Apri il menu principale

Zalf-Euromobil-Désirée-Fior

Zalf-Euromobil-Désirée-Fior
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Informazioni
NazioneItalia Italia
Debutto1984
SpecialitàStrada
BiciclettePinarello
Sito ufficialeZalf-Euromobil-Désirée-Fior
Staff tecnico
Gen. managerFrancesco Guidolin
Dir. sportiviLuciano Rui
Gianni Faresin
Fabio Mazzer[1]

La Zalf-Euromobil-Désirée-Fior è una squadra maschile italiana di ciclismo su strada attiva dal 1984 nella categoria dilettanti prima ed Elite/Under-23 poi. La squadra ha sede a Castelfranco Veneto, e negli anni si è distinta nel panorama delle gare dilettantistiche/Under-23 lanciando numerosi ciclisti nel professionismo.

Indice

StoriaModifica

La società sportiva Zalf-Fior nasce nel 1982 dalla collaborazione tra Giancarlo ed Egidio Fior, gestori di un omonimo ristorante a Castelfranco Veneto, e dei fratelli Antonio, Fiorenzo, Giancarlo e Gaspare Lucchetta, fondatori del mobilificio Euromobil e detentori del marchio Zalf.[2] L'anno dopo la società debutta come associazione cicloturistica: come colori sociali vengono scelti il verde, il bianco e il rosso nella particolare disposizione ancora in uso (maglia con parte superiore verde e parte inferiore a strisce bianco-rosse verticali).[3][4] Risale invece alla stagione 1984 l'esordio nel ciclismo agonistico con un gruppo sportivo di 8 ciclisti dilettanti, tra cui i futuri professionisti Gianni Faresin e Flavio Vanzella, guidati in ammiraglia da Luciano Camillo e Luciano Marchesin.[5]

Nel 1985 la rosa sale a dieci atleti, tra essi Maurizio Fondriest (capace di vincere due tappe al Giro d'Italia dilettanti e il Giro di Lombardia dilettanti), Federico Ghiotto e lo jugoslavo Primož Čerin, guidati dai ds Luciano Camillo e Cesare Pinarello.[6] È anche grazie a Fondriest, passato professionista nel 1987 e divenuto a sorpresa campione del mondo pro nel 1988, che la squadra assume rilevanza nel panorama dilettantistico.[4] Tra le tante vittorie di questi anni, con nomi come Endrio Leoni e Alessandro Bertolini, anche quelle dei Zalf in Nazionale: nel 1990 Mirco Gualdi diventa campione del mondo su strada dilettanti a Utsunomiya, e due anni dopo arriva la vittoria di Daniele Pontoni ai campionati del mondo di ciclocross. In mezzo, nel 1991, l'arrivo dell'ex professionista Luciano Rui come direttore sportivo.[4]

Nei primi anni 1990 gareggiano in maglia Zalf ciclisti come Cristian Salvato (due volte medaglia d'oro mondiale nella cronometro a squadre), Gianluca Pianegonda e Paolo Savoldelli. Nel 1995 esordisce in squadra il napoletano Giuliano Figueras, il quale, oltre ad ottenere numerose vittorie (Giro delle Regioni, Trofeo ZSŠDI), nell'ottobre 1996 a Lugano chiude il biennio Zalf laureandosi campione del mondo Under-23; è inoltre una stagione che vede la Zalf vincere ben 42 gare, più del 50% di quelle cui prende parte.[4][7] Nelle stagioni seguenti altri giovani di grande livello corrono con il team castellese, tra essi il varesino Ivan Basso, campione del mondo Under-23 nel 1998 a Valkenburg, ma anche Michele Scarponi (in rosa nel triennio 1998-2000), Manuel Quinziato (1998-2001), Andrea Moletta (1998-2002), Damiano Cunego (2000-2001) e Daniele Pietropolli (2000-2002).[4] Spiccano inoltre i dati statistici delle stagioni 1997 e 1998, caratterizzate da 45 e 41 vittorie su strada rispettivamente.[8][9]

Dopo gli anni delle grande vittorie, seguono stagioni meno eccezionali, segnate comunque dai successi di Emanuele Sella, Daniele Colli, Domenico Pozzovivo e Tiziano Dall'Antonia. A partire dal 2006 la Zalf decide di puntare maggiormente sui giovani; ciò nonostante già nel 2006 arrivano ben 42 trionfi (record in Italia), grazie soprattutto a ciclisti come Oscar Gatto (13 vittorie stagionali), Marco Bandiera e ad alcuni Under-23 al primo anno nella categoria come Sacha Modolo, Davide Malacarne e Simone Ponzi. Proprio Ponzi è protagonista nel 2007 con il titolo italiano Under-23 e nel 2008 con l'argento mondiale in linea di categoria; queste due stagioni vedono inoltre arrivare in squadra atleti come Gianluca Brambilla, Marco Benfatto, Enrico Battaglin e Sonny Colbrelli. Saranno proprio Battaglin, Colbrelli, ma anche Stefano Agostini e Andrea Pasqualon, i principali artefici dei successi della stagione 2010, che vede Zalf raggiungere il record storico di vittorie per il team, 46, e tra esse il Giro delle Regioni con Battaglin e il campionato nazionale Under-23 con Agostini.[4][10] Lo stesso Battaglin nel 2011 riesce nell'impresa di vincere, da stagista per la Colnago-CSF Inox ma ancora tesserato Zalf, la Coppa Sabatini UCI per Elite; Matteo Busato è invece campione nazionale Elite senza contratto.[11]

Dopo una certa flessione di risultati del 2012, con solo 14 vittorie, nel triennio 2013-2014-2015 arriva la riaffermazione come squadra italiana più titolata della categoria Elite/Under-23, con 59, 57 e 51 vittorie rispettivamente.[12] Nel 2013 viene raggiunto il nuovo record societario di successi, grazie ad un gruppo composto da atleti come Andrea Zordan (campione nazionale), Paolo Simion, Nicolas Marini e Gianluca Leonardi, affiancati o sostituiti nel 2014 e 2015 da nomi in crescita come Daniele Cavasin, Gianni Moscon (campione nazionale 2015), Marco Maronese e Andrea Vendrame.[13][14]

CronistoriaModifica

AnnuarioModifica

Anno Codice Nome Cat. Biciclette Dirigenza
1984 -   Zalf-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Marchesin
1985 -   Zalf-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Cesare Pinarello
1986 -   Glem Glas-Zalf-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Cesare Pinarello
1987 -   Zalf-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Cesare Pinarello
1988 -   Zalf-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Vendramino Bariviera, Luciano Camillo
1989 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Aldo Beraldo, Paolo Santello
1990 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Aldo Beraldo, Mario Gazzola
1991 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Aldo Beraldo, Luciano Rui
1992 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1993 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1994 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1995 -   Zalf-Euromobil-Fior Dilettanti Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1996 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1997 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1998 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
1999 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2000 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2001 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2002 -   Zalf-Euromobil-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2003 -   Zalf-Désirée-Fior[15] Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2004 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2005 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2006 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui
2007 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui, Gianni Faresin[16]
2008 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui, Gianni Faresin
2009 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui, Gianni Faresin
2010 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui, Gianni Faresin
2011 -   Zalf-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Camillo, Luciano Rui, Gianni Faresin
2012 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior[17] Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Luciano Camillo, Gianni Faresin
2013 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Luciano Camillo, Gianni Faresin
2014 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Alessandro Bertolini, Luciano Camillo, Gianni Faresin
2015 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Luciano Camillo, Gianni Faresin, Fabio Mazzer
2016 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Luciano Camillo, Gianni Faresin, Fabio Mazzer
2017 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Gianni Faresin, Fabio Mazzer
2018 -   Zalf-Euromobil-Désirée-Fior Elite 2 Pinarello Dir. sportivi: Luciano Rui, Gianni Faresin, Fabio Mazzer[1]

PalmarèsModifica

Aggiornato al 31 dicembre 2017.

Grandi GiriModifica

Partecipazioni: 0
Partecipazioni: 0
Partecipazioni: 0

Campionati nazionaliModifica

In linea Dilettanti: 1992 (Alessandro Bertolini)
In linea Under-23: 2007 (Simone Ponzi); 2010 (Stefano Agostini); 2013 (Andrea Zordan); 2015 (Gianni Moscon)
Cronometro Under-23: 2005 (Tiziano Dall'Antonia)
In linea Elite senza contratto: 2011 (Matteo Busato); 2017 (Gianluca Milani)
In linea: 2013 (Andrei Nechita)
Cronometro: 2013 (Andrei Nechita)

Altri successiModifica

1990, In linea Dilettanti (Mirco Gualdi, Italia)
1993, Cronometro a squadre (Cristian Salvato, quartetto Italia)
1994, Cronometro a squadre (Cristian Salvato, quartetto Italia)
1996, In linea Under-23 (Giuliano Figueras, Italia)
1998, In linea Under-23 (Ivan Basso, Italia)
1992, Dilettanti (Daniele Pontoni, Italia)

Organico 2018Modifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Zalf Euromobil Désirée Fior: svelato il team 2018, su federciclismo.it. URL consultato il 3 marzo 2018.
  2. ^ Storia del Gruppo Euromobil, su gruppoeuromobil.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  3. ^ 1983, UNA STAGIONE PER CRESCERE E SPICCARE IL VOLO, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  4. ^ a b c d e f 1984, LA PRIMA STAGIONE AGONISTICA DELLA ZALF FIOR, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  5. ^ 1984, LA PRIMA STAGIONE AGONISTICA DELLA ZALF FIOR, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  6. ^ 1985, UN SECONDO ANNO DI LANCIO, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  7. ^ 1996, BIS MONDIALE DI FIGUERAS, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  8. ^ 1997, L’ANNO DEI RECORD, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  9. ^ 1998, UN’ANNATA MONDIALE!, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  10. ^ CLASSIFICA ELITE-UNDER23 A SQUADRE 2010, su elite-under23.ciclismo.info. URL consultato il 3 marzo 2018.
  11. ^ 2011... MOTIVATI E VINCENTI!, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  12. ^ CLASSIFICA ELITE-UNDER23 A SQUADRE 2012, su elite-under23.ciclismo.info. URL consultato il 3 marzo 2018.
  13. ^ ZALF EUROMOBIL DESIREE FIOR, su elite-under23.ciclismo.info. URL consultato il 3 marzo 2018.
  14. ^ A.S.D.ZALF EUROMOBIL DESIREE FIOR, su elite-under23.ciclismo.info. URL consultato il 3 marzo 2018.
  15. ^ 2003, UN VENTESIMO ANNIVERSARIO FESTEGGIATO ALLA GRANDE, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  16. ^ 2007: L’ANNO TRICOLORE, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  17. ^ ZALF 2012, ECCO LA NUOVA LIVREA, su gruppoeuromobil.com. URL consultato il 3 marzo 2018.
  18. ^ A.S.D. ZALF EUROMOBIL DESIREE FIOR, su federciclismo.it. URL consultato il 3 marzo 2018.
  19. ^ #INSIEMESIVINCE, su zalfeuromobildesireefior.com. URL consultato il 3 marzo 2018.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo