Tyrrell 025

Tyrrell 025
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Tyrrell
Categoria Formula 1
Squadra PIAA Tyrrell
Progettata da Harvey Postlethwaite
Mike Gascoyne
Sostituisce Tyrrell 024
Sostituita da Tyrrell 026
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio a nido d'ape
Motore Ford ED4 & ED5 75° V8
Trasmissione Tyrrell a 6 rapporti longitudinale semi-automatico
Dimensioni e pesi
Passo 2990 mm
Altro
Carburante ELF Aquitaine
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 1997
Piloti 18. Jos Verstappen
19. Mika Salo
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
17 0 0 0

La Tyrrell 025 fu la vettura della scuderia Tyrrell che corse nel campionato di Formula 1 nel 1997. La vettura era guidata da Mika Salo e Jos Verstappen.

Caratteristiche tecnicheModifica

Progettata da Harvey Postlethwaite e Mike Gascoyne, la 025 era costruita sul modello della 024,[1] con alcune piccole differenze legate soprattutto all'aerodinamica. La vettura presentava infatti un alettone anteriore totalmente diverso da tutte le altre rivali, con una parte centrale compatta unita direttamente al resto dell'auto,[1] e alcuni profili alari presenti nei pressi dell'abitacolo.[1] La vettura montava inoltre motore Cosworth, più affidabile rispetto al Yamaha, ma inferiore in termini di prestazioni.

La stagioneModifica

La monoposto nel complesso si rivelò meno performante della sua antenata e in più occasioni fu più lenta anche della Minardi; ancora una volta gli unici risultati del team vennero conquistati da Salo, che questa volta riuscì ad andare a punti solamente a Montecarlo dove giunse 5°, portando gli ultimi 2 punti alla gloriosa scuderia. A fine stagione Ken Tyrrell vendette la squadra al gruppo British American Racing, che sarebbe entrato in Formula 1 due anni dopo.

Risultati completiModifica

Anno Vettura Motore Gomme Piloti                                   Punti Pos.
1997 025 Ford ED4 3.0 V8 G  Verstappen Rit 15 Rit 10 8 11 Rit Rit Rit 10 Rit Rit Rit 12 Rit 13 16 2 10º
 Salo Rit 13 8 9 5 Rit Rit Rit Rit Rit 13 11 Rit Rit 10 Rit 12

NoteModifica

  1. ^ a b c Giorgio Piola, Formula 1 '97. Analisi tecnica, in Piviemme, 1998, pag.97.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1