Apri il menu principale

Sonny Colbrelli

ciclista su strada italiano
Sonny Colbrelli
Sonny Colbrelli Reims.jpg
Sonny Colbrelli al Tour de France 2019
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176[1] cm
Peso 74[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Bahrain-Merida
Carriera
Squadre di club
2009-2010Zalf-Fior
2010ColnagoStagista
2011Zalf-Fior
2011ColnagoStagista
2012Colnago
2013-2016Bardiani
2017-Bahrain-Merida
Nazionale
2014-Italia Italia
Statistiche aggiornate al 28 luglio 2019

Sonny Colbrelli (Desenzano del Garda, 17 maggio 1990) è un ciclista su strada italiano che corre per il team Bahrain-Merida. Velocista atipico e specialista delle classiche, è professionista dal 2012.[1]

CarrieraModifica

2010-2013: gli esordi nel professionismoModifica

Nel 2010 Colbrelli, dopo aver vinto da Under-23 in maglia Zalf, tra gli altri, il prestigioso Trofeo Alcide De Gasperi,[2] disputa qualche gara come stagista, tra i professionisti, nella Colnago-CSF Inox.[3] Lo stesso accade anche negli ultimi mesi della stagione 2011:[4] proprio con la Colnago passa professionista a tutti gli effetti a partire dalla stagione 2012.[5]

Nel 2012 disputa il suo primo Giro d'Italia, ottenendo come miglior piazzamento un nono posto nella dodicesima tappa, una volata di gruppo vinta dal britannico Mark Cavendish.[6] Non ottiene vittorie, ottenendo comunque un successo di squadra nella cronosquadre de Il Padania,[7] vestendo anche la maglia di leader della corsa per due giorni.

Anche nella stagione 2013 non arrivano vittorie: l'annata si contraddistingue comunque con piazzamenti di rilievo, tra cui il primo in una classica monumento: un dodicesimo alla Milano-Sanremo, alla sua prima partecipazione.[8]

2014-2016: le prime vittorieModifica

Nel 2014 ottiene il primo successo da pro, imponendosi nella seconda tappa del Tour of Slovenia.[9] In seguito fa suo anche il Giro dell'Appennino,[10] palesando una buona forma durante le semiclassiche italiane autunnali: si piazza secondo alla Tre Valli Varesine[11] e poi si impone, nell'arco di due giorni, al Memorial Marco Pantani[12] e al Gran Premio Industria e Commercio di Prato.[13] Tali prestazioni fanno si che il commissario tecnico della nazionale Davide Cassani lo schieri come atleta di punta per il campionato del mondo di Ponferrada:[14] il 28 settembre conclude la prova in linea al tredicesimo posto, a 14" dal vincitore, il polacco Michał Kwiatkowski.[15] Conclude l'annata vincendo il 9 ottobre la Coppa Sabatini[16] e trionfando anche nella classifica individuale della Coppa Italia.[17]

Nel 2015, a seguito di una prima parte di stagione al di sotto delle aspettative, vince la sua prima corsa a tappe, il Tour du Limousin,[18] dove conquista anche la prima tappa[19] e la classifica giovani. Conclude l'annata con diversi piazzamenti nelle classiche italiane, vincendo il Gran Premio Bruno Beghelli[20] e facendo sua per la seconda volta in carriera la classifica finale della Coppa Italia.[21]

Nel 2016 si mette in evidenza in diverse corse di prima fascia: alla Milano-Sanremo è nel gruppo di testa che va a giocarsi la vittoria, piazzandosi nono,[22] mentre all'Amstel Gold Race si classifica terzo, vincendo la volata del gruppo degli inseguitori, 4" dietro al vincitore e connazionale Enrico Gasparotto e al danese Michael Valgren.[23] Ottiene sette successi totali: il Gran Premio Città di Lugano,[24] la terza[25] e la quarta tappa[26] del Tour du Limousin, terminato al secondo posto, la quinta frazione del Tour du Poitou-Charentes[27] e, nel finale di stagione, la Coppa Agostoni,[28] la Coppa Sabatini[29] e la Tre Valli Varesine.[30] Per la terza volta consecutiva termina in testa alla graduatoria finale della Coppa Italia[31] e infine, convocato per i Mondiali di Doha,[32] non conclude la prova in linea.

Dal 2017: il World Tour con la Bahrain-MeridaModifica

Per il 2017, dopo cinque stagioni trascorse sotto le direttive di Bruno Reverberi, Colbrelli si accasa tra le file della neonata Bahrain-Merida,[33] squadra World Tour con la quale ottiene la sua prima vittoria in una gara dell'omonimo calendario: il 6 marzo si impone infatti in volata nella seconda tappa della Parigi-Nizza, tagliando il traguardo davanti al tedesco John Degenkolb e al francese Arnaud Démare.[34] Tredicesimo alla Milano-Sanremo, ottiene buoni risultati nelle sue prime esperienze alle classiche del pavé, con un settimo posto all'E3 Harelbeke, un tredicesimo alla Gand-Wevelgem e un decimo al Giro delle Fiandre. Il 12 aprile trionfa alla Freccia del Brabante, corsa che precede le classiche delle Ardenne,[35] dove corre solamente l'Amstel Gold Race, terminandola al nono posto.[36] Ai seguenti Tour de Romandie, Critérium du Dauphiné e Tour of Slovenia ottiene diversi piazzamenti nei primi dieci, tra cui quattro podi. Ottavo al campionato italiano del 25 giugno, il 1º luglio prende il via del suo primo Tour de France:[37] nella corsa a tappe francese ottiene due sesti e un nono posto di tappa in volata, senza mai riuscire a lottare per il successo. Terzo alla Bretagne Classic Ouest-France del 27 agosto,[38] ottiene la terza e ultima vittoria stagionale il 14 settembre alla Coppa Bernocchi, diventando il terzo ciclista dopo Giuseppe Saronni e Francesco Moser ad aggiudicarsi tutte e tre le prove del Trittico Lombardo.[39] Lontano dai migliori nella prova in linea ai campionati del mondo di Bergen, raccoglie due secondi posti alla Coppa Sabatini e al Gran Premio Bruno Beghelli, prima di concludere l'annata in Cina al Tour of Guangxi dove non va oltre due settimi posti parziali.

La seconda stagione in maglia emiratina lo vede debuttare a inizio febbraio al Dubai Tour: dimostra già una buona condizione, vincendo la tappa quarta tappa sullo strappo di Hatta Dam[40] e concludendo al terzo posto nella classifica generale. Ottavo alla Omloop Het Nieuwsblad e terzo alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne, partecipa alla Tirreno-Adriatico di inizio marzo in funzione della Milano-Sanremo, che termina nono. Non in grado di lottare per la vittoria nelle classiche del pavé, è secondo alla Freccia del Brabante vinta dal belga Tim Wellens e lontano dai migliori all'Amstel Gold Race. A fine aprile corre il Tour de Romandie, racimolando due secondi posti parziali. Dopo un periodo di pausa torna a correre al Tour de Suisse di metà giugno, in preparazione del Tour de France: sul suolo elvetico arriva la seconda vittoria stagionale, quando si aggiudica con una lunga volata di potenza la terza frazione, regolando al fotofinish il colombiano Fernando Gaviria e lo slovacco Peter Sagan.[41] Archiviato un campionato italiano troppo impegnativo per le sue caratteristiche, Colbrelli si presenta al via della sua seconda Grande Boucle con l'obiettivo di ottenere qualche successo di tappa:[42] in territorio francese arrivano invece due secondi posti nella seconda e nella quinta frazione, battuto al termine di due strappi da Sagan,[43] e altri tre piazzamenti nella top 10. Nella seconda parte dell'annata corre numerose classiche di un giorno: tra le varie prove fa secondo al Grand Prix Cycliste de Montréal, alle spalle dell'australiano Michael Matthews,[44] e alla Coppa Sabatini, mentre ottiene la vittoria il 16 settembre alla Coppa Bernocchi, dove bissa il successo dell'edizione precedente,[45] e l'11 ottobre al Gran Piemonte,[46] ultima sua gara dell'anno, concluso con quattro successi all'attivo.

PalmarèsModifica

StradaModifica

Altri successiModifica

  • 2012 (Colnago-CSF Inox)
1ª tappa, 2ª semitappa Il Padania (San Giovanni in Persiceto > Crevalcore, cronosquadre)
Classifica generale Coppa Italia
Classifica giovani Coppa Italia
Ride for Life
Trofeo Andrea Antonelli (con Davide Guarneri)
Classifica giovani Tour du Limousin
Classifica generale Coppa Italia
Challenge Memorial Alfredo Martini
Classifica generale Trittico Lombardo
Classifica generale Coppa Italia
  • 2018 (Bahrain-Merida)
1ª tappa Hammer Sportzone Limburg (Vaals > Drielandenpunt, Prova a squadre)
  • 2019 (Bahrain-Merida)
Classifica a punti Deutschland Tour

PistaModifica

Großer Preis von Wien, Inseguimento a squadre (con Marco Benfatto, Angelo Ciccone e Elia Viviani)

PiazzamentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Sonny Colbrelli, su teambahrainmerida.com.
  2. ^ 56º Trofeo Alcide De Gasperi Internazionale, su italiaciclismo.net, 2 giugno 2010.
  3. ^ Zalf tra GVA e Vigonza, Colbrelli stagista al Giro del Veneto, su zalfeuromobildesireefior.com, 27 agosto 2010.
  4. ^ Fausto Piccinini, Gli stagisti della Colnago CSF, su ciclismoreggiano.wordpress.com, 8 luglio 2011.
  5. ^ Valerio Zeccato, Colbrelli, il Cobra è pronto a colpire, su tuttobiciweb.it, 2012.
  6. ^ Cervere, Mark Cavendish cala il tris, su lastampa.it, 18 maggio 2012. URL consultato il 7 marzo 2017 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2017).
  7. ^ Marco Pastonesi, Padania, via sotto il diluvio. Colbrelli è il primo leader, su gazzetta.it, 3 settembre 2012.
  8. ^ Antonino Morici, Ciclismo, Milano-Sanremo: Ciolek vince in volata davanti a Sagan la corsa ghiacciata, su gazzetta.it, 17 marzo 2013.
  9. ^ Slovenia: gioia Colbrelli. Svizzera: dominio Martin, su gazzetta.it, 20 giugno 2014.
  10. ^ A Colbrelli il Giro dell'Appennino. Battuti Bole e Rubiano, su gazzetta.it, 24 giugno 2014.
  11. ^ Tre Valli Varesine, successo di Albasini Beffato allo sprint Colbrelli, 3º Pozzato, su gazzetta.it, 17 settembre 2014.
  12. ^ Ciro Scognamiglio, Memorial Pantani, a Cesenatico sfreccia Colbrelli, su gazzetta.it, 20 settembre 2014.
  13. ^ A Prato il bis di Colbrelli, su gazzetta.it, 21 settembre 2014.
  14. ^ Lucia Resta, Mondiali di Ciclismo Ponferrada 2014: ecco i 9 azzurri titolari scelti da Davide Cassani, su outdoorblog.it, 25 settembre 2014.
  15. ^ Ciro Scognamiglio, Mondiale, oro a Kwiatkowski. Argento a Gerrans, bronzo a Valverde, su gazzetta.it, 28 settembre 2014.
  16. ^ Marco Pastonesi, Coppa Sabatini, nuovo successo di Colbrelli, su gazzetta.it, 9 ottobre 2014.
  17. ^ Sonny Colbrelli (Bardiani-CSF) domina la classifica individuale della Coppa Italia 2014, precedendo un ottimo Simone Ponzi (Neri Sottoli), su legaciclismoprof.org, 13 ottobre 2014.
  18. ^ Ciro Scognamiglio, Tour du Limousin: la generale a Sonny Colbrelli, su gazzetta.it, 21 agosto 2015.
  19. ^ Colbrelli, chi si rivede: prima stagionale al Tour du Limousin, su gazzetta.it, 18 agosto 2015.
  20. ^ Ciro Scognamiglio, Gp Beghelli, vittoria di Colbrelli. Battuto Belletti allo sprint, su gazzetta.it, 11 ottobre 2015.
  21. ^ Colbrelli e la Southeast si aggiudicano la Coppa Italia – Campionato Italiano a Squadre, su legaciclismoprof.org, 12 ottobre 2015.
  22. ^ Ciro Scognamiglio, Milano-Sanremo, trionfo di Arnaud Demare, su gazzetta.it, 19 marzo 2016.
  23. ^ Ciro Scognamiglio, Amstel: trionfa Gasparotto per Demoitié, terzo Colbrelli, su gazzetta.it, 17 aprile 2016.
  24. ^ Colbrelli trionfa a Lugano: sotto la pioggia batte in volata Ulissi e Ferrari, su gazzetta.it, 28 febbraio 2016.
  25. ^ Tour du Limousin: Colbrelli trionfa in volata, su gazzetta.it, 18 agosto 2016.
  26. ^ Tour du Limousin, bis di Colbrelli in volata, su gazzetta.it, 19 agosto 2016.
  27. ^ Ciro Scognamiglio, Colbrelli vince ancora. Nel 2017 lo aspetta Nibali, su gazzetta.it, 26 agosto 2016.
  28. ^ Coppa Agostoni, Colbrelli in volata brucia Ulissi, su gazzetta.it, 15 settembre 2016.
  29. ^ Coppa Sabatini, vittoria di Sonny Colbrelli, su gazzetta.it, 22 settembre 2016.
  30. ^ Tre Valli Varesine, Colbrelli vince in volata, su gazzetta.it, 27 settembre 2016.
  31. ^ Coppa Italia 2016: alla Bardiani-CSF la classifica finale a squadre, Sonny Colbrelli (Bardiani-CSF) si aggiudica la classifica individuale e Gianni Moscon (Team Sky) quella riservata ai giovani under 25, su legaciclismoprof.org, 30 settembre 2016.
  32. ^ Ciro Scognamiglio, LìItalia Mondiale è fatta: Pozzato e Coledan riserve, su gazzetta.it, 29 settembre 2016.
  33. ^ Alessandro Conti, Ecco il nuovo Colbrelli: "Sognando il Fiandre", su gazzetta.it, 27 ottobre 2016.
  34. ^ Ciro Scognamiglio, Ciclismo, Parigi-Nizza: Colbrelli da urlo, volata fantastica!, su gazzetta.it, 6 marzo 2017.
  35. ^ Ciclismo Freccia del Brabante: Colbrelli domina la prima classica delle Ardenne, su gazzetta.it, 12 aprile 2017.
  36. ^ Ciclismo: Amstel Gold Race a Gilbert, primo in volata su Kwiatkowski, su gazzetta.it, 16 aprile 2017.
  37. ^ Gianluca Santo, Tour de France 2017, Sonny Colbrelli: "Non vedo l'ora di cominciare. Maglia verde? Io ci provo", su oasport.it, 29 giugno 2017.
  38. ^ Alberto Vigonesi, Che Elia Viviani! Altra vittoria alla Bretagne Classic, battuti Kristoff e Colbrelli, su cicloweb.it, 27 agosto 2017.
  39. ^ Piove? Garanzia Colbrelli. La Coppa Bernocchi è sua. Nasce la Nazionale, su gazzetta.it, 14 settembre 2017.
  40. ^ Ciro Scognamiglio, Dubai Tour, Colbrelli vince in cima alla diga, su gazzetta.it, 9 febbraio 2018.
  41. ^ Ciro Scognamiglio, Giro di Svizzera: gran volata di Colbrelli!, su gazzetta.it, 11 giugno 2018.
  42. ^ Alessandro Farina, Tour de France 2018: saranno 13 gli italiani al via. Obiettivi e ruolo nelle rispettive squadre, su oasport.it, 5 luglio 2018.
  43. ^ Luca Montanari, Tour de France 2018, il problema di Sonny Colbrelli: Peter Sagan, imbattibile in volata, su oasport.it, 11 luglio 2018.
  44. ^ GP Montreal 2018: Michael Matthews centra la doppietta! Sonny Colbrelli ottimo secondo, su oasport.it, 9 settembre 2018.
  45. ^ Danilo Viganò, Ciclismo, Bernocchi n.100: Colbrelli bis in volata su Belletti e Simion, su gazzetta.it, 16 settembre 2018.
  46. ^ Federico Mariani, Ciclismo, Gran Piemonte: vince Colbrelli. Battuti Senechal e Ballerini, su gazzetta.it, 11 ottobre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica