York

città dell'Inghilterra
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi York (disambigua).
City of York
City e autorità unitaria
City of York – Stemma City of York – Bandiera
City of York – Veduta
Veduta areale del centro cittadino di York nel febbraio del 2015
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
RegioneYorkshire e Humber
ConteaUnofficial county flag of North Yorkshire.png North Yorkshire
Amministrazione
EsecutivoPartito Conservatore
Territorio
Coordinate53°57′N 1°05′W / 53.95°N 1.083333°W53.95; -1.083333 (City of York)Coordinate: 53°57′N 1°05′W / 53.95°N 1.083333°W53.95; -1.083333 (City of York)
Superficie271,94 km²
Abitanti186 800
Densità686,92 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleYO (YORK)
Prefisso01904
Fuso orarioUTC+0
ISO 3166-2GB-YOR
Codice ONS00CJ
Nome abitantieboracensi[1]
Rappresentanza parlamentareHugh Bayley, John Greenway, John Grogan, Anne McIntosh
Cartografia
City of York – Localizzazione
Sito istituzionale

York (AFI: /ˈjɔrk/[2]; in inglese [ˈjɔːk]) è una città nella contea del North Yorkshire, Inghilterra, Regno Unito, celebre per la sua cattedrale. È un'autorità unitaria con status di city.

Situata alla confluenza dei fiumi Ouse e Foss, essa presta il nome alla contea storica dello Yorkshire, della quale è considerata, sotto molti aspetti, la capitale tradizionale.

La città offre diverse attrazioni storiche e turistiche di cui certamente la York Minster ed il Castello di York sono le principali, oltre ad una serie di attività collaterali che la rendono una meta ambita.

La città venne fondata dai romani col nome di Eboracum nel 71 d.C. e divenne la capitale della provincia romana della Britannia Inferior, e poi dei regni di Northumbria e Jórvík. Nel medioevo, York crebbe come grande centro commercial e divenne la capitale della provincia ecclesiastica settentrionale della Chiesa d'Inghilterra, ruolo che mantiene tutt'oggi.[senza fonte]

Nel XIX secolo, York divenne un noto scambio ferroviario nonché un centro confetturiero. Negli ultimi decenni, l'economia di York è stata ancora più condizionata dalla presenza di una vasta rete ferroviaria che le fa capo. L'Università di York è il perno dell'istruzione locale.

Dal 1996 il termine 'City of York' indica un distretto del governo locale che si estende anche al di fuori degli originali confini della città. Nel 2011 gli abitanti erano 153.717,[3] mentre nel 2010 l'intera City contava una popolazione totale di 202.400 abitanti.[senza fonte]

Indice

GeografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Aree della città di York.

TerritorioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ponti di York.

La città si trova a 21 miglia (34 km) da Leeds.

York si trova nella Valle di York, una zona pianeggiante di terra fertile coltivabile che confina con i Monti Pennini, le North York Moors e le Yorkshire Wolds.

All'epoca dei Romani, la città fu costruita alla confluenza dei fiumi Ouse e Foss su una morena dell'ultima era glaciale.[4] La città è stata per anni minacciata dalle inondazioni del fiume Ouse sino al 2015 quando sono stati realizzati dei grandi lavori di potenziamento degli argini del fiume per evitare straripamenti improvvisi. La città era infatti reduce dalla terribile inondazione del novembre del 2000 quando, nella peggio inondazione degli ultimi 375 anni, più di 300 case vennero danneggiate dall'acqua del fiume.[5] Nel dicembre del 2015 una nuova inondazione causò ancora più danni della precedente.[6] L'estremo impatto di questa sciagura portò sul posto addirittura l'allora primo ministro David Cameron.[7] Per questo motivo il consiglio comunale della città ha votato per la realizzazione di costose opere murarie in grado di arginare questa problematica, bloccando e convogliando altrove queste acque in caso di emergenza.

ClimaModifica

Mese Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Anno
Temperatura max. media (°C) 6.9 7.5 10.0 12.6 16.0 18.8 21.2 20.8 18.0 13.9 9.7 6.9 13.6
Temperatura min. media (°C) 0.8 0.9 2.4 3.9 6.7 9.7 11.8 11.6 9.5 6.6 3.3 0.9 5.7
Piogge (mm) 52.7 39.9 44.9 50.1 43.8 58.0 53.2 62.4 46.9 57.7 57.8 55.8 -

York ha un clima temperato con quattro stagioni tra loro distinte. Come nel resto della Valle di York il clima cittadino è più secco e caldo del resto della regione dello Yorkshire per la più bassa altitudine della collocazione della città di York che le propone gelate, nebbia e freddo durante gli inverni, ma una primavera ed un'estate molto anticipate per l'area.[8] La neve solitamente si concentra nel periodo invernale da dicembre sino ad aprile, ma spesso si presenta mista ad acqua. Da maggio a luglio, York ha molte giornate soleggiate con quasi sei ore al giorno di sole costante.[9] Le temperature più estreme sono state registrate tra il 1998 ed il 2010 dall'Università di York con un picco massimo di 34,5 °C (17 luglio 2006) ed un picco minimo -16,3 °C (6 dicembre 2010). La pioggia massima registrata in un sol giorno è stata di 88,4 mm.[10]

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di York.
 
Shambles, York

Epoca romanaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Eboracum.

Fu fondata dal governatore romano di Britannia, Quinto Petilio Ceriale, intorno al 71 con il nome di Eboracum o Eburacum (successivamente evolutosi nell'anglosassone Eofor-wic, poi nel Germanico del nord Jorvìc e infine nella forma attuale inglese York, questo nome contiene quindi tutta la storia della Gran Bretagna post-celtica), allo scopo di avere uno stabile caposaldo che permettesse di non interrompere i rifornimenti delle legioni che allora avanzavano verso nord per incorporare i territori dei Briganti e dovevano consolidare la conquista dell'isola, iniziata sotto l'imperatore Claudio. Ben presto la città acquistò un'importanza non solo militare, e la sua posizione strategica fu sfruttata anche per motivi commerciali, causando un rapido aumento della popolazione stanziata. Con il ritiro delle legioni dalla Britannia a partire dagli inizi del V secolo, York si trovò alla mercé delle scorrerie che il Vallo di Adriano non poteva più trattenere.

Epoca medioevaleModifica

Con la fine del periodo romano la città fu abbandonata e distrutta dai Sassoni. Dal mare vennero poi in successione gli Juti e gli Angli che fondarono, intorno al 500, il regno di Northumbria che si tenne indipendente dalla parte dell'isola conquistata dagli stessi Sassoni stanziazi nel sud. Nel 627 il suo sovrano Edwin si convertì al Cristianesimo e fu battezzato il giorno di Pasqua.

Arcidiocesi di YorkModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Antica arcidiocesi di York.

Intorno ai primi del 700 la città divenne sede di un arcivescovado, uno degli unici due presenti sull'isola.[11] In questo periodo, grazie agli sforzi degli arcivescovi locali, York fu sede di un importante centro di studi, del quale Alcuino fu il rappresentante più notevole. Fu quindi conquistata dai Vichinghi intorno all'anno 866, che la elessero capitale del regno di Jorvik. In seguito alla Conquista normanna dell'Inghilterra, York parve leggermente decadere.

Gli YorkModifica

Una rifioritura della città si ebbe solo a partire dal XII secolo, quando essa era già possesso della corona, e tale benessere continuerà per tutta l'epoca medievale. Anzi, il casato di York, con il duca Riccardo arriverà addirittura a disputare la corona d'Inghilterra al casato dei Lancaster in quella che è conosciuta come la Guerra delle Due Rose (1455-1485).

Età modernaModifica

 
Il Minster visto dal viale della stazione lungo le mura romane

« mak all t'railways cum to York »

(George Hudson[12])

La caduta della dinastia degli York coinciderà con un periodo di decadenza per la stessa città che vedrà contrarre la propria importanza politica ed economica fino alla metà del Seicento quando, terminata l'esperienza repubblicana seguita alla Rivoluzione inglese di Oliver Cromwell, York sarà di nuovo favorita dai regnanti inglesi, grazie anche alla fedeltà dimostrata alla corona durante il breve periodo repubblicano terminato nel 1658. Intorno alla fine del XVII secolo, York diventerà la terza città del regno dopo Londra e Norwich.

Età contemporaneaModifica

I secoli successivi fino alla rivoluzione industriale del XIX secolo saranno caratterizzati da profonde trasformazioni urbanistiche della città che vedrà nascere numerosi edifici industriali al posto dei quartieri medievali. Tuttavia, nei tempi moderni e fino ad oggi, York sarà sempre più reputata per la sua importanza storica e culturale che per quella economica in senso stretto, cosa che ha consentito di salvare una parte del centro storico medievale.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese parrocchiali medievali di York.
 
La Clifford's Tower, parte dell'antico castello di York

La Cattedrale di York è la più grande cattedrale gotica del nord Europa e domina l'intera città di York.[13]

Il Castello di York, complesso di edifici che vanno dalla Torre medievale di Clifford fino all'ingresso del XX secolo del York Castle Museum (una ex prigione), è oggi perlopiù scomparso ma conserva antiche vestigia del passato della città, in particolare della fiorente età medievale.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Popolazione di York nel 2010
Stime sulla popolazione del Regno Unito[senza fonte] York Yorkshire e Humber Inghilterra
Popolazione totale 202.400 5.301.300 52.234.000
Bianchi 92,8% 89,6% 87,5%
Meticci 1,3% 1,5% 1,9%
Asiatici 3,4% 6,2% 6,0%
Neri 1,2% 1,5% 2,9%
Cinesi o altri 1,4% 1,3% 1,6%

L'area urbana di York, nel 2001, aveva una popolazione di 137.505 abitanti, 66.142 maschi e 71.363 femmine . La popolazione dell'area urbana è aumentata fino a 153.717 nel censimento del Regno Unito 2011.

Anche nel censimento del Regno Unito del 2001, la città di York aveva una popolazione totale di 181.094 di cui 93.957 erano donne e 87.137 erano maschi. Delle 76.920 famiglie a York, 36.0% erano coppia di sposi conviventi, 31.3% erano single, 8,7% erano coppie conviventi e 8,0% erano genitori senza figli.

La tabella di seguito riportata la variazione di popolazione dal 1801.

Crescita demografica della città di York dal 1801 al 2011
Anno 1801 1811 1821 1831 1841 1851 1861 1871 1881 1891 1901 1911 1921 1931 1941 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011
Popolazione 24,080 27,486 30,913 36,340 40,337 49,899 58,632 67,364 76,097 81,802 90,665 100,487 106,278 112,402 123,227 135,093 144,585 154,749 158,170 172,847 181,131 202,400
fonte: Vision of Britain[14]

ReligioneModifica

Religioni a York (2011)
Cristianesimo (anglicani, cattolici e ortodossi)
  
59,5%
Ateismo
  
30,1%
Islam
  
1,0%
Buddismo
  
0,5%
Induismo
  
0,5%
Ebraismo
  
0,1%
Sikh
  
0,1%
Altre religioni
  
0,4%
Non credenti
  
0,4%
 
La navata principale della York Minster.
 Lo stesso argomento in dettaglio: Religione a York.

Il cristianesimo è la religione più diffusa a York, con il 59.5% dei residenti dichiaratisi tale nel 2011. Segue poi la percentuale di atei e poi le altre principali religioni diffuse sulle isole britanniche in linea con le percentuali nazionali, ma con un certo piccolo di persone definitesi "non credenti".

Vi sono 33 chiese anglicane attive a York, la cui sede principale è costituita dalla chiesa madre che dove si trova l'arcivescovo di York, la York Minster, che è anche sede amministrativa della provincia settentrionale della chiesa d'Inghilterra e della Diocesi anglicana di York.[15] York is in the Roman Catholic Diocese of Middlesbrough, has eight Roman Catholic churches and a number of different Catholic religious orders.[16]

La città di York ospita anche una moschea e dispone di un proprio centro di cultura islamica locale.[17] Sono presenti anche diversi centri buddisti.[18]

EconomiaModifica

 
Lo Yorkshire Museum di sede in città che è uno dei centri maggiori per l'economia del turismo per York

L'economia di York è basata essenzialmente sul settore terziario, che nel 2000 era responsabile dell'88.7% degli impieghi in città.[19] Le industrie di questa categoria comprendono industrie nel campo della sanità, dell'educazione, della finanza, della tecnologia dell'informazione e del turismo che da solo occupa il 10.7% dei lavoratori della città. Il turismo nel tempo è divenuto un elemento sempre più importante dell'economia cittadina dal momento che la città offre moltissime iniziative culturali e attrazioni storiche, tra cui la più importante è certamente la York Minster. Destinazione di vacanze, York è la 6ª città più visitata dell'Inghilterra da turisti inglesi[20] e la 13^ più visitata da turisti stranieri.[21]

I disoccupati di York sono attestati al 4.2% nel 2008 rispetto al Regno Unito che conta una percentuale nazionale del 5.3%.[19] Il solo comune di York ha 7500 impiegati. Più di 2000 persone sono impiegate tra Aviva (ex Norwich Union Life), Network Rail, Northern, York Hospitals NHS Trust e Università di York. Altri centri di occupazione sono la British Telecom, CPP Group, Nestlé, NFU Mutual e la compagnia ferroviaria.[22][23]

 
St Helen's Square, tra le principali piazze commerciali della città di York.

A metà degli anni '50 la prosperità cittadina era basata sull'ndustria del cioccolato e sulle ferrovie locali. Questa posizione è proseguita sino agli anni '80 del Novecento.[24] Gran parte delle industrie dipendenti dalle ferrovie (anche la Asea Brown Boveri o ABB al tempo della chiusura) hanno abbandonato le loro originarie postazioni.[24][25] York è il quartier general della Nestlé York (già Nestlé Rowntrees) e sede della KitKat e della Yorkie. La fabbrica di cioccolato Terry's, produttrice della famosa Chocolate Orange, aveva sede in città ma chiuse il 30 settembre 2005, quando la produzione venne trasferita, su indicazioni della Kraft Foods che nel frattempo ne era divenuta proprietaria, in Polonia.

 
L'Aviva Building – York è sede degli uffici di una delle principali compagnie operanti in città.

Il sito, dopo la chiusura delle industrie dipendenti dalle ferrovie, ha iniziato a sviluppare diversi uffici. L'economia di York si è sviluppata nelle aree delle scienze, della tecnologia e delle industrie creative. La città è stata dichiarata infatti Città Nazionale delle Scienze con la creazione di un parco scientifico presso la sede dell'università di York.[26]

Servizi pubbliciModifica

 
La Biblioteca Centrale di York nel centro cittadino

Le prime forze di sicurezza cittadine vennero approvate a York tramite il Municipal Corporations Act 1835.[27] Il 1 giugno 1968 tali forze vennero amalgamate a quelle dell'East Riding of Yorkshire e del North Riding of Yorkshire a formare la York and North East Yorkshire Police.[28] La città dispone di una sede locale dei vigili del fuoco nel quartiere di Northallerton.[29]

 
Lo York Hospital è la principale struttura medica cittadina.

Il primo ospedale della città, lo York County Hospital, aprì le porte nel 1740 nel quartiere di Monkgate[30] fondato con una sottoscrizione pubblica. Venne chiuso nel 1976 quando venne rimpiazzato dall'attuale York Hospital, che nell'aprile del 2007 ha ottenuto lo status di fondazione. Esso è in grado di ospitare 524 pazienti oltre a disporre di 127 letti speciali.[31]

La Yorkshire Ambulance Service NHS Trust è stata costituita il 1 luglio 2006 unendo la South Yorkshire Ambulance Service, la West Yorkshire Metropolitan Ambulance Service e la North and East Yorkshire parts of Tees, East and North Yorkshire Ambulance Service per provvedere al trasporto ospedaliero dei pazienti.[32] Vi sono inoltre diverse cliniche private.

Nel 1794 la città aprì la propria prima biblioteca pubblica.[33] Nel 1893 venne costruita la nuova sede della York Library in occasione del giubileo della Regina Vittoria. La biblioteca si trovava su Clifford Street ma venne rimpiazzata da una nuova struttura più adatta alle nuove esigenze eretta a Museum Street nel 1927 dove ancora oggi la biblioteca è ospitata.[34]

TurismoModifica

La città di York, in virtù delle sue antiche origini e dell'importante ruolo rivestito in passato, offre numerose attrazioni turistiche.

  • (The) Shambles: antica strada medioevale risalente al XIV secolo con tipiche case a graticcio. Il nome deriva dai macellai che, in passato, caratterizzavano la via, il termine shambles indica le macellerie all'aperto. Scomparsi i macellai, lungo la via si possono trovare molte botteghe di artigianato e negozi per i turisti;
  • Castello di York

AmministrazioneModifica

Costituenti parlamentariModifica

Dal 1997 al 2010 la parte centrale del distretto era compresa nella costituente Città di York, mentre il resto del territorio era diviso tra le costituenti di Ryedale, Selby, e Valle di York.[35]

A seguito delle revisioni delle circoscrizioni elettorali nel North Yorkshire, la Boundary Commission for England raccomandò la creazione di due seggi per la Città di York, in tempo per le elezioni governative del 2010. Queste sono le attuali York Central, che comprende l'area urbana di York, e l'area circostante denominata York Outer.[36]

La città e l'intera usa area fa parte della circoscrizione elettorale dello Yorkshire and the Humber del Parlamento Europeo.[37]

Governo localeModifica

 
La Guildhall dove i membri del Consiglio comunale cittadino di York si riuniscono.

York è una contea tradizionale dello Yorkshire. Il suo sindaco gode dello status di Lord Mayor dal 1370. York è un antico borough, e venne riformato sulla base del Municipal Corporations Act 1835 a costituire un municipal borough. Ottenne lo status di county borough nel 1889, sulla base del Local Government Act 1888, che tale rimase sino al 1974, quando sulla base del Local Government Act 1972, divenne un non-metropolitan district della contea del North Yorkshire, mantenendo comunque un proprio Lord Mayor, un proprio sceriffo.[38][39]

Come risultato della riforma del governo locale del 1990, York riotenne il proprio status unitario oltre ad una revisione dei propri confini, acquisendo parte del territorio dei distretti di Selby e Harrogate, e più della metà della popolazione del distretto di Ryedale.[40]

 
La Mansion House è la residenza del Lord Mayor di York

La città dispone di un consiglio con 47 consiglieri.[41][42] Come risultato delle elezioni locali del 2015 i seggi dei Laburisti si sono ridotti a 15, mentre i Liberal Democratici dispongono di 12 seggi. I conservatori hanno 14 seggi mentre i Verdi ne hanno 4; gli Indipendenti godono di 2 seggi.[43][44][45]

Partito Seggi
Laburisti 15
Conservatori 14
Liberal Democratici 12
Verdi 4
Indipendenti 2

Località e parrocchieModifica

Le località del distretto includono, oltre al capoluogo:

Le parrocchie, che non coprono il centro della città, sono:

Governo cerimonialeModifica

York è parte di una giurisdizione territoriale onorifica costituita dal ducato di York che è presieduto dal principe Andrea del Regno Unito, attuale duca di York.

GemellaggiModifica

Sito archeologicoModifica

Dal 1972 è attiva l'organizzazione York Archaeological Trust, con la finalità di ricostruire la topografia preurbana, il graduale processo di sviluppo, e di far riemergere una serie di costruzioni significative.

Per quanto riguarda il periodo di dominazione romana, sono state scoperte, tra gli altri, le terme, luogo principale di socializzazione, una zona industriale che produceva ceramica e laterizi e magazzini per i cereali.[11] Anche l'epoca anglo-scandinava ha lasciato considerevoli tracce, quali un innalzamento delle mura della città, un nuovo ponte, laboratori di lavorazione del cuoio, del legno, del vetro, del bronzo, di indumenti e calzature. Numerosi erano i commerci ed i mestieri, quali l'orefice produttore non solo di perline ma anche di monete.

Facendo un altro salto in avanti, e soffermandosi su un altro strato archeologico risalente al XIV secolo, è stato possibile notare un miglioramento delle condizioni di igiene e di pulizia rispetto all'epoca vichinga, oltre allo sviluppo delle attività umane, identificabili grazie alla presenza di una fonderia, comprendente una fornace e un deposito per combustibile, e alla scoperta di varie officine.[11]

CitazioniModifica

La città è comparsa nel videogioco Resistance: Fall of Man; "Tempo della chiesa e tempo del mercante" di Jacques Le Goff

NoteModifica

  1. ^ Eboracense nel Dizionario italiano Olivetti.
  2. ^ Luciano Canepari, York, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  3. ^ 2011 Census – Built-up areas, ONS. URL consultato il 15 agosto 2013.
  4. ^ Richard Hall, English Heritage: Book of York, 1st, B.T.Batsford Ltd, 1996, p. 25, ISBN 0-7134-7720-2.
  5. ^ Ian A. Dennis, Mark G. Macklin, Tom J. Coulthard e Paul A. Brewer, The impact of the October–November 2000 floods on contaminant metal dispersal in the River Swale catchment, North Yorkshire, UK (PDF), Wiley InterScience, 2002, p. 1. URL consultato il 23 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2007).
  6. ^ York floods: Hundreds evacuated and swathes of historic city underwater as rivers reach record levels, in The Independent, 27 dicembre 2015. URL consultato il 19 agosto 2016.
  7. ^ Storm Frank: Jeremy Corbyn explains why he has only just turned up in the North – 'I didn't want to get in the way' – live, in The Telegraph, 31 dicembre 2015. URL consultato il 19 agosto 2016.
  8. ^ England Rural Development Programme: Appendix A3 – Yorkshire and The Humber Region – Section 1 Description Of Current Situation In The Yorkshire And The Humber Region (PDF), East Yorkshire Coastal Observatory, pp. 2–3. URL consultato il 15 giugno 2009.
  9. ^ Average Conditions:York, United Kingdom, in BBC Weather, BBC. URL consultato il 24 luglio 2008.
  10. ^ Weather Pages, Department of Electronics, University of York. URL consultato il 27 maggio 2011.
  11. ^ a b c Peter Addyman, Eburacum, Jorvik, York,"Le Scienze", num.141, pag.36-47
  12. ^ Andrew Dow (a cura di), Dow's Dictionary of Railway Quotations, JHU Press, 2006, 774. YORK.
  13. ^ York Minster, York, UK, BBC, 19 marzo 2007. URL consultato il 12 giugno 2009.
  14. ^ York UA/City: Total Population, su A Vision of Britain Through Time, Great Britain Historical GIS Project. URL consultato il 19 luglio 2009.
  15. ^ Diocese of York Directory 2011/12, Diocese of York, 2011, pp. 187–200.
  16. ^ Parishes, Middlesbrough Diocese, 2007. URL consultato il 19 luglio 2009.
  17. ^ York Mosque and Islamic Centre – About Us, York Mosque. URL consultato il 15 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2009).
  18. ^ Buddhist organisations in York, NY, North-East areas, in CommuniGate, This is Bradford. URL consultato il 19 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008).
  19. ^ a b Labour Market ProfileYork, in Nomis, Office for National Statistics. URL consultato il 17 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  20. ^ Most Visited Towns by Trip Purpose 2014-16 (Excel, 32KB) (XLSX), Visit Britain. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  21. ^ Inbound Town Data, Visit Britain. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  22. ^ The Major Employers in the City of York Council area. (PDF), City of York Council, 2011. URL consultato il 5 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2013).
  23. ^ University of York Profile 2009. (PDF), University of York, 2009. URL consultato il 3 agosto 2009.
  24. ^ a b The Future York Group Report: An Independent Strategic Review of the York Economy (PDF), The Future York Group Report, June 2007. URL consultato il 22 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2011).
  25. ^ Yet more railway jobs axed in York, in The Press, Newsquest Media Group, 13 settembre 2006. URL consultato il 19 luglio 2006.
  26. ^ Welcome to Science City York – 10 Years Promoting Innovation and Creativity, Science City York. URL consultato il 15 giugno 2009.
  27. ^ P.M. Tillott (a cura di), A History of the County of York: the City of York: Public services, British History Online, 1961, pp. 460–472. URL consultato il 20 settembre 2009.
  28. ^ North Yorkshire Police : Central Area Commander – Chief Superintendent Ali Higgins, North Yorkshire Police. URL consultato il 20 luglio 2009.[collegamento interrotto]
  29. ^ Welcome to the website of North Yorkshire Fire & Rescue Service, North Yorkshire fire and Rescue Service. URL consultato il 18 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2009).
  30. ^ York County Hospital, York History. URL consultato il 16 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2010).
  31. ^ York Hospital – About our hospital, National Health Service. URL consultato il 18 maggio 2009.
  32. ^ About Us – Yorkshire Ambulance Service NHS Trust, Yorkshire Ambulance Service. URL consultato il 18 maggio 2009.
  33. ^ York History – York Public Library, York History. URL consultato il 24 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2011).
  34. ^ York Central Library, History of York, 23 settembre 1927. URL consultato il 23 dicembre 2015.
  35. ^ Your MPs, City of York Council. URL consultato il 19 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2009).
  36. ^ Final recommendations for Parliamentary constituencies in the County of North Yorkshire and the City of York (Microsoft Word document), Boundary Commission for England, 5 novembre 2003. URL consultato il 20 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2009). Formato sconosciuto: Microsoft Word document (aiuto)
  37. ^ Your MEPs, City of York Council. URL consultato il 6 marzo 2011.
  38. ^ John Bartholomew, Gazetteer of the British Isles entry for York, in A Vision of Britain Through Time, Great Britain Historical GIS Project, 1887. URL consultato il 19 luglio 2009.
  39. ^ Gazetteer of British Place Names – Map 2. Administrative counties and unitary authority areas, Association of British Counties, 10 settembre 2006. URL consultato il 17 maggio 2009.
  40. ^ The North Yorkshire (District of York) (Structural and Boundary Changes) Order, Stationery Office Books, 6 aprile 1995, ISBN 978-0-11-052605-8. URL consultato il 17 maggio 2009.
  41. ^ Your councillors, City of York Council. URL consultato il 19 luglio 2009.
  42. ^ The Constitution – Part 1 Summary and explanation (PDF), City of York Council. URL consultato il 19 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2011).
  43. ^ City of York local elections 2015, City of York Council, 15 maggio 2015. URL consultato il 15 maggio 2015.
  44. ^ committee details – leisure culture and social inclusion, City of York Council. URL consultato il 10 maggio 2010.
  45. ^ committee details – city strategy, City of York Council. URL consultato il 10 maggio 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito