Apri il menu principale

Alan, il conte nero

film del 1951 diretto da Joseph Pevney
Alan, il conte nero
Titolo originaleThe Strange Door
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1951
Durata81 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Genereorrore, thriller
RegiaJoseph Pevney
SoggettoRobert Louis Stevenson
SceneggiaturaJerry Sackheim
ProduttoreTed Richmond
Casa di produzioneUniversal International Pictures
FotografiaIrving Glassberg
MontaggioEdward Curtiss
ScenografiaBernard Herzbrun, Nathan Juran, Eric Orbom (art director)
Russell A. Gausman, Julia Heron (set decorator)
CostumiRosemary Odell
TruccoJoan St. Oegger, Bud Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Alan, il conte nero (The Strange Door) è un film del 1951 diretto da Joseph Pevney.

È un film horror a sfondo thriller statunitense con Charles Laughton, Boris Karloff e Sally Forrest. È basato sul romanzo del 1900 The Sire de Maletroit's Door di Robert Louis Stevenson ed è ambientato a Parigi nel XVII secolo.

TramaModifica

ProduzioneModifica

Il film, diretto da Joseph Pevney su una sceneggiatura di Jerry Sackheim e un soggetto di Robert Louis Stevenson (autore del romanzo), fu prodotto da Ted Richmond[1] per la Universal International Pictures[2] e girato negli Universal Studios a Universal City, California,[3] dal 15 maggio all'inizio di giugno 1951. Il titolo di lavorazione fu The Door.[4]

DistribuzioneModifica

Il film fu distribuito con il titolo The Strange Door negli Stati Uniti dall'8 dicembre 1951[5] (première a New York) al cinema dalla Universal Pictures.[2]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Austria nel 1952 (Hinter den Mauern des Grauens)
  • in Svezia il 15 aprile 1952 (Skräckens borg)
  • in Francia il 25 aprile 1952 (Le château de la terreur)
  • in Finlandia il 23 maggio 1952 (Suljettu ovi)
  • in Danimarca il 7 gennaio 1953 (Skrækkens borg)
  • in Portogallo il 12 gennaio 1956 (O Castelo Maldito)
  • in Germania Ovest nel 1958 (Hinter den Mauern des Grauens)
  • in Belgio (Levend ingemetseld e Emmuré vivant)
  • in Italia (Alan, il conte nero)
  • in Germania Est (Die merkwürdige Tür)
  • in Brasile (O Tirano)
  • in Grecia (O pyrgos ton zontanon nekron)
  • negli Stati Uniti (Robert Louis Stevenson's The Strange Door)

CriticaModifica

Secondo il Morandini il film è caratterizzato da "molte ombre" e da una "atmosfera d'incubo" ma questo "non è il materiale adatto per un Pevney qualsiasi".[6] Secondo Leonard Maltin "Charles Laughton gigioneggia in questo grezzo e banale adattamento di un racconto di Robert Louis Stevenson".[7]

PromozioneModifica

La tagline è: "Robert Louis Stevenson's masterpiece of TERROR".[8]

NoteModifica

  1. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 30 maggio 2013.
  2. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie, su imdb.com. URL consultato il 30 maggio 2013.
  3. ^ (EN) IMDb - Luoghi delle riprese, su imdb.com. URL consultato il 30 maggio 2013.
  4. ^ (EN) American Film Institute, su afi.com. URL consultato il 30 maggio 2013.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Date di uscita, su imdb.com. URL consultato il 30 maggio 2013.
  6. ^ MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 30 maggio 2013.
  7. ^ Leonard Maltin, Guida ai film 2009[collegamento interrotto], Dalai editore, 2008, p. 31, ISBN 8860181631. URL consultato il 30 maggio 2013.
  8. ^ (EN) IMDb - Tagline, su imdb.com. URL consultato il 30 maggio 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema