Apri il menu principale

Antica diocesi di Salisbury

diocesi cattolica britannica soppressa
Diocesi di Salisbury
Dioecesis Saresberiensis
Chiesa latina
Salisbury Cathedral 2004.JPG
Suffraganea dell' Arcidiocesi di Canterbury
Erezione VIII secolo
Soppressione XVI secolo
succede la diocesi di Salisbury della Chiesa anglicana
Dati dall'Annuario pontificio (ch)
Chiesa cattolica in Inghilterra
Luogo dove sorgeva l'Old Sarum
Ricostruzione di Old Sarum e della sua cattedrale

La diocesi di Salisbury (in latino: Dioecesis Saresberiensis) è una sede soppressa della Chiesa cattolica.

TerritorioModifica

La diocesi era situata nel sud-ovest dell'Inghilterra e in origine comprendeva parte dell'antico regno del Wessex.

Sede vescovile era la città di Salisbury, dove fungeva da cattedrale la chiesa della Beata Vergine Maria.

StoriaModifica

La diocesi di Sherborne fu eretta nel 705 ricavandone il territorio dalla diocesi di Dorchester, che contestualmente assunse il nome di diocesi di Winchester. Primo vescovo fu sant'Aldelmo. In origine la diocesi si estendeva in tutto il sud-ovest dell'Inghilterra.

Nel 909 Sherborne cedette una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Wells (in seguito denominata diocesi di Bath e Wells). Nello stesso periodo cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Cornovaglia e di Devon (in seguito unite a formare la diocesi di Exeter, entrambe situate in Cornovaglia).

Poco dopo la metà dell'XI secolo (circa 1058) la diocesi di Sherborne fu unita a quella di Ramsbury, istituita nel 909 con la porzione nord-occidentale della diocesi di Winchester.

Intorno al 1072 il vescovo Hermann trasferì la sede episcopale a Sarum (Old Sarum), antica cittadella nei pressi della moderna Salisbury, ridotta oggi ad un sito archeologico. Qui sant'Osmundo, cancelliere di Guglielmo il Conquistatore, fece erigere, dietro incarico di quest'ultimo, la cattedrale di Old Sarum.

Tuttavia la città cadde successivamente in rovina e fu abbandonata perché era un luogo insalubre e minacciato da infiltrazioni d'acqua.

Per questo motivo il 29 marzo 1218 papa Onorio III concesse al vescovo di Sarum, Richard Poore, di trasferire la sede in New Sarum (oggi Salisbury) e di dare inizio alla costruzione della nuova cattedrale.

A Salisbury si sviluppò il rito di Sarum, prevalentemente redatto dall'allora vescovo di Sarum, sant'Osmundo (XI secolo).

Nel 1542 Salisbury cedette una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Bristol.[1]

L'ultimo vescovo in comunione con la sede di Roma fu Francis Mallet, espulso dall'Inghilterra verso la fine del 1558.

Cronotassi dei vescoviModifica

Vescovi di SherborneModifica

  • Sant'Aldhelm † (705 consacrato - 25 maggio 709 deceduto)
  • Forthhere † (709 - 737)
  • Herewald † (739 - 782 deceduto)
  • Aethelmod † (782 succeduto)
  • Denefrith †
  • Wilbert † (798 - 816 deceduto)
  • Eahlstan † (816 - 867 deceduto)
  • Heahmund † (868 - 871 deceduto)
  • Aethelheah †
  • Wulfsige I †
  • Asser †
  • Sigehelm I †
  • Aethelweard †
  • Werstane † (909 - 918 deceduto)
  • Ethelbald † (918 - 926)
  • Sigehelm II †
  • Alfred † (menzionato nel 933)
  • Wulfsige II † (menzionato nel 943)
  • Alfwold † (menzionato nel 958)
  • Aethelric †
  • Aethelsige †
  • Brithwyn †
  • Aelfmaer †
  • Brihtwine †
  • Alfwold † (? - 1058 deceduto)
  • Hermann † (circa 1058/1059 - circa 1072/1075 trasferito a Sarum)
    • Sede trasferita a Sarum

Vescovi di SarumModifica

Vescovi di SalisburyModifica

  • Richard Poore † (29 marzo 1218 - 14 maggio 1228 nominato vescovo di Durham)
  • Robert de Bingham † (14 maggio 1228 - 2 novembre 1246 deceduto)
  • William de York † (14 luglio 1247 consacrato - 31 gennaio 1256 deceduto)
  • Giles of Bridport † (11 marzo 1257 consacrato - 13 dicembre 1262 deceduto)
  • Walter de la Wyle † (27 maggio 1263 consacrato - 3 gennaio 1271 deceduto)
  • Robert Wickhampton † (13 maggio 1274 consacrato - 24 aprile 1284 deceduto)
  • Walter Scammel † (22 ottobre 1284 consacrato - 26 settembre 1286 deceduto)
  • Henry Brandeston † (1º giugno 1287 consacrato - 11 febbraio 1288 deceduto)
  • William de la Corner † (8 maggio 1289 consacrato - 14 agosto 1291 deceduto)
  • Nicholas Longespée † (16 marzo 1292 consacrato - 18 maggio 1297 deceduto)
  • Simon of Ghent † (20 ottobre 1297 consacrato - 31 marzo 1315 deceduto)
  • Roger Martival † (28 settembre 1315 consacrato - 14 marzo 1330 deceduto)
  • Robert Wyvil † (16 aprile 1330 - 4 settembre 1375 deceduto)
  • Ralph Ergham † (12 ottobre 1375 - 13 luglio 1388 nominato vescovo di Bath e Wells)
  • John Waltham † (13 luglio 1388 - 17 settembre 1395 deceduto)
  • Richard Mitford † (3 novembre 1395 - 29 aprile/11 maggio 1407 deceduto)
  • Nicholas Bubwith † (22 giugno 1407 - 7 ottobre 1407 nominato vescovo di Bath e Wells)
  • Robert Hallam † (23 ottobre 1407 - 4 settembre 1417 deceduto)
  • John Chandler † (12 dicembre 1417 - 16 luglio 1426 deceduto)
  • Robert Neville † (9 luglio 1427 - 12 febbraio 1438 nominato vescovo di Durham)
  • William Ayscough † (12 febbraio 1438 - 29 giugno 1450 deceduto)
  • Richard Beauchamp † (14 agosto 1450 - 4 novembre 1481 deceduto)
  • Lionel Woodville † (7 gennaio 1482 - 1484 deceduto)
  • Thomas Langton † (9 febbraio 1485 - 13 marzo 1493 nominato vescovo di Winchester)
  • John Blythe † (13 novembre 1493 - 23 agosto 1499 deceduto)
  • Henry Deane † (8 gennaio 1500 - 26 maggio 1501 nominato arcivescovo di Canterbury)
  • Edmund Audley † (10 gennaio 1502 - 23 aprile 1524 deceduto)
  • William Peto, O.F.M.Obs. † (30 marzo 1543 - 1558 deceduto)
  • Francis Mallet † (1558 - 17 novembre 1558 dimesso)

NoteModifica

  1. ^ Diocesi eretta ex auctoritate dal re Enrico VIII, approvata in seguito da Roma. Nei primi anni la diocesi di Bristol (Dioecesis Bristoliensis) fu retta da un vescovo anglicano, Paul Bush (1542-1553); durante il breve regno di Maria la Cattolica, fu nominato vescovo il 21 giugno 1555 John Holyman, deceduto il 20 dicembre 1558. Questi fu l'unico vescovo di Bristol in comunione con la Santa Sede.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi