Assassin's Creed: Valhalla

videogioco del 2020
Assassin’s Creed: Valhalla
videogioco
Assassin's Creed Valhalla logo.svg
Logo del gioco
PiattaformaXbox One, PlayStation 4, Xbox Series X, PlayStation 5, Microsoft Windows, Google Stadia
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 10 novembre 2020

PlayStation 5:
Flags of Canada and the United States.svg 12 novembre 2020
Flag of Europe.svg 12 novembre 2020
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 12 novembre 2020

GenereAction RPG
TemaEspansione vichinga
OrigineCanada
SviluppoUbisoft Montreal[N 1][1]
PubblicazioneUbisoft
DirezioneAshraf Ismail
ProduzioneJulien Laferrière
SceneggiaturaDarby McDevitt, Thierry Noël
MusicheJesper Kyd, Sarah Schachner, Einar Selvik
SerieAssassin's Creed
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad, tastiera, mouse, DualShock 4, DualSense
SupportoBlu-ray Disc, DVD, download
Fascia di etàBBFC15 · CEROZ · ESRBM · OFLC (AU): MA · PEGI: 18 · USK: 16
Preceduto daAssassin's Creed: Odyssey

Assassin's Creed: Valhalla è un videogioco sviluppato da Ubisoft Montreal e pubblicato da Ubisoft. È il dodicesimo capitolo della saga principale di Assassin's Creed, sequel di Assassin's Creed: Odyssey, pubblicato nel 2018. La pubblicazione del gioco è avvenuta il 10 novembre 2020 su Microsoft Windows, PlayStation 4, Xbox One, Xbox Series S/X[2] e come cloud gaming su Google Stadia e Amazon Luna[3]. È disponibile per PlayStation 5 dal 12 novembre 2020, come titolo di lancio della console.[4]

PremessaModifica

 
Lo spostamento della Grande armata danese in Inghilterra nel 865 durante l'Espansione vichinga, mostra inoltre alcuni dei regni che il giocatore potrà esplorare nel gioco

In Assassin's Creed: Valhalla il protagonista è Eivor, un guerriero norvegese che prese parte alle invasioni dell'Inghilterra nel IX secolo, quando il Paese era diviso in più regni: Northumbria, Mercia, Anglia orientale e Wessex[5], quest'ultimo governato dall'allora re Alfredo il Grande che dovette combattere a lungo contro la Grande armata danese, una coalizione di guerrieri norreni.[5][6] Durante l'avventura, il protagonista entrerà in contatto con gli Occulti e si unirà alla lotta contro l'Ordine degli Antichi.[7] Le città esplorabili includono Winchester, Londra e York.[8] Inclusa una parte della Norvegia.[7]

Come in Origins ed in Odyssey, è presente una storia che segue le gesta di Layla Hassan nel presente, suddivise in vere e proprie sequenze di gioco. Valhalla contiene alcuni elementi narrativi riguardo l'origine degli Isu, una civiltà avanzata che precede l'umanità.[9][10]

Modalità di giocoModifica

In Assassin's Creed: Valhalla il giocatore ha la possibilità di impersonare Eivor scegliendo tra il sesso maschile ed il sesso femminile e questo non influisce sul susseguirsi degli avvenimenti nel corso della trama. Eivor può essere un Berserkr o una Skjaldmær. Ciò che invece incide sulla storia di ogni giocatore è la meccanica GdR, tramite cui ogni giocatore può scegliere come improntare il carattere di Eivor ed il susseguirsi della narrazione scegliendo tra una serie di risposte o di azioni predefinite selezionabili liberamente.[11] Il sistema di combattimento è stato modificato, introducendo la possibilità di combattere impugnando due armi differenti tra spade, asce barbute, mazze, lance e scudi.[7] Gioca un ruolo fondamentale la personalizzazione di Eivor e del mondo di gioco, sarà infatti possibile personalizzare la capigliatura, i tatuaggi, le pitture di guerra, l'equipaggiamento del protagonista, la propria dreki, costruire insediamenti potenziandoli con l'avanzamento nel gioco; edificabili varie botteghe, tra cui: fabbri, tatuatori e caserme militari, costruibili e potenziabili dopo aver ottenuto risorse provenienti dal saccheggio di altri territori. Il direttore del gioco Ashraf Ismail ha descritto la sua importanza dicendo: "molta parte di quello che si fa nel mondo del gioco è, alla fine della giornata, alimentare la struttura in modo che possa crescere, possa prosperare".[11] Presente anche la meccanica "Visione dell’Aquila" già vista nei capitoli precedenti, con la variante presente di un corvo imperiale al posto della tipica aquila. In Valhalla la "Visione dell'Aquila" sarà denominata "Visione di Odino" o "Occhi di Odino".

Il mondo di gioco comprende anche diverse attività secondarie, tra cui la pesca, le battute di caccia, sfide alcoliche e scontri verbali descritti come "battaglie rap".[12] Torneranno le battaglie su vasta scala viste nel precedente capitolo, in proporzioni maggiori, dove si scontreranno eserciti di numerosi guerrieri e truppe d'èlite, allo scopo di acquisire o proteggere dei territori.[7] Il gioco si basa meno su un sistema di livellamento tradizionale e si concentra invece maggiormente sulla selezione delle abilità, attraverso un albero delle abilità selezionabili dal giocatore mentre Eivor avanza nel gioco; i nemici verranno valutati in base alla raccolta di abilità del giocatore. L'impiego delle drakkar è principalmente per gli spostamenti marittimi e fluviali, poiché i vichinghi non combattevano sulle navi ma solo su vie terrestri, utilizzando le stesse solo per lo spostamento.[13] Assassin's Creed: Valhalla è un gioco che si concentra sulla campagna giocatore singolo, ma include componenti online allo scopo di incoraggiare i giocatori a condividere i propri progressi e la propria creatività. Il giocatore è in grado di creare e personalizzare un mercenario vichingo, un vichingo di Jomsborg, che può essere reclutato da altri giocatori, fungendo da personaggio non giocabile, che frutta ricompense di gioco aggiuntive per missioni riuscite.[14]

SviluppoModifica

Assassin's Creed: Valhalla era già in sviluppo da oltre due anni dall'annuncio avvenuto il 29 aprile 2020. Lo sviluppo principale del gioco è stato guidato dal team di Assassin's Creed: Origins negli studi di Ubisoft Montreal e supportato da altri quattordici studi di Ubisoft in tutto il mondo. Ashraf Ismail è il direttore creativo, avendo precedentemente guidato con successo il lavoro su Assassin's Creed: Origins e Assassin's Creed IV: Black Flag.[7] Il direttore della narrazione è Darby McDevitt, autore principale di Assassin's Creed: Revelations e Black Flag e co-sceneggiatore di Assassin's Creed: Unity.[15] McDevitt ha affermato che il team di sviluppo ha riconosciuto che ci potessero essere somiglianze con il gioco God of War (anch'esso nell'ultimo capitolo ambientato in terra norrena), ma ha ritenuto che esso fosse in realtà molto incline alla mitologia, mentre Ubisoft voleva che Valhalla fosse un'esperienza storicamente fondata.[16]

Elementi della mitologia norrena appariranno comunque nella storia e secondo il direttore del gioco Ashraf Ismail, questo si noterà su come Eivor e i Vichinghi possano prendere eventi non comuni come segni del coinvolgimento dei loro dei. Sulla possibilità di selezionare il sesso di Eivor, Thierry Noël, storico del gioco, affermò che c'era ancora un dibattito storico su quanto le donne partecipassero come guerriere all'interno delle battaglie vichinghe, ma Ubisoft credeva che le donne fossero importanti nella mitologia e nella società norrena, e così cercò di riflettere l'idea vichinga che donne e uomini sono ugualmente formidabili in battaglia.[17] Nella ricerca del periodo di tempo dove collocare il capitolo della saga, McDevitt ha affermato che il team di sviluppo ha scoperto che la maggior parte dei documenti storici dell'espansione vichinga sono stati scritti da una prospettiva inglese, ritraendoli quindi come invasori assetati di sangue. Tuttavia, il team di sviluppo ha ritenuto che ciò trascurasse il successo dei vichinghi nell'insediamento in Inghilterra e i contributi che davano alle pratiche agricole e alla loro influenza sulla lingua inglese. Il team di sviluppo ha quindi cercato di rappresentare con maggiore precisione l'epoca vichinga, sottolineando elementi importanti, come gli insediamenti in terre straniere, creati per rimanere in quei territori e prosperare e non solo per saccheggiarli. Questo è stato rappresentato nel trailer e nel materiale promozionale, sovrapponendo le parole d'avvertimento di Alfredo il Grande sulla minaccia rappresentata dai vichinghi con scene che mostrano il contrario.

La colonna sonora del gioco è composta da Jesper Kyd e Sarah Schachner, entrambi hanno già lavorato su precedenti capitoli della serie. Einar Selvik, uno dei compositori della serie televisiva di History Channel Vikings, ha lavorato con Kyd e Schachner per nuovi brani del gioco.[18][19]

Nel giugno 2020, Polygon ha riportato che Ismail "ha annunciato che si sarebbe dimesso dal progetto conseguentemente a delle accuse di relazioni extraconiugali con giovani fan. Ubisoft in seguito ha confermato il suo allontanamento a Polygon".[20]

PubblicazioneModifica

L'uscita di Valhalla era inizialmente prevista per il 17 novembre 2020, ma il gioco è stato anticipato al 10 novembre 2020. Il gioco è disponibile anche su Microsoft Windows, PlayStation 4, Xbox One e Google Stadia.[1] È anche il primo titolo della saga per la nuova generazione di console, PlayStation 5 e la già citata Xbox Series S/X. Ashraf Ismail ha dichiarato che Valhalla rappresenta il gioco "di punta" di Ubisoft per questi sistemi di prossima generazione ed è stato sviluppato per sfruttare i tempi di caricamento più rapidi offerti da entrambe le console.[11] Le versioni Xbox del gioco supportano il programma "Smart Delivery" di Microsoft, che consente al giocatore di acquistare solo una copia del gioco che funziona sia su Xbox One che su Series S/X.[21] Anche passando da PS4 a PS5, basta acquistare una sola copia del gioco per poter giocare su entrambe le console.[22] Prima dell'annuncio ufficiale, in rete trapelarono diversi leak che riportavano il gioco chiamarsi Assassin's Creed Ragnarök.[23][24][25]

Nel titolo Tom Clancy's The Division 2 di Ubisoft, è presente un easter egg sotto forma di poster che prendeva in giro il prossimo capitolo della serie di Assassin's Creed chiamandolo Valhalla, nonostante gli sviluppatori non avessero ancora scelto il nome definitivo del videogioco. Il poster in questione, ritraeva un vichingo vestito simile agli assassini dei precedenti capitoli, mentre teneva in mano una presunta Mela dell'Eden, uno degli artefatti creati dagli Isu.[26][27] Lo stesso easter egg fu riportato da Jason Schreier di Kotaku, secondo il quale il prossimo capitolo della serie era già in sviluppo e che sarebbe uscito nel 2020 col nome di Assassin's Creed Kingdom.[28] Ad aprile 2020, con l'annuncio ufficiale del videogioco, McDevitt disse che l'easter egg in The Division 2, fu una coincidenza per via dello studio svedese dietro il gioco, Massive Entertainment ha voluto inserire elementi iconografici svedesi in The Division 2, e non aveva alcuna intenzione di riferirsi a Valhalla.[29]

AccoglienzaModifica

Assassin's Creed: Valhalla ha ricevuto un'accoglienza favorevole stando alle recensioni aggregate su Metacritic.[30][31][32][33]

NoteModifica

Annotazioni
  1. ^ Supportato da altri quattordici studi di Ubisoft in tutto il mondo.
Riferimenti
  1. ^ a b Claudia Marchetto, Assassin's Creed Valhalla si mostra nel primo spettacolare trailer. Sarà un titolo cross-gen: finestra di lancio e primi dettagli, Eurogamer, 30 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  2. ^ Matteo Zibbo, Assassin's Creed Valhalla ha una nuova data di uscita: lo stesso giorno di Xbox Series X e Xbox Series S, su Eurogamer, 9 settembre 2020. URL consultato il 9 settembre 2020.
  3. ^ Amazon: Jeff Grubb anticipa l'arrivo di una piattaforma fisica da gaming?, su Game Legends, 24 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020.
  4. ^ Michele Galluzzi, ASSASSIN'S CREED VALHALLA PS5, UBISOFT CONFERMA: GIRERÀ IN 4K E 60FPS COME XBOX SERIES X, su Everyeye, 23 settembre 2020. URL consultato il 23 settembre 2020.
  5. ^ a b (EN) Kirk McKeand, Assassin’s Creed Valhalla’s map features the four Kingdoms of England, as well as some of Norway, VG247, 1º maggio 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  6. ^ (EN) Assassin's Creed Valhalla's Narrative Director On Crafting A Unique New Story, su GameSpot. URL consultato il 16 giugno 2020.
  7. ^ a b c d e (EN) Joe Juba, Answers To Our Biggest Questions About Assassin's Creed Valhalla, su Game Informer, 30 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  8. ^ (EN) Marc Cieslak, Assassin's Creed Valhalla: First look at Viking-themed game, BBC, 1º maggio 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Assassin's Creed Valhalla Gameplay, Story Details Revealed, su ign.com. URL consultato il 25 maggio 2020.
  10. ^ (EN) Tom Phillips, Assassin's Creed Valhalla reshapes the series' RPG storytelling by giving you a Viking settlement, su Eurogamer, 30 aprile 2020. URL consultato il 25 maggio 2020.
  11. ^ a b c (EN) Jonathon Dornbush, Assassin's Creed Valhalla Gameplay, Story Details Revealed, IGN, 30 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  12. ^ Claudia Marchetto, Assassin's Creed Valhalla non avrà solo scontri epici e mortali ma anche 'battaglie rap vichinghe', Eurogamer, 1º maggio 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  13. ^ (EN) Chaim Gartenberg, Assassin’s Creed Valhalla is Assassin’s Creed with vikings, su The Verge, 29 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  14. ^ (EN) Conner Sheridan, Assassin's Creed Valhalla doesn't have multiplayer but does lets you make a Viking mercenary to help friends raid, su GamesRadar, 1º maggio 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  15. ^ (EN) Mike Williams, Assassin's Creed Valhalla Is the Grand Unifying Theory of Assassin's Creed, USGamer, 30 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  16. ^ Claudia Marchetto, Assassin's Creed Valhalla e God of War troppo simili? Ubisoft non teme paragoni, Eurogamer, 30 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  17. ^ Matteo Zibbo, Assassin's Creed Valhalla nei panni di una guerriera vichinga? Ubisoft mette a tacere polemiche inutili, Eurogamer, 1º maggio 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  18. ^ (EN) Emily Gera, Assassin's Creed Valhalla will include music from the composer of Vikings television series, su VG247, 11 maggio 2020. URL consultato il 12 luglio 2020.
  19. ^ (EN) Jazz Tangcay, 'Assassin's Creed' Composer Jesper Kyd Returns to Score 'Valhalla', su Variety, 14 maggio 2020. URL consultato il 12 luglio 2020.
  20. ^ (EN) Charlie Hall e Susana Polo, The game and comics industries are grappling with widespread allegations of harassment and abuse, su Polygon, 25 giugno 2020. URL consultato il 12 luglio 2020.
  21. ^ Marcello Ruina, Assassin's Creed Valhalla: confermato il supporto allo Smart Delivery di Xbox, su Eurogamer, 30 aprile 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  22. ^ (EN) Assassin’s Creed Valhalla launches November 17 for PS4, Xbox One, PC, and Stadia; coming soon to PS5 and Xbox Series X, su Gematsu, 12 luglio 2020. URL consultato il 13 luglio 2020.
  23. ^ (EN) Next Assassins Creed - Ragnarok Mjolnir Edition Leaked by GameStop, su Gamer Tweak, 4 gennaio 2020. URL consultato il 13 luglio 2020.
  24. ^ Assassin's Creed Ragnarok: presentazione a breve e nuovi elementi soprannaturali, ecco i rumor, su Tom's Hardware. URL consultato il 13 luglio 2020.
  25. ^ Assassin's Creed Ragnarok: cosa possiamo aspettarci dal nuovo capitolo, su Everyeye.it. URL consultato il 13 luglio 2020.
  26. ^ Assassin's Creed Valhalla, l'indizio in The Division 2? Una coincidenza!, su Everyeye.it. URL consultato il 13 luglio 2020.
  27. ^ Assassin's Creed Valhalla, l'easter egg in The Division 2 era una "coincidenza", su Tom's Hardware. URL consultato il 13 luglio 2020.
  28. ^ (EN) Odd Tease In The Division 2 Spills The Beans On The Next Assassin's Creed, su Kotaku. URL consultato il 13 luglio 2020.
  29. ^ (EN) Assassin’s Creed Valhalla was revealed in The Division 2 – but it was a “complete coincidence”, su PCGamesN. URL consultato il 13 luglio 2020.
  30. ^ (EN) Assassin's Creed Valhalla for PC Reviews, su Metacritic. URL consultato il 17 novembre 2020.
  31. ^ (EN) Assassin's Creed Valhalla for PlayStation 4 Reviews, su Metacritic. URL consultato il 17 novembre 2020.
  32. ^ (EN) Assassin's Creed Valhalla for Xbox One Reviews, su Metacritic. URL consultato il 17 novembre 2020.
  33. ^ (EN) Assassin's Creed Valhalla for Xbox Series X Reviews, su Metacritic. URL consultato il 17 novembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica