hurt – registrazione (tracce 3, 5, 6, 8-13, 15)
  • Hit-Boy – produzione, testi, registrazione (traccia 4)
  • Corbett – co-produzione, testi (traccia 4)
  • Chris Madine – co-produzione, testi (traccia 4)
  • David Kim – missaggio (traccia 4)
  • Max Lord – registrazione (traccia 4)
  • Mike Will Made It – produzione, testi (traccia 5)
  • Tay Keith – produzione, testi (traccia 5)
  • DJ Riggins – assistente ingegnere (tracce 5, 7)
  • Jacob Richards – assistente ingegnere (tracce 5, 8)
  • Mike Seaberg – assistente ingegnere (tracce 5, 8)
  • Colin Leonard – mastering (traccia 5)
  • Jaycen Joshua – missaggio (tracce 5, 8), mastering (traccia 8)
  • Keanu Beats – produzione, testi (traccia 6)
  • Khaled Rohaim – produzione, testi (traccia 6)
  • DJ Ayo – produzione, testi, registrazione (tracce 7, 14)
  • D Mac – produzione, testi (tracce 8, 15)
  • TNTXD – produzione, testi (traccia 8)
  • Charlie Handsome – produzione, testi (traccia 9)
  • Murda Beatz – produzione, testi (traccia 9)
  • Nick Mira – produzione, testi (traccia 10)
  • Resource – produzione, testi (traccia 11)
  • Felipe S. – produzione, testi (traccia 12)
  • Sool Got Hits – produzione, testi (traccia 12)
  • Pru – registrazione (traccia 12)
  • WayneOnABeat – produzione, testi (traccia 13)
  • Nntysix – produzione, testi (traccia 14)
  • Anthony Catchings-Currie – testi (traccia 14)
  • Moneyevery – produzione, testi (traccia 15)
  • Joey G – registrazione (traccia 15)
  • The Superiors – produzione, testi, missaggio (traccia 16)
  • Jeff Gitty – co-produzione, arrangiamento, testi (traccia 16)
  • Priority Beats – co-produzione, testi (traccia 16)

ClassificheModifica

Classifiche di fine annoModifica

Classifica (2020) Posizione
Australia[39] 99
Belgio (Fiandre)[40] 127
Danimarca[41] 64
Paesi Bassi[42] 75
Stati Uniti[43] 43

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) The GOAT by Polo G, su Rate Your Music. URL consultato l'8 aprile 2021.
  2. ^ (EN) The Goat, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) The Goat – Gold/Platinum, su musiccanada.com, Music Canada. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  4. ^ (DA) The Goat, su ifpi.dk, IFPI Danmark. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) Official Top 40 Albums - 26 April 2021, su nztop40.co.nz, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 24 aprile 2021.
  6. ^ (EN) Polo G - The Goat – Gold & Platinum, su riaa.com, Recording Industry Association of America. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  7. ^ https://www.allmusic.com/album/the-goat-mw0003385821?cmpredirect
  8. ^ https://consequenceofsound.net/2020/05/album-review-polo-g-the-goat/
  9. ^ https://earmilk.com/album-reviews/677933/polo-g/the-goat/
  10. ^ a b https://hiphopdx.com/reviews/id.3686/title.review-polo-g-inches-towards-his-claims-with-the-goat-album
  11. ^ https://www.rapreviews.com/2020/08/polo-g-the-goat/
  12. ^ (EN) First Beat: New Music by Polo G, Tory Lanez, Trippie Redd and More, su Billboard. URL consultato il 3 giugno 2021.
  13. ^ Andrea Cocchi·Recensioni·30/05/2020·4 min lettura, Nuovo album per Polo G: The GOAT è la sua conferma - Recensione, su Rapologia.it, 30 maggio 2020. URL consultato il 3 giugno 2021.
  14. ^ (EN) Evan F. Moore, Chicago’s Polo G strives for versatility in upcoming album ‘The Goat’, su Chicago Sun-Times, 13 maggio 2020. URL consultato il 22 marzo 2021.
  15. ^ Polo.G🐐 su Instragram: "5/15...Click the link in my bio For presale", su Instagram. URL consultato il 3 giugno 2021.
  16. ^ a b c (EN) Future Flies ‘High’ With Seventh No. 1 Album on Billboard 200 Chart, su Billboard. URL consultato il 22 marzo 2021.
  17. ^ a b (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 22 marzo 2021.
  18. ^ (EN) Gold/Platinum, su Music Canada. URL consultato il 22 marzo 2021.
  19. ^ Polo G "THE GOAT" | IFPI, su ifpi.dk. URL consultato il 22 marzo 2021.
  20. ^ Polo G "THE GOAT", su bpi.co.uk.
  21. ^ australian-charts.com - Polo G - The Goat, su australian-charts.com. URL consultato il 3 giugno 2021.
  22. ^ Steffen Hung, Polo G - The Goat, su austriancharts.at. URL consultato il 3 giugno 2021.
  23. ^ Polo G - The Goat, su Ultratop. URL consultato il 3 giugno 2021.
  24. ^ Polo G Chart History (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato il 3 giugno 2021.
  25. ^ danishcharts.com - Polo G - The Goat, su danishcharts.dk. URL consultato il 3 giugno 2021.
  26. ^ (FI) Suomen Virallinen Lista, su Musiikkituottajat. URL consultato il 3 giugno 2021.
  27. ^ lescharts.com - Polo G - The Goat, su lescharts.com. URL consultato il 3 giugno 2021.
  28. ^ Offizielle Deutsche Charts - Offizielle Deutsche Charts, su Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 3 giugno 2021.
  29. ^ Official Irish Albums Chart Top 50 (Week of May 22, 2020), su Official Charts Company. URL consultato il 3 giugno 2021.
  30. ^ italiancharts.com - Polo G - The Goat, su italiancharts.com. URL consultato il 3 giugno 2021.
  31. ^ (LT) 2020 21-os savaitės klausomiausi (TOP 100), su AGATA. URL consultato il 3 giugno 2021.
  32. ^ charts.org.nz - Polo G - The Goat, su charts.nz. URL consultato il 3 giugno 2021.
  33. ^ norwegiancharts.com - Polo G - The Goat, su norwegiancharts.com. URL consultato il 3 giugno 2021.
  34. ^ Steffen Hung, Polo G - The Goat, su Dutch Charts. URL consultato il 3 giugno 2021.
  35. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100 (Week of May 22, 2020), su Official Charts Company. URL consultato il 3 giugno 2021.
  36. ^ Polo G Chart History (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 3 giugno 2021.
  37. ^ swedishcharts.com - Polo G - The Goat, su swedishcharts.com. URL consultato il 3 giugno 2021.
  38. ^ Polo G - The Goat, su Swiss Charts. URL consultato il 3 giugno 2021.
  39. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums Chart, su ARIA Charts. URL consultato il 3 giugno 2021.
  40. ^ ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su Ultratop. URL consultato il 3 giugno 2021.
  41. ^ Hitlisten.NU, su Hitlisten. URL consultato il 3 giugno 2021.
  42. ^ Steffen Hung, Dutch Charts - dutchcharts.nl, su Dutch Charts. URL consultato il 3 giugno 2021.
  43. ^ Billboard 200 Albums - Year-End, su Billboard. URL consultato il 3 giugno 2021.

Collegamenti esterniModifica